SOLOPESCARA.COM FA USO DI COOKIE TECNICI PER GARANTIRE UN MIGLIORE USO DEL SITO.

Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy estesa

 

le previsioni del tempo per i prossimi 4 giorni inserisce solopescara.com come pagina iniziale aggiungi solopescara.com ai preferiti email info@solopescara.com    -

Solopescara.com

Mappa del Sito -> Pagina
 
Archivio News - Anno 2000
  PHOTO GALLERY
  I TIFOSI DEL PESCARA
 
  PHOTO GALLERY
  LA CITTA' DI PESCARA

 

29 giugno 2000

In un clima distaccato e con qualche timore per una possibile protesta dei tifosi, la società presenta il nuovo allenatore. Delio Rossi che ha già guidato il Pescara nella stagione sportiva 1996-97 arriva con un contratto biennale e viene presentato in una conferenza stampa all’hotel Carlton di Pescara. Con Rossi  secondo allenatore Marco Giampaolo. I tifosi non prendono bene il passaggio di testimone da Galeone a Rossi e davanti all' hotel prescelto per la conferenza compaiono una ventina di manifesti che  inveiscono contro il nuovo allenatore. La conferenza stampa si consuma in un clima grigio, anonimo e di poche parole.  Nessun applauso, pochi brindisi, poche parole del nuovo tecnico: “Non mi chiedete proclami, o promesse, io parlo poco, non sono un grande comunicatore” e a seguire le consuete  informazioni di rito sulle date e la sede del ritiro (a Gubbio, dal 16 luglio al 10 agosto, per poi continuare, dopo Ferragosto, a Sulmona). Incalzato dalla stampa Delio Rossi risponde ad alcune domande: “Vorrei essere trattato come un allenatore nuovo il passato è passato. Quattro anni fa forse ho peccato di inesperienza; oggi non voglio ripetere gli stessi errori, voglio rendermi conto dell' organico a disposizione”. Sul modulo: “Il modulo non può prescindere dai giocatori a disposizione; 4-3-3 o 4-4-2 che sia, io sono sempre per un gioco propositivo, offensivo. Vedremo”. “il mio compito è quello di dare un' anima a questa squadra, voglio gente che si senta legata alla maglia”. Continua: “A me basta un organico di 18-20 giocatori, più qualche ragazzo della Primavera”. Sulla rosa da sfoltire che, con il rientro dei prestiti, arriva a trenta calciatori il nuovo tecnico dichiara:. “Sono appena arrivato, farò le mie scelte, che comunque saranno sempre in accordo con gli interessi della società”.

 

16 luglio 2000

Dopo il raduno allo Stadio Adriatico giocatori, allenatore e staff tecnico partono per Fara San Martino tappa per il pranzo. Poi il viaggio prosegue alla volta di Gubbio, sede del ritiro pre-campionato.

 

20 agosto 2000

Il 20 agosto, sul campo di Bergamo si gioca il primo turno di coppa Italia. La Snai, che raccoglie l' 80 per cento delle scommesse legali sulle partite di calcio, blocca le puntate 7 ore prima della chiusura dei suoi sportelli. C' è un eccessivo rialzo di giocate e da parte di persone che insospettiscono un po' gli esperti Snai delle agenzie in provincia di Bergamo, a Verona, a Montevarchi, ma pure a Pescara e a Reggio Calabria. Le scommesse, anche di 10 milioni a puntata, s' incentrano sull' accoppiata «1-X»: vantaggio dell' Atalanta nel primo tempo e pareggio finale. E difatti Atalanta-Pistoiese al primo tempo è 1-0 e 1-1 finale. Partono le indagini a seguito di due esposti-denuncia per «frode in ambito sportivo» (ex legge 401/89). Gli atti giudiziari finiscono sui tavoli dei capi delle procure di Lucca e Pistoia.

