SOLOPESCARA.COM FA USO DI COOKIE TECNICI PER GARANTIRE UN MIGLIORE USO DEL SITO.

Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy estesa

 

le previsioni del tempo per i prossimi 4 giorni inserisce solopescara.com come pagina iniziale aggiungi solopescara.com ai preferiti email info@solopescara.com    -

Solopescara.com

Mappa del Sito -> Pagina
 
Archivio News - Anno 2006
  PHOTO GALLERY
  I TIFOSI DEL PESCARA
 
  PHOTO GALLERY
  LA CITTA' DI PESCARA

 

Anticipazioni di mercato. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 31/12/2006

Mentre tutti i tifosi biancazzurri restano in attesa di comunicazioni ufficiali sull'esito della trattativa per la vendita della società, tra Paterna e Renzetti, a pochi giorni dall’apertura ufficiale del mercato di gennaio, arrivano notizie di movimenti e interessamenti che riguardano anche i biancazzurri.
Secondo le prime indiscrizioni, tutte da valutare, il Pescara sarebbe vicino d accordarsi con l'attaccante della Salernitana Roberto Magliocco e per i granata potrebbe partire, come pedina di scambio, l'esperto Carmine Gautieri.
Ma per il ruolo di attaccante biancazzurro ci sarebbero anche voci su Carparelli della Cremonese. Marco Carparelli, nonostante un buon campionato e nove reti già realizzate, si ritrova in fondo alla classifica di C1 con la Cremonese e per l'attaccante ligure si sono mosse tante società di serie B tra le quali il Pescara.

I tre giorni del condor SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 29/12/2006

Si sarebbe concluso nella tarda serata di oggi il tanto atteso incotro tra Paterna e l'architetto italo-svizzero Renzetti.
Per Renzetti, che ieri aveva dichiarato che avrebbe fatto a Paterna un'offerta da prendere o lasciare, si aprono adesso tre giorni di attesa nei quali la società, ma soprattutto Paterna, dovrà decidere se cedere o continuare. Offerta che, secondo quanto appreso dagli organi di stampa, non dovrebbe superare i 2,5 milioni di euro.
Per tre giorni, dunque, l'architetto sarà a Pescara con lo scopo di fare chiarezza e controllare i conti della Pescara calcio e naturalmente per attendere le decisioni della società sulla sua offerta. In ogni caso lo stesso Renzetti ha precisato che è sbagliato presentarlo come una sorta di mago salvatore. La situazione in cui versa il Pescara è certamente complicata e bisognerà, secondo l'architetto, sistemare il tutto con una serie di azioni mirate ad un progetto ben chiaro basato sulla programmazione.
Dunque lo stesso Renzetti, solo sull'ipotesi di diventare Presidente, butta o mette le mani avanti precisando di non voler certo alimentare aspettative fuorvianti riuscendo solo a garantire, nel caso, serietà e programmazione.
L'attuale Presidente della Pescara Calcio, intanto, febbricitante, conferma che non sono pervenute offerte da altri imprenditori o cordate di essi quindi, l'unica strada percorribile rimane quella di Angelo Renzetti.

VOGLIAMO CHIAREZZA SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 28/12/2006

Ormai sono svariati giorni che si parla del possibile cambio di società, ma finora tutte chiacchiere alle quali noi pescaresi stiamo facendo il callo.
Si parla in continuazione di Renzetti, poi di tutta una serie di pseudo cordate (quella locale, la milanese, del centro nord, etc), ma all’atto pratico nulla è stato fatto.
Noi tifosi vogliamo, anzi pretendiamo, soltanto chiarezza da parte di tutti; ci piacerebbe sapere semplicemente la realtà dei fatti che potremo riassumere in pochi quesiti:
- Di chi è realmente il Pescara adesso? (Paterna, Cichella, Scibilia…)
- Il nuovo acquirente dovrà trattare solo con Paterna, oppure se quest’ultimo non ha finito di pagare le rate, ci troveremo di nuovo con i fantasmi di Scibilia-Oliveri?
- Qual è la quotazione del Pescara attuale, cioè società con un piede e mezzo in serie C, con quasi nessun calciatore di proprietà e senza alcun centro sportivo?
- Come mai finora nessuno si è interessato all’acquisto e ora sembra ci sia la fila? - Quali sono le reali risorse finanziarie dei presunti acquirenti?
Ecco, ci piacerebbe avere intanto queste risposte, in ogni caso è palese che il cambio di società si dovrà concretizzare entro pochi giorni, altrimenti le piccolissime chance di restare in serie B saranno vane.
L’importante è che ognuno faccia la propria parte riportando solo la realtà dei fatti, senza quindi creare false aspettative che poi magari potrebbero rivelarsi in futuro degli ottimi alibi per qualcuno…
Quello che ci aspettiamo è avere una società Nuova (non le minestre riscaldate), Seria e che sappia Programmare al meglio senza anteporre gli interessi personali a quelli della squadra.
Restiamo alla finestra…


Buone feste SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 25/12/2006

Solopescara.com augura a tutti buone feste.

Albinoleffe Pescara 0-0 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 22/12/2006

Nella 18^ giornata del campionato cadetto il Pescara scende in campo contro il sorprendente Albinoleffe di Mondonico allo stadio Azzurri D'Italia di Bergamo.
Bisogna sottolineare che la gara si svolge ad una temperatura proibitiva e su un campo impraticabile di fronte a un migliaio di spettatori compresa una sparuta presenza di rappresentanti del tifo pescarese.
I lombardi scendono in campo con un 4-4-2 con Cellini e Joelson ai vertici d'attacco mentre i biancazzurri di Vivarini oppongono ai padroni di casa un 4-2-3-1 con Ferrante supportato da Antonelli, Rigoni, De Falco.
Nella prima frazione di gioco la prima opportunita` da rete e` per i padroni di casa con Cellini che al 3’ si vede respingere la sua conclusione da distanza ravvicinata da uno splendido Tardioli. La formazione di Mondonico mantiene costantemente l’iniziativa del gioco ma si rivela decisamente imprecisa in fase di finalizzazione. Gori al 12’ conclude malamente alto da favorevole posizione al termine di una convulsa azione in area abruzzese. Al 26’ l'attaccante brasiliano Joelson grazie ad una gigantesca papera della difesa biancazzurra, si trova lanciato a rete di frtonte a Spadavecchia (subentrato al 16’ all’infortunato Tardioli) ma spedisce la sfera sul fondo alla sinistra del portiere. Il Pescara alleggerisce la pressione dei seriani al 28’ impensierendo Acerbis con una battuta dal limite dell’area di Antonelli deviata con il corpo in angolo da Dal Canto. Prima dell’intervallo (43’) l’Albinoleffe torna a farsi pericoloso con un colpo di testa di poco a lato di Donadoni sugli sviluppi di un corner.
In avvio di ripresa il Pescara appare piu` intraprendente: Rigoni al 53’ chiama in causa Acerbis con un tentativo dalla distanza. Mondonico, preoccupato dalla crescita pescarese, aumenta il potenziale offensivo della squadra inserendo Bonazzi per Previtali. L’attaccante dell’Albinoleffe si mette subito in evidenza impegnando Spadavecchia con un fendente da fuori area. Sul versante opposto il Pescara reclama invano al 70’ la concessione di un calcio di rigore per una presunta deviazione con la mano di Donadoni su una conclusione di De Falco. Tocco di mano confermato poi alla moviola.
Il finale di gara non riserva altre emozioni e la gara, diretta dal Sig. Herberg di Messina, si chiude dopo 4 minuti di recupero.
L’Albinoleffe porta a 17 la serie di risultati utili consecutivi e sale a quota 27 punti mentre il Pescara continua a fare da fanalino di coda della classifica cadetta con soli 6 punti.

L'ULTIMA GARA DEL 2006 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 21/12/2006

Con l’Albinoleffe non ci dovrebbe essere partita (e pensare che fino a qualche anno fa non sapevamo neanche cosa fosse l’albinoleffe…), vista la splendida forma degli uomini di Mondonico e soprattutto vista la pochezza della nostra squadra che ormai sembra aver tirato i remi in barca andando così incontro a battere tutti i record negativi possibili della cadetteria e non solo.
Tra i biancazzurri mancheranno per squalifica Moscardi e Delli Carri, mentre per i lombardi non ci saranno Berlingheri, Poloni e Innocenti: mentre dell’assenza dei nostri non se ne accorgerà nessuno, speriamo che le assenze dei tre bergamaschi si facciano sentire.
Ormai è quasi superfluo parlare di calcio giocato in una piazza in cui sono riusciti a rovinare tutto senza che nessuno abbia mai alzato un dito e si sia mai ribellato.
La situazione che c’è oggi nel Pescara è forse unica al mondo: probabilmente infatti siamo gli unici a non avere una società, a non avere una dirigenza (a proposito, che fine avrà fatto il “moggi pescarese” Andrea Iaconi?), a non avere un allenatore e addirittura a non avere più neanche i tifosi (siamo rimasti veramente in pochi!!!).
Quella con i lombardi sarà l’ultima gara del 2006 e speriamo che Babbo Natale si ricordi per una volta di noi pescaresi che sono anni che riceviamo cenere e carbone, non solo regalandoci i 3 punti con l'Albinoleffe, ma soprattutto regalandoci una nuova società che già dal 1 gennaio sia in grado di operare e programmare il futuro seriamente per il bene dei tifosi e non solo per i tornaconti personali.

quale futuro per Vivarini? SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 20/12/2006

Dopo essere stato messo da un momento all'altro sulla panchina del Pescara, Vincenzo Vivarini, passato per il buon pareggio di Crotone, è già sotto esame dopo la sconfitta interna con il Piacenza. Il Pescara, con l'attuale società, senza valide alternative, punta su di lui.
Vivarini, giovane e con molte potenzialità potrebbe diventare un ottimo allenatore e la sua nomina in sede permanente potrebbe essere un buon investimento per il futuro. Al momento però, avendo solo il patentino di terza categoria, Vivarini deve essere affiancato da provvisoriamente da Antonio Di Battista, mister degli Allievi.
Di Battista, che ha il patentino di seconda categoria può allenare solo per 6 partite in B, grazie ad una deroga. Finita questa cartuccia, la società dovrà valutare se continuare a puntare su Vivarini, affiancandogli un allenatore che abbia il patentino per allenare in B (probabilmente Massimo Silva, secondo di Giampaolo ad Ascoli ed ex giocatore del Pescara), o ingaggiare un altro tecnico.
Sulla scelta di Vincenzo Vivarini per il futuro incide pero' anche l'attuale telenovela che grava sulla società di via mazzarino sul passaggio di consegne della presidenza da Paterna ad un nuovo misterioso imprenditore.
Siamo tutti in attesa di vedere come andrà a finire...

Ci avete rotto il calcio! Link… SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 20/12/2006

Riportiamo, di seguito, solo l'inizio di uno stupendo sunto che condividiamo appieno ad opera di B. BARTELONI pubblicato sul sito CRONACHEABRUZZESI.COM
Vi invitiamo a leggerlo perchè ben fatto e specchio assoluto di una verità che appartiene a tutti i pescaresi.

L’attuale situazione rappresenta il punto più basso della tradizione calcistica pescarese. Ora basta !!
CI AVETE ROTTO IL ....CALCIO !!!
Dopo 70 anni di storia, densa di pagine memorabili, il popolo biancazzurro si ribella.
Che schifo !! Umiliati e derisi, sconfitti e penalizzati, traditi e disonorati. Abbandonati a noi stessi senza un appiglio dove aggrapparci, un Santo a cui rivolgerci, una flebile speranza. Nulla. Noi, gente di mare, abituati a solcare i mari e cavalcare le onde, a barcollare e non cadere, a tirare i remi in barca e navigare col vento in poppa. Noi, pescaresi col nero di seppia nelle vene, dal sangue amaro ma pulito, versato tante volte a difesa della nostra bandiera biancazzurra.
Noi, cozze e vongole, forti e gentili, D’Annunzio e Flaiano...Nu sem nu !! E ci ribelliamo...
continua sul sito cronacheabruzzesi.com
questo il link
http://www.cronacheabruzzesi.com/notizie.php?id=150

Pescara 0 Piacenza 2 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 20/12/2006

Sotto una pioggia incessante si consuma, all'Adriatico, l'ennesimo record negativo dei biancazzurri.
Dopo il Rimini, ora tocca al Piacenza dell'ascolano Iachini portarsi via i tre punti da Pescara con una facile vittoria.
Il Pescara scende in campo con Tardioli, Zoppetti, Delli Carri, De Martis, Olivieri, De Falco, Moscardi, Aquilanti, Rigoni e Martini. La squadra di Vivarini, falcidiata da infortuni e squalifiche, largamente rimaneggiata, tiene a bada per poco il Piacenza lanciato verso la zona promozione.
Dopo una prima fase di studio, sono gli emiliani a rendersi pericolosi ma il terreno e la pioggia frenano gioco e tecnica. Il gol arriva al 27’ grazie a un tocco ravvicinato di Rantier sugli sviluppi di un calcio di punizione.
Il Pescara prova a reagire e, intorno alla mezz’ora, coglie l’incrocio dei pali dopo una bella azione di Rigoni.
Nel secondo tempo il ritmo non cambia con un Pescara disperatamente propenso in avanti e un Piacenza che si difende senza fatica e sempre pronto a ripartire. Al 10’ del st gli emiliani chiudono la partita, grazie a un gol da opportunista ancora di Rantier, che sfrutta un'idecisione di Tardioli in uscita e di Zoppetti in marcatura tardiva, agganciando la deviazione vincente a rete.
Il Pescara prova a reagire e nei dieci minuti successivi spinge con l’orgoglio: Coppola e` piu` volte impegnato e Delli Carri su calcio d’angolo coglie un altro palo.
Il gol della speranza pero` non arriva e il Piacenza si limita ad amministrare il doppio vantaggio, sfiorando anche il terzo gol in contropiede.
Dopo il sorpasso dell'Arezzo in classifica cadetta, il Pescara di Dante Paterna si trova finalmente e meritatamente in fondo alla classifica a testimoniare una stagione fallimentare sotto ogni aspetto.
Dalla curva nord Marco Mazza, i pochi (e soliti) tifosi presenti non hanno risparmiato cori di dissenso contro il Presidente Paterna e contro il Sindaco d'Alfonso.
Per concludere riportiamo le dichiarazioni di Giuseppe Iachini. Il tecnico di origini ascolane, si presenta soddisfatto alla conferenza stampa dopo la vittoria ottenuta contro il Pescara: `Penso sia proprio meritata`.
Il tecnico dei piacentini precisa: ` Una vittoria importante dopo la sconfitta di Rimini. Abbiamo affrontato la partita con il piglio giusto, il Pescara ha giocatori che possono metterti in difficolta`. Credo che la vittoria sia meritata e questi 3 punti ci permettono di mantenere inalterata la distanza dalle prime`.

sono on line le foto della gara.

Tutti in attesa.. ma arriva il Piacenza! SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 18/12/2006

In attesa di comunicazioni ufficiali sulla sorte societaria il Pescara si prepara alla gara interna che vede all'Adriatico il Piacenza di Giuseppe Iachini.
Sulla panchina del Pescara continua l'avventura di Vincenzo Vivarini, che allo stato attuale, potrebbe guidare i biancazzurri fino a termine stagione affiancato da Massimo Silva.
Il tecnico biancazzurro Vivarini, per la gara interna di domani sera alle ore 20.30, si ritroverà con consuetudine una squadra decimata e dovrà fare a meno degli squalificati Antonelli, Papini e Ferrante che si aggiungono agli infortunati di lungo corso Vicentini, Gimenez e Paponetti.
Certa la mancanza del giovane centrocampista Carozza, del difensore Gonnella e di Felci non ha ancora smaltito la distorsione alla caviglia destra rimediata in occasione di Pescara-Rimini. Delli Carri non ha partecipato alla seduta di allenamento di ieri a causa di qualche linea di febbre, ma il suo impiego domani non dovrebbe essere messo in dubbio. Torna disponibile Demartis dopo la squalifica che potrebbe scendere in campo con Luci e Martini sin dal primo momento con De Falco confermato nel ruolo di esterno di centrocampo.
In porta confermato l'esperto Tardioli che arriva da una buona prestazione offerta tra i pali di Crotone. Inevitabile per il Pescara attingere alla Primavera per tappare eventuali buchi in caso di bisogno dalla panchina.
Dalla parte opposta, per Iachini, nessun squalificato ma dovrà fare a meno di Abbate e Cassano. Il Piacenza attualmente in 4a posizione in classifica cadetta arriva a Pescara reduce dalla sconfitta di Rimini. Il tecnico biancorsso per la trasferta abruzzese si servirà di una rosa di 21 giocatori.
Questi i 21 convocati: Coppola, Capodici, Nef, Iorio, Campagnaro, Miglionico, Gemiti, Anaclerio, Olivi, Bianchi, Padalino, Stamilla, Riccio, Patrascu, Rantier, Nocerino, Pellicori, Gobatto, Cacia, Simon, Degano.
Per terminare offriamo come di consueto alcuni dati sulla prossima gara.
La partita Pescara Piacenza ha 7 precedenti (3 vittorie dei biancazzurri, due pareggi e due sconfitte).
L'ultima gara tra le due formazioni all'Adriatico, in serie B, risale alla 37ima giornata dello scorso campionato 2005-06, quando il 23.04.2006 il Pescara si impose di misura sui biancorossi con un gol di Daniele Croce.
L'ultima vittoria del Piacenza a Pescara (1-2) risale alla 1ima giornata del campionato 2004/05.

IL PESCARA CAMBIA PROPRIETA'? SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 16/12/2006

Questa sera l’emittente Rete 8 ha dato la notizia che lunedì ci sarebbe la firma del compromesso per il passaggio di quote della società: il Pescara infatti verrebbe acquistato da un costruttore abruzzese che risiede in Svizzera nella quale ha anche delle partecipazioni bancarie. A Paterna andrebbe una cifra fra i 2,5 e i 3 milioni di euro.
Riportiamo la notizia come l’abbiamo appresa, però è fuori di dubbio che siamo come San Tommaso, fin quando non ci sarà nero su bianco non ci crediamo e non ci esaltiamo.
Certo è che se veramente fosse tutto vero, l’entusiasmo in città si riaccenderebbe incredibilmente, non solo perché sarebbe mandato via il “killer della Pescara Calcio”, ma perché l’acquisto fatto ora e non a fine campionato, vorrebbe dire che la nuova società investirebbe massicciamente nel mercato di gennaio per salvare la serie B, altrimenti l’operazione si sarebbe fatta per logica a fine torneo con la squadra in serie C e con un prezzo di cessione inevitabilmente più basso.
Vista la cifra sicuramente Paterna farebbe Bingo e andrebbe via da Pescara con una gestione per lui decisamente florida, ma la cosa importante è che sia tutto vero e che questo sconosciuto (al momento infatti non è stato fatto il nome) sia una persona seria con la quale finalmente si possa programmare il futuro di quello che è stato e resterà sempre il Nostro Pescara.

Crotone 2 Pescara 2 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 16/12/2006

Crotone e Pescara pareggiano per 2-2 nell’anticipo della 16.a giornata del campionato di serie B, , sfida importante in zona retrocessione.
Un primo tempo dai contenuti tecnici non brillanti, con la difesa del Pescara che regge bene e quando puo` prova a ripartire in contropiede con Ferrante.
Il Crotone non si rende mai veramente pericoloso e tra i rossoblu' si fanno notare per la vivacità solo Cariello, Lopez e Giampaolo.
Gustinetti fa subito i conti con gli infortuni partendo con Palmieri che si fa male al ginocchio al 19`. Al suo posto entra Petrilli, percio' il tecnico dei calabresi è costretto a modificare in corsa il modulo della squadra. Lo stesso Petrilli esce poi al 42`, per far posto a Gentile.
Ripresa decisamente piu` vivace: a passare per prima in vantaggio e` il Pescara, che al 58` trova Olivieri abile a siglare con un gran colpo di testa su punizione proveniente dalla destra.
Gustinetti manda in campo Nanni al posto di Bonomi e l’attaccante argentino, al primo pallone toccato, va subito a segno: e` il 60` quando, da un fortunato rimpallo sulla gamba di Dante Lopez, Nanni raccoglie e sigla l’1-1. Passano soltanto altri cinque minuti e De Falco al 65' riporta in vantaggio il Pescara con uno sto e tiro violento che passa tra le mani di Padelli. All’80’ Cariello chiude con il 2-2 finale.
Nei minuti finali Martini manca la deviazione finale in rete di un'ottima palla dalla destra e manca incredibilmente il gol della vittoria Pescarese.
Il pareggio tra Crotone e Pescara non serve tuttavia a nulla: le due squadre restano nei bassifondi della classifica, senza grosse speranze di rivedere a breve la luce. In particolare gli abruzzesi, nonostante l'avvento del duo Vivarini-Di Battisti, restano l'uinica squadra della cadetteria senza vittorie.
L'ex Torinista Ferrante non brilla per gioco e soluzioni e l'alibi della mancanza di rifornimento dalle retrovie non sana una grigia prestazione.
Delli Carri, nonostante le polemiche, offre una buona prestazione e si ricandida, insieme a Tardioli, a scendere in campo contro il Piacenza.
Ottima la prova di Guatieri che sulla sinistra impegna piu' volte la retroguardia avversaria.
Da segnalare anche la prestazione brillante e corretta di Giampaolo che ha dimostrato in campo di essere un grande professionista e un calciatore d'altri tempi.
A termine gara Elio Gustinetti accetta il pareggio contro il Pescara: "Un punto che fa muovere la classifica".
Il tecnico della formazione calabrese, precisa: "Era una partita che dovevamo assolutamente giocare cosi`, anche se sapevo che il Pescara, che non aveva fatto giocare nella partita precedente Ferrante, Delli Carri e Guatieri, ci avrebbe dato del filo da torcere".
"Ci siamo presentati senza Maietta, Piocelle, Sedivec e Soviero, tutti squalificati. E questi calciatori non si possono regalare a nessuno. Un punto da raccogliere cosi` com`e` venuto, perche` fa muovere la classifica e lascia ancora qualche speranza di poterci salvare".

La situazione trasferta SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/12/2006

Per la trasferta calabrese il Pescara, privo dell'allenatore Ammazzalorso esonerato, si presenta allo Scida con il provvisorio Vivarini sulla panchina.
Per il secondo allenatore pescarese, chiamato alla ribalta della B, si presenta l'ennesima partita cruciale con l'obiettivo non dichiarato di contenere lo sfacelo irreversibile biancazzurro. Vivarini nell'impresa di dare un gioco e un volto credibile alla squadra si presenta il grave problema degli infortuni che di fatto dimezza la rosa.
Ancora ai margini i cinque infortunati (Carozza, Paponetti, Vicentini, Gonnella e Felci) mentre riprende con affanno Stefano Olivieri. Probabilmente in difesa ci sarà bisogno anche del giovane difensore della primavera, Giuseppe Serao (classe '88) che si unirà a Scappaticci per far parte della comitiva che partirà per Crotone.
Nel Crotone, in occasione dell'anticipo col Pescara, saranno quattro gli squalificati: Soviero, Maietta, Piocelle e Sedivec, mentre per quanto riguarda i rientri, sicuro è quello di Francesco Rossi, che ha scontato il turno di squalifica.
L'infermeria rossoblu', ad eccezione di Galardo, si è svuotata. Recuperati Bonomi, Borghetti e capitan Cardinale. Mister Gustinetti, influenzato, potrebbe buttare in campo l'ex di turno Federico Giampaolo per uno scampolo di partita.

