SOLOPESCARA.COM FA USO DI COOKIE TECNICI PER GARANTIRE UN MIGLIORE USO DEL SITO.

Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy estesa

 

 le previsioni del tempo per i prossimi 4 giorni inserisce solopescara.com come pagina iniziale aggiungi solopescara.com ai preferiti email info@solopescara.com    -

Solopescara.com - Campionato Calcio

  Menu Almanacco Solopescara

Almanacco - Solopescara.com


COMPETIZIONI
Campionati:
Coppa Italia:
Tornei/Coppe Internazionali:
 
PARTITE
Partite Campionato:
Partite Coppa Italia:
Partite Tornei e Coppe Internazionali:
Partite Amichevoli:
Tutte Stagionali:
Avversari
     
CALCIATORI
Rose Calciatori:
Calciatori:
Calciatori Stranieri:
 
DIRIGENTI - COLLABORATORI - STAFF TECNICO
Presidenti:
Allenatori:
Vari - Staff
 
 
Almanacco Home Statistiche Almanacco Home Solopescara

 

 

Dettagli Giocatore - Archivio Dati Solopescara.com


Cognome: Tovalieri 

Nome: Sandro

classe: 1965 

Nazione:

Stagione: 1983-1984  Categoria: Serie B

Ruolo: Attaccante     Presenze: 35     Reti: 10

 

Stagioni nel Pescara Calcio

Stagione Cognome Nome Pres Reti
1983-1984 Tovalieri Sandro 35 10

 

Dettagli:

 

Sandro Tovalieri soprannominato - il Cobra – è nato a Pomezia il 15 febbraio 1965.