 

25  settembre 2000

Arriva la quarta sconfitta in quattro gare contro il Monza e i biancazzurri si trovano piantati ultimi in classifica (gara sospesa per 3' per il furto della bandierina del calcio d' angolo al 70’). Al termine della gara nella sala stampa dell’Adriatico il tecnico Delio Rossi dichiara: “Dobbiamo vergognarci, non siamo stati mai in campo”. Il presidente Scibilia da fiducia al tecnico: “Si va avanti con Rossi. Si tratta soltanto di un blocco psicologico, vedrete che la squadra saprà riprendere quota. La manderemo in ritiro nella speranza che possa ritrovare serenità”. Dopo la partita scoppia la dura contestazione da parte dei tifosi nei confronti della società, della squadra e dell' allenatore Delio Rossi. Nel piazzale dello stadio i tifosi chiedono la testa del “clan dei calabresi”, vale a dire del presidente Pietro Scibilia, e di suo genero, Antonio Oliveri reclamando al loro posto un “Pescara in mano ai pescaresi”. La protesta diventa assedio che si protrae per oltre due ore.

La situazione viene risolta dalla carica della polizia sui tifosi presenti davanti all' ingresso principale e contemporaneamente allenatore e giocatori abbandonano lo stadio dalla porta «Maratona» a bordo di una carovana di taxi e auto di inservienti e collaboratori.

 

9 ottobre 2000

Nel corso di Pescara - Ravenna, gara terminata in pareggio, i tifosi delle due squadre espongono striscioni contro le rispettive società e il proprio allenatore. Tutti contro tutti, i tifosi pescaresi se la prendono con Scibilia e con Delio Rossi. Cartelli per il primo e cori per il secondo. Per i tifosi ospiti oltre ai cori un solo grande striscione: Santarini vattene.

 

10 ottobre 2000

Quattro sconfitte e due pareggi: questo l' amaro bilancio del Pescara di Delio Rossi, dopo sei giornate dall' inizio del campionato. Il tecnico romagnolo viene messo pesantemente in discussione. Antonio Oliveri che lo aveva voluto fortemente per il dopo Galeone inizia a tentennare. La sosta del campionato appare a molti il momento migliore per il cambio ma la riunione prevista dei vertici societari salta. Fuori per lavoro sia il presidente Scibilia che il vice Oliveri, per cui Iaconi e Garzelli sono rimasti bloccati con le mani in mano, non avendo ricevuto alcuna direttiva su come comportarsi. Se resta Rossi, questi ha chiesto di cedere 6-7 giocatori ed in cambio ne vorrebbe almeno tre di qualità. Se invece viene ingaggiato un nuovo tecnico si tratta di concordare con lui quale strada scegliere. Nell’incertezza Rossi riprende gli allenamenti in un’a atmosfera pesante. Nelle due sedute, gelo fra tecnico e giocatori senza alcuno scambio di opinioni, nessuna riunione per analizzare errori e pregi della prestazione con il Ravenna. Una incomunicabilità da separati in casa, che ormai è evidente e non aiuta certo a rasserenare l' ambiente.

 

31 ottobre 2000

Il procuratore federale della Figc  deferisce alla commissione disciplinare della Lega professionisti otto calciatori di Atalanta e Pistoiese per violazione dell'articolo 2 del codice di giustizia sportiva (illecito sportivo e obbligo di denunzia): Alfredo Aglietti, Massimiliano Allegri, Daniele Amerini, Girolamo Bizzarri e Gianluca Lillo della Pistoiese; Giacomo Banchelli, Cristiano Doni e Sebastiano Siviglia dell'Atalanta. Il caso per il quale scattano i deferimenti, e' quello del pareggio di Coppa Italia tra Atalanta e Pistoiese (1-1).

 

3 novembre 2000

Dopo la cocente sconfitta interna contro l’Ancona arriva la decisione dell’esonero di Delio Rossi. Galeone si incontra con Garzelli a Imola e accetta l’incarico. La squadra raggiunge il nuovo allenatore a Imola in ritiro in vista della delicata partita contro il Venezia. La Gazzetta dello Sport sul ritorno a Pescara di Giovanni Galeone scrive: “E' una panchina che scotta Ma non per lui. Sempre lui, i rischi della classifica o la forza della squadra sono particolari secondari. Sempre con Galeone: da anni, Pescara lo ama riamato. Quasi un fenomeno paranormale che andrebbe studiato: come può un allenatore lasciare un debito di riconoscenza così lungo e inattaccabile? La prima lettera dell' alfabeto ha aperto un romanzo che tutti hanno letto ma nessuno vuole considerare già finito: con Galeone due promozioni in A, senza Galeone l' anonimato. Ricordi scolpiti nella memoria di tutta la città: per cancellarli non bastano le sconfitte, anche umilianti, i tre o i quattro gol incassati in una volta sola, l' incubo della retrocessione che ogni tanto riaffiora. Che importa: c' è un tecnico che ha saputo toccare le corde giuste, che parla, spiega, promette ma non millanta. Che prende la mano di un tifoso e gli fa scrivere lo striscione che vedete qui a fianco. Delio Rossi si rassegni, anche lui è rimasto vittima della sindrome che aveva colpito, tra gli altri, Castagner e Mazzone. Scomoda la panchina del Pescara, se non ti chiami Galeone..”.