Il Crotone di Federico Giampaolo SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/12/2006

Il Crotone del presidente rifondatore Raffaele Vrenna dal 1993 è passata in 7 stagioni dalla Promozione calabrese alla Serie B.
I Rossoblù sono guidati dal tecnico bergamasco Elio Gustinetti (ex Arezzo, Albinoleffe, Empoli e Treviso).
La formazione calabrese, che naviga a quota 14 punti in classifica, arriva alla 16ima giornata da due pareggi e una sconfitta esterna con i liguri dello Spezia. Dunque l'occasione della gara casalinga con l'ultima della classe si presenta come una ghiotta occasione per risollevare animo e classifica in vista di una salvezza che pare a portata di mano.
Nel mercato estivo la squadra è stata rinforzata con alcuni importani giocatori tra cui segnaliamo l'attaccante argentino Roberto Antonio NANNI (Messina), l'attaccante paraguayano Rafel Farina DANTE LOPEZ (Genoa), l'attaccante Gianvito PLASMATI (Andria), il centrocampista Alfredo CARIELLO (Ascoli), il difensore Luca FUSCO (Messina) e tra tutti l'ex biancazzurro Federico GIAMPAOLO (dall'Ascoli) che quest'anno pur con sole cinque presenze ha già firmato tre gol per il Crotone.
Ricordiamo che Federico Giampaolo con la maglia del Pescara tra c1 e serie B ha segnato ben 65 gol collezionando ben 253 presenze.
Proprio sull'argomento Pescara, riportiamo un'intervista a Federico Giampaolo fatta lo scorso mese a Crotone apparsa su Goal.com:
“Si, è vero. Il Pescara mi aveva ricontattato, ma la proposta era a dir poco indecente. Molto più allettante l’offerta del sodalizio frentano ma mi sento di poter essere ancora fra i protagonisti nella cadetteria. In maglia biancazzurra ho assaporato il gusto delle promozioni e l’amarezza della retrocessione in C. Qui a Crotone ho trovato maggiore entusiasmo, quello che un tempo caratterizzava l’ambiente pescarese. Ricordo ancora il gol da cineteca rifilato alla Salernitana, sicuramente il più bello e spettacolare della mia avventura in riva all’adriatico. Non mi esprimo in merito alla politica societaria di Paterna e dei suoi collaboratori. Dico soltanto che nel calcio non si improvvisa nulla e che certi tesserati andrebbero tutelati e gestiti in maniera diversa. Ho già affrontato il Pescara da ex e ci tengo maledettamente ad essere ricordato con affetto dal pubblico. Mi sento spesso con alcuni vecchi compagni di squadra. Tra questi Ottavio Palladini che come me non si arrende all’evidenza dell’anagrafe. Il Pescara comunque si salverà”.
Per finire segnaliamo che la partita Crotone-Pescara ha tre precedenti in B con due vittorie per i calabresi e un pareggio. Dunque i biancazurri allo Scida non hanno mai vinto e sono riusciti a raccogliere solo un punto.
L'ultimo incontro tra le due formazioni risale allo scorso campionato di B 2005/2006 quando nella 13^ giornata il 29-10-2005 finì 0-0.
Ricordiamo nell'anno 2005 il Pescara nella 20^ giornata a Crotone rimedio' una pesante sconfitta per tre reti a zero.

Ammazzalorso esonerato. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 12/12/2006

La Pescara Calcio S.p.A. rende noto di aver esonerato il tecnico Aldo Ammazzalorso. La conduzione della squadra è stata temporaneamente affidata al collaboratore tecnico Vincenzo Vivarini e in attesa di conoscere il successore del tecnico di Pineto si inseguono le indiscrezioni relative a rifiuti da parte di alcuni tecnici interpellati.
Per il Pescara quindi non si tratta solo di trovare un allenatore in grado di risollevare una situazione già pesantemente compromessa ma anche di troverne uno che abbia il coraggio di accettare.
Quale contratto, quali prospettive e quali programmi potrebbe offrire oggi la società ad un tecnico?. Al momento l’unica alternativa credibile resta il ritorno di Ballardini che è sotto contratto e non potrebbe rifiutare.
Paterna, dopo l'incontro di ieri con i dirigenti dice che Le strade per il Pescara sono due. O proviamo fino in fondo a salvarci, con decisione. Oppure cominciamo a lavorare per programmare la serie C. Il Presidente vorrebbe pero' ancora provare a salvare la stagione aggiungiendo di essere deluso e arrabbiato come tutti i tifosi.
Sulla guida tecnica, secondo Paterna, la scelta verrà fatta appena possibile ma vi è in ogni caso la certezza di operare a gennaio una sorta di epurazione in sede di mercato.
Considerando la cronica mancanza di investimenti, aggiungiamo noi, l'unica strada percorribile per rinnovare l'attuale formazione è quella degli scambi che in via Mazzarino, insieme alla tenica dei prestiti, conoscono molto bene. Inutile dire che se la società decidesse di intervenire seriamente sul mercato avrebbe poi l'alibi per lamentare la mancanza di fondi per l'iscrizione al prossimo campionato di C1. Praticamente il Pescara, senza un intervento deciso e risolutivo fatto di investimenti, è destinato alla C1 dalla 15ima giornata di andata del campionato in corso. Quel che è peggio è che probabilmente la retrocessione arriverà con le peggiori umiliazioni e con i record negativi per la categoria con l'alibi per la società di dover far fronte e programmare la prossima stagione.
In ogni caso, in una situazione a dir poco catastrofica, il Pescara continua ad allenarsi in vista della trasferta di venerdì a Crotone. Per la sfida calabrese rientrerà De Falco dopo la squalifica e forse l’argentino Gimenez per una grave carenza di organico in difesa. Nella reparto difensivo infatti, già privo di Demartis per squalifica e Vicentini per infortunio, arrivano altre defezioni da Gonnella e Delli Carri per problemi muscolari. A centrocampo niente da fare per Felci. Non è da escludere che sulla fascia destra possa giocare Luci con Aquilanti affiancato a Papini nel ruolo di mediano. In attacco probabile la conferma per il tandem formato da Martini e Rigoni.
Per concludere segnaliamo che è stata emessa la sentenza dell'Arbitrato del Coni per quanto riguarda Reggina e Arezzo. Per i calabresi sconto di 4 punti di penalizzazione (passano da da -15 a -11), mentre per i toscani nessuna modifica: rimane la penalità di -6 punti.

METTETECI LA FACCIA SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 10/12/2006

Sono passate oltre 24 ore dall’ennesima umiliazione subita dai noi pescaresi e la società, nascondendosi dietro il silenzio stampa, non da alcun segnale, calma piatta.
Vorremmo invece, se avessero un briciolo di decoro, che gli autori di questo strazio ci mettano la faccia almeno per una volta, facendoci sapere cosa hanno intenzione di fare.
A cominciare dal sig Paterna che di chiacchiere ne ha fatte molte, ma i fatti stanno a zero; anzi, i fatti sono che in tre anni di gestione, stiamo andando verso la seconda retrocessione (accompagnata da tutti i record negativi) e a fine anno ci dirà bene se riusciremo a iscriverci alla serie C1, con nessun (o quasi) giocatore di proprietà.
Anche dal sig. Iaconi vorremmo sapere qualcosa al riguardo, visto che è lui che ha allestito queste “fenomenali”squadre che, fatta eccezione per lo scorso anno, ci stanno umiliando anno dopo anno. E’ qui da oltre dieci anni (forse nessun altro caso del genere in Italia), i risultati sportivi sono purtroppo sotto gli occhi di tutti e in molti si chiedono il perchè non abbia mai avuto la decenza di farsi da parte.
Già, chissà perchè….
Gradiremmo che queste considerazioni venissero fatte anche dagli organi di informazione che ci aiutino così a capire in fretta di che morte dovremo morire.
Questa situazione non giova a nessuno o meglio, non giova sicuramente a noi tifosi.

OSCENI, ANDATEVENE SUBITO. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 9/12/2006

Spazzati via anche stavolta dall’avversario di turno, addirittura l’umiliazione ora da primato: 0 a 5 casalingo storico subito dal Rimini che soffre (si far per dire) appena 15 minuti, prima di prendere le misure alla squadra di Ammazzalorso che ha lasciato i senatori in panchina.
Sembrava che la squadra ci stesse almeno provando, ma è finito tutto dopo le solite papere del pessimo Spadavecchia che si porta sulla coscienza anche quest’altra partita (veramente lungimirante la mossa di Iaconi nel prendere questo “portiere” dal Bari); il Rimini dilaga con un Pescara inerme su tutti fronti: zero grinta, zero idee, zero tiri, il nulla assoluto nel deserto dell’adriatico.

Continuiamo a ribadire che l’unica via d’uscita è quella di cambiare proprietà al più presto e mandare tutti a casa, nessuno escluso, ripartendo con una proprietà nuova e seria: solo così si potrà tornare allo stadio e potremo riparlare di calcio giocato, cosa che adesso lasciamo fare agli “stipendiati” di Paterna che pur di difendere la società, si rendono ormai comici e patetici.
Questo non è calcio, questa è una presa per il cu_o che noi pescaresi non tolleriamo più.

Sono on-line le prime foto della gara.

Fuori i senatori? SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 8/12/2006

Ammazzalorso sembra intenzionato a dare quella che potrebbe essere l'ultima scossa alla squadra che attualmente è più morta che viva.
Con ogni probabilità nella gara col Rimini finalmente resteranno fuori i "senatori" per far posto ai giovani; una scelta che si giustifica da sola, viste le pessime performance di quelli che ormai sono ex-calciatori, su cui la nostra società aveva puntato per fare un campionato dignitoso!

I primi ad accomodarsi in panchina quindi dovrebbero essere Ferrante, Delli Carri e Moscardi che saranno rimpiazzati da Zoppetti, Olivieri e Felci.
La squadra infatti dovrebbe schierarsi con questo 4-4-1-1: Spadavecchia, Zoppetti, Gonnella, Olivieri, Demartis; Antonelli, Luci, Papini, Felci; Rigoni; Martini.

Il Rimini di Acori SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 7/12/2006

Il Rimini del presidente Luca Benedettini, arriva a Pescara per la 15 giornata di B, forte della 5 posizione in classifica.
La squadra è allenata dal mister umbro Leonardo Acori che è riuscito dal 2003 a salire dalla c2 alla B. La formazione è reduce da 8 risultati utili consecutivi tra cui spiccano le vittorie esterne contro Lecce e Crotone. Nelle ultime due gare sono arrivati invece solo due pareggi ma cè da dire che il primo è stato raggiunto in un accesissimo derby romagnolo a Cesena, l'altro è maturato nell'ultima gara casalinga contro l'agguerritissimo Vicenza.
Per la formazione biancorossa, dunque, dopo la naturale stagione di assestamento in serie B dello scorso anno, segue una stagione di alto livello che la vede protagosista in cadetteria. Merito della società, con una buona campagna acquisti che sembra aver dato i suoi frutti, e delle indubbie qualità del suo ormai storico trainer Acori.
Dal mercato estivo sono arrivati in biancorosso il secondo portiere sloveno Handanovic (Lazio), i difensori Vitiello (Vicenza), e Regonesi (Albinoleffe), i centrocampisti Pagano (Bari), Bischeri (Massese) e il ghanese Barusso (Manfredonia), e per finire in attacco il Brasiliano JEDA dal Crotone.
Per la trasferta pescarese, il tecnico biancorosso, che è solito schierare un modulo 4-2-3-1, potrebbe utilizzare l'unica punta Moscardelli, che attraversa un ottimo periodo di forma, al posto del brasiliano Jeda.
Anche per i romagnoli la lista degli indisponibili è pesante infatti a Pescara non ci saranno per infortunio nè Porchia ne Cristiano. In forse Baccin, Pagano e Vitiello che sono comunque sulla via del recupero. L'allenatore umbro Acori, si dice fiducioso sul recupero di Pagano ma soprattutto di Vitiello che a Pescara dovrebbe partire titolare (per non rischiare Baccin). Al centro della difesa, con Milone squalificato, potrebberero partire titolari Digao e Peccarisi.
La partita Pescara-Rimini in serie B ha 5 precedenti che vedono i biancazzurri vittoriosi per 4 volte.
L'unica vittoria del Rimini all'Adriatico risale al 23 maggio 1982 quando nella 35^ Giornata del camionato di serie B 1981/1982 i romagnoli si imposero a Pescara con 4 reti a 2.
L'ultimo incontro con il Rimini a Pescara risale allo scorso campionato di B 2005-06 quando nella 12^ Giornata il 26-10-2005 i biancazzurri si imposero sui biancorossi con una rete di Cammarata su rigore.
La gara sarà diretta da Massimiliano Saccani della sezione di Mantova. Sarà assistito da COSTA P. e PETRELLA con il IV° uomo ZEGA.

La situazione è questa! SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 6/12/2006

Intorno a tutto il mondo della Pescara Calcio si è ormai giunti ad un punto critico.
La posizione in classifica e i risultati sono i sintomi di problemi che appaiono sempre piu' insormontabili per la società guidata da Paterna.
Le notizie di due cordate di imprenditori abruzzesi in procinto di proporre una cessione societaria a Parerna si rincorrono e si fanno sempre piu' concrete. L'eventuale cambio societario in via Mazzarino dovrebbe comunque fare i conti con problemi strutturali tra i quali la carenza d'organico è il fiore all'occhiello della improbabile gestione attuale. L'impegno economico e il tentativo di riprendere una stagione per i capelli potrebbe pero' essere troppo oneroso e il tanto atteso cambio potrebbe avvenire solo a termine stagione.
Tutto dipenderà comunque dalla reale volontà di salvare il salvabile dell'attuale presidente della Pescara Calcio.
Dopo i deludenti risultati della squadra, la società, non puo' far altro per il momento che imporre il silenzio stampa a tempo indeterminato per tutti i tesserati della squadra dopo averlo "imposto" già da tempo alla tifoseria organizzata. Il silenzio stampa pero' non calma i bollenti spiriti e le anime ribelli che minano la squadra e il nervosismo sembra affiorare a segnalare un disagio irreversibile.
A riprova, di questo disagio, ci sarebbero stati dei forti diverbi tra alcuni componenti dello staff tecnico di Ammazzalorso e alcuni giocatori durante un allenamento. Ammazzalorso dal canto suo, continua a colloquiare con la squadra nel tentativo di rimediare e ricucire ma i risultati appaiono evidenti. Le sconfitte sono spesso accompagnate da rigori e espulsioni che penalizzano gravemente la squadra (vedi i casi di Olivieri e De Falco).
Il tecnico biancazzurro, olre a combattere i nervosi e a rimediare formazioni disperate deve fare i conti anche con gli infortunati. Rimangono indisponibili per la gara contro il Rimini Vicentini, Paponetti, Carozza e Gimenez.
Ad aggravare la situazione per Ammazzalorso arriva anche la decisione del giudice sportivo che infligge a De Falco una giornata di squalifica.
Oltre alla Covisoc e al giudice sportivo, sul Pescara grava anche la scure del pm Lorenzo Del Giudice della procura di Udine che ha rinviato a giudizio 21 persone per l'inchiesta sul calcio scommesse partita nell'Aprile scorso.
Marco Ferrante, 36 anni, oggi al Pescara avrebbe scommesso 146mila euro su partite del campionato italiano. Al giocatore biancazzurro potrebbe essere contestata la violazione della legge 401/’89 per aver partecipato a "scommesse, giochi e concorsi a pronostici abusivamente raccolti e gestiti"; effettuazione di operazioni bancarie "con modalità elusive della normativa anti-riciclaggio".
Nella stessa inchiesta che potrebbe portare una pesante squalifica all'ex torinista, si sospetta anche che ci siano partite taroccate. Gli inquirenti di Udine sono attratti in particolare da due scommesse vincenti reperite da un edicolante: quella sul pari di Reggina-Bologna 1-1 dell’8 maggio 2005 e quella su un tris di pareggi del 22 aprile 2006 (Ascoli-Cagliari 2-2; Parma-Siena 1-1; Udinese-Chievo 1-1).
La società biancazzurra, che alla data dell'ingaggio di Ferrante era già a conoscenza della pendenza dell'attaccante, spera che tutto si risolva in una "bolla di sapone" perchè tra infortuni e carenze organiche resterebbe il solo Martini come attaccante di ruolo.
Ferrante dal canto suo pensa già al "dopo" e intervistato sulla possibilità di un suo ritorno a Torino dice:
"La maglia del Torino è nel mio cuore. Ce l’ho sempre addosso, in fondo. Sognare è riprendere a segnare e a fare il gesto delle corna sotto la curva". "Se tornerei volentieri? Sarebbe un sogno tornare al Toro, indossare nuovamente la maglia granata, la mia maglia".

trasferta e interviste dopogara. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 3/12/2006

Al comunale di Arezzo i padroni di casa si impongono per 4 a 1 sul Pescara nella 14ima giornata di B.
Il Pescara sceso in campo con la maglia biancazzurra paga la mancanza di carattere che fa invece la differenza negli avversari. Parte bene l’Arezzo con Volpato che al 1’ sblocca subito il risultato con un gol da fuori che arriva dopo una mischia in area.
I toscani sono padroni del campo e sfiorano in piu` occasioni il raddoppio. Al 34’ Volpato centra il raddoppio ma il direttore di gara annulla per fuorigioco.
Il secondo tempo si apre col Pescara in avanti alla ricerca del pareggio che arriva al 57’ con una splendida girata in area del difensore centrale biancazzurro Gonnella.
La situazione di parita` dura pero` solo 3 minuti; infatti l’Arezzo si riporta in vantaggio grazie all'ennesimo calcio di rigore concesso all'Arezzo per contatto tra Gonnella e Volpato in area. Sul dischetto lo stesso Volpato al 61’ non fallisce e riporta gli amaranto in vantaggio. Il Pescara termina emotivamente l'incontro.
Sei minuti piu` tardi Capelli sigla il terzo gol per l’Arezzo e all`85` Floro Flores sigla il definitivo 4 a 1 per i padroni di casa che conquistano tre punti importantissimi per la classifica.
Al termine della gara, il tecnico biancazzurro, Ammazzalorso ammette i lim iti del suo Pescara: "L`Arezzo ha meritato".
Cosi' il tecnico di pineto: "Abbiamo giocato sottotono anche perche` molti giocatori rientravano dopo l’influenza".
"Siamo partiti malissimo col gol subito al 1’ e poi e` stato difficile riprendersi. Lo stesso e` accaduto dopo il pareggio che e` durato solo qualche minuto. Abbiamo protestato sul rigore perche` a nostro avviso poteva anche non essere concesso. L’Arezzo ha meritato la vittoria".
Sulla panchina opposta Sarri, parla del suo Arezzo e della prima vittoria: "Che sia un punto di partenza".
"Finalmente ho visto in campo quello che predico tutti i giorni in allenamento. Abbiamo disputato una bella prova soprattutto a livello tattico. Buona prova di Floro Flores; il gol gli serviva per sbloccarsi".

VIA TUTTI SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 2/12/2006

Ormai solo i burattini comandati da questa misera società credevano e si sforzavano di farci credere che il Pescara potesse ancora salvarsi, parlando per mesi di moduli e arbitri, ignorando appositamente il male della Pescara Calcio, ovvero coloro che l’hanno gestita portandola a questo scempio.
Ora siamo proprio curiosi di sapere cosa si inventeranno stavolta per coprire tutto ciò che è già venuto al pettine appena alla 14° di campionato.
Il Pescara è di fatto già retrocesso e si appresta a battere tutti i record negativi possibili e forse questo ha scombussolato i piani di chi invece ha astutamente intascato tutto quello che c’era da prendere, portandoci sulla via della retrocessione sul campo in C1 e forse anche del fallimento (che ci porterebbe in C2 e speriamo non oltre).
Forse però neanche loro si immaginavano di aver messo su un aborto di squadra tale che già ora è spacciata: che la squadra fosse scarsa lo si era capito subito (da tutti tranne da chi fa questo di mestiere!!!), ma forse secondo i loro piani doveva trovarsi in questa agonia verso la fine del torneo, così tra una critica all’arbitro e la sfortuna, si coprivano le malefatte e poi via col malloppo.
Invece ora cosa faranno?
Aspettiamo e vedremo, ma pretendiamo chiarezza e soprattutto pulizia: VIA TUTTI.
Avremmo preteso da chi fa informazione di sapere ad esempio dove sono finiti tutti i soldi incassati quest’anno dalla società, di sapere realmente perché Paterna ha comprato il Pescara (ormai anche i muri l’hanno capito…), di avere notizie da Iaconi che non si “sente” da inizio torneo quando bacchettò i tifosi perché lo accusarono di aver allestito una squadra scarsa, di conoscere i risultati portati da direttori commerciale e marketing (a proposito, quanti bigliettoni hanno venduto?), di sapere dal sindaco dove sono finite le promesse fatte all’indomani del ritorno in serie B, ma invece dovremo accontentarci di analizzare le solite questioni tattiche e addirittura di sentire le cazzate tipo quella che vuole i PESCARA RANGERS complici di questa debacle per il mancato tifo!
Sono invece loro che hanno agito per il bene del Pescara che in questo momento significa VIA TUTTI e nessun appoggio per chi ci sta prendendo in giro da troppo tempo e ci sta umiliando settimanalmente come mai accaduto dal 1936.
Ora si deve solo fare in modo che al più presto la società cambi proprietà e che si programmi il futuro seriamente, a prescindere dalla categoria dove saremo.