Tovalieri emerge dal vivaio della Roma. Nell'anno del secondo scudetto dei giallorossi (1982-1983) vince il Torneo di Viareggio, riservato alle squadre della categoria Primavera, insieme a compagni divenuti poi celebri (su tutti Giuseppe Giannini). In questa stagione si toglie anche la soddisfazione di sedere una volta in panchina in campionato, appena sedicenne.
Nella stagione 1983-1984 viene mandato a fare esperienza in Serie B. Con la maglia del Pescara gioca 35 partite segnando 10 reti. Tenuto conto della giovanissima età dell'attaccante, si tratta di un'annata eccezionale. Anche quella successiva, che lo vede indossare la maglia dell'Arezzo, sempre in cadetteria, è molto positiva: 34 presenze e 10 goals. Risalgono a questo periodo le 2 presenze del giocatore nella Nazionale under-21, con la quale debutta il 5 dicembre 1984.
Nell'estate 1985 la giovane punta torna nella Capitale. La stagione 1985-1986 ha nella Roma una grande, e sfortunata, protagonista (i giallorossi perdono lo Scudetto con il Lecce all'ultima giornata). Tovalieri è riserva, e viene utilizzato 22 volte. Il suo debutto nel massimo campionato è datato 8 settembre 1985 in Atalanta-Roma 1-2. Segna in tutto 3 reti in campionato. A fine stagione lascia, senza mai più far ritorno da calciatore, la squadra in cui è cresciuto.
L'Avellino è la squadra con cui disputa l'annata 1986-1987. Per gli irpini è un'ottima stagione, conclusa con l'ottavo posto in classifica. Tovalieri replica il numero di goals della stagione precedente, 3, in 20 partite disputate.
Nella stagione 1987-1988 passa all'Arezzo, formazione con la quale gioca 3 annate, fino all'estate del 1990. La sua permanenza in Toscana è condizionata da un gravissimo infortunio capitatogli nel 1988 (rottuta del legamento crociato). Tovalieri considera questo incidente, che non gli ha consentito di disputare al top le stagioni 1987-1988 e 1988-1989, uno dei più momenti più brutti della sua carriera. Dopo le due annate condizionate dall'infortunio, negative anche per l'Arezzo (che retrocede in C1 nell'estate '88), il centravanti disputa una buona annata nella stagione 1989-1990; i suoi 15 goals in 32 partite non sono però sufficienti per il ritorno in Serie B della sua squadra.
Gli anni novanta sono quelli della consacrazione di Tovalieri anche in Serie A. Il suo opportunismo e i suoi movimenti rapidissimi in area di rigore gli valgono il soprannome di Cobra. Nell'estate del '90 passa all'Ancona, con la quale disputa due annate in cadetteria. Nella stagione 1990-1991 calca il terreno di gioco 35 volte, segnando 13 reti in campionato; la stagione seguente l'Ancona centra la prima promozione in Serie A della sua storia: Tovalieri contribuisce all'impresa con 9 marcature in 36 presenze.
Il suo ritorno in A, dopo anni di assenza, è comunque rinviato: nel settembre '92 passa al Bari, sempre in cadetteria.
Il periodo trascorso in Puglia è uno dei migliori della sua carriera. Nella stagione 1992-1993 realizza 9 goals in 22 presenze. L'annata successiva centra una nuova promozione nella massima serie. Segna 14 reti in 29 partite. La stagione 1994-1995 è quella del suo ritorno in A dopo 7 anni dalle ultime apparizioni. Insieme al compagno di squadra Igor Protti costituisce una delle coppie di attaccanti più pericolose ed invidiate del campionato. Tovalieri segna 17 goals in 31 partite, Protti, che l'anno successivo sarà capocannoniere insieme al laziale Giuseppe Signori con ben 24 marcature, si ferma a quota 7. In molti vorrebbero che "il Cobra" venisse convocato in Nazionale.
Dopo tre stagioni ricche di soddisfazioni con la maglia dei galletti pugliesi, il giocatore passa all'Atalanta, con la quale giocherà soltanto un anno. L'annata è meno positiva della precedente: 6 reti in 30 presenze.
Archiviata l'esperienza bergamasca, il giocatore disputa la stagione 1996-1997 con due squadre distinte: da luglio a gennaio veste la casacca della Reggiana per 11 volte in campionato, segnando 4 reti; da gennaio a giugno milita nel Cagliari, nel tentativo di salvare la squadra isolana dalla retrocessione. Con i rossoblù riscopre la vena realizzativa di due anni prima. Ma le sue 12 segnature in soli cinque mesi non valgono alla squadra la salvezza: il Cagliari perde lo spareggio con il Piacenza e retrocede in B. A fine partita, il cobra si reca sotto la curva che contiene i sostenitori del Cagliari, sconsolato, chiedendo scusa ai tifosi rossoblù per non averli condotti alla salvezza nonostante i suoi numerosi goal, 13 considerando quello realizzato proprio nello sfortunato spareggio col Piacenza di Cagni. Fu una grande dimostrazione di affetto e attaccamento alla maglia; tuttora Tovalieri è ricordato con particolare affetto dai tifosi sardi.
Nell'estate 1997 Tovalieri si trasferisce alla Sampdoria. Per la società blucerchiata l'inizio di stagione non è soddisfacente; così, già a novembre, vengono apportate modifiche significative all'organico. Tra i partenti illustri (tra cui Jurgen Klinsmann) c'è anche Tovalieri, ceduto al Perugia nonostante la buona media-goal dimostrata fino a quel momento (3 centri in 9 partite).
Con la maglia della formazione umbra il giocatore centra la sua ultima promozione in A e segna i suoi ultimi goals (10 in 25 presenze). La stagione seguente, 1998-1999, dopo aver iniziato sempre con il Perugia, calcando per le ultime volte (4) i prati di A, ad ottobre '98 passa ai rivali della Ternana. Con questa formazione Tovalieri segna un solo gol su 20 gare, suscitando il malumore dei tifosi rossoverdi che gli rimproverano la scarsa vena dopo la sua prolifica esperienza con i cugini. Da segnalare come Tovalieri avesse gia' vestito la casacca della Ternana nella prima meta' dell'agosto 1992. Con Marco Negri e Pietro Maiellaro avrebbe dovuto formare un tridente capace di far lottare i rossoverdi per la promozione in Serie A. Il crac finanziario della societa' umbra rendera' tuttavia nullo il suo trasferimento.
L'annata 1999-2000 è quella conclusiva nella carriera calcistica del cobra Tovalieri. Dopo 2 presenze con la maglia della Reggiana, in C1, lascia l'attività agonistica, iniziando a dedicarsi alla sua scuola calcio.
Attualmente gestisce una scuola calcio a Tor San Lorenzo, frazione di Ardea, in provincia di Roma ed allena i giovanissimi della Roma, squadra nella quale è cresciuto e di cui è sempre stato tifoso.

 

Aggiornato al: 01/01/2016

Dettagli visualizzati: 466 volte  - Stampa - Torna alla lista dei Giocatori

Torna alla Pagina Principale

 



Powered by www.solopescara.com

SOLOPESCARA.COM NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA E NON E' IN ALCUN MODO COLLEGATO ALLA PESCARA CALCIO.
Loghi e marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta, tutto il resto è di www.solopescara.com
Contatti: info@solopescara.com, fabio@solopescara.com, max@solopescara.com 
E' assolutamente esclusa da questo sito, per le sue stesse finalità, qualsiasi forma di attività pubblicitaria diretta o indiretta.

Questo sito non offre alcun servizio commerciale e non effettua vendita di oggetti e/o prodotti direttamente o indirettamente. Il materiale esposto (biglietti, figurine, maglie etc etc) è a puro scopo illustrativo e non è in alcun modo in vendita!. Il loghi e i banner diversi da solopescara.com se presenti sono esclusivamente per scambio link e comunque senza alcun corrispettivo economico.

E' e rimane del tutto gratuita la lettura agli utenti ai soli fini culturali/cognitivi dell'intero contenuto del sito stesso, mentre è fatto espresso divieto di riproduzione per fini commerciali.

Prima di consultare il sito e utilizzare servizi è fatto obbligo a tutti di leggere le note legali e le condizioni di utilizzo di solopescara.com Questo portale è on line dal settembre 2001 - NU SEM NU E QUAND PASSEM NU LA GEND DIC:<< ESSE QUISS LI PISCARIS>>