 

23 novembre 2000

3 anni di sospensione per tutti gli incolpati nel procedimento per illecito sportivo per la vicenda calcioscommesse, fatta eccezione per Lillo (Pistoiese), per il quale viene proposto il proscioglimento. Queste le conclusioni del procuratore federale Carlo Porceddu. La condanna viene chiesta per Aglietti, Allegri, Amerini e Bizzarri (Pistoiese), Banchelli, Doni e Siviglia (Atalanta).

 La "fondamentale connessione fra contatti telefonici e scommesse" e' alla base della requisitoria del procuratore federale. Durante oltre 2 ore di intervento, Porceddu, parlando di "quadro allarmante", punta su due concetti fondamentali per dimostrare la colpevolezza dei deferiti: gli stretti rapporti fra i giocatori e abituali scommettitori ben noti nelle agenzie Snai e il rapporto fra l'afflusso delle scommesse nelle agenzie e i contatti telefonici avvenuti fra i giocatori e gli scommettitori. Porceddu individua in Cristiano Doni "un personaggio in posizione preminente nell' architettura di questo progetto…" e lo stesso è riconosciuto come "abituale scommettitore" dai dipendenti del punto Snai di Bergamo.

 

24 novembre 2000

La commissione disciplinare decide di rinviare alla procura federale gli atti sul presunto illecito sportivo in Atalanta-Pistoiese, perchè sia condotto un supplemento di indagini. I giocatori atalantini Banchelli, Doni e Siviglia e i pistoiesi Aglietti, Allegri, Amerini, Bizzarri e Lillo rimangono quindi con il giudizio in sospeso in merito all'accusa di illecito per le scommesse sul risultato della partita di coppa Italia Atalanta-Pistoiese. La disciplinare, presieduta dal dott. Sergio Artico, decide di rimettere gli atti al procuratore federale perche' siano portati a termine gli accertamenti su altri tesserati delle due squadre, e perche' non sorgano conflitti tra questo giudizio e gli altri accertamenti in corso da parte dell'ufficio indagini federale e dell' autorità giudiziaria. La disciplinare osserva che e' necessario andare a una "valutazione unitaria" dei fatti oggetto dell'indagine.

 

19 dicembre 2000

Lo 0-3 casalingo contro il Treviso nell’ultima gara, l' ultimo posto in classifica, gli allenamenti sotto lo sguardo attento delle forze dell' ordine, un clima ogni settimana sempre più teso tanto che mette in discussione anche la posizione di un tecnico-simbolo come Giovanni Galeone. Poi, nella notte, lo scatenarsi di una violenza folle con il lancio di due grossi petardi contro le abitazioni dei difensori Gregori e Sbrizzo. La prima esplosione sul balcone dell' abitazione di Daniele Gregori, in piazza sant' Alfonso a Francavilla. Qualche minuto dopo il bis nei pressi della villetta sul lungomare, sempre di Francavilla, dove abita Alessandro Sbrizzo. Ambedue scapoli, vivono da soli. il primo scoppio ha infranto alcuni vasi, il secondo ha provocato danni alla Mercedes del difensore.