Per Sarri una gara difficile. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 1/12/2006

Ammazzalorso, si trova a dover ridisegnare per l'ennesima volta, per la 14ima giornata di B, una formazione su cui si è abbattuta pesantemente la lista degli infortunati. Tra le nuove entrate nella lista nera degli indisponibili ci sono (oltre a Paponetti, Vicentini, Gimenez), Andrea Carozza, Antonelli, Luci e Martini. L'attaccante Martini potrebbe essere il solo a recuperare per la trasferta di Arezzo dove rientrerà Gonnella in difesa. Dunque difficile anche prevedere per il Pescara anche il modulo che verrà adottato.
Alla vigiglia della gara Arezzo-Pescara è bene fare un punto della situazione statistico per capire da dove arrivano le due formazioni ad una gara definita, per l'ennesima volta, cruciale.
Il Pescara non vince un match di campionato in assoluto dal 6 maggio scorso quando si impose in casa per 3-2 contro il Cesena: da allora il bilancio in serie B degli abruzzesi vede 7 pareggi e 9 sconfitte. L'ultima vittoria dei biancazzurri in trasferta risale allo scorso campionato quando il 18 marzo si impose per 2-0 a Rimini. Per il resto lo score esterno in serie B degli abruzzesi è di 5 pareggi ed 8 sconfitte. Il Pescara, con 9 punti persi nel corso dei secondi tempi rispetto ai risultati conseguiti a metà gara, è la formazione della serie B 2006/07 che spreca di più nei secondi 45’ di gioco. I 9 punti persi nella ripresa dal Pescara, rispetto ai suoi risultati a fine primo tempo, sono anche spiegati dal fatto che gli abruzzesi hanno subito 6 delle loro 20 reti totali (30%) in questo campionato nei 15’ finali, ovvero dal 76’ al 90’, inclusi recuperi. La formazione biancazzurra è prima nella serie B 2006/07 come numero di gol subiti in questa fascia di tempo.
Per Ammazzalorso si tratta del quarto confronto ufficiale con l’Arezzo che lo vedono imbattuto nei tre precedenti tutti in C1 e C2 alla guida del Fano e del Treviso. Si tratta invece del primo confronto ufficiale assoluto tra il tecnico italo argentino e Sarri.
L’Arezzo è la squadra della serie B 2006/07 che finora vanta il peggior attacco del torneo, con 2 sole reti segnate e, di conseguenza anche quella che ha mandato a segno il minor numero di giocatori: solo 2 (Floro Flores e Volpato). La formazione toscana è, per altro, rimasta l’unica della serie B 2006/07 a non aver ancora segnato nei primi tempi. I toscani che sono ad un passo dal gol n. 500 della propria storia in serie B, non segnano in assoluto in gare di campionato dal 21 ottobre scorso quando furono fermati 1-1 in casa contro lo Spezia. Da allora sono trascorsi i restanti 26’ di quel match, più le intere partite, tutte perdute, contro Cesena, Lecce, Bologna, Brescia e Vicenza, per un totale di 476’ di digiuno nel torneo cadetto. L’Arezzo, nelle prime 13 giornate del campionato 2006/07, ha beneficiato di 4 calci di rigore a proprio favore ma la squadra amaranto, incredibilmente, non è riuscita a realizzarne alcuno.
Per quanto riguarda i sette incontri in casa contro gli abruzzesi, in serie B, l'Arezzo conta tre vittorie. I biancazzurri invece in terra toscana sono riusciti a guadagnare solo 4 pareggi segnando 7 gol. L'ultimo precedente tra le due squadre (con il Pescara in trasferta) risale allo scorso campionato di B 05/06 in cui l'Arezzo, in casa il 09.10.2005, si dovette accontentare di un pareggio con i biancazzurri per 2-2 siglato dalle reti di Gautieri e Tognozzi.
La partita sarà diretta da Antonio Damato di Barletta. Sarà assistito da Stefani di Milano e Fiore di Molfetta (BA) mentre il IV° uomo sarà D'Agostino di Empoli (FI).

Per finire riportiamo in sintesi due interessanti interviste apparse sul sito ufficiale dell'Arezzo.
L'ex tecnico biancazzurro Maurizio Sarri, oggi sulla panchina dell'Arezzo, sulla difficile partita di domani, dice: "Il Pescara stà attraversando un momento discreto. Non sarà una partita facile."
"Per me le partite decisive sono quelle di fine campionato Adesso sono tutte inmportanti chiaramente più passano le giornate più aumenta l'importanza e sabato contro il Pescara sarà a un livello enorme, però mi sembra eccessivo a questo punto della stagione parlare di partite decisive o ultime spiaggie anche se la nostra situazione lascia pensare questo."
"Come squadra la conosco poco e la sto studiando in questi giorni. Dei giocatori che ho allenato l'anno scorso ne sono rimasti sette di cui solamente due giocano con continuità quindi è una squadra completamente nuova. Vedendo le ultime partite stanno attraversando un momento discreto, hanno fatto un ottimo secondo tempo a Trieste e una buona partita contro il Napoli, hanno grande dinamismo, ottime accellerazioni e spirito combattivo quindi non è sicuramente una partita facile."

Mirko Conte, difensore aretino con una lunga esperienza in A sul delicato momento che sta attraversndo il suo club e sulla partita contro gli Abruzzesi dice: " Dobbiamo in tutti i modi centrare questa benedetta vittoria." "Io non voglio più dire niente perchè in una situazione come la nostra tutte le partite sono fondamentalisia che tu giochi con il Pescara, che è una diretta concorrente per la salvezza,sia che tu giochi Con la Juventus. Noi dobbiamo in tutti i modi centrare questa benedetta vittoria che credo ci darà una molla psicologica non indifferente."

L'Arezzo di Sarri. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 29/11/2006

La 14ma giornata del campionato cadetto vede lo scontro tra gli sfortunati e penalizzati fanalini di coda della classifica di B; Arezzo e Pescara.
Sabato ad Arezzo, contro l’ex tecnico Sarri, per il Pescara sarà un disperato spareggio per la via della salvezza, nella speranza che il divario con Verona, Crotone e Vicenza non diventi incolmabile. Inevitabile, vista l'attuale posizione in classifica e la situazione dei due club non parlare di spareggio, anche se i tre punti non porterebbero certo fuori da una crisi ma solo verso una rinascita psicologica.
L'Arezzo del presidente Comm. Piero Mancini e del tecnico toscano Maurizio Sarri, dopo i fatti estivi di "Calciopoli", è partito in cadetteria con sei punti di penalizzazione. Nel mercato estivo il club toscano è riuscita comunque ad allestire una formazione che sulla carta doveva garantire i piani alti della classifica di b. I toscani nella rosa stagionale vantano tra gli altri gli ex pescaresi Galeoto, Terra, Vigna e l'attesissimo Croce che al momento non ha dato i risultati sperati. La rosa è inoltre arricchita da Floro Flores, Chiappara, Di Donato e dall'ex trequartista del Teramo Bondi.
Il campionato dell'Arezzo, partito con Antonio Conte sulla panchina, ha incontrato subito grosse difficoltà che hanno portato all'esonero dell'ex juventino alla fine dello scorso Ottobre in favore di Maurizio Sarri. L'Arezzo di Sarri ha pero' rimediato quattro sconfitte consecutive passando per Bologna e Vicenza in trasferta ma soprattutto per un cocente 0-2 interno contro il Brescia.
Ad ogni modo la dirigenza aretina, che ha presentato ricorso alla camera arbitrale del Coni per l'annullamento della penalizzazione, attende fiduciosa la sentenza definitiva che potrebbe portare, in questi giorni, ad una svolta decisiva nel recupero di un campionato quasi compromesso.
Nell'Arezzo, a disposizione di Sarri, contro il Pescara non ci saranno probabilmente Vigna e Beati fermati da infortunio mentre Conte e l'ex Terra non ci saranno per squalifica.
Nel Pescara di Ammazzaloroso le sconfitte consecutive ammontano a tre e con un gioco e carattere in crescita anche tra i biancazzurri ci si attende una svolta.
Probabilmente, per la trasferta in toscana, il tecnico abruzzese deciderà di riproporre lo stesso schieramento sceso in campo contro il Napoli. Ammazzalorso spera di poter recuperare al centro della difesa l'ex aretino Gonnella (fuori per sciatalgia) e Demartis colto da influenza. Non ci saranno, pero', il difensore Olivieri, espulso contro il napoli e squalificato dal giudice sportivo per una giornata, e i lungodegenti Vicentini, Gimenez e Paponetti.
In tema di giustizia sportiva, sono arrivate oggi le decisioni del giudice che vede il Napoli condannato ad un'ammenda di soli 15.000 euro di multa per i roghi dell'Adriatico. Tra i diffidati entrano Moscardi e Rigoni che raggiungono quota 3 ammonizioni Carozza, Ferrante, Gimenez e Antonelli. Delli Carri, oltre all'ammonizione, è stato anche multato di 500 euro quale sanzione aggiuntiva per le proteste in occasione del rigore a favore del Napoli.
Per finire parliamo di statistiche che contano per Arezzo-Pescara 7 precedenti.
Gli aretini, nei sette incontri in casa contro gli abruzzesi, contano tre vittorie. I biancazzurri invece in terra toscana sono riusciti a guadagnare solo 4 pareggi segnando 7 gol. L'ultimo precedente tra le due squadre (con il Pescara in trasferta) risale allo scorso campionato di B 05/06 in cui l'Arezzo, in casa il 09.10.2005, si dovette accontentare di un pareggio con i biancazzurri per 2-2.
Per il Pescara guidato dall'allora tecnico biancazzurro Sarri a sigillare il pareggio ricordiamo le reti di Gautieri e Tognozzi.

interviste: Scibilia partenopeo. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 27/11/2006

Pescara-Napoli: le interviste

Il Napoli continua il silenzio stampa, a parlare, al termine di Pescara-Napoli, è il DG Marino: “Abbiamo legittimato la vittoria con un grande secondo tempo, d’altra parte se è vero che facciamo solo un gol è pur vero che non ne subiamo. Siamo contenti, anche perché abbiamo vinto contro un buon Pescara che metterà in difficoltà tutti. Contro di noi giocano tutti la partita della vita. Il nostro primo posto è più che meritato, la Juventus ci sta costantemente alle spalle ma bisogna pur dire che è una squadra formata da giocatori fantastici. Immagino che il nostro presidente De Laurentiis sia felicissimo della vittoria. Il rigore? Era nettissimo. Faccio i complimenti a Reja che ha inserito Trotta, il quale è stato straordinario, poi è stata giustissima la scelta di ricorrere al 4-4-2. Nelle prossime gare cercheremo di vincere senza soffrire così tanto, oggi Iezzo è stato importantissimo con degli interventi prodigiosi. Stiamo acquistando una grande solidità di gruppo, se prima eravamo balbettanti, adesso siamo più sicuri nei nostri mezzi. Ringrazio il nostro meraviglioso pubblico che ci segue sempre ovunque andiamo, grazie anche a tutta la città di Napoli. La nostra speranza è quella di chiudere il campionato in seconda posizione, perché il primo posto andrà quasi sicuramente alla Juventus. Il silenzio stampa? Finchè i risultati saranno questi andremo avanti così…”

L’attaccante del Pescara, Marco Martini, a fine gara ha detto: “Non ho visto bene l’azione che ha portato al rigore del Napoli, dal campo sembrava che non ci fosse, comunque l’arbitro ha sbagliato a decretarlo con un netto ritardo. Stiamo disputando buone partite, ma non arrivano i punti. Oggi seppur in dieci uomini per quasi tutti la partita, non abbiamo demeritato, peccato che non sia arrivata la rete. Complimenti a Iezzo che si è opposto alla grande su una mia pericolosa conclusione”.

Daniele Delli Carri, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Nell’occasione del rigore è strano che sia stato il guardalinee a decretarlo, anche perché l’arbitro era a pochi passi. Il Pescara ha giocato la miglior partita, forse avremmo meritato di pareggiare. Il Napoli ha molta qualità, e alla fine proprio i giocatori più tecnici sono stati fondamentali. I partenopei saranno fino all’ultimo tra le grandi della serie B, sembra che la squadra di Reja abbia trovato la quadratura giusta. Il campionato di serie B è molto difficile, quest’anno sarà sicuramente di alto livello”.

L’ex centrocampista del Napoli, Carmine Gautieri, ha dichiarato: “Giocare contro il Napoli è sempre un’emozione particolare. Nel breve periodo in cui sono stato all’ombra del Vesuvio ho trovato un grande ambiente, poi mi ha chiamato il Piacenza è sono andato via. Il pareggio sarebbe stato più giusto, ma il Napoli è una grande squadra e sa difendersi bene. Penso che gli azzurri chiuderanno il campionato in prima posizione, però il torneo è lunghissimo. Un bravo a Trotta che a mio avviso è stato il migliore in campo”.

Il tecnico dei biancazzurri, Aldo Ammazzalorso, è deluso per la sconfitta: “Ci dispiace per la sconfitta, abbiamo prodotto tanto, le occasioni le abbiamo avute. Resta un po’ di amaro in bocca. Con un uomo in più il Napoli ha avuto vita facile, speriamo di migliorare la nostra situazione nelle prossime gare”.

L'ex presidente del Pescara Calcio, Pietro Scibilia, intervistato nei giorni scorsi, dall'emittente napoletana Radio Marte, ha dichiarato:
«Spero davvero che il Napoli batta il Pescara all' Adriatico. Non tanto perchè non sono rimasto legato ai tifosi o alla città ma perchè tra le fila dei partenopei ci sono due persone a cui sono molto legato. Innanzitutto Pierpaolo Marino è un mio grandissimo amico, poi Emanuele Calaiò è un mio pupillo a cui sono molto legato. L'ex attaccante dei biancazzurri è stato a suo tempo la mia ennesima scommessa vinta. A chi mi chiede se tornerò nel calcio rispondo che non lo so con certezza ma lo saprete a breve. Prima di rientrare vorrei vedere come si comporteranno i nuovi presidenti che hanno "rubato" il posto ai vecchi. Vorrei tanto vedere le loro capacità prima di prendere una decisione riguardo un mio eventuale rientro al timone di una società professionistica di calcio».
Pescara-Napoli: il tabellino

PESCARA-NAPOLI 0-1 (0-0)


PESCARA (4-4-2): Spadavecchia; Demartis, Olivieri, Delli Carri, De Falco; Rigoni, Papini (37´ s.t. Carozza ), Moscardi (21´ s.t. Aquilanti), Antonelli; Martini, Ferrante (32´ p.t. Zoppetti).In panchina: Tardioli, Gautieri, Felci, Avantaggiato. All. Ammazzalorso.
NAPOLI (3-4-2-1): Iezzo; Cannavaro, Maldonado, Domizzi; Grava, Amodio, Bogliacino, Savini (1´ s.t. Trotta); De Zerbi, Pià (29´ s.t. Sosa); Calaiò (36´ s.t. Montervino). In panchina: Gianello, Giubilato, Gatti, Bucchi. All. Reja.
ARBITRO: Pierpaoli di Firenze.
MARCATORE: Calaiò al 12´ s.t. su rigore.
ESPULSO: al 30´ p.t. Olivieri (P) per gioco scorretto.
AMMONITI: Savini, Martini, Moscardi, Bogliacino, Spadavecchia, Delli Carri, Rigoni.
NOTE: Recupero 2´p.t., 3´s.t.
Spettatori 8.000 circa.

Pescara sotto assedio, tifoso in coma. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 26/11/2006

La città praticamente sotto assedio fin dalla mattinata di Sabato è rimasta blindata fino a tarda serata.
L'incontro tra Pescara e Napoli considerato ad alto rischio ha lasciato i segni che tutti si aspettavano. Oltre 500 tra carabinieri, poliziotti e finanzieri sono scesi in strada in assetto antisommossa per vigilare sullo svolgimento del pre e post partita. Nonostante lo spiegamento di forze, gli incidenti non sono mancati vedendo come teatro di assurdi e deplorevoli scontri la zona a sud dello stadio a Portanuova.
Nel bilancio rientrano numerosi contusi tra tifosi e forza dell'ordine e numerose auto danneggiate di cui quattro bruciate (compresa una volante della polizia). Due i fermati e uno arrestato tra gli ultrà partenopei che i 700 nel pomeriggio sono riusciti persino a sfondare un cordone antisommossa della polizia.
L'episodio piu' grave pero' si è verificato all'interno dello stadio dove un 25enne napoletano è rimasto ferito alla testa mentre si trovava sulle gradinate della Curva sud. Il tifoso è rimasto gravemente ferito alla testa forse per l'esplosione di un petardo ed è stato subito trasportato in ospedale dove i medici gli hanno diagnosticato la frattura dell'osso temporale ed una emorragia cerebrale.
Ora, dopo aver subito un delicato intervento chirurgico alla testa, lo sfortunato 25enne si trova in coma farmacologico. Gli inquirenti stanno cercando di stabilire se il tifoso sia caduto dalla gradinata battendo la testa o se sia stato invece colpito da un grosso petardo.

Sconfitta immeritata SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 25/11/2006

Sconfitta amara per il Pescara che si piega in dieci solo davanti a un rigore dubbio realizzato nella ripresa da Calaiò.
Gara che si gioca davanti a 3.000 tifosi napoletani e con gli ultras del Pescara fuori per protestare contro Paterna invitato a lasciare immediatamente, vista la sua evidente penosa gestione della società.
Stavolta dagli altri settori dello stadio si incita la squadra che non sfigura assolutamente contro la miliardaria squadra partenopea; i biancazzurri (ci piace ancora chiamarli così, anche se oggi sfoggiavano una maglia giallo-canarino e il Napoli una maglia rossa!!!) restano dal primo tempo in 10 per uno stupidissimo fallo a centrocampo di Olivieri che con un’entrata assassina rischia di far male seriamente a D’Agostino del Napoli.
Ammazzalorso richiama Ferrante in panchina che però aveva ben figurato e lascia Martini unica punta, forse avrebbe potuto giocare con un centrocampo a tre lasciando le due punte davanti che sembravano in giornata.
Buoni alcuni interventi di Spadavecchia che capitola solo un rigore contestatissimo trasformato da Calaiò che l’arbitro assegna con colpevole ritardo dopo segnalazione del guardalinee.
La squadra resta viva fino alla fine, ma grazie anche alle parate del portiere campano il meritato pari non arriva: la classifica è sempre più terribile, resta solo evitare di guardarla e sperare di giocare sempre come oggi.

Sono on-line del foto della gara.

Pescara-Napoli, incidenti. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 25/11/2006

Tifosi partenopei senza biglietto tentano forzare ingresso.
Prepartita di Pescara-Napoli caratterizzato da disordini nell'area adiacente la curva sud dello stadio Adriatico, destinata ai tifosi ospiti. Un gruppo di tifosi partenopei sprovvisti di biglietto ha cercato di forzare l'ingresso, provocando la reazione delle forze dell'ordine, che hanno lanciato gas lacrimogeni, uno dei quali e' finito sul terreno di gioco. Gia' nella tarda mattinata c'erano stati lievi disordini e scaramucce tra le due tifoserie.
Circa tremila i tifosi campani giunti a Pescara.

Le nuvole sopra il Pescara SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 24/11/2006

In vista della gara di domani contro il Napoli Aldo Ammazzalorso è alle prese con il modulo e l'undici da schierare contro i partenopei. L'unica punta risultata inefficace e inoffensiva potrebbe lasciare posto al tandem d'attacco Ferrante-Martini con il 4-4-2 in modo da costruire occasioni ed arrivare nei pressi dell’area avversaria.
Dunque il tecnico biancazzurro è alla ricerca di equilibri conscio che nelle condizioni in cui versa il Pescara in classifica non ha senso giocare una gara difensiva. Per il tecnico di Pineto la squadra è pronta sia sul piano fisico che mentale e punterà alla vittoria scacciacrisi. Nel Pescara a due punte potrebbe rientrare dalla panchina il mediano Moscardi da affiancare a Papini per il ruolo di interditori mentre sulle corsie esterne di centrocampo Antonelli e Rigoni. Fuori, come anticipato in settimana, il difensore Gonnella (sciatalgia) sostituito da Olivieri.
Sul fronte societario, invece, si registra l'assoluta indifferenza della società verso la tifoseria organizzata da sempre motore e cuore della squadra.
Ci si poteva attendere in settimana, con la squadra abbandonata dai tifosi e relegato al penultimo posto in clasifica, un ripensamento della politica economica sui biglietti con uno sforzo per portare la gente all’Adriatico. Il necessario abbassamento dei prezzi, utile e doveroso, però non è arrivato e quella di domani contro il Napoli sarà l'ennesima caporetto di una stagione di battaglie perse. Ai dirigenti del Pescara è invece venuto in mente di aumentare i prezzi e di creare il fantastico insuccesso del bigliettone.
La cigliegina sulla torta di una situazione già di per se devastante per i risultati e per la politica della società verso il pubblico arriva da nuvoloni che si addensano sempre piu' minacciosi su via Mazzarino. Queste oscure nubi sarebbero spinte da fattori e situazioni non trascurabili e cioè dalla situazione attuale delle quote e del capitale sociale da ricapitalizzare, dall'attuale situazione dell’"Euro" di Mosciano Sant’Angelo di Dante Paterna, dal rapporto che lega Chichella al Pescara e per finire dai funzionari della Covisoc in visita di controllo alla sede della società. Naturalmente sull'indifferenza delle istituzioni e degli imprenditori locali per il Pescara Calcio non puo' piu' parlarsi di nubi ma di tempesta.
Dalla parte opposta, economicamente e in classifica cè il Napoli lanciato in A che farà tappa e tiro a segno domani a Pescara per il 13imo turno di serie B.
Il tecnico Edi Reya, per la trasferta abruzzese, recupera il fantasista De Zerbi che potrebbe schierarsi alle spalle di Calaio' in tandem con Ignacio Pià.
Visti i vecchi veleni che hanno diviso le due tifoserie, la squadra partenopea, che doveva arrivare oggi e alloggiare presso l’Hotel Carlton, su disposizioni della Questura di Pescara, ha dovuto scegliere una sistemazione alternativa sufficientemente lontana dalla città adriatica per questioni di ordine pubblico.
La gara sarà diretta da Nicola Pierpaoli della sezione di Firenze (ha diretto i biancazzurri a Cesena). Sarà assistito da Grilli di Gubbio (PG) e Bianchi di Lucca, IV° uomo Prato di Lecce.
Per finire segnaliamo che Andrea Camplone, attuale allenatore del Lanciano ed ex biancazzurro, è stato colto da un malore in settimana. Per qualche giorno, dovrà stare a riposo, lontano dalla squadra. Dopo i primi accertamenti è stato trasferito all'ospedale di Pescara, in Cardiologia. Domenica non andrà in panchina e tutti noi gli facciamo i migliori auguri per una pronta guarigione.

Dichiarazioni:
Bignone, d.s. del Pescara, sull'arrivo del Napoli dice:"Ci aspettiamo molti supporters del Napoli, infatti un'intera curva e' stata messa loro a disposizione. Speriamo di giocare una buona gara per superare il nostro momento no. Sappiamo, pero', che il Napoli e' una delle favorite del campionato e sara' dura. Ci preme far punti per raggiungere la salvezza. Nel calcio italiano il Napoli in serie A e' una speranza di molti. E con l'attacco di cui dispone non e' un sogno raggiungere questo obiettivo." Il cammino verso la salvezza? Con 42 punti ci potremmo salvare, facendo un punto a partita. Dovremmo fare 5 punti ogni sette gare, è un impresa e bisogna crederci. Il nostro ambiente al momento è deluso dal Pescara, mi auguro una prova d' orgoglio dai ragazzi. Il gioco del Napoli? E' difficile avere obiettivi ambiziosi e sviluppare un gioco spettacolare. E' una priorità del calcio italiano che il Napoli torni in A e adesso è importante essere solidi e cinici. Con l' attacco che ha il Napoli ciò è possibile".
Il direttore generale del Napoli Pierpaolo Marino, sulla trasferta pescarese dice: "adesso sarebbe un peccato se tutto venisse vanificato nella trasferta di Pescara da cui bisognerà uscire con il sorriso sulle labbra per aver conquistato una vittoria. Quest'ultimo pensiero è quello che si augurano tutti i tifosi partenopei, perché dopo tanti anni, stare in vetta al campionato di B è davvero affascinante. Per il momento ci si accontenta della prima posizione tra i cadetti, ma si sa che l'obiettivo è quello di volare nell'elitè del calcio, ma ogni cosa va fatta gradualmente".
Marino rimane fermo sul'idea che bisogna guardare soltanto a non perdere posizioni per la zona play off, e dichiara: "Nonostante la vetta, il nostro obiettivo resta quello di centrare i play off per poi sperare in qualcosa di importante. In questo momento guardare la classifica è pressoché inutile, perché ho sempre detto e lo ribadisco ancora che il campionato solo nei mesi di febbraio e aprile incomincerà a prendere una fisionomia ben precisa".
Prosegue, il dg partenopeo: "Sarebbe un errore imperdonabile pensare di andare a Pescara a dettare legge. Dovremo andare lì con calma e pensare che una vittoria potrà risultare fondamentale. La squadra di Amazzalorso, nonostante sia posizionata male in classifica, non si arrende facilmente, poi soprattutto contro di noi che in un certo qual senso siamo la squadra da battere, faranno il possibile per fare bella figura. Voglio precisare che un pareggio in quel di Pescara non sarebbe poi un risultato da buttare via, visto che un punto in trasferta è sempre un qualcosa di positivo".

