SOLOPESCARA.COM FA USO DI COOKIE TECNICI PER GARANTIRE UN MIGLIORE USO DEL SITO.

Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy estesa

 

le previsioni del tempo per i prossimi 4 giorni inserisce solopescara.com come pagina iniziale aggiungi solopescara.com ai preferiti email info@solopescara.com    -

Solopescara.com

Mappa del Sito -> Pagina
 
Pescara Calcio Storia - Stagione 1943 1944
  PHOTO GALLERY
  I TIFOSI DEL PESCARA
 
  PHOTO GALLERY
  LA CITTA' DI PESCARA

 

Campionato non disputato. Il 13 AGOSTO 1943 Pescara venne bombardata.


Il 1943 è un anno difficile per l'italia.
Un'immagine particolare colpisce tra quelle confuse e tragiche della guerra.
È quella del marchese Luigi Ridolfi che firma le dimissioni da Presidente della Federcalcio.
Il fascismo aveva trasformato i calciatori in professionisti: i due mondiali vinti nel 1934 e nel 1938 avevano alimentato la propaganda. Nell'estate ?43 il calcio finisce in effetti 'nel pallone?: i giocatori allo sbando vengono liberati dalle società. Eppure, nei campi di concentramento come sotto i bombardamenti, la passione sopravvive: si gioca.
Con questo spirito l'italia apprende la notizia dell?avvio del campionato ?43-?44: sarà un regionale misto voluto dalla Repubblica di Salò. Quello che è stato definito 'il medioevo del calcio? abbracciava l'italia dal Nord fino al Lazio.
Il 27 novembre 1943 viene presentato il comunicato ufficiale: il campionato si gioca, con un sistema 'misto?, squadre di A, B, e C in un'unica serie divisa in gironi regionali. Le finaliste si sarebbero poi incontrate in un girone unico.
Per favorire la partecipazione al campionato, viene emanata la norma sul 'nulla osta?, che consente ai giocatori di esercitare anche al di fuori della loro società di appartenenza.
Sarà un campionato goliardico per i giovani giocatori che grazie al calcio potranno scampare la guerra. Sarà un campionato giocato a singhiozzo tra i bombardamenti e i coprifuoco. Sarà un campionato indimenticabile.
Le piccole squadre si mettono in luce, favorite dai problemi organizzativi e logistici delle formazioni più grandi. Il La Spezia  restera' a tutti nel cuore: una squadra di Vigili del Fuoco, costretti alla leva volontaria per sfuggire ai rastrellamenti.
Il comandante dei Vigili del Fuoco della città ligure li arruola tutti. La loro qualifica gli permette di avere il lasciapassare con cui superare i posti di blocco ed allenarsi. Non è il solo caso di gemellaggio. Nascono il Torino-Fiat, la Juventus-Cisitalia, l'ampelea Conservifici di Isola d'istria.
Nelle lunghe trasferte, gli spezzini potevano approfittare per barattare olio e sale, facendo della borsa nera il riscaldamento prima delle partite.
I Vigili del Fuoco ottengono di essere assegnati al girone emiliano, più abbordabile a livello di avversari, e meno rischioso a livello bellico.
Si gioca tra due fuochi: a Nord i tedeschi e Salò, a Sud gli alleati. L'avanzamento del fronte mette fuori combattimento le squadre romane.
La partita decisiva è Torino ? La Spezia, da giocare a Milano.  L'allenatore spezzino Ottavio Barbieri inventa per questo incontro la figura del 'libero? calcistico. Un giocatore tra il portiere e la mediana, per tappare i buchi del poco allenamento dei giocatori. È domenica 20 giugno 1944: uno storico 2?1 mette in ginocchio il favoritissimo Torino dell'allenatore Pozzo.
L?8 Agosto 1944 il campionato è ufficialmente loro. Lo scudetto, però, arriverà solo il 4 Gennaio 2002.
La vittoria infatti non fu equiparata a quella di un vero campionato. Solo grazie ad un'istanza presentata dal sindaco di La Spezia alla FIGC un'apposita commissione ha concesso il riconoscimento alla loro impresa.
Anche a memoria dei giocatori con cui la sorte fu meno generosa. Quelli che, caduti, sarebbero mancati all'appello del campionato ?46.


 

 

 

 

 

 

Visualizzato: 4805 volte

ID: 42

Stampa questa Pagina

Torna alla Home Page

Indietro - Pagina Precedente



Contenuti Correlati

Knowledge Base - Chi Siamo [vedi]
Nell'ormai lontana estate del 2001 navigando qua e la nella grande rete, ci accorgemmo che erano poc
Knowledge Base - Ringraziamenti [vedi]
Solopescara.com ringrazia tutti quelli che in qualsiasi modo hanno contribuito e continuano a farlo
Knowledge Base - Note Legali - Condizioni Generali di Utilizzo del Portale [vedi]
Uso del sito - Norme Generali di Utilizzo Solopescara.com è un sito amatoriale, non può pertanto co
Nuova pagina 1

               


Powered by www.solopescara.com

SOLOPESCARA.COM NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA E NON E' IN ALCUN MODO COLLEGATO ALLA PESCARA CALCIO.
Loghi e marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta, tutto il resto è di www.solopescara.com
Contatti: info@solopescara.com, fabio@solopescara.com, max@solopescara.com 
E' assolutamente esclusa da questo sito, per le sue stesse finalità, qualsiasi forma di attività pubblicitaria diretta o indiretta.

Questo sito non offre alcun servizio commerciale e non effettua vendita di oggetti e/o prodotti direttamente o indirettamente. Il materiale esposto (biglietti, figurine, maglie etc etc) è a puro scopo illustrativo e non è in alcun modo in vendita!. Il loghi e i banner diversi da solopescara.com se presenti sono esclusivamente per scambio link e comunque senza alcun corrispettivo economico.

E' e rimane del tutto gratuita la lettura agli utenti ai soli fini culturali/cognitivi dell'intero contenuto del sito stesso, mentre è fatto espresso divieto di riproduzione per fini commerciali.

Prima di consultare il sito e utilizzare servizi è fatto obbligo a tutti di leggere le note legali e le condizioni di utilizzo di solopescara.com Questo portale è on line dal settembre 2001 - NU SEM NU E QUAND PASSEM NU LA GEND DIC:<< ESSE QUISS LI PISCARIS>>