In serata il direttore generale, Claudio Garzelli, che all' inizio della seduta di allenamento della squadra ha ribadito alla squadra il richiamo alle responsabilità e le serie intenzioni della società di ricorrere a misure drastiche, ha commentato l' episodio a nome del Pescara: «Abbiamo preso atto del fatto increscioso e abbiamo espresso il nostro sostegno ai giocatori. Siamo con loro in tutti i sensi. Non ci siamo rivolti alle forze dell' ordine e così hanno fatto i giocatori nella speranza che episodi del genere non si debbano ripetere». Gregori e Sbrizzo confermano di aver preferito per il momento non sporgere denuncia.

 

20 novembre 2000

La Federazione medico sportiva italiana comunica al Coordinamento antidoping del Coni i risultati delle controanalisi, di un campione «non negativo», che confermano l' esito delle prime analisi, dando luogo a definitivo accertamento della positività. Il laboratorio di Roma, infatti,  conferma la presenza di norandrosterone e noretiocolanolone nelle analisi di Andrea Da Rold, giocatore del Pescara calcio controllato in occasione della partita Pescara-Monza.

 

23 dicembre 2000

È rottura tra Galeone e parte della squadra. L’allenatore manda in tribuna quattro giocatori: Tisci, Galeoto, Rachini e Sbrizzo non sono stati nemmeno convocati. In panchina soltanto sei giocatori (cinque Primavera). L' allenatore alla fine ha optato per un inedito 3-4-3, con Sullo a dar manforte a centrocampo.

 

28 dicembre 2000

I risultati negativi mettono in crisi anche il tecnico che sui quotidiani inizia a leggere di un possibile cambio.

In un momento tanto difficile Galeone tenta ogni strada per salvare “il suo Pescara” e il profeta della zona si trova costretto a rivedere il suo credo calcistico: “Visto come stanno andando le cose - dice Giovanni Galeone - forse dovremo modificare qualcosa dietro ed a centrocampo. Impostare una difesa a tre con il centrocampo a quattro che la protegga meglio. È il massimo che si può fare con gli uomini a disposizione».

 

29 dicembre 2000

Nel pomeriggio una bomba carta viene fatta esplodere allo stadio Adriatico. L' esplosione danneggia la porta di ferro e l' inferriata che divide il piccolo edificio dal pubblico che fa la fila per acquistare i biglietti o ritirare gli accrediti della società.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Visualizzato: 4452 volte

ID: 211

Stampa questa Pagina

Torna alla Home Page

Indietro - Pagina Precedente



Contenuti Correlati

Knowledge Base - Chi Siamo [vedi]
Nell'ormai lontana estate del 2001 navigando qua e la nella grande rete, ci accorgemmo che erano poc
Knowledge Base - Ringraziamenti [vedi]
Solopescara.com ringrazia tutti quelli che in qualsiasi modo hanno contribuito e continuano a farlo
Knowledge Base - Note Legali - Condizioni Generali di Utilizzo del Portale [vedi]
Uso del sito - Norme Generali di Utilizzo Solopescara.com è un sito amatoriale, non può pertanto co
Nuova pagina 1

               


Powered by www.solopescara.com

SOLOPESCARA.COM NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA E NON E' IN ALCUN MODO COLLEGATO ALLA PESCARA CALCIO.
Loghi e marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta, tutto il resto è di www.solopescara.com
Contatti: info@solopescara.com, fabio@solopescara.com, max@solopescara.com 
E' assolutamente esclusa da questo sito, per le sue stesse finalità, qualsiasi forma di attività pubblicitaria diretta o indiretta.

Questo sito non offre alcun servizio commerciale e non effettua vendita di oggetti e/o prodotti direttamente o indirettamente. Il materiale esposto (biglietti, figurine, maglie etc etc) è a puro scopo illustrativo e non è in alcun modo in vendita!. Il loghi e i banner diversi da solopescara.com se presenti sono esclusivamente per scambio link e comunque senza alcun corrispettivo economico.

E' e rimane del tutto gratuita la lettura agli utenti ai soli fini culturali/cognitivi dell'intero contenuto del sito stesso, mentre è fatto espresso divieto di riproduzione per fini commerciali.

Prima di consultare il sito e utilizzare servizi è fatto obbligo a tutti di leggere le note legali e le condizioni di utilizzo di solopescara.com Questo portale è on line dal settembre 2001 - NU SEM NU E QUAND PASSEM NU LA GEND DIC:<< ESSE QUISS LI PISCARIS>>