Analisi, dichiarazioni e moduli SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 21/11/2006

E’ senz’altro presto per arrendersi ma certo è difficile guardare al futuro con un pizzico di ottimismo.
Dopo dodici giornate il Pescara è quota 4 punti in classifica e deve ancora vincere la prima partita e, quel che è peggio, non ha mai offerto una prestazione del tutto convincente.
Nonostante questo, la società continua a ignorare la gravità della situazione, e portando il biglietto della curva Nord Marco Mazza a 16,50 euro, continua a far terra bruciata attorno a se e alla squadra.
I biancazzurri sono reduci dall'ennesima pesante sconfitta di Trieste, gara oltretutto finita in rissa tra i giocatori. Al fischio finale dell’arbitro Lena, infatti, tra alcuni giocatori sono volati insulti, spintoni, e qualche pugno.
Dopo la gara di ritorno dello scorso anno finita "male" alcuni giocatori avevano ancora conti aperti da sistemare. Così tra tutti il difensore Stefano Olivieri ha rimediato un pugno in faccia da Ruopolo. La bagarre continuata anche al rientro negli spogliatoi potrebbe portare a pesanti sanzioni da parte del Giudice Sportivo che si pronuncerà in settimana avvalendosi anche della prova televisiva. Staremo a vedere.
In questa situazione devastante e deludente, per noi tifosi, si apre l'ennesima piaga nello stomaco. Avversario di turno, sabato prossimo all'Adriatico, è il Napoli degli ex Reja e Calaiò seguito da un pubblico caldo e numeroso che a Pescara troverà uno stadio alla resa finale la cui società per invogliare i tifosi a sostenere la squadra ha aumentato i prezzi della curva.
Il Napoli lanciatissimo verso la promozione diretta in serie A è attualmente in testa alla classifica cadetta con 22 punti e reduce dalla vittoria di misura contro il Bologna. I partenopei a Pescara cercheranno di non perdere la gara con Piacenza e Juventus per il primato in classifica passando piu' velocemente possibile su un Pescara caratterialmente inesistente.
Il problema principale del Pescara è infatti nella testa e nelle gambe ed è qui che bisogna lavorare per provare a guarire secondo Ammazzalorso.
Secondo il tecnico, infatti, la squadra sta facendo importanti passi avanti che meriterebbero di ottenere riscontri sul campo attraverso risultati positivi sia per il morale sia per la classifica e, aggiunge il tecnico biancazzurro, "Sono convinto al 110% della nostra permanenza in serie B!".
Sull'arrivo del Napoli, avversario quantomeno inadatto alla situazione pescarese, Ammazzalorso dice: “E' una squadra che gioca con cinque difensori, due centrocampisti e due attaccanti concedendo poco spettacolo ma con un rendimento costante ed elevato”.
Dunque per il Pescara si profila la consueta prova "da ultima spiaggia" da intentare con carattere e determinazione e soprattutto cercando di colmare anche le lacune lasciate da indisponibili e infortunati. Al momento, per cercare di arginare i partenopei, Ammazzalorso dovrà fare a meno dei due terzini Gimenez e Vicentini, l'attaccante Paponetti (convalescente), il terzo portiere Amadio (infortunio mano sinistra), e Luci (squalificato). Ha ripreso, invece, ad allenarsi con lavoro differenziato Gonnella mentre Tardioli e Moscardi sembrano essere tornati in condizione e pronti per l'impiego. Con il Napoli il Pescara non potrà fare altro che affidarsi a quelli che sembrano poter dare vita alla squadra e cioè Martini, Carozza e Antonelli modificando forse anche il 5-4-1 che non sembra dare buoni risultati.
Dopo gli esperimenti falliti e i risultati deludenti di Ballardini anche Ammazzalorso ammette il fallimento del centrocampo a cinque. La scelta dei 5 centrocampisti doveva dare maggior sicurezza alla squadra e aiutarla a coprire meglio gli spazi soprattutto nella zona mediana ma il modulo 4-5-1 ha funzionato in parte solo a La Spezia. A Trieste il Pescara ha cominciato a giocare solo quando è tornato al 4-4-2 inserendo martini al fianco di Marco Ferrante. Tornando al 4-4-2 il tecnico potrebbe di conseguenza cambiare uno dei due esterni, apportare novità nella zona mediana ma non cambiare nulla sulle scelte in avanti dove Ferrante sembra rimanere intoccabile.
Il tecnico Biancazzurro ritorna a parlare proprio dell'ex bomber granata: «Ferrante è troppo importante per noi. Dobbiamo trovare il modo migliore per farlo esprimere bene. Lui ci sta mettendo tutto l’impegno. ma a Trieste nel primo tempo non siamo mai riusciti a servirlo a dovere. nella ripresa, grazie al movimento di martini e alle sovrapposizioni sulle fasce laterali, si è rivisto il bomber di razza che tutti aspettiamo. Gli è mancato il gol ma ha concluso a rete tre volte pericolosamente. Credo che torneremo alle due punte, magari cercando equilibri diversi a centrocampo».
Sempre Ammazzalorso così su Olivieri: “Si è comportato bene nonostante per natura sia propenso a seguire l’uomo mentre il nostro gioco è più indicato a tenere in vista la linea della palla”.
Dalla squadra arrivano infine le dichiarazioni di capitan Delli Carri e Del già nominato Ferrante sull'attuale situazione della squadra.
Delli Carri, nonostante tutto, prova a dare segno di tenacia: «Mollare? rassegnarci? Non scherziamo. Da qui a giugno la strada è lunghissima e molte cose possono cambiare. Siamo consapevoli di vivere un momento difficile, ma sappiamo anche di potercela fare a raggiungere la salvezza. ma dobbiamo lavorare tantissimo sui particolari, sui dettagli, e tenere sempre altissima la concentrazione. Dobbiamo evitare assolutamente di prendere gol come quelli subiti contro la Triestina. Il Napoli? E’ una squadra forte, molto forte. ma ce la giochiamo e non sarà affatto una partita scontata. In questo campionato soltanto la Juve è fuori portata. Contro le altre, abbiamo le nostre chances di fare risultato».
Per Marco Ferrante, invece, è tutta una questione mentale: «C’è un problema evidente di approccio mentale alla gara. Anche a Trieste abbiamo dovuto aspettare di andare sotto nel punteggio per reagire. Ma quando lo abbiamo fatto, abbiamo anche dimostrato di essere in grado di esprimere un buon calcio, propositivo. Per questo dobbiamo continuare a lavorare, convinti che prima o poi il vento cambierà. In questo momento non siamo nemmeno fortunati, e in questa situazione tocca soprattutto a noi anziani prenderci responsabilità importanti, e magari anche guidare i nostri compagni più giovani. Il campionato è lungo. Vi consiglio di non darci per morti...».

UN SOLO RIMEDIO SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 18/11/2006

Dopo l’ennesima prestazione scadente di Trieste, ci sentiamo di esternare tutta la nostra RABBIA nei confronti di queste continue umiliazioni che noi tifosi subiamo settimanalmente e non solo, visto che c’è chi, “arrampicandosi sugli specchi” (ormai i commenti di certi personaggi iniziano a essere patetici), cerca di difendere in tutti i modi l’operato della società che è palesemente scadente: non siamo noi a dirlo, ma purtroppo è la realtà dei fatti.
Si continua invece a parlare ancora di questioni tecnico/tattiche di una squadra che si sta rivelando ancor più scarsa di quanto ampiamente previsto dai soli tifosi (chissà perché gli addetti ai lavori che fanno questo di mestiere non se ne siano accorti e ora, dopo aver denigrato i tifosi, sembrano spariti nel nulla…), ma nessuno o quasi va al cuore del problema.
Infatti l’unico rimedio possibile che vediamo per cercare di salvare il NOSTRO Pescara, è quello che chiedono i tifosi: CAMBIARE QUESTA SOCIETA’ che non e’ piu’ riconosciuta tale dalla piazza.
Quello che vorremmo è che si unissero tutte le forze per raggiungere questo obiettivo per ripartire il prossimo anno con una dirigenza seria, che sappia programmare il futuro (non pretendiamo che programmi bene, ma almeno che ci provi) facendo così tornare anche la gente allo stadio, perché i tifosi vogliono semplicemente questo: non importa la categoria nella quale saremo, ma l’importante sarà esserci con dignità.
Il calcio pescarese è (era) rimasto l’unico sport professionistico di un certo livello dell’intera regione e quindi pretendiamo che si faccia qualcosa per non farlo scomparire come avvenuto per tutti gli altri sport, coinvolgendo politici, imprenditori, etc; noi nel nostro piccolo stiamo cercando di farlo, ma c’è chi invece continua a fare lo struzzo parlando di tattiche, schemi, etc…
Probabilmente però questo resterà un sogno, perché sono talmente tanti gli interrogativi che la tifoseria si chiede da tempo e che intenzionalmente non vengono affrontati, (vedi la ns news “PERCHE’?” del 8/11) che sarà dura pensare in un improvviso cambiamento.
Intanto, a meno di miracoli, ci prepariamo ad altri 7 mesi di umiliazioni sul campo rischiando di battere tutti i record negativi possibili.


Triestina-Pescara 2-1 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 18/11/2006

Nell'anticipo della 12/a giornata del campionato di serie B, la Triestina batte il Pescara 2-1 e raggiunge Napoli e Bologna al 4/o posto.
La Triestina ritrova quel successo mancante al Nereo Rocco dal 9 settembre e raggiunge nei quartieri alti Bologna e Napoli a quota 19. Fermo al palo il Pescara ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale perduto in una grave crisi che sembra ormai insanabile.
La gara si apre con gli alabardati determinati a raccoglere i tre punti e sin dai primi minuti della gara quando la squadra di Agostinelli e' stata padrone del campo. Pur senza imprimere un ritmo eccessivo all'incontro, la Triestina ha praticamente disegnato il proprio baricentro sulla trequarti avversaria. Al 32' Pesaresi (ex biancazzurro) porta in vantaggio i padroni di casa.
Nella ripresa il Pescara trova una buona reazione e Ammazzalorso passa al 4-4-2 con gli inserimenti di Martini e Gautieri.
Scelta felice, per il tecnico biancazzurro, che frutta al 47' il pareggio di Martini che ribatte in rete una respinta di Rossi. A meta' ripresa, pero', la Triestina al 64' trova l'acuto grazie a una palla in profondita' di Allegretti per Piovaccari che, a tu per tu con Spadavecchia, non fallisce il colpo.
Al 72' traversa del Pescara con Ferrante. Abruzzesi in 10 dall'89' dopo l'espulsione di Luci. Nervosismo nel finale.
La classifica per il Pescara diventa francamente pesante e da' la sensazione di essere una squadra in balia del mare. A termine gara il tecnico Ammazzalorso non puo' far altro che esprimere il suo rammarico per la sconfitta: `Dobbiamo concentrarci sul lavoro`. Così il tecnico biancazzurro: `Il gol del pareggio poteva cambiare faccia alla partita. Nel primo tempo non riuscivamo a sfondare, poi abbiamo cambiato ed e` andata meglio. Nonostante questo potevamo evitare di prendere il primo gol, dovevamo uscire prima per chiudere. Nella seconda frazione ci abbiamo messo molta piu` dedizione, siamo arrivati piu` decisi sulla palla, con l`innesto di Martini siamo andati meglio. Ora, il Pescara si deve concentrare solo sul proprio lavoro settimanale per migliorarsi ancora. Abbiamo molti giovani che peccano di inesperienza. Si vede che la squadra non vuol mollare. Purtroppo nemmeno stavolta siamo riusciti a fare risultato`.
Il tabellino dellla gara: TRIESTINA - PESCARA 2-1 TRIESTINA: G. Rossi, Pivotto, Kiriazis, Mignani, Pesaresi, Allegretti , Gorgone, Testini , Marchini, Piovaccari ( 41 ' st Ruopolo) , Graffiedi (46' st Abruzzese) All. A. Agostinelli PESCARA: Spadavecchia, De Falco, Delli Carri, Olivieri, De Martis, Antonelli, Carrozza ( 1' st Martini), Papini, Luci, Rigoni ( 1' st Gautieri), Ferrante All. A. Ammazzalorso Marcatori:33' PESARESI, 47' MARTINI, 64' PIOVACCARI Arbitro: Lena di Ciampino Ammoniti: Pivotto, Mignani, Graffiedi (T), Antonelli, Olivieri, Delli Carri, Luci (P) Espulso: al 44' st Luci (P) per doppia ammonizione

CAF: confermato il -1 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 17/11/2006

La CAF ha confermato la penalizzazione di 1 punto alla Pescara Calcio e l'inibizione di 6 mesi a Paterna, dichiarando INAMISSIBILI i ricorsi presentati dai legali biancazzurri.
Ringraziamo anche di questo chi gestisce la NOSTRA squadra nel suo 70esimo anniversario!

Convocati e ultime news SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 17/11/2006

L'anticipo televisivo di questa sera Triestina-Pescara (20.45 SkY) sarà diretta da Fabrizio Lena della sezione di Ciampino (RM). Sarà assistito da Maggiani di La Spezia e Bernardoni di Modena, IV° ufficiale Tramontina di Udine.
Il tecnico biancazzurro Ammazzalorso, privo di Tardioli, Gonnella, Gimenez, Vicentini e Paponetti convoca 18 giocatori: Portieri: Spadavecchia e Di Girolamo;
Difensori: Aquilanti, Olivieri, Zoppetti, Delli Carri, Demartis;
Centrocampisti: Felci, Antonelli, Luci, Carozza, De Falco, Gautieri, Moscardi, Papini e Rigoni; Attaccanti: Ferrante e Martini.
In Friuli, al Nereo Rocco, ci saranno 23 sostenitori pescaresi a seguire la squadra.
Nella Triestina dopo la vittoria esterna di Verona si punta a tornare al successo casalingo che manca dalla prima giornata del 9 Settembre con il Frosinone.
Nessun problema di formazione per gli alabardati che vivono un momento di grande entusiasmo che porterà sicuramente un gran numero di sostenitori locali al Nereo Rocco. Per la sfida con il Pescara Agostinelli ha solo problemi di abbondanza soprattutto in attacco.
Il mister anconetano dovrebbe confermare la formazione iniziale di Verona con la coppia offensiva Graffiedi - Piovaccari. Assente Kalambay contro gli abruzzesi rientra a disposizione Ruopolo. Unico assente nella Triestina è Lima per squalifica, sostituito da Kiriazis.

La trasferta a Trieste. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/11/2006

Venerdì 17 Novembre per l'anticipo della 12a giornata di B il Pescara affronterà la Triestina al Nereo Rocco.
La triestina del presidente Stefano Fantinel, partita come il Pescara con un punto di penalizzazione, si trova attualmente a quota 16 punti in campionato.
Gli alabartati guidati dal tecnico anconetano Andrea Agostinelli (ex Napoli, Piacenza, Crotone) sono reduci da un importante vittoria in trasferta contro il Verona guadagnbata grazie all rete segnata da Piovaccari. Agostinelli, che gioca con un modulo 4-3-3, ha appena recuperato in difesa un ex biancazzurro Emanuele Pesaresi ma per squalifica non avrà a disposizione l'altro difensore dell' Andorra Ildefons Lima. In ogni caso la Triestina vanta la seconda miglior difesa della serie B ed è in serie positiva da otto giornate.
Sulla sponda biancazzurra invece, quella che forse è la peggiore difesa della cadetteria è falcidiata dagli infortuni. Alla ripresa degli allenamenti per la trasferta, Ammazzalorso si trova a dover fare i conti con i problemi fisici di Delli Carri, Gonnella e Tardioli.
Delli carri (affaticamento) dopo un breve stop ha ripreso ad allenarsi mentre per il difensore centrale Gonnella assenza forzata per un risentimento gamba sinistra. Il portiere Michele Tardioli ha accusato un problema di natura muscolare. Accertamenti medici approfonditi in agenda. Ancora fermi e indisponibili Vicentini, Gimenez e Paponetti (che ha comunque ripreso a svolgere attività fisica).
Per il Pescara contro la Triestina rientra Zoppetti, che ha scontato il turno di squalifica, Probabile conferma di De Falco terzino e Carozza come centrocampista centrale davanti alla difesa.
Ammazzalorso che spera di rilanciare a Trieste Marco Ferrante (lasciando Martini in panca) cerca intanto di spronare la squadra: «Alla squadra oggi l’ho detto chiaramente. E’ arrivato il momento di cambiare passo: voglio almeno quattro punti nelle prossime due gare contro Triestina e Napoli. E ce li dobbiamo prendere, con le buone o con le cattive. Non possiamo cullarci aspettando il mercato di gennaio. Dobbiamo fare punti adesso. Quello che succederà alla riapertura del mercato, per il momento non mi interessa».
Per le consuete statistiche ricordiamo che i due confronti della passata stagione tra Pescara e Triestina si conclusero con un successo a testa, all'Andata larga vittoria del Pescara all'Adriatico per 5-1 con gol di Jadid e quattro reti di Matteini dopo la rete iniziale di Esposito per gli alabardati mentre al Ritorno vittoria degli uomini di Agostinelli 2-0 con doppietta di Eliakwu nel secondo tempo.
Decimo incontro a Trieste fra le due squadre, tutti in serie B con il primo nella stagione 1983/1984 con vittoria della Triestina 3-2.
Ex di turno: Emanuele Pesaresi, Giorgio Gorgone (Triestina), Marco Rigoni (Pescara).

Juventus - Pescara 2-0 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 12/11/2006

L'ex pallone d'oro, Pavel Nedved trascina la Juventus al non successo in cadetteria per 2-0 contro il Pescara dei record (negativi).
Allo stadio Olimpico di Torino, nell'undicesima giornata di B, il Pescara scende in campo con Martini al posto di Ferrante, De Falco come terzino e Tradioli tra i pali. Il 4-5-1 di Ammazzalorso in inizio di gara sembra tenere bene l'armata bianconera e i biancazzurri al 5’pt riescono ad andare subito al tiro con Martini, ma la sfera finisce al lato della porta difesa da Buffon.
La partita nei primi 15’ sembra equilibrata, il Pescara contiene bene i padroni di casa grazie al centrocampo ben schierato in campo. Manca tuttavia, nei biancazzurri, la giusta mentalità. La squadra sembra essere piu' impegnata a non fare brutta figura che a fare gioco.
Al 18’ arriva il gol della Juve. Il Pescara perde palla per un errore di passaggio proprio a centrocampo e Camoranesi verticalizza e pesca Nedved in prossimità dell'area biancazzurra. Il Ceco, favorito da un rimpallo, riesce a coordinarsi e con un gran destro da fuori area batte Tardioli.
Nonostante lo svantaggio il Pescara non reagisce e non riesce a farsi pericoloso, lasciando invece moltissimi spazi alla Juve soprattutto sulla fascia destra dove Camoranesi appare incontenibile e serve tantissimi palloni alle punte.
Al 23’ Del Piero e` costretto a chiedere il cambio per un problema muscolare alla coscia sinistra; al suo posto entra Bojinov. Al 44’ Trezeguet ha l`opportunita` di raddoppiare prima della fine del primo tempo, ma il suo tentativo finisce alto sulla traversa.
La ripresa e` la fotocopia del primo tempo: la Juve appare sempre piu` padrona del campo mentre il Pescara non riesce a trovare varchi in attacco e ad arrivare al tiro. Al 56’ arriva il raddoppio per la Juve ancora con Nedved che servito da Zanetti supera Tardioli con un gran tiro da fuori area.
Amazzalorso inserisce Ferrante (fischiatissimo dal Comunale) e Gautieri per ravvivare l’attacco abruzzese, ma neanche questi innesti riescono a cambiare le sorti dell’incontro e alla fine la Juve conquista tre punti preziosissimi per la classifica.
Il Pescara rimane piantato a quota 4 punti e vede dal basso della classifica il buio della retrocessione. Il Crotone, vittorioso 3-0 sul Modeva, si allontana a quota 9 dal Pescara.
Al termine della gara Ammazzalorso si dice soddisfatto nonostante la sconfitta: "La squadra ci ha creduto fino alla fine". Per il tecnico biancazurro il Pescara ha disputato una partita dignitosa e ci ha creduto fino alla fine: "Forse ci voleva un po’ piu` di peso davanti, pero` abbiamo avuto idee giuste sia nel creare azioni pericolose sia nel difendere. Giudico positive le prestazioni di chi e` entrato nella ripresa, in particolare Ferrante e Gautieri. Questa partita deve essere un trampolino di lancio in prospettiva delle prossime gare".
Musica diversa da parte bianconera. Didier Deschamps, anche se la vittoria della Juve sul Pescara appariva scontata, e' soddisfatto per il gioco della squadra. "Sono giornate che possono diventare difficili, come era successo con il Frosinone, se non si sbloccano presto - spiega Deschamps - Sono orgoglioso che la mia squadra abbia fatto 29 punti in 11 partite, anche se la penalita' dice che siamo solo a quota 20. E' davvero una bella impresa che deve stimolare i ragazzi a continuare cosi".
Il Tabellino della partita:
Juventus-Pescara 2-0:
Juventus (4-4-2): Buffon; Birindelli (31'st Zebina), Kovac, Chiellini, Balzaretti; Camoranesi, Paro, Zanetti, Nedved (38'st Guzman); Del Piero (23'pt Bojinov), Trezeguet. A disp: Mirante, Marchisio, Palladino, De Ceglie. All: Deschamps.
Pescara (4-5-1): Tardioli; De Martis, Gonnella (21'st Olivieri), Delli Carri, De Falco; Antonelli, Carozza, Luci, Papini (11'st Ferrante); Rigoni; Martini (16'st Gautieri). A disp: Spadavecchia, Aquilani, Felci, Moscardi. All: Ammazzalorso.
Arbitro: Ciampi.
Marcatori: 17' pt e 11' st Nedved. Ammoniti: De Falco, Zanetti.

