SOLOPESCARA.COM FA USO DI COOKIE TECNICI PER GARANTIRE UN MIGLIORE USO DEL SITO.

Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy estesa

 

 le previsioni del tempo per i prossimi 4 giorni inserisce solopescara.com come pagina iniziale aggiungi solopescara.com ai preferiti email info@solopescara.com    -

Solopescara.com - Campionato Calcio

 

 

Dettagli Ricorrenza - Archivio Dati Solopescara.com


Ricorrenza del: 23/06/2015

.

GIUGNO 2015: SCOPPIA LO SCANDALO DEI TRENI DEI GOL IN SERIE B

 

Le ricostruzioni fatte dagli inquirenti sono chiare: il Catania “aggiustava” le partite per acquisire quei punti necessari per evitare la retrocessione in Lega Pro. Dopo i provvedimenti di custodia cautelare nei confronti dei tre dirigenti etnei Antonino Pulvirenti (Presidente), Pablo Cosentino (Amministratore Delegato) e Daniele Delli Carri (ex Direttore Sportivo), nonché ai danni di due procuratori ed altrettanti gestori di scommesse sportive on line (Giovanni Impellizzeri, Piero Di Luzio, Fabrizio Milozzie Fernando Arbotti), stamani presso la Procura di Catania, si è tenuta la conferenza stampa che ha svelato i retroscena che hanno indotto alle misure cautelari.

CINQUE O SEI GARE“COMBINATE” - A prendere la parola è il procuratore Giovanni Salvi: «Riteniamo che siano stante truccate cinque o sei gare del Catania,attraverso il pagamento di somme di denaro ai giocatori delle squadre avversarie. Vi sono altri indagati oltre a quelli segnalati stamattina, ma per il momento non forniremo i nomi. Le partite indagate sono Varese-Catania 0-3, Catania Trapani 4-1, Latina-Catania 1-2, Catania-Ternana 2-0 e Catania Livorno 1-1, mentre stiamo lavorando su Catania-Avellino 1-0. Naturalmente lavoriamo anche sull'ipotesi che questo abbia delle implicazioni sulle scommesse clandestine. Infatti sono stati anche segnalati degli improvvisi sbalzi nelle quotazioni che possono indicare operazioni anomale derivanti dalla conoscenza e dalla consapevolezza che il risultato sarebbe stato già noto».

TUTTO PARTE DALLA DENUNCIA DI PULVIRENTI - Successivamente è la dirigente della Digos, AntonellaPaglialunga, ad esternare le modalità operative oggetto delle indagini: «E’ nata a seguito di una denuncia proprio del presidente del Catania, dopo le minacce della tifoseria a lui rivolte. Da questa indagine si è passati a quest’altra, acquisendo altri elementi. L’analisi nasce dopo la sconfitta del Catania con la Virtus Entella, che ha fatto sprofondare gli etnei in zona retrocessione. I primi sospetti di combine sono venuti fuori nelle giornate precedenti alla gara Varese-Catania. Da ulteriori approfondimenti e dall’analisi dei colloqui fra gli intercettati, è emersa l’esistenza dell’accordo tra le parti. Si è subito compresa la presenza di un vincolo associativo stabile fra i soggetti destinatari dei provvedimenti cautelari».

I TRENI DEL GOL - «Abbiamo chiamato l’inchiesta “I treni del gol” – ha proseguito la dottoressa Paglialunga – per via del linguaggio che abbiamo ravvisato nelle intercettazioni, che seguiva sempre uno stesso schema: i “treni in arrivo” erano i giocatori da avvicinare, gli “orari d’arrivo” dei treni il numero delle loro maglie. Il modus operandi si articolava in due fasi: una ideativa, che aveva il suo vertice nel presidente Pulvirenti, ed una esecutiva, con la consegna del denaro ai soggetti che fornivano le somme ai giocatori. Quando Pulvirenti riceveva il benestare da Giovanni Impellizzeri, gestore di scommesse online, contattava Daniele Delli Carri affinchè lui, a sua volta, entrasse in contatto con Piero Di Luzio, con il quale è legato da un rapporto di amicizia sin dai tempi della loro contemporanea presenza nel Pescara Calcio. Di Luzio, quindi, contattava Fernando Arbiotti, procuratore sportivo e agente Fifa, un uomo in grado di vantare rapporti che gli permettevano di avvicinare i giocatori avversari. L’Arbiotti, una volta individuati i calciatori che potevano essere avvicinabili, dava poi la definitiva conferma a Delli Carri. Pulvirenti, acquisita notizia, comunicava a Impellizzeri, il quale attivava una rete di fiduciari per le puntate che copriva tutto il territorio nazionale. Lo schema si è ripetuto per 5-6 partite».