Oggi Juventus-Pescara SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 11/11/2006

A Torino Non ci saranno Vicentini, Gimenez (problemi al ginocchio destro) e Zoppetti che, come previsto, dopo l'espulsione di sabato con il Treviso, sconta un turno di squalifica. (nella Juve, invece, non ci sarà nessuno squalificato).
Ci saranno invece Delli Carri e l’attaccante Ferrante. Possibile, l'esordio in porta di Tardioli e l'impiego di De Falco come terzino difensivo. In Attacco Ferrante potrebbe lasciare il posto a Martini. Modulo 4-5-1 con elasticità al 4-3-3 per Ammazzalorso.
Ecco i 18 in partenza per Torino convocati da Amazzalorso:
Portieri: Spadavecchia e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Olivieri, Gonnella, Delli Carri, Demartis;
Centrocampisti: Felci, Antonelli, Luci, Carozza, De Falco, Gautieri, Moscardi, Papini e Rigoni;
Attaccanti: Ferrante e Martini.
Nella Juve, in emergenza infortuni, contro il Pescara non ci sarà sicuramente il difensore Legrottaglie per una lussazione alla spalla e Giannichedda. Altro sicuro assente è Zalayeta che si è fatto male a Napoli.
Rientrano invece Zanetti (scontato la squalifica) Kovac, Nedved e Trezeguet. Questi i convocati di Deschamps: 1 Buffon, 2 Birindelli, 3 Chiellini, 4 Kovac, 6 Zanetti, 9 Bojinov, 10 Del Piero, 11 Nedved, 12 Mirante, 14 Balzaretti, 15 Marchisio, 16 Camoranesi, 17 Trezeguet, 19 Paro, 20 Palladino, 23 Guzman, 27 Zebina, 29 De Ceglie.
Per Deschamps la sfida contro il Pescara, è da affrontare con la stessa mentalità delle ultime partite: “Non sarà facile, il contesto è diverso e il rischio di perdere la concentrazione c’è sempre; conoscendo la nostra forza i giocatori potrebbero pensare di riuscire comunque, prima o poi, a sbloccare il risultato e questo sarebbe un errore. Contro il Frosinone, ad esempio, abbiamo rischiato, perché eravamo lenti e prevedibili, mentre loro erano concentrati e aggressivi e in questo modo lasci più speranze all’avversario. Ecco perché è importante preparare bene queste partite, anche perché ci sono comunque tre punti in palio. Il Pescara viene da due risultati positivi, nell’ultima partita ha recuperato un punto nel finale, partendo da uno svantaggio di 2-0 e dimostrando carattere. In classifica è un po’ indietro, ma è in ogni caso un avversario da rispettare e metterà in campo grande agonismo”.
La partita sarà diretta da Maurizio Ciampi di Roma. Sarà assistito da Cini di Firenze e Bianchi di Lucca. IV° ufficiale e Meli di Parma.
Per finire segnaliamo che il Consiglio di Lega ha comunicato le date e gli orari delle ultime due giornate del 2006 del campionato di serie B.
Tutte le gare della 17/a giornata verranno disputate martedì 19 dicembre alle 20.30 senza posticipi al mercoledì, mentre tutte le gare della 18/a giornata verranno disputate venerdì 22 dicembre alle 20.30 senza posticipi al sabato.

 

PERCHE' ? SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 8/11/2006

È un po’ di tempo che ci poniamo degli interrogativi su certi atteggiamenti della stampa che segue le sorti della Pescara Calcio.
La società nel suo 70° anniversario sta attraversando uno dei momenti peggiori (se non il peggiore) causato da una gestione “discutibile” (o forse il contrario, vista la gallina (il delfino) dalle uova d’oro…) e con risultati tecnici pessimi, dato che negli ultimi 6 anni ha collezionato ben 3 retrocessioni.

In una situazione del genere in cui ormai lo stadio è stato abbandonato da tutti, quei pochi presenti sono in sciopero e la squadra ha un rendimento pietoso visto che già da settembre è a forte rischio di retrocessione in serie C, la maggior parte degli organi di stampa fa quasi finta di niente continuando a disquisire su questioni tattiche, moduli, etc e bastonando la tifoseria che sta diventando (ad arte?) quasi il capro espiatorio di questa situazione.
La nord Marco Mazza sta attuando una contestazione che nessuno si aspettava, privo di violenza, che forse sta dando fastidio a qualcuno e che sta dando anche i suoi frutti visto che ora si invoca il ritorno della tifoseria organizzata: questa è l’unica medicina per salvare il malato Pescara, se poi non lo si vuol capire, ma anzi viene denigrato questo atteggiamento… ognuno è libero di pensare ciò che crede.

A questo punto ci poniamo una serie di interrogativi che vorremmo che fossero raccolti da qualche organo di informazione visto che finora non è stato fatto nulla e visto che sono molti degli interrogativi che la maggior parte dei tifosi si pone;
ci chiediamo infatti:

- Perché Paterna ha acquistato la società se poi non ha tante risorse finanziarie per poter investire su tale società? Tra l’altro non è né di Pescara e nè era tifoso del Pescara…..
- Perché non si è mai fatta un’inchiesta giornalistica sui conti del Pescara soprattutto in questi ultimi due anni? Basterebbe fare una semplice sottrazione tra quanto si è Incassato (tutti gli introiti derivati dalle tantissime cessioni di calciatori, diritti Tv, Lega, sponsor, amici del Pescara, etc) e quanto si è Speso per sapere quant’è l’Attivo (presumiamo infatti che i ricavi siano moooolto di più dei costi)
- Perché nessuno si è mai chiesto se può esserci una similitudine fra la Sambenedettese di Paterna (che aveva al suo fianco Dossena) poi fallita e l’attuale Pescara di Paterna (con sempre al suo fianco Dossena)?
- Perché non si conosce il reale valore della società per eventuali acquirenti?
- Perché la società ha sempre parlato di programmazione, ma anche quest’anno la squadra è stata allestita il 31 agosto con pochi spiccioli non salvando nulla del progetto tecnico avviato con successo lo scorso anno?
- Perché la società ha dichiarato che uno degli obiettivi era riportare gente allo stadio (sono invece riusciti addirittura a peggiorare la situazione) se poi: A) l’abbonamento di quest’anno è più costoso dell’anno scorso e con una gara in meno; B) il famoso Bigliettone nasconde l’aumento dei prezzi per la gara col Napoli con la Nord a ben € 16,50;
- Perché Paterna prima dice che gli introiti derivanti dai biglietti non valgono nulla nel calcio di oggi, ma poi per rinforzare la squadra a gennaio dice che dipenderà dagli incassi delle prossime partite?
- Perché l’Albinoleffe senza pubblico riesce a fare campionati più che dignitosi e permettersi un signor allenatore come Mondonico e noi no?
- Perché il Pescara è la squadra con gli ingaggi più bassi della categoria? Come faranno le altre società visto che i presidenti di serie B non sono tutti Paperon de Paperoni…
- Perché la squadra sono due anni che non inizia la stagione con la maglia biancazzurra? Addirittura quest’anno arriveranno forse a gennaio e nel frattempo i colori sociali sono diventati Blu royal e la tuta dell’allenatore è rossoblu!!!
- Perché “l’abbattimento del capitale sociale” tra Paterna e Cichella è stato fatto a giugno, ma si è saputo quasi casualmente solo a ottobre?
- Perché Paterna è stato 1 mese in Argentina per oltre un mese con la squadra ultima in classifica, senza allenatore e senza società?
- Perché Paterna deve investire i soldi nei vivai in Argentina e non lo fa invece nel settore giovanile pescarese che finora ha tenuto in piedi la baracca grazie alla vendita ogni anno dei pezzi migliori?

Non chiediamo ci venga data risposta a questi perché, ma ci chiediamo invece il perché nessuno si sia mai posto questi interrogativi: ci saranno mica “conflitti di interesse”?

Sabato Juventus-Pescara SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 7/11/2006

Dopo il pareggio casalingo con il Treviso il Pescara, sabato nella 11^ giornata, va a far visita alla Juventus.
La Juve, dopo il pareggio di Napoli, torna all’Olimpico con l’intenzione di riprendere la scalata alla vetta della classifica. il Pescara, attualmente terzultimo, è ancora alla caccia della prima vittoria in questo campionato, con un punto di penalizzazione, e una valanga di problemi. Nella partita di Torino saranno tanti quelli che in qualche modo sono legati alla Juventus. Primo fra tutti Ferrante che con il Torino è stato protagonista di accesissimi derby al Comunale (in forse per la gara). Poi, tra gli altri ci sono Rigoni e Luci, che hanno trascorsi in bianconero e Delli Carri, altro ex granata.
Facile immaginare il copione della gara: il Pescara cercherà di concedere meno spazi possibile ai bianconeri, per poi provare a colpire in contropiede. La Juventus tenterà di far sua la partita il prima possibile, forte anche del fattore campo che sinora è stato determinante: all’Olimpico infatti i bianconeri hanno sempre vinto e anche sabato ci sono tutte le intenzioni e le possibilità di continuare a farlo.
Per i biancazzurri, alla ripresa degli allenamenti, in preparazione della trasferta di torino, spiccano le notizie riguardanti Ferrante, Gimenez e Capitan Delli Carri.
Marco Ferrante, che ha avuto un lungo colloquio con il tecnico Ammazzalorso, accusa un fastidio al piede ed è rimasto a riposo per precauzione. In molti avanzano l'ipotesi di una sua rottura con lo spogliatoio. Un caso Ferrante? vedremo.
Per Delli Carri, la botta rimadiata nel finale della gara con il Treviso al piede destro ha portato solo una lieve distorsione alla caviglia e in teoria il giocatore potrebbe anche essere a disposizione contro la Juve.
Per Gimenez, invece, problemi a un ginocchio e accertamenti più approfonditi in vista. Non sarà della tasferta.
Da segnalare intanto che la Juventus ha inviato al Pescara una serie dei palloni con i quali si giocherà la gara di domenica. Si tratta di palloni leggermente diversi da quelli utilizzati dagli altri club di serie B e i bianconeri vogliono dare la possibilità agli avversari di allenarsi con i palloni utilizzati al comunale.
I precedenti Juventus Pescara:
La partita non ha precedenti nel campionato cadetto e rappresenta un precedente storico per entrambe le formazioni.
La partita Juventus-Pescara ha 5 precedenti, tutte in serie A, e vede la Juve a quota 4 vittorie contro una dei biancazzurri. La stessa partita a Pescara ha 5 precedenti e vede due vittorie dei bianconeri due pareggi e una vittoria del Pescara.
L'ultima vittoria della Juventus in campionato contro il Pescara risale al 17.01.1993 (Serie A 1992/93 – 16 ^ giornata) con JUVENTUS – PESCARA 2-1; Marcatori: 11° Baggio, 19° Ferretti, 79° Baggio.
L'ultimo pareggio risale al 05.02.1989 (Serie A 1988/89 – 16^ giornata) con JUVENTUS – PESCARA 1-1; Marcatori: 43° Tita, 49° Rui Barros.
Ricordiamo, per i nostalgici, che il 30.05.1993 (serie A 1992-1993 - 16^ giornata rit) la Juve di Trapattoni perse allo stadio adriatico per 5 a 1.
Sulla panchina biancazzurra, sedeva Zucchini al posto dell'esonerato Galeone. Marcatori: 0-1 Ravanelli, 1-1 Allegri rigore, 2-1 Borgonovo, 3-1 Carrera M. autorete, 4-1 Martorella, 5-1 Palladini.
Bei tempi.

Sabato Juventus-Pescara SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 7/11/2006

Dopo il pareggio casalingo con il Treviso il Pescara, sabato nella 11^ giornata, va a far visita alla Juventus.
La Juve, dopo il pareggio di Napoli, torna all’Olimpico con l’intenzione di riprendere la scalata alla vetta della classifica. il Pescara, attualmente terzultimo, è ancora alla caccia della prima vittoria in questo campionato, con un punto di penalizzazione, e una valanga di problemi. Nella partita di Torino saranno tanti quelli che in qualche modo sono legati alla Juventus. Primo fra tutti Ferrante che con il Torino è stato protagonista di accesissimi derby al Comunale (in forse per la gara). Poi, tra gli altri ci sono Rigoni e Luci, che hanno trascorsi in bianconero e Delli Carri, altro ex granata.
Facile immaginare il copione della gara: il Pescara cercherà di concedere meno spazi possibile ai bianconeri, per poi provare a colpire in contropiede. La Juventus tenterà di far sua la partita il prima possibile, forte anche del fattore campo che sinora è stato determinante: all’Olimpico infatti i bianconeri hanno sempre vinto e anche sabato ci sono tutte le intenzioni e le possibilità di continuare a farlo.
Per i biancazzurri, alla ripresa degli allenamenti, in preparazione della trasferta di torino, spiccano le notizie riguardanti Ferrante, Gimenez e Capitan Delli Carri.
Marco Ferrante, che ha avuto un lungo colloquio con il tecnico Ammazzalorso, accusa un fastidio al piede ed è rimasto a riposo per precauzione. In molti avanzano l'ipotesi di una sua rottura con lo spogliatoio. Un caso Ferrante? vedremo.
Per Delli Carri, la botta rimadiata nel finale della gara con il Treviso al piede destro ha portato solo una lieve distorsione alla caviglia e in teoria il giocatore potrebbe anche essere a disposizione contro la Juve.
Per Gimenez, invece, problemi a un ginocchio e accertamenti più approfonditi in vista. Non sarà della tasferta.
Da segnalare intanto che la Juventus ha inviato al Pescara una serie dei palloni con i quali si giocherà la gara di domenica. Si tratta di palloni leggermente diversi da quelli utilizzati dagli altri club di serie B e i bianconeri vogliono dare la possibilità agli avversari di allenarsi con i palloni utilizzati al comunale.
I precedenti Juventus Pescara:
La partita non ha precedenti nel campionato cadetto e rappresenta un precedente storico per entrambe le formazioni.
La partita Juventus-Pescara ha 5 precedenti, tutte in serie A, e vede la Juve a quota 4 vittorie contro una dei biancazzurri. La stessa partita a Pescara ha 5 precedenti e vede due vittorie dei bianconeri due pareggi e una vittoria del Pescara.
L'ultima vittoria della Juventus in campionato contro il Pescara risale al 17.01.1993 (Serie A 1992/93 – 16 ^ giornata) con JUVENTUS – PESCARA 2-1; Marcatori: 11° Baggio, 19° Ferretti, 79° Baggio.
L'ultimo pareggio risale al 05.02.1989 (Serie A 1988/89 – 16^ giornata) con JUVENTUS – PESCARA 1-1; Marcatori: 43° Tita, 49° Rui Barros.
Ricordiamo, per i nostalgici, che il 30.05.1993 (serie A 1992-1993 - 16^ giornata rit) la Juve di Trapattoni perse allo stadio adriatico per 5 a 1.
Sulla panchina biancazzurra, sedeva Zucchini al posto dell'esonerato Galeone. Marcatori: 0-1 Ravanelli, 1-1 Allegri rigore, 2-1 Borgonovo, 3-1 Carrera M. autorete, 4-1 Martorella, 5-1 Palladini.
Bei tempi.

Ammazzalorso, bortoluzzi e Sarri SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 5/11/2006

Dopo la rocambolesca gara di Sabato, il tecnico biancazzurro, Ammazzalorso commenta duramente la prova dei suoi nel primo tempo: "Nel primo tempo eravamo completamente assenti". Nel secondo tempo, invece, secondo il tecnico, la squadra ha preso a funzionare: "Nel secondo tempo siamo partiti subito bene e fiduciosi. Gli esterni sono stati efficaci in fase offensiva e Martini ha concretizzato il tutto nel momento in cui il Treviso accusava un certo calo".
Dalla parte opposta il suo collega del treviso Bortoluzzi si dice invece "deluso dal risultato". Il tecnico del Treviso, dopo il 2-2 maturato sul campo del Pescara, non e` proprio felice: "In superiorita` numerica dovevamo chiudere la partita... Nel primo tempo siamo stati superiori e abbiamo realizzato due gol, nel secondo inconsciamente abbiamo abbassato troppo il baricentro favorendo il Pescara, che invece tentava il tutto per tutto".
Per finire segnaliamo lo 0-1 dell'Arezzo condotto da Maurizio Sarri che ha perso in casa con il Lecce di Zeman.
Non e' iniziata bene l''avventura del tecnico toscano (che in settimana ha sostituito Conte), sulla panchina granata. L'Arezzo non vede la fine del tunnel e la classifica continua a indicare la squadra toscana come fanalino di coda. Dati alla mano si scopre che gli aretini non hanno ancora vinto una gara e dopo 10 giornate comincia ad essere preoccupante.
Per il Pescara l'appuntamento con L'Arezzo è fissato, in trasferta, al prossimo 2 dicembre.

Comunicato RANGERS SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 4/11/2006

Riportiamo il comunicato dei Pescara Rangers di oggi e ci chiediamo come mai (ma si può intuire...) gli organi di informazione ignorino puntualmente i vari punti toccati dal comunicato, che sono la sintesi del malumore di un'intera tifoseria.

Comunicato Ufficiale Pescara Rangers 1976 Curva Nord Marco Mazza.
Noi abbiamo un presidente, un presidente che si permette:
- di allestire una "squadra" alla fine di agosto dopo aver buttato tutto quello che era stato fatto di buono da Sarri e company;
- di attribuire la scarsa campagna acquisti al menefreghismo di una parte della città;
- di promuovere un abbonamento "conveniente" aumentato del 30% e con una gara in meno rispetto lo scorso campionato;
- di partite per l'Argentina per i suoi intrecci finanziari con una squadra ultima in classifica senza idee ne gioco, ma soprattutto senza una società;
- di parlare in televisione e di affermare che la campagna acquisti di gennaio dipenderà dagli incassi delle prossime partite nonostante che la Pescara Calcio tra introiti televisivi, campagna cessioni e contributi della Lega è in attivo di circa 3 milioni di euro.........

....Ecco l'ultima trovata per venire incontro a noi tifosi: IL BIGLIETTONE, 30 EURO 3 partite, tutti ci siamo chiesti quale fosse la convenienza, ed ecco che ci siamo ritrovati a scoprire che il biglietto per la partita Pescara-Napoli è stato portato a 16,50 euro.
Dopo questa ennesima presa per il culo, visto che 10 euro è il prezzo per una semplice partita in Curva Mazza e non un regalo, comunichiamo che:

Il 25 novembre in occasione della partita Pescara- Napoli I PESCARA RANGERS RESTERANNO FUORI e invitano tutti i tifosi a seguirli e sostenerli in questa ennesima e dolorosa decisione!!!

FINCHE' CI SARETE VOI NON CI SAREMO NOI!!!
PESCARA RANGERS 1976 L'IMPERO CONTINUA

Pescara-Treviso 2-2 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 4/11/2006

Dentro uno stadio semi-deserto e in silenzio per lo sciopero dei pochi tifosi presenti va di scena all'Adriatico l'ennesima partita salvezza per i biancazzurri.
In curva Nord Marco Mazza la tifoseria organizzata biancazzurra espone due striscioni che non hanno bisogno di commenti.
"GIOCATORI GIORNALISTi E SOCIETA VOI PARLATE PER CONVENIENZA ... NOI IN SILENZIO PER AMORE". "PATERNA PRENDI I SOLDI DEL PESCARA E VATTENE".
Il Pescara scende in campo con la formazione schierata a 4-5-1 con in campo Papini e Luci mentre Gimenez parte dalla panchina.
La partita inizia malissimo con un Pescara sottotono e incapace di rendersi pericoloso se non per le poche iniziative personali di Carozza e Antonelli. Al 23'pt Beghetto, porta in vantaggio gli ospiti. Segue al 27'pt il raddoppio di Acquafresca che devasta il morale dei biancazzurri La gara inizia a farsi nervosa e ne fa le spese zoppetti che al 40'pt stende Beghetto, pronto all'assist, sulla tre quarti biancazzurra con un fallo da dietro direttamente sull'uomo.
Pescara in dieci e Ammazzalorso toglie quel poco di fiato che rimaneva agli spettatori dell'Adriatico togliendo l'ottimo Carozza per Gimenez.
Alla ripresa si assiste ad una lenta ma continua discesa degli ospiti che in superiorità numerica e in vantaggio di due reti perdono la concentrazione.
Ammazzalorso sostituisce da subito uno spento Ferrante con Martini. Il Pescara aggressivo e tenace a sorpresa riesce a segnare il gol che accorcia le distanze e da una svolta alla partita, con Martini al 20'st. Su lancio verticale di Rigoni, l'ex Sambino, in area avversaria, all'altezza del dischetto, riesce a mettere la palla in rete alla destra di Avramov.
Tra l'incredulità degli spettatori il Pescara prova col cuore a raggiungere il pareggio. Iniziano a sentirsi, all'Adriatico, urla di incitamento dai distinti e dalle tribune per i giocatori.
Il Pescara ci crede e con il cuore al 40' ancora con Martini raggiunge il pareggio. Il numero 17 biancazzurro, lanciato a rete da De Falco, sul filo del fuorigioco, controlla con il sinistro e batte la palla a rete con il destro, solo di fronte ad un'incolpevole Avramov.
Non finisce qui. Al 42'st Vellotto estrae un rosso a Valdez per fallo in entrata sulla caviglia destra di Delli Carri. La parità in campo non è pero' ristabilita perchè il capitano biancazzurro non riesce a recuperare e assiste ai minuti di gioco finali con una borsa dell'acqua fredda sulla caviglia dal bordo del rettangolo di gioco.
Il Pescara in nove, sfrutta la vampata d'agonismo e d'orgoglio e sugli sviluppi di un calcio d'angolo, procurato da un'ottimo Martini, sfiora il gol della vittoria con Gimenez. L'argentino, da ottima posizione in area, si trova la palla sulla testa e manca clamorosamente il sette veneto, mandando la palla alta, tra lo stupore generale.
Dopo cinque minuti + uno di recupero finisce una partita incredibile e per come è stata intrapresa dal Pescara, densa di rimpianti. Doveroso segnalare gli applausi dello stadio per Vlada Avramov.
Questo il tabellino dell'incontro:
Marcatori: 23'pt Beghetto, 27'pt Acquafresca, 20'st e 40'st Martini.
Pescara: Spadavecchia, Zoppetti, Delli Carri, Antonelli, Ferrante (1'st Martini), Rigoni, Carozza (43'pt Gimenez), Gonnella, Papini (39'st De Falco), Luci, Demartis.
A disp.: Tardioli, Moscardi, Gautieri, Felci.
All. Ammazzalorso
Treviso: Avramov, Cottafava, Valdez, Vascak, Beghetto (10'st Fietta), Guigou, Moro, Acquafresca (26'st Fava), Giuliatto, Gissi (19'st Baseggio), Viali.
A disp.: Montresor, Lorenzi, Russotto, Mallus.
All. Bortoluzzi
Arbitro: Velotto di Grosseto
Note: 40'pt espulzo Zoppetti; 42'st espulso Valdez

Preparazione, Avramov e convocati. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 3/11/2006

Papini nonostante una forma non ottimale dovrebbe scendere in campo sabato con il Treviso.
Si sono invece allenati a parte Aquilanti (affaticato) e Luci che ha ancora problemi alla caviglia sinistra e difficilmente recupererà. Si è invece fermato, a scopo precauzionale, Vicentini che ha avvertito alcuni fastidi alla coscia dove aveva subito l'infortunio.
All'allenamento ha partecipato, a suo modo, Paponetti reduce dall'intervento al ginocchio. Da Treviso questi i 20 convocati dal mister biancoceleste Diego Bortoluzzi per la gara di Pescara.
Portieri: Avramov, Montresor.
Difensori: Cottafava, Giuliatto, Lorenzi, Mallus, Valdez, Viali.
Centrocampisti: Baseggio, Fietta, Gissi, Guigou, Moro, Muntasser, Vascak.
Attaccanti: Acquafresca, Baldi, Beghetto, Fava, Russotto.
Per finire segnaliamo che la Football Association of Serbia ha comunicato che il calciatore biancoceleste Vlada Avramov è stato convocato per la gara amichevole Serbia-Norvegia, che si giocherà a Belgrado mercoledì 15 novembre 2006.

Carozza, Antonelli e Avramov SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 2/11/2006

Sabato all'Adriatico va di scena Pescara-Treviso. Occasione ghiotta per il Pescara che in caso di vittoria contro il veneti potrebbe sorpassare il crotone, attualmente a quota 5 in classifica, che nella prossima giornata andrà a Genova ospite della capolista.
Tra i biancazzurri sembra esserci aria di riscossa e a capitanare l'arrembaggio al Treviso sono proprio i due pescaresi protagonisti dell'ultima gara in liguria.
Carozza prenota la prima vittoria: «E’ ora, stiamo crescendo, il massimo sarebbe riuscirci con un mio gol». Appena tornato dalla convocazione con l'Under 21 a Milano il centrocampista pescarese, capocannoniere del Pescara si dice pronto alla prima vittoria casalinga della sua squadra: < Antonelli, altro pescarese in biancazzurro, dopo il gol di La Spezia, come Carozza, chiede aiuto ai tifosi: "Non ce la faccio più a vedere il mio stadio in quelle condizioni. Ero e resto orgoglioso di difendere i colori della mia città, ma farlo senza poter contare sull’aiuto dei pescaresi mi sembra innaturale e illogico. Contro il Treviso, non importa quanta gente ci sarà sugli spalti. Anche cento tifosi potranno bastare se saranno dalla parte nostra. Darci addosso o ignorarci non ci aiuterà a uscire dalla crisi. Una squadra ha bisogno di essere sostenuta. Se così non fosse, il fattore campo non esisterebbe. Chi ci affronta all’Adriatico, ora come ora ha il compito facilitato. Sapendo cosa può dare questa tifoseria, dato che per anni la curna nord è stata la mia casa, sono sconcertato dalla situazione che si è venuta a creare".
Dalla parte opposta in quel di Treviso parla un altro ex pescarese Vlada Avramov che, al quotidiano Il Messaggero dichiara di essere sicuro che un giorno tornerà in biancazzurro. Il portiere serbo, passato al Treviso via Firenze, quest'anno con i biancocelesti ha collezionato 8 presenze incassando pero' ben 10 gol (tra questi quello di Jadid con il Brescia).
Intanto Paterna, tornato dall'argentina, promette rinforzi ma, assicura, non verranno fatti acquisti il 31 gennaio e a dimostrazione di cio' cè il fatto che i dirigenti biancazzurri si sono messi in moto per tempo. Già la settimana prossima, infatti, il direttore sportivo Andrea Iaconi e il suo aiutante Beppe Dossena si recheranno in Francia per visionare alcuni giocatori. Si tratterebbe degli argentini Trapasso dello Chateauroux e Dagano del Burkina Faso.
Nel frattempo, la squadra prosegue la sua preparazione in vista della partita di sabato all'Adriatico contro il Treviso. Miglioramenti per Luci e Papini. Probabile che Ammazzalorso riproporrà con il Treviso il modulo 4-5-1 con Ferrante o Martini a giocarsi il ruolo di unica punta.
La gara Pescara-Treviso sarà diretta dal signor Massimiliano Velotto della sezione di Grosseto, che sarà assistito da signori Gianluca Masotti di Bologna e Simone Manzini di Verona. Quarto uomo: Massimo Vallesi della sezione di Ascoli Piceno.
Per concludere segnialiamo che anche in serie B, come in A e in C, i giocatori scenderanno sabato in campo con il lutto al braccio per la morte del giocatore diciottenne della Primavera del Bari, Giovanni Montani, ucciso in un agguato nel capoluogo pugliese.

Riproponiamo le statistiche della partita Pescara-Treviso:
La gara Pescara-Treviso ha 6 precedenti, tutti in serie B, con 2 vittorie per i biancazzurri, 3 sconfitte e un pareggio. L'ultima gara risale alla 25^ Giornata bi serie B del campionato 2004/2005, quando il 06.02.2005 il pescara si impose sui Veneti per 1-0 con gol di Federico Giampaolo. L'ultima vittoria del Treviso a Pescara risale invece al campionato di serie B 2003/2004, il 15-5-2004 nella 42^ Giornata con 2 gol a 1. Per concludere il Pescara in casa, nelle 6 gare diputate con i Veneti, ha subito 8 reti e ne ha fatte 5.

Recuperi e Recuperati. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 2/11/2006

Vincono Juve, Frosinone e Triestina.
Nel giorno della festa del 109esimo anniversario, la Juventus batte il Brescia con una doppietta di Alex Del Piero e sale al terzo posto in classifica. Per la Juve si tratta dell'ottava vittoria consecutiva in 9 giornate ed è già terza in classifica a tre punti dalla vetta. Nella prossima giornata La Juve incontrerà, al san Paolo, il Napoli (già in ritiro prepartita). Tra dieci giorni toccherà al Pescara scendere al Comunale di Torino.
Primo successo interno per il Frosinone che vince sul Lecce per 2-1. I pugliesi, passati in vantaggio al 19' con Valdes, si fanno riprendere al 47' da Lodi e poi superare da Margiotta al 58' su rigore. La squadra di Zeman chiude in 10 per la 6a volta in questa stagione.
Nuova vittoria esterna per la Triestina di Agostinelli che nel finale di gara, con rete di Testini, beffa il Cesena di Castori. I bianconeri restano fermi a quota 13; i veneti superano Lecce e Modena e si portano a 12 punti. Il Cesena deve rinviare i sogni di secondo posto perché la Triestina allo scadere centra il colpaccio espugnando il Manuzzi 1-0. Per i romagnoli si tratta della prima sconfitta stagionale, mentre la squadra di Agostinelli si conferma imbattibile fuori casa.
Intanto Sarri approdato alla corte del presidente Mancini si mostra carico di entusiasmo. Chiamato per ridare punti e morale a una piazza sprofondata letteralmente sotto zero dalle sentenze di calciopoli, l'ex tecnico del Pescara, non vede l'ora di mettersi al lavoro: "Allenare l''Arezzo e'' stato sempre il mio sogno e per guidare gli amaranto avrei accettato anche un contratto per una sola giornata. Il sogno l'ho realizzato e ora ne ho un altro, portare l'Arezzo fuori dalle difficolta".
Il nuovo allenatore di Floro Flores e compagni eredita il difficile compito di tirare la squadra fuori dalle sabbie mobili in cui l'ha lasciata l'ex allenatore Antonio Conte. Cinque punti realizzati fino a oggi, che sommati ai 6 di penalizzazione danno uno sconfortante ultimo posto in classifica a quota -1.

Oggi tre partite per recuperare. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 1/11/2006

Nel pomeriggio si giocano 3 recuperi della 6a Giornata di Campionato cadetto. Alle 15:00 apre le danze Frosinone-Lecce. Alle 17:30 è la volta di Cesena-Triestina e Juventus-Brescia.
La Juventus torna a giocare di mercoledì, ma non è Champions League. Trattasi semplicemente del recupero della sesta giornata del Campionato di Serie B. Prima il Brescia, poi il Napoli, in meno di una settimana, diranno quanto è forte questa Juve, ma soprattutto se la squadra di Deschamps è imbattibile per la B. I bianconeri, in caso di successo, salirebbero al terzo posto in classifica, in compagnia di Bologna e Piacenza, a soli tre punti dalla vetta. La Juventus dovrà fare a meno dello squalificato Zanetti, prenderà il suo posto Paro.
Il Brescia, venerdì scorso con il Modena è tornato al gol e anche al successo, ma il gruppo di Somma è ancora lontano dai tempi migliori. A Torino non ci sarà Zoboli per una contrattura al bicipite femorale destro. Si torna al modulo con le tre mezze punte.
Appuntamento da non perdere per il Cesena, che in caso di successo interno con la Triestina si porterebbe ad un punto dal Genoa capolista. La squadra di Castori in casa ha fatto quasi il pieno. In 4 giornate ha vinto 3 volte, pareggiando di rimonta solo con il Pescara. Agostinelli teme soprattutto l'attacco del Cesena. Fa bene perché i romagnoli hanno segnato 15 gol, come la Juve, in 8 giornate. Secondo miglior attacco della B, dietro solo al Genoa che però ha giocato una partita in più. Buone notizie per Castori. Lazzari è, infatti, disponibile.
C'è anche il Lecce tra le squadre che devono recuperare una partita. Se Zeman è in crisi lo dirà il Frosinone. I pugliesi non vincono ormai da un mese esatto. Un punto conquistato nelle ultime tre giornate ha fatto sprofondare il Lecce in tredicesima posizione. Cerca punti salvezza Iaconi, dopo aver sfiorato l'impresa con la Juve. Sicura l'assenza di Antonioli. Il capitano del Frosinone sarà sostituito da Pagani. Assente per squalifica anche Fialdini.

Ecco il Treviso! SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 31/10/2006

Il prossimo avversario ospite del Pescara sarà il Treviso, retrocesso dalla A, guidati dall'allenatore dello scorso anno Diego Bortoluzzi con a capo il presidente Ettore Setten.
Il Treviso che nell'organico è rimasto per buona parte quello che ha affrontato, nella scorsa stagione, la serie A non puo' certo dirsi soddisfatto dei risultati ottenuti fino a questo momento ma la squadra è comunque pronta a uscire dall'anonimato.
Dal mercato estivo sono arrivati il portiere Avramov dalla Fiorentina, il difensore Lorenzi rientrato da Pescara, i centrocampisti Moro dall'Ascoli, BASEGGIO dall'Anderlecht e il camerunense MAA BOUMSONG dall'Inter Come attaccante l'uruguaiano Daniel Eduardo Alfano BALDI dal Plaza Colonia che è stato pero' impiegato una sola volta in questa stagione per 35 minuti.
I veneti dopo un inizio di campionato incerto sono arrivati ad inanellare due vittorie consecutive con Lecce e Crotone tornando poi a singhiozzare tra pareggi e sconfitte. I nove punti del treviso pero' vanno visti alla luce delle squadre incontrate tra cui figurano Napoli, juventus, Brescia e Lecce. La formazione biancoceste è dunque in questo momento reduce da due sconfitte e un pareggio interno con il Mantova e di certo cercherà in ogni modo di sfruttare l'ultima in classifica per ritrovare la vittoria e voltare pagina in campionato.
Bortoluzzi, che predilige un efficace modulo 4-4-2, certamente non cercherà, con il Pescara, di difendersi puntando sulle doti di Fava e Beghetto che attualmanete è il capocannoniere dei biancocelesti con 4 reti. La preparazione alla trasferta abruzzese riprende, come detto, dopo il pareggio interno ottenuto contro il Mantova e in merito a questa gara va segnalato l'entrata in diffida di Baseggio per comportamento scorretto nei confronti di un avversario (terza sanzione).
Le statistiche della partita Pescara-Treviso: La gara Pescara-Treviso ha 6 precedenti, tutti in serie B, con 2 vittorie per i biancazzurri, 3 sconfitte e un pareggio.
L'ultima gara risale alla 25^ Giornata bi serie B del campionato 2004/2005, quando il 06.02.2005 il pescara si impose sui Veneti per 1-0 con gol di Federico Giampaolo.
L'ultima vittoria del Treviso a Pescara risale invece al campionato di serie B 2003/2004, il 15-5-2004 nella 42^ Giornata con 2 gol a 1. Per concludere il Pescara in casa, nelle 6 gare diputate con i Veneti, ha subito 8 reti e ne ha fatte 5.

Sarri all'Arezzo SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 31/10/2006

Antonio Conte non e' piu' l'allenatore dell' Arezzo. Al suo posto la societa' amaranto ha ingaggiato Maurizio Sarri. L'esonero di Conte era nell'aria dopo le deludenti prestazioni dell'Arezzo che ancora in classifica non ha recuperato la penalizzazione per lo scandalo di Calciopoli. A far saltare la panchina di Conte e' stata la sconfitta subita sabato a Cesena. Il tecnico Toscano ed il suo fido secondo, Francesco Bertini, hanno firmato questa sera l'accordo con la società amaranto. I due erano già vicini ad accettare l'incarico del Crotone che però poneva delle condizioni proprio sull'ingaggio del collaboratore di Sarri. Sarri l'anno scorso ha allenato il Pescara e per lungo tempo e' stato alla guida si Sansovino e Sangiovannese. Questo in sintesi il comunicato ufficiale dell'A.C. Arezzo S.p.A.
"Il Sig. Antonio Conte è stato sollevato dall'incarico di allenatore della prima squadra. Nel cogliere l'occasione per ringraziare il Sig. Conte per la collaborazione prestata, l'A.C. Arezzo S.p.A. comunica che il Sig. Maurizio Sarri è il nuovo allenatore e che lo stesso verrà presentato ufficialmente alla stampa domani alle ore 9.00 presso la sala arbitri. Certi di interpretare il pensiero degli sportivi amaranto, l'A.C. Arezzo S.p.A. formula al Sig. Maurizio Sarri il miglior in bocca al lupo".
Per farla breve, Il 2 dicembre prossimo ci toccherà vedere, in Arezzo Pescara, Sarri sulla panchina opposta impegnato a consumare la sue ennesima, forse giustificata, vendetta... ma cio' che è peggio Croce (DANIELE CROCE) con la maglia dell'Arezzo scendere in campo contro il Pescara.

allenamenti e Paterna SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 31/10/2006

Alla ripresa della preparazione in vista della gara casalinga di sabato contro il Treviso (degli ex Avramov, Lorenzi e Beghetto) ci sono da verificare le condizioni di Gimenez e di Luci che in liguria ha rimediato una leggera distorsione alla caviglia. Tornerà ad aggregarsi al gruppo il giovane difensore Vicentini mentre mancano Carozza e Aquilanti impegnati per uno stage con l'Under 21 di serie B.
Ammazzalorso dovrà studiare l'ennesima partita salvezza partendo dai segnali positivi della scorsa gara e tenendo presente quelli negativi. Con un centrocampo più folto e uno spirito più battagliero, i biancazzurri hanno dato risposte interessanti sotto il profilo tecnico e psicologico. Quindi bene i due pescaresi Carozza e Antonelli rientrati nel ruolo che piu' gradiscono. Tra i lati negativi cè certamente la difesa a partire dal promettente Spadavecchia che sembra essere ancora troppo giovane e inesperto per la pressione dell'obiettivo salvezza in cadetteria. Davanti a Lui ancora una difesa che deve trovare le misure (imperdonabile subire due gol su rimessa lunga del portiere). Altra nota dolente è Ferrante che non riesce a essere incisivo e la squadra non riesce a supportarlo come si dovrebbe per sfruttare le sue doti di opportunismo in area.
In ogni caso dopo il buon pari sul campo dello Spezia a Pescara cè ottimismo. Nella squadra cominciano a intravedersi progressi che lasciano ben sperare, le distrazioni restano, ma gioco e carattere stanno migliorando. E' la prima volta in questa stagione, che il Pescara riesce a rimontare un risultato e questo è certamente un segnale importante per il futuro.
Ora resta da centrare il gol e la vittoria nella cornice dell'Adriatico e l'occasione da sfruttare è quella di Sabato contro il Treviso. I biancazzurri devono ripartire sulla strada della salvezza da mentalità e carattere sfruttando il buon momento di Carozza e Antonelli. I due Pescaresi sembrano essere, in questo momento, gli unici in grado di riportare un minimo di entusaismo e speranza nei tifosi abbruttiti da telenovelas societarie che hanno fatto precipitare il consenso e i risultati a Pescara.
Ammazzalorso sull'arrivo del treviso dice:"Sono più preoccupato dalla casella zero nel computo delle vittorie che non di altro. Il Treviso è un'ottima squadra avendo mantenuto l'intelaiatura che aveva fatto la serie A, ma sono fiducioso in una buona prestazione della squadra e dico che è arrivata l'ora di sbloccarci. Se miglioreremo come squadra vedrete che miglioreranno anche i singoli".
Intanto dalla società non arrivano nè sconti sui biglietti, per incentivare i tifosi a seguire la squadra, nè tantomeno le attese maglie ufficiali ma, e la notizia sarebbe questa, la società si sta muovendo per due giocatori argentini ma con passaporto comunitario che attualmente giocano in Francia. I nomi dei due obiettivi stranieri circolati sulla stampa locale, che potrebbero essere i primi rinforzi della campagna acquisti invernale, non sono certo da riportare qui parlando di obiettivo salvezza.
Per concludere, Paterna ieri è apparso in Tv, intervistato su rete 8, da Giorgio REPETTO e ha ribadito la propria linea di conduzione rispondendo alle domande dei giornalisti presenti in studio e a quelle di alcuni tifosi per telefono. Impossibile, da parte nostra, esprimere un giudizio sereno sulla trasmissione. A voi il compito.

Ammazzalorse e Soda SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 30/10/2006

Aldo Luigi Ammazzalorso, dopo il pareggio esterno contro lo Spezia, vede una reazione e pensa positivo pur rimarcando..."Peccato per le ingenuita".
Al termine della gara dell`Alberto Picco`, terminata 2-2 e valida per la nona giornata di serie B, Ammazzalorso ha precisato: ` Lo Spezia ci ha messo in difficolta` nel secondo tempo dopo che nella prima parte noi avevamo avuto la meglio. Continua il mister biancazzurro: "abbiamo lottato, soffrendo, perchè lo Spezia ci ha obiettivamente messo in difficoltà e quel gol di Scarlato al 90° ci ha fatto sprofondare... La squadra ha messo in pratica le direttive da lui impartite soprattutto bene nella fase propositiva". Per concludere, comunque, per Ammazzalorso il pari e` giusto.
Sul versante spezino il tecnico Soda sintetizza: `Siamo stati bravi a reagire`... `Siamo partiti in salita ma la squadra e` stata brava a reagire`. Il tecnico dello Spezia, dopo il 2-2 dell``Alberto Picco` maturato contro il Pescara nella nona giornata di serie B, precisa: ` Ci siamo ripresi ed abbiamo pareggiato ed addirittura ci siamo portati in vantaggio.
Per come sono andate le cose meritavamo la vittoria ma Antonelli ci hanno negato la gioia dei tre punti`.

Spezia-Pescara 2-2 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 29/10/2006

Un gol straordinario di Antonelli costringe lo Spezia al pari casalingo e regala al Pescara un "cenno di vita".
Il Pescara scende in campo con un 4-5-1 e la chiara intenzione di soffocare il gioco dei liguri in mezzo al campo. Ammazzalorso impiega Papini e Rigoni, nonostante i fastidi accusati in settimana. Ferrante unica punta, Carrozza regista e Simone Felci parte dalla panchina.
Tra gli spezini, il tecnico Soda, deve ancora rinunciare a Varricchio fermo per infortunio, Baù va invece in panchina, mentre Dionigi è stato fermato fermato per un turno dal Giudice Sportivo. Scelte obbligate, quindi, per quanto riguarda la coppia d’attacco composta da Guidetti-Russo, in difesa coppia centrale Scarlato-Zamboni.
Le squadre entrano in campo con la maglia ‘Liberate Gabriele Torsello’ il fotografo rapito in Afghanistan.
La prima emozione della sfida la regala al 5° Ferrante con un diagonale che però non trova la porta. Immediata risposta dei padroni di casa: Russo conquista una punizione dal limite, va alla battuta Saverino, ma la traversa gela i 70 tifosi biancazzurri presenti al ‘Picco’.
Al 9° il Sig. Zanzi estrae il primo giallo dell’incontro, a farne le spese è Antonelli per proteste. Dieci minuti dopo, Ponzo mette in mezzo per Saverino che prova a sorprendere Spadavecchia con un pallonetto, ma l’estremo abruzzese è attento e recupera la posizione bloccando la sfera. Un minuto dopo Ferrante prova un diagonale al volo, la sfera si perde alta sopra la traversa. Poco dopo Zanzi ammonisce prima Zamboni poi corregge la propria decisione ed estrae il giallo all’indirizzo di Giuliano autore del fallo ai danni di Antonelli.
Al 28° il vantaggio biancazzurro: Carrozza su punizione indovina la traiettoria giusta che trae in inganno Santoni e la palla termina in rete. Pescara in vantaggio, grazie ad un’invenzione di Carrozza che si riconferma specialista dei calci piazzati.
Al 37° vibranti proteste dei giocatori dello Spezia per una spinta, in piena area, del portiere Spadavecchia su Russo.
Al 43° lo stesso Spadavecchia si supera su colpo di testa da posizione ravvicinata da parte di Guidetti. Si va al riposo con lo Spezia ancora sotto di un gol, ma la formazione di Soda sembra in grado di poter raddrizzare la partita e spinge.
Ammazalorso, durante l’intervallo, cambia Rigoni con Felci e Antonio Soda sostituisce Ponzo, infortunato, per Alessi. Si riparte con lo Spezia che preme per il pareggio e Al 58° Ammazalorso inserisce De Falco per Luci senza variare nulla nella tattica. Al quarto d’ora della ripresa, pero', lo Spezia trova il pari con Guidetti che lanciato a rete, superando la linea di difesa a quattro, con un pallonetto scavalca un colpevole Spadavecchia in uscita temeraria.
Lo Spezia cresce in gioco e morale e inizia l'assedio in area biancazzurra. Al 73° Gorzegno dalla sinistra mette in mezzo per Guidetti, ma il suo colpo di testa termina alto sopra la traversa. Negli ultimi minuti lo Spezia è costantemente nella metà campo avversaria e prova a pungere sfruttando soprattutto le corsie laterali in aggiunta a Scarlato uomo a tutto campo. Nel Pescara l'unico a stare deitro la linea della sfera è Ferrante in attesa di sfruttare un contropiede.
Al 79° fuori Gorzegno per Confalone. Poco dopo, nel Pescara esce Papini per Moscardi. Siamo entrati negli ultimi dieci di gara, tanto ha a disposizione lo Spezia per tentare i tre punti contro un Pescara chiuso a riccio.
All’80° staffilata su punizione di Zamboni, il portiere non trattiene, ma Confalone non ne approfitta e l’occasione sfuma.
All’88° lo Spezia trova il raddoppio con Scarlato che al volo manda in rete una palla lanciata da Santoni. La gioia dei padroni di casa però dura appena un minuto e mezzo poiché Antonelli, dal limite, manda la palla all’incrocio dei palli dove Santoni non può arrivare. Un gol pazzesco quello realizzato dal numero sette abruzzese che riporta la situazione in perfetto equilibrio e rovina la festa del ‘Picco’.
Dopo cinque minuti di recupero il Sig. Zanzi decreta la fine del match. Sono on line le immagini della gara.