Catania, 25 giu. - Dalle carte dell'inchiesta della Procura di Catania "treni del gol" che ha portato all'arresto dei vertici del Catania calcio, emergono particolari che coinvolgono non solo giocatori del club rossoazzurro ma che sembrano alimentare ipotesi sull'estensione dello stesso sistema corruttivo anche ad altre societa'. In un'intercettazione si parla di Bologna-Catania del 27 aprile. Gli interlocutori sono Daniele Delli Carri, ex direttore sportivo del Catania calcio, e Piero Di Luzio un procuratore sportivo, tutti e due arrestati martedi' e con un passato nel Pescara. Discutono del fatto che e' difficile potere corrompere giocatori del Bologna, inavvicinabili forse anche per i prezzi piu' elevati. Di Luzio suggerisce a Delli Cari di non "far partire il treno dell'una e quello delle 5".


Di Luzio questa volta parla di giocatori del Catania che potrebbero essere stati a loro volta corrotti. Dice Di Luzio: "il treno dell'una e il treno delle cinque non lo fare partire", il riferimento sarebbe per gli inquirenti al portiere Gillet, numero uno rossazzurro e al difensore Raffaele Schiavi, numero cinque. Delli Carri chiede "per quando" e Di luzio replica per lunedi' quando c'e' in programma Bologna-Catania.
Stupito Delli Carri s'interroga: davvero? E Di Luzio risponde: "Il treno nostro...". Delli carri dice "ho capito, ho capito" e Di Luzio chiosa "pericolosissimo.. quello dell'una...
pericolosissimo!" I due vecchi amici si conoscono da tanto e si capiscono a volo: "Stai sul pezzo raccomanda" Di Luzio, "Ho capito" replica Delli Carri. Di Luzio aggiunge ancora: "Detto direttamente da loro e hanno fatto un budget stratosferico..
Gli si piegano le gambe..non lo fare partire..stagli sul pezzo". Delli Carri conclude: "Va bene".

Intanto il presidente della Lega di serie B, Andrea Abodi, ospite ieri sera di "Speciale Calciomercato", trasmissione di Sportitalia, avverte che il campionato di serie B potrebbe slittare. "L'inchiesta di Catania? I controlli non sono mancati. Slittamento dell'inizio del campionato di serie B? C'e' questo rischio: servono pulizia e chiarezza", dice Abodi. "Dispiace che si parli solo delle cose negative. Abbiamo 22 societa' che lavorano costantemente con noi in un clima di armonia, con un impegno costante sull'integrita'. Sembra un discorso paradossale in questo momento ma devo valorizzare la stragrande maggioranza che non vende le partite. Se si sbaglia l'equilibrio tra la giusta intransigenza verso chi commette illeciti e verso la parte sana farei un torto, in un senso o nell'altro", ha detto Abodi."Ci siamo fidati delle 100 ore impiegate in giro per le citta' incontrando i calciatori e i giovani, parlando dei rischi e delle pene legate alle scommesse illecite. Abbiamo controllato la situazione, forse dobbiamo fare di piu'. Qui si controlla tutto, sempre. Ero convinto, al di la' delle anomalie riscontrate in sede di scommesse, che il campionato fosse stato lineare e regolare.L'ho pensato anche sulla base di un dato tecnico. Tutte le undici gare dell'ultima giornata decidevano qualcosa in classifica. Per noi poteva essere un livello di garanzia. Abbiamo svolto tutta una serie di attivita' quotidiane legate alle 22 societa', come portare i calciatori negli ospizi e nelle prigioni per allenare le coscienze", ha aggiunto il presidente della Lega serie B.


 



Ricorrenza visualizzata: 266 volte  - Stampa - Visualizza pagina Ricorrenze

Torna alla Home Page

 



Powered by www.solopescara.com

SOLOPESCARA.COM NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA E NON E' IN ALCUN MODO COLLEGATO ALLA PESCARA CALCIO.
Loghi e marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta, tutto il resto è di www.solopescara.com
Contatti: info@solopescara.com, fabio@solopescara.com, max@solopescara.com 
E' assolutamente esclusa da questo sito, per le sue stesse finalità, qualsiasi forma di attività pubblicitaria diretta o indiretta.

Questo sito non offre alcun servizio commerciale e non effettua vendita di oggetti e/o prodotti direttamente o indirettamente. Il materiale esposto (biglietti, figurine, maglie etc etc) è a puro scopo illustrativo e non è in alcun modo in vendita!. Il loghi e i banner diversi da solopescara.com se presenti sono esclusivamente per scambio link e comunque senza alcun corrispettivo economico.

E' e rimane del tutto gratuita la lettura agli utenti ai soli fini culturali/cognitivi dell'intero contenuto del sito stesso, mentre è fatto espresso divieto di riproduzione per fini commerciali.

Prima di consultare il sito e utilizzare servizi è fatto obbligo a tutti di leggere le note legali e le condizioni di utilizzo di solopescara.com Questo portale è on line dal settembre 2001 - NU SEM NU E QUAND PASSEM NU LA GEND DIC:<< ESSE QUISS LI PISCARIS>>