Pescara 4-5-1 in ritiro. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 28/10/2006

Dopo l'ultimo allenamento di ieri Ammazzalorso prepara la squadra con uno schieramento decisamente prudente (4-5-1).
Nella probabile formazione ci sarà Spadavecchia in porta con Zoppetti a destra, De Martis a sinistra e Delli Carri e Gonnella a completare la difesa. Centrocampo a cinque con Felci a destra e Antonelli a sinistra e a completare Rigoni, Luci, Moscardi e Carozza regista. In avanti Ferrante con Martini probabile sostituto in corsa.
Sul versante spezzino, il tecnico Antonio Soda, ha diramato la lista dei 18 convocati per la gara con i Pescara. Varricchio non recupera e Bau' non viene neanche convocato mentre Locatelli e Bruccini si aggregano alla 'Primavera'. Questi i nostri avversari:
Portieri: Santoni, Rotoli;
Difensori: Maltagliati, Giuliano, Fusco, Scarlato, Zamboni, Gorzegno, Rossi;
Centrocampisti: Padoin, Saverino, Ponzo, Frara, Confalone, Alessi, Grieco;
Al seguito della squadra ci saranno 62 sostenitori biancazzurri ai quali la Questura di La Spezia ricorda che nei pressi dello stadio "Picco" non ci sono parcheggi per gli ospiti. I tifosi pescaresi, ormai esasperati, continueranno la protesta con striscioni contro la società e contro Paterna.
Spezia-Pescara sarà trasmessa in diretta sul canale 260 di Sky Calcio.

La Juve saluta SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 28/10/2006

Dopo una lunga camera di consiglio, che ha fatto crescere la tensione tanto dei diretti interessati quanto dei tifosi, l'Arbitrato del Coni ha emesso le sentenze sui ricorsi presentati da Juventus, Milan, Fiorentina e Lazio avverso le penalizzazioni inflitte loro in seguito al processo su Calciopoli.
Tutto è andato come previsto, o quasi. Ci si attendevano, infatti, degli sconti sulle penalizzazioni, sconti arrivati però non per tutti i club interessati: se Juventus e Lazio si sono viste riattribuire 8 punti e la Fiorentina 4, per il Milan vi è stata, invece, la conferma del -8 con cui i rossoneri avevano iniziato il campionato.
La Juventus balza quindi a quota 10 della classifica cadetta con ancora una partita da recuperare lasciando il Pescara a quota 2 con il quale ha condiviso il fondo della classifica per meno di una settimana.

Ennesimo diffidato SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 27/10/2006

Ennesima diffida per un tifoso biancazzurro (CDS di 44 anni) denunciato dalla Digos per oltraggio e tantata invasione di campo avvenuta durante l’ultima gara col Vicenza.
L’uomo è stato visto tentare un’invasione di campo dalla Curva Nord Marco Mazza e a fine partita si è reso protagonista di offese contro le forze dell’ordine.
Ovviamente insieme alla denuncia, per lui scatterà il divieto di accesso allo stadio.

Contestazioni, bigliettone e trasferta SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 26/10/2006

Ieri, nell'utimo allenamento al Vestina, prima della partenza per la trasferta, un gruppo di tifosi binacazzurri ha presenziato all'allenamento con una contestazione condita da applausi ironici ed uno striscione appeso al lato del campo nord del Vestina. Le polemiche dei tifosi all'indirizzo della società sono state alimentate anche per la vendita del 'bigliettone'. Il miniabbonamento vorrebbe consentire agli appassioanti di assistere con un solo tagliando alle tre prossime gare interne dei biancazzurri contro Treviso, Napoli e Rimini. In realtà pero' l'offerta è stata vista come benzina sul fuoco, considerando gli scarsi risultati fin qui ottenuti dalla squadra e la politica della societa'.
La società, ancora una volta fa male i conti o fa finta di non saperli fare infatti il tagliando di curva per una gara, attualmente, costa 11 euro. Quindi moltiplicando il costo per tre si otterrebbe 33 euro contro i 30 dell'offerta. Quello che non sfugge, ancora una volta è che il risparmio in realtà non è di soli 3 euro. La Pescara Calcio, infatti, ha deciso che con il Napoli il biglietto di ingresso in curva sarà di euro 16,50 e quindi il bigliettone è apparso a tutti come un goffo tentativo di camuffare un sovrapprezzo ancora una volta inopportuno e contro ogni politica di riconciliazione con il pubblico.
Per la società di via Mazzarino (che già aveva escluso la Juve dall'abbonamento) è difficile fare di peggio per la propria immagine. Dal campo invece, è Ammazzalorso che prova a dare un'immagine e un volto a una squadra che non ha un presidente certo (chichella?), un modulo e una maglia (biancazzurra).
In allenamento, svolto sotto la contestazione, si è evidenziato un buon ritmo di Felci e Rigoni che saranno quindi in campo alla Spezia, mentre non hanno partecipato alla seduta, Paponetti, Gimenez e Ferrante che all'ultimo momento ha accusato un risetimento al piede destro. Ferrante farà comunque parte della comitiva in partenza per la liguria e nelle peggiore delle ipotesi potrebbe essere impiegato per una sola frazione di gioco. Incerta la presenza del terzino Vicentini che prosegue nel lavoro differenziato.
Ad attendere il Pescara in Liguria uno Spezia che, dopo le prime otto partite, si presenta in 13^ posizione con 8 punti al fianco di Frosinone, Triestina (che ricordiamo devono recuperare una partita) e Treviso. La squadra di Antonio Soda ha mostrato, fino a questo momento, grande volontà e un buon carattere doti importanti in chiave salvezza. Fino ad oggi, il tecnico Soda ha dovuto far fronte ad una situazione infortunati piuttosto pesante; non poter disporre a rotazione di elementi come Baù, Frara, Nicola, Varricchio, Confalone, Zamboni e Rossi, chiamati a fare la differenza in questo campionato, significa non poter esprimere al massimo il proprio potenziale. Il loro recupero, soprattutto in vista delle prossima sfida casalingha contro l'agguerrito Pescara, può risultare determinante per allungare ulteriormente il margine di distacco dalla zona ‘rossa’ della classifica.
La partita Spezia-Pescara sarà diretta da Christian Zanzi, di Lugo di Romagna in Ravenna, ottavo arbitro esordiente per i biancazzurri. Sarà assistito da Benedetto di Messina e Cariolato di Legnago (VR) mentre il quarto ufficiale di gara sarà Cuscito di Firenze.
Per finire segnaliamo che il Pescara esordirà negli anticipi televisivi su Sky, venerdì 17 novembre nella 12a giornata al Nereo Rocco di Trieste, contro la Triestina (ore 20.45) e il 15 dicembre nella 16a giornata allo stadio Ezio Scida campo del Crotone (ore 19.00).

Una commissione per la B SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 26/10/2006

Antonio Matarrese ha scelto i membri di una commissione che studierà l'eventuale spostamento delle gare di Serie B. L'annuncio è stato dato dal sindaco di Piacenza Roberto Reggi, presidente del comitato dei sindaci che capeggiano l'opposizione alle partite del campionato cadetto in Serie B.
Il sito dell'amministrazione comunale di Piacenza riporta uno stralcio della lettera di Matarrese: "In riferimento alla costituzione della Commissione interistituzionale finalizzata a studiare ipotesi per una diversa collocazione temporale delle partite del campionato di Serie B, mi è gradito comunicarle che nella stessa faranno parte il vicepresidente della Lega per la serie B Luca Baraldi (presidente del Modena) e i signori consiglieri Alfredo Cazzola (Bologna), Giovanni Cobolli Gigli (Juventus), Giorgio Lugaresi (Cesena), Mario Moroni (vicepresidente del Lecce) e Maurizio Riccardi (amministratore delegato del Piacenza)".
Il presidente Matarrese si riserva inoltre, nel più breve tempo possibile di contattare il sindaco Reggi per una riunione per un tavolo di lavoro.

Ammazzalorso? pianeta Marte! SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 24/10/2006

Che fosse ottimista e carico di entusiamo lo si sapeva ma il tecnico biancazzurro Ammazzalorso sembra essere diventato anche un buon giocatore d'azzardo.
Dopo aver accettato un'incarico impossibile a occhi chiusi e senza parlare neanche con il presidente (e dopo due settimane di lavoro non lo ha ancora fatto) e dopo il risultato di una sconfitta e un solo punto in due partite casalinghe, il tecnico di Pineto, dice di non volere acquisti. Almeno fino a Gennaio.
Ammazzalorso che andava certamente compreso per i risultati, visti i mezzi a dipsosizione, poteva sembrarci di certo coraggioso ma di fronte a una tale situazione rimaniamo, tutti noi tifosi, come minimo basiti. Per Ammazzalorso l'obiettivo principale è scuotere la squadra dicendo chiaramente che fino a gennaio intenderà puntare su quello che c'è, perché fare acquisti adesso sarebbe inutile.
Secondo il tecnico il problema piu' grande resta sempre quello relativo all'approccio della gara. Manca cattiveria.
A nostro parere il nuovo tecnico sembra pero' ignorare cio' che succede oltre il rettangolo di gioco. Crederci è fondamentale, sia chiaro, ma pensiamo che in caduta libera sia inopportuno rifiutare un paracadute anche se piegato male.
Che sul mercato ci sia ben poco, lo sapevamo tutti, ma l'opportunità era quella di spronare la società ad un reale impegno e soprattutto di far vedere ai tifosi che cè autonomia di pensiero e senso critico nello staff.
Con una squadra dalla rosa ristretta e con i pezzi pregiati ceduti, quello che i tifosi si aspettano da un mister è una pubblica richiesta di impegno e rinforzi. Ballardini, che pure aveva ben fatto, è caduto in un equivoco pericoloso che gli ha fatto perdere la fiducia della curva prima e della società poi, finendo per essere accusato anche dalla stampa di "eccessivo servilismo". Ammazzalorso, secondi noi tifosi, dovrebbe preoccuparsi di chiedere alla società i mezzi necessari per partecipare dignitosamente ad un campionato di serie B.
Del resto la società non può essere in perdita considerando che fino ad oggi il presidente Paterna di soldi ne ha spesi pochi, e tra diritti televisivi e di lega e cessioni ne ha incassati parecchi.
Il mercato di gennaio potrebbe essere troppo lontano considerando anche cio' che sta accadendo fuori dal rettangolo verde di gioco. Accenniamo solo qualche argomento:
Un presidente assente da un mese in un momento cruciale (tutt'ora inibito per sei mesi);
Un dirigente (Leonardi) preoccupato a sfornare idee straordinarie per risollevare il picco di presenza all'adriatico con il Bigliettone;
Un altro (Iaconi) che "voci" vogliono dimissionario;
Un altro ancora (Bignone) impegnato a Milano a fare l'elettore;
Un punto di penalizzazione per il pagamento in ritardo dell'Irpef;
L'ultimo posto in classifica con due punti in otto giornate;
Un'intera tifoseria in rivolta che diserta lo stadio;
Voci di una cordata abruzzese che farebbe capo al Comune di Pescara, già in contatto con la società, interessata al cambio di presidenza;
Divise ufficiali con i colori biancazzurri dimenticate;
Abbonamento privo della partita piu' attesa etc etc.
Questo per Ammazzalorso è il pianeta Marte? Non vogliamo prendercela con lui ma all'ottimismo cè un limite.
In ogni caso per la prossima gara il tecnico italo-argentino punterà su una formazione meno offensiva con un modulo più accorto, con cinque centrocampisti e un solo attaccante. Tra i cinque centrocampisti potrebbe rientrare anche Romeo Papini che pare stia bene. Possibile poi il ritorno di Luci e Delli Carri, con Zoppetti e Demartis terzini e Gonnella centrale insieme al capitano.
Sempre fuori Paponetti (convalescente) Gimenez (a riposo precauzionale) e, a rischio trasferta ligure, Rigoni che dopo un lavoro differenziato per i postumi di un fastidio al ginocchio destro dovrà essere valutato per l'impiego.

Spezia-Pescara 58 anni dopo SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 23/10/2006

Dopo le indicibili delusioni del fine settimana biancazzurro al lunedi' si ricomincia a preparare l'ennesima avventura in cadetteria che porterà, nella 9a giornata, il Pescara all'Alberto Picco di La Spezia.
Il Pescara torna al Picco dopo 58 anni infatti l'ultimo precedente risale al 7 novembre del 1948 in una gara vinta dai locali per 3-0.
A preoccupare Ammazzalorso e i suoi pero' non è tanto la trasferta ligure ma un generale momento negativo in cui sembra difficile riuscire a trovare un escamotage per tentare di restare a galla fino a Gennaio quando, si spera, arriveranno adeguati rinforzi. Ammazzalorso prova a mettercela tutta ma, gira e rigira, deve fare i conti con quelle che sono le carenze dell’organico. Manca un esterno sinistro e il centrocampo non è in grado di coprire e di dare forza e qualità alla manovra offensiva mentre in avanti Ferrante e Martini sembrano dare poche garanzie. Dovrebbe, comunque, rientrare Papini al quale sembrano legate le uniche prove davvero positive della squadra. Con due mediani incontristi ci sarebbe tra l’altro anche la possibilità di sfruttare al meglio le attitudini e le qualità di Carozza sacrificato oltremodo nella gara di Vicenza.
Il presidente Paterna, intanto, si limita a dirigere con il telefono una situazione che richiederebbe quantomeno la sua presenza oltre che il suo impegno.
Cosi' proprio a causa della situazione disastrosa Paterna si fa vivo dall'America latina dicendosi preoccupato e che anticiperà il rientro per provare a dare subito una scossa alla squadra. Paterna dovrebbe cosi' rientrare già giovedì, o al massimo venerdì e in ogni caso prima della partita con lo Spezia.
Per finire parliamo dello Spezia, che è un'altra neo-promossa in B, che in Agosto ha lavorato molto per tentare di mettere insieme un organico competitivo.
Il presidente Giuseppe Ruggieri anche quest'anno si è affidato alla guida tecnica di Antonio Soda che in poco piu' di tre anni è passato dai dilettanti alla serie B.
Nel mercato estivo, in difesa sono arrivati Gennaro Scarlato (Crotone), Davide Nicola (Torino) e il portiere Santoni (Palermo), a centrocampo l'innesto dell'ex biancazzurro Eder Bau', con la conferma in toto del reparto offensivo sottraendo Guidetti al mercato delle offerte milionarie.
Lo Spezia attualmente a quota 8 in campionato è reduce dal buon pareggio esterno (1-1) con l'Arezzo. Fino ad oggi lo Spezia ha segnato 7 gol e ne ha subito 8 di cui tre in casa. L'ultima e unica vittoria in questo campionato risale al 20 settembre scorso quando per 1-0 si impose sul Verona con un gol di Varricchio. La squadra di Soda, che riprende la preparazione in vista dell'incontro con gli Abruzzesi, è pero' alle prese proprio con il recupero dell'ex biancazzurro Massimiliano Varrichio (al Pescara nella stagione 2004-2005 in B) che se disponibile potrebbe giocare contro la sua ex squadra al centro dell'attacco.

Ammazzalorso e Gregucci SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 22/10/2006

La squadra di mister Gregucci rimedia, sul campo dello Stadio Adriatico, un altro fondamentale punto per il cammino nella classifica generale. L'undici biancorosso, nonostante molto simile al Pescara, con limiti tecnici e schema di gioco, è riuscito ad insidiare spesso l'area biancazzurra con diverse conclusioni di Fissore e Cavalli. Gregucci, nel dopo gara dice di vedere maggiore continuita pur non mancando di motivi di rammarico.
Per il Tecnico vicentino, se si escludono i primi cinque minuti, la partita è stata sempre condotta dalla sua squadra. Dopo l'avvio, con il passare del tempo, il Vicenza ha saputo trovato le distanze giuste ma e` purtroppo mancata in fase di finalizzazione.
Dalla nostra sponda invece, Ammazzalorso sottolinea la tristezza per la mancanza di supporto da parte della tifoseria e la grigia cornice dell'Adriatico ma tutto sommato vede positivo. “Siamo partiti bene ma poi piano piano abbiamo sofferto`. `Il Vicenza ha costruito le sue piu` nitide opportunita` da rete sfruttando alcuni nostri errori. Non posso fare a meno di elogiare il nostro portiere che con i suoi interventi ha salvato il risultato contro un avversario dimostratosi piu` ordinato e aggressivo`.
Continua il tecnico binacazzurro:"La classifica non mi preoccupa in quanto vedo miglioramenti nella squadra".
Quello che a noi è sembrato pero' è che questo punto è stato guadagnato in classifica arriva grazie alla scarsa prestazione offerta dall'avversario in una partita caratterizzata ancora una volta da errori e orriri clamorosi da entrambe le parti.
La squadra, dopo le prestazioni incoraggianti di inizio campionato, dove almeno per un tempo offriva reazioni e conclusioni, a noi sembra essere peggiorata. Antonelli e Rigoni, arretrati, a centrocampo non sono riusciti a essere incisivi senza arrivare mai alla porta avversaria. Carozza, fuori dalla reale posizione di regia, ha soltanto potuto brillare per impegno. La difesa, la peggiore del campionato cadetto, con o senza Delli Carri e con Gimenez al posto di Aquilanti è da smantellare in toto.
A tutti noi tifosi non resta altro che fare appello alla fede biancazzurra e sperare di poter tornare a vedere il Pescara giocare a calcio.

Nessuna emozione SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 21/10/2006

Finisce a reti bianche una bruttissima partita fra il Pescara e un decimato Vicenza giocata in uno stadio semi-deserto per l'ormai nota protesta dei tifosi contro la società manifestata con diversi striscioni; il più significativo è stato sicuramente MEGLIO RADIATI CHE UMILIATI.
Nonostante le dichiarazioni della settimana, Ammazzalorso ripropone il 4-4-2 con Martini che affianca Ferrante in avanti e Rigoni e Antonelli esterni di centrocampo, ma la squadra non è stata mai in grado di creare seri pericoli alla difesa biancorossa; anzi, le poche occasioni da rete sono solo del Vicenza.
Il Pescara resta così ancora a secco di vittorie in 8 gare, ma dopo ben 5 giocate all'Adriatico non è stato ancora capace di reallizzare nessuna rete!!!
Si fa fatica a trovare qualcosa di positivo in questa squadra, apparsa ancora priva di gioco, senza carattere e a terra fisicamente; se a questo ci aggiungiamo che diversi calciatori commettono ancora errori grossolani come il portiere Spadavecchia e che Ferrante si mette in evidenza solo per i continui rimproveri a Carozza e per aver tirato sulla barriera una punizione che ha preteso di calciare a scapito dello stesso Carozza, è facile trarre le conclusioni: di questo passo il Pescara rischia di fare la fine del Catanzaro dello scorso anno, retrocesso di fatto in serie C già a gennaio. L'unica nota lieta del pomeriggio è stato il rinnovato gemellaggio fra le due tifoserie con i vicentini che hanno più volte intonato cori in ricordo di Marco Bubù.

On-line le prime foto della gara

Penalizzati di 1 punto SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 19/10/2006

Come previsto, il Pescara è stato penalizzato di 1 punto, dimezzando il magro bottino in classifica che ora è di 1 solo punto.
La sanzione comminata dalla COVISOC è stata causata da ritardi nei pagamenti dell'Irpef
Il Pescara e' stato penalizzato di un punto e il presidente della societa', Dante Paterna inibito per sei mesi. La Commissione Disciplinare ha esaminato il deferimento del Procuratore Federale che segnalava un ritardo nel deposito presso la CoViSoC dei pagamenti delle ritenute Irpef riguardanti gli emolumenti dovuti ai tesserati nel periodo ottobre 2005-marzo 2006. La sanzione alla societa', che milita in serie B, deve essere scontata in questo campionato.

Covisoc, Ferrante e statistiche. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 19/10/2006

Sul Pescara grava la possibile penalizzazione di un punto per il pagamento in ritardo di una rata dell'IRPEF.
La disciplinare si riunirà oggi per prendere una decisione sulla posizione del Pescara, Siena e Taranto tutte per lo stesso motivo. Secondo la COVISOC la rata la rata doveva essere stata pagata entro giugno mentre secondo la società di via mazzarino la scadenza era al 31 luglio. La probabile condanna, con un punto di penalizzazione, potrebbe essere appellata comunque in un secondo grado.
In Risposta, dal Venezuela, dove si trova per affari, il presidente parla di una legge non chiara, che dava adito a varie interpretazioni.
In un momento di grande difficoltà arriva pero', dalla società una notizia inattesa.
Il Pescara Calcio, Offre all'ex torinese 35enne Marco Ferrante il rinnovo del contratto. Cosi' il direttore sportivo Andrea Iaconi «La nostra intenzione è quella di vincolarlo anche per la prossima stagione. Ferrante è un giocatore importante che potrà aiutarci molto a risollevarci da questo momento difficile... siamo certi che il nostro bomber tornerà presto determinante». Il Pescara, intanto, verifica la possibilità di arrivare a un rinforzo importante prima della riapertura delle liste di gennaio cioe' Fabio Vignaroli.
Dalla squadra intanto tutto Ok per il recupero di Gimenez e Papini Slitta invece il rientro del giovane Vicentini. Il terzino Vicentini si è allenato a parte e si esclude quindi la sua partecipazione per la gara di Sabato con Gimenez pronto a sostituirlo. Il difensore argentino ha ripreso a lavorare regolarmente. Le prossime ore saranno invece decisive per capire se il mediano Romeo Papini potrà tornare nel gruppo. Ieri si è svolta anche un'amichevole con gli Allievi al Vestina finita 9 a 0. Occasione per Ammazzalorso di provare soluzioni tattiche prima di Sabato, unico escluso Paponetti che ha avvertito un fastidio al ginocchio destro e si è allenato a parte.
Per la gara di Sabato che vede il Vicenza all'adriatico le statistiche vedono 8 precedenti con 3 vittorie del Pescara 1 sconfitta e 4 pareggi. Nell'ultimo campionato il 10 ottobre 2005 i biancazzurri in casa si imposero sui vicentini per 3 a 1 con reti di Bonfiglio Cammarata e Matteini.

Arriva il Vicenza! SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 17/10/2006

Il Pescara riprende la preparazione per la gara interna contro il Vicenza con un allenamento pomeridiano all’Adriatico.
Ammazzalorso, infatti, non ha voluto la squadra in ritiro perchè è convinto che la situazione vada presa di petto considerando la contestazione come parte del gioco. Per sabato potrebbero rientrare nel gruppo, e essere a disposizione del mister, i due terzini sinistri, Gimenez e Vicentini e il centrocampista Papini. Dopo il riposo precauzionale Gonnella e Rigoni dovrebbero riprendere regolarmente gli allenamenti da domani.
Secondo il tecnico biancazzurro la prima partita è servita a conoscere la squadra e qualche accorgimento adesso dovrà essere apportato. In questo momento - aggiunge Ammazzalorso - non siamo in grado di sopportare due esterni molto offensivi e due attaccanti. La novità, quindi, potrebbe consistere nell’esclusione di una punta e di un centrocampista offensivo in piu'.
Il Vicenza che arriva a Pescara (presidente Sergio Cassingena) è una squadra che poco è cambiata rispetto allo scorso anno.
Tra le novità troviamo in porta Guardalben dal Palermo e tra le conferme troviamo Fissore al quale è stato prolungato un contratto che lo terrà in biancorosso fino al 2010. La squadra, a quota 2 in classifica, si è presentata ai nastri di partenza della cadetteria, come i biancazzurri, con pochi rinforzi e molte incognite.
Tra le grosse pecche del calciomercato vicentino vi è la mancanza del terzino sinistro inseguito a lungo ma mai arrivato e l'uomo gol. Tutto sommato i biancorossi continuano a credere e a puntare sul tandem Sgrigna-Cavalli.
Il tecnico Gregucci, per la trasferta abruzzese, dovrà fare i conti con importanti assenze. Arriva, infatti, uno stop per Schwoch a causa di un affaticamento muscolare al polpaccio destro. Le sue condizioni verranno valutate nei prossimi giorni. Zanini e Trevisan hanno ripreso a lavorare con il gruppo mentre Scardina ha proseguito con una seduta differenziata, sempre per i postumi della distorsione alla caviglia destra.

Il comunicato dei Rangers SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 17/10/2006

C'era una volta il calcio, gioco popolare, catalizzatore di emozioni, capace di far radunare in un posto migliaia di persone diverse tra loro per mille motivi, ceto sociale, livello culturale, ma accumunate da un'unica grande cosa:
La passione... sarà questa la chiave del nostro discorso, la passione... Da sempre le Curve negli stadi rappresentano la parte bella di questo sport, la capacità di divertire e stupire anche quando in campo le doti tecniche ahimè scarseggiano... torce bandiere, sciarpe e striscioni fanno di un semplice avvenimento sportivo un evento, uno spettacolo, un motivo in piu' (ultimamente l'unico) per recarsi allo stadio.
Ma la vita dell'ultras non è mai stata facile e mai come in questo periodo denunce e diffide ingiustificate, repressione fisica e morale e la soppressione delle piu' elementari e basilari libertà di un individuo (ad esempio di espressione), stanno pian piano decimando le fila di coloro che, a ben guardarela situazione del nostro calcio, rappresentano ora la parte piu' pulita e sana. Non siamo angeli, non intendiamo esserlo e sempre ci assumiamo le responsabilità di cio' che facciamo, dei danni che provochiamo e delle azioni (spesso violente) che ci vedono protagonisti, spinti e motivati dalla nostra PASSIONE... sempre lì si torna...
Purtroppo i tempi sono cambiati, la società si è evoluta (per molti di noi no), i costumi sono mutati ed anche le curve hanno subito una trasformazione netta rispetto a quelle che erano negli anni passati. Ma veniamo a noi... Dal punto di vista squisitamente calcistico- societario, a pescara abbiamo asistito ad un ambio gestionale tanto voluto e atteso che ha deluso tutti, anche coloro che per motivi di accattonaggio, continuavano a tessere le lodi di questo omuncolo privo di qualsiasi stimolo genuino, mosso esclusivamente dai suoi squalllidi e patetici interessi economici... come si suol dire "...dalla padella alla brace"
Ma la cosa piu' grave ed irritante per noi, riguardo il nostro (per modo di dire) presidente è sicuramente il suo modo di fare, strafottente e d arrogante anche in quei momenti in cui avrebbe dovuto abbassare la testa e chiedere perdono per le mille e mille stronzate che lui e i suoi compagni di merende combinano da un paio di d'anni a questa parte...
il caro presidente non ha mai pensato di rendere conto a NOI che siamo il motore trainante di questa città, il cuore pulsante di questo mondo che molti, tra leggi e repressioni, cercano di sopprimere in quanto unico ostacolo per il raggiungimento dei loro interessi (stadi come centri commerciali, gente controllata da un fitto sistema di telecamere/intercettazioni etc). Il presidentucolo ha sempre fatto di testa sua, sbagliando con presunzione e non accollandosi mai le responsabilità, una sorta di capitano che abbandona prima di tutti la barca che affonda...e la nostra barca affonda ormai una volta a settimana..
Altro aspetto estremamente negativo e deletero qui a Pescara è la forte repressione delle forze dell'ordine, dovuta ad un'assenza totale di colloquio con gli agenti predisposti alla sicurezza dello stadio... noi abbiamo scelto di non avere nessun rapporto con loro... e loro hanno scelto di renderci la vita impossibile tra ripicche e dipstti, diffide e denunce tirate a caso: "oggi diffidiamo...oggi diffidiamo"
In base a queste consideraizoni, i Pescara Rangers, come unico gruppo ultras ella curva, hanno preso una decisione dura, amara e che desterà non pochi dissensi: dalla gara contro il frosinone LA PARTE CENTRALE DELLA NOSTRA CURVA RIMARRA' VUOTA ED IN SILENZIO, MENTRE NELLE TRASFERTE IL GRUPPO SI MOBILITERA' NORMALMENTE MA CON AL SEGUITO SOLTANTO STRICIONI DI PROTESTA E LE "PEZZE" CHE RICORDANO I NOSTRI AMICI SCOMPARSI.
E' la nostra decisione e NON SI DISCUTE, perchè siamo noi che portiamo avanti il nome ed i colori di questa città, siamo nopi che quotidianamente (7 giorni su 7) subiamo dei soprusi dalle F.D.O., simao noi che paghiamo migliaia di euro per gli avvocati, siamo noi che il venerdì sera ci ritroviamo a fare gli striscioni o ad organizzare le trasferete, siamo noi e basta!
Coloro che non sono d'accordo possono benissimo dimostrare il loro dissenso, ma avvertiamo tutti che non accetteremo mancanze di rispetto da parte di nessuno ed agiremo di conseguenza nel caso si verificassreo spiacevoli inconvenienti.
Siamo stufi di non essere ascoltati, di non avere voce in capitolo solo perchè il calcio ormai è solo business, solo una gallina dalle uova d'oro, un ambiente dove la PASSIONE vale meno di zero, ciò che conta è quanto puoi offrire e quanto puoi guadagnare, quanto sia rubare e quanto sai farla franca... la nostra unica arma è il tifo? OK, decidiamo allora di chiudere la nostra curva a tempo indeterminato, cioè fin quando questo indesiderato presidente non andrà via dai coglioni...
Questa decisione ci fa male, ma è l'unica ed ultima arma che abbiamo per far valere le nostre ragioni e speriamo di avere tutta la vostra comprensione ed il vostro sostegno.
NOI SAREMO SEMPRE PRESENTI, PIU' UNITI DI RIMA, PIU' COMPATTI CONTRO IL NEMICO...
CHIUNQUE ESSO SIA, QUALUNQUE DIVISA INDOSSI!!!
MEGLIO MORIRE INPIEDI CHE VIVERE IN GINOCCHIO!!!

Il Pescara non va in ritiro SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 16/10/2006

Contrariamente a quanto si poteva pensare da oggi la squadra biancazzurra avrebbe dovuto trasferirsi nuovamente in ritiro a Norcia per preparare la gara di sabato all’Adriatico contro il Vicenza.
Invece Ammazzalorso decide di rimanere in città per la preparazione. Il tecnico biancazzurro spiega che la squadra deve prepararsi ad affrontare un clima ostile mettento in conto contestazioni e polemiche.

Am.lorso, Bignone, Martini e Iaconi SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 15/10/2006

Dopo l'amaro esordio in panchina Ammazzalorso prova a dare una spiegazione alla sconfitta casalinga. Cosi' il tecnico: «Siamo arrivati sempre in ritardo sul pallone, mentre loro sono riusciti a venir fuori palla al piede tutte le volte che hanno riavviato l'azione. Questo ha creato grandi difficoltà alla nostra difesa, che si è trovata spesso scoperta. Ci dovevamo allungare di più, ma non potevamo farlo perché, essendo in svantaggio, avevamo problemi a ripartire e non potevamo rischiare di esporci troppo». Sul problema Paponetti-Ferrante: «Bisognerà lavorare su quest'aspetto e trovare le soluzioni migliori per le prossime partite».
Per Bignone,responsabile dell’area tecnica, invece non bisogna lasciarsi andare: «Non ci nascondiamo e cambiando allenatore abbiamo ammesso il fallimento di un progetto. Ci siamo messi nei guai da soli e da soli dobbiamo uscirne. mancano 35 gare alla fine e sarebbe delittuoso lasciarsi andare. Valuteremo se andare in ritiro e parleremo anche a muso duro con la squadra, perchè ognuno deve assumersi le proprie responsabilità».
Per i giocatori pescaresi parla solo Martini che spiega che si tratta, per il Pescara, di un fatto mentale. La spirale negativa, secondo l'attaccante 27enne, si potrà interrompere solo cercando di ricompattare il gruppo con l'aiuto del nuovo tecnico.
Per l'ex Margiotta Ammazzalorso è un tecnico capace ed esperto: < Per finire Ivo Iaconi non nasconde la soddisfazione per la vittoria esterna ottenuta contro chi lo aveva esonerato 5 anni fa. «Sono tre punti importantissimi in chiave salvezza ottenuti su un campo difficile. Vincere con squadre di bassa classifica come successo oggi e a Vicenza avvicina la salvezza che resta il nostro primo obiettivo. Sono amareggiato per la situazione attuale del Pescara visto che in riva all'adriatico ho passato tre anni. Pescara meriterebbe un futuro migliore con investimenti costanti e maggiori. Questa non è una critica nei confronti della nuova dirigenza. Quest' anno la squadra pescarese è sulla carta superiore a quella dell'anno scorso pertanto ha tutte le carte in regola per salvarsi».

Galeone, niente di grave. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 15/10/2006

Niente di grave per Giovanni Galeone, colpito da malessere alla mezz'ora del primo tempo di Parma-Udinese.
Il tecnico e' stato portato subito in ospedale per accertamenti e dai primi accertamenti sarebbe il problema sarebbe stata un'aritmia cardiaca.
Cosi' l'ex biancazzurro, dopo il malore: "Non vi preoccupate, mi era gia' successo. E poi io fumo solo in panchina..."
Galeone, che non era tornato in campo per la ripresa della partita di Parma a causa di un malore che lo aveva colpito nei minuti finali del primo tempo, tranquillizza tutti dopo le dimissioni dall'ospedale dove era stato ricoverato per accertamenti: "Ho dovuto firmare la liberatoria per potermene andare. Ma era un problema di cui avevo sofferto gia` dieci anni fa quando allenavo il Perugia. Non sono preoccupato. Non ho mai fumato. Ho sempre fumato solo in panchina. Li` riesco a consumare anche trenta sigarette.

Il buio nel silenzio dell'Adriatico. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/10/2006

Non è servito a nulla il cambio del tecnico: anche con Ammazzalorso la squadra è stata priva di gioco, idee e grinta, perdendo meritatamente per 2 a 0 contro un Frosinone che non ha dovuto sudare più di tanto per portare a casa i tre punti: alla fine l'unico che si salverà dal grigiore generale sarà Rigoni.
La Curva Nord Marco Mazza resta vuota nella parte alta centrale in segno di protesta contro la società con uno striscione eloquente "FIN QUANDO CI SARETE VOI...NON CI SAREMO NOI"; si gioca quindi in uno stadio ammutolito con i soli 500 tifosi ciociari che festeggiano la loro squadra.
Le reti dei ciociari arrivano a inizio e fine partita; nel primo tempo Ferrante ha la possibilità di pareggiare, ma calcia il rigore sulla traversa tirando a "cucchiaio".
Dopo il rigore sbagliato malamente da Ferrante, gli ultras abbandonano lo stadio, lasciando così completamente vuota la parte centrale della curva.
Ormai l'Adriatico è diventato terra o campo di conquista per chiunque (e mancano ancora le big), considerando che l'ultima vittoria interna per il pescara risale a sei mesi fa. La tifoseria organizzata (e non solo) contesta alla gestione Paterna di aver, in soli due anni, azzerarato la passione e l'entusiasmo che da sempre ha contraddistinto il popolo biancazzurro.
Di questo passo sarà dura arrivare a fine campionato, perchè siamo destinati a collezionare mesi di figuracce che noi tifosi non meritiamo.
Sono on-line le foto della partita.

Formazioni e Contestazioni SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/10/2006

Presidente Paterna nel mirino degli ultra' abruzzesi
Nel tardo pomeriggio di ieri, un centinaio di tifosi del Pescara ha duramente contestato il presidente Dante Paterna davanti alla sede sociale in viale Mazzarino bloccando il traffico e gridando slogan contro il Presidente e la società.
I tifosi, amareggiati per gli ultimi risultati della squadra e per le vicissitudini dell'ultima settimana, hanno prima suonato ripetutamente al portone d'ingresso, intonando dei cori contro il presidente poi qualcuno è riuscito ad introdursi nel vano scala del palazzo senza pero' riuscire ad entrare nella sede. L'intervento della polizia ha obbligato i contestatori ad allontanarsi.
All'interno della sede, barricati, vi erano solo il DS Iaconi e alcuni dipendenti impiegati della società.
Per la gara Pescara Frosinone e' prevista una nuova contestazione dei tifosi biancazzurri, di cui non si conoscono i dettagli.
Ammazzalorso e formazione.
Il neo tecnico Ammazzalorso dovrà fare a meno di Papini, Vicentini e quasi sicuramente di Gimenez ancora alle prese con le terapie per lenire il fastidio all’inserzione dell’adduttore della ganba destra. Nel Pescara la coppia di difensori centrali dovrebbe essere composta da Gonnella e Delli Carri, con a destra Zoppetti e a sinistra Demartis. I quattro di centrocampo dovrebbero essere Antonelli, Moscardi, Aquilanti e Rigoni. In attacco Ferrante, Paponetti e l’ex Martini si contenderanno due maglie. Ecco l'undici che scenderà in campo contro il Frosinone:
(4-4-2) Spadavecchia, Zoppetti, Gonnella, Delli Carri, Aquilanti; Antonelli, Moscardi, Luci, Rigoni; Ferrante e Paponetti.
Il Frosinone di Iaconi, viste le defezioni tra infortuni e squalifiche di Fialdini, Bellè, Zaccagnini e Perra, vara una formazione, contro gli abruzzesi, quasi scontata. L’unico dubbio riguarda la fascia destra della linea dei difensori. Francesco Carbone è stato infatti colpito da una leggera forma influenzale. Il suo impiego non dovrebbe essere in dubbio, ma è comunque pronto Michele Ischia nel caso Carbone non ce la dovesse fare. I centrali di difesa saranno Pagani e Cannarsa, mentre sulla fascia sinistra agirà Di Venanzio. A centrocampo scelte quanto mai obbligate. Perra e D’Antoni saranno la coppia centrale con il compito di interrompere le trame avversarie e di impostare le azioni offensive. A destra rientrerà Galasso mentre a sinistra giocherà Lodi. In attacco la confermatissima coppia Di Nardo – Margiotta.

Contestazione sotto la sede SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 13/10/2006

Nel tardo pomeriggio di oggi un centinaio di ultras biancazzurri si sono radunati sotto la sede della Pescara Calcio bloccando il traffico in via Mazzarino per gridare slogan contro Paterna, la cui gestione della società è ritenuta finora fallimentare.
Purtroppo finora i risultati danno ragione ai contestatori.
Per la gara di domani, Ammazzalorso sembra aver scelto l'undici che scenderà in campo contro il Frosinone dell'ex Iaconi:
(4-4-2) Spadavecchia, Zoppetti, Gonnella, Delli Carri, Aquilanti; Antonelli, Moscardi, Luci, Rigoni; Ferrante e Paponetti.

Parlano i risultati SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 13/10/2006

Aldo Ammazzalorso, dopo la firma di un contratto a occhi chiusi, una grossa carica emotiva e tanta voglia di ricominciare si trova a dover far subito i conti con un ambiente difficile e alle soglie dell'ennesima gara cruciale.
Nelle prime interviste, ai tifosi, Ammazzalorso non lancia nessun appello spiegando di capire che adesso siano delusi ma che verranno presto riconquistati con l’impegno, con le prestazioni e con i risultati. Sulla sua fama di buon allenatore ma con un pessimo carattere, l'italo -argentino dice che si tratta di un'etichetta che si porta dietro da anni e questo gli ha fatto perdere parecchie opportunità. Il tecnico aggiunge che il suo è un carateere forte e dire alcune verità scomode ti fa e andare inevitabilmente contro qualcuno. In ogni caso , conclude Ammazzalorso, per un allenatore parlano i risultati.
Dal ritiro di norscia, il neo mister biancazzurro, comincia a delineare le linee guida del gioco che intenderà proporre con il Pescara.
Tutto parte con il "dare razionalità alla squadra mettendo ogni giocatore nel suo ruolo naturale" con "modulo fisso, concetti facili e aggressività". Dunque la preparazione della gara con il frosinone si basa sul rimettere le pedine al loro posto, utilizzando un 4-4-2 offensivo.
A centrocampo due esterni alti per sfruttare le fasce laterali (Antonelli e Rigoni). In difesa si parte con Spadavecchia, Demartis a sinistra e Zoppetti sulla destra (ginmenez fuori per infortunio). in attacco Paponetti o Martini a fare da seconda punta affiancando Ferrante.
A coadiuvare il tecnico, il nuovo staff composto dal preparatore dei portieri Ermes Morini, il secondo allenatore che sarà Vincenzo Vivarini mentre il nuovo preparatore atletico è Antonio Fabbiano. Il Pescara Calcio rientrerà da Norscia nel pomeriggio direttamente all'hotel Promenade, sede del ritiro pre gara.
Il Frosinone, del tecnico Ivo Iaconi, invece, che si presenterà a Pescara con una rosa di 20 convocati, punterà sulla collaudata coppia d'attacco Margiotta-Di Nardo per guadagnarsi altri tre punti in trasferta (dopo Vicenza).
I ciociari saranno seguiti da circa 700 tifosi giallazzurri sugli spalti dello stadio Adriatico.
La gara sarà diretta dall'ennesimo esordinete in B Antonio Damato di Barletta, assistito da Liberti di Genova e Bernardoni di Modena. IV° uomo Viti di Campobasso.

Iaconi prepara il derby SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 12/10/2006

Il Frosinone del presidente Maurizio Stirpe, neo promosso in B, a quota 5 in classifica, quest'anno si presenta con la formazione reduce dallo scorso campionato arricchita con gli innesti del centrocampista Lodi, dell' attaccante Margiotta e dei difensori Carboni e Cannarsa.
Sabato, a guidare i Ciociari all'adriatico, ci sarà l'ennesimo ex biancazzurro Ivo Iaconi pronto a riprendere la marcia contro la sua ex squadra: <>
A pescara non ritroverà solo ricordi e facce conosciute ma anche il fratello che svolge il ruolo di ds per i biancazzurri.
Infortuni e squalifiche obbligano il tecnico Iaconi ad inventarsi il centrocampo che scenderà a Pescara. Indisponibili per Iaconi sono Bellè, Faldini, Perra (in forte dubbio) e il centrocampista Zaccagnini (fuori per un mese per problemi al ginocchio) oltre che Rimoldi, bloccato dal Giudice Sportivo. Cannarsa se giocherà avrà punti di sutura sul labbro, mentre sono da valutare le condizioni di Chiodini, alle prese con un problema ai tendini della mano destra.
Aldo Ammazzalorso, dopo la presentazione e le dichiarazioni di rito, si ritrova a Norscia per iniziare il delicato lavoro di preparazione alla gara fondamentale di sabato.
Il tecnico italo-argentino non potrà contare su Papini e Vicentini indisponibili (in fase di recupero) e Gimenez che lamenta un fastidio all'inserzione dell'adduttore.

Il giorno del silenzio SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 12/10/2006

Da Buenos Aires, Paterna, dove si trova per affari, torna con "il Centro" sulla questione Sarri ribadendo che ancora non conosce la motiviazione del no del tecnico toscano. Sarri - continua Paterna - ha avuto una virtuale stretta di mano con me e con Iaconi concordando anche dettagli di lavoro e di gestione dei rapporti lasciandoci con il suo impegno di raggiungere all'indomani i raggazzi in ritiro per dirigere il primo allenamento.
Dopo cio', secondo Paterna, sarebbero state cambiate le carte in tavola, e dopo il susseguirsi di aumenti e condizioni accordategli sarebbe seguito il giorno di silenzio.
Sarri, in sintesi, dopo essere stato accontentato sui punti cardine delle sue richieste, sarebbe sparito per l’intera giornata di martedì.
Cè di mezzo un'altra società?
vedremo aggiungiamo noi.
 

 

IL MURO CHIUDE SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 11/10/2006

In questi giorni a Catania è successo quello che temevamo. Nell’ambito di alcune indagini aperte in seguito ad una denuncia presentata dai vertici del Catania Calcio è stato disposto il sequestro per un sito web sulla società etnea, che, secondo quanto accertato dagli investigatori, conteneva frasi diffamatorie nei confronti dell'ad del Catania Lo Monaco e del presidente Pulvirenti, oltre ad incitamenti alla violenza.
Sulla base di quanto accaduto a Catania, e sulla notizia rilanciata da Forzapescara.com, noi di solopescara.com (Massimo e Fabio) abbiamo avuto modo di riflettere e siamo arrivati alla dolorosa decisione di chiudere il Muro.
L'attuale situazione in cui versa il mondo della Pescara calcio in generale è fonte di un forte rischio di querela per noi e per gli utenti/tifosi che attraverso di noi lasciano il loro messaggio e il loro indirizzo IP.
La passione sportiva che ci ha indotto a portare avanti il nostro progetto ci ha felicemente costretto a mille sacrifici e a rifondere cifre economiche non trascurabili avendo come tornaconto solo pura soddisfazione. Per noi non è possibile accollarci anche questo peso/responsabilità.
Solopescara.com è per noi un piacevole passatempo dettato dalla passione verso la nostra città e non potendo garantire la giusta vigilanza su cio' che viene scritto sul muro siamo giunti alla decisione di rimuoverlo.
Il nostro portale on line dal settembre 2001 è stato fino a questo momento un successo. Un successo, realmente documentato da un contatore (apposto su un frame con unico scatto per visita e non a scatto per ogni click su una qualsiasi pagina) che evidenzia una media giornaliera di 300 visite. Ebbene da allora abbiamo collezionato piu' o meno 241.000 visite totali e offerto agli utenti ben 1.400 pagine di contenuti ai quali si aggiungono una quantità enorme di immagini-foto e altro materiale che non è facile stimare.
Con questi numeri Solopescara.com è passata agli occhi della stampa e delle sorelle web assolutamente indifferente. Provate a trovare il link di Solopescara.com o la notizia della nostra esistenza sui giornali o su altri siti biancazzurri!
Eppure, noi, in considerazione dello spirito sportivo e dell'obiettivo comune della fede calcistica e cittadina offriamo da sempre ai nostri utenti tutti i possibili link che riguardano il mondo biancazzurro e pescarese in generale.
Siamo convinti pero' che questo atteggiamento di non curanza nei nostri confronti verrà meno quando ci sarà da prendere un capro espiatorio. Quando qualcuno dirà che il web, a torto o a ragione, non dovrà piu' essere libero allora statene certi saremo i primi a essere denunciati o riportati sul giornale locale alla voce "denunciati".
Questa è la nostra situazione e la nostra decisione di fronte alla quale ognuno puo' trarne le proprie valutazioni.
La nostra è una scelta di maturità e non certo dettata da minacce o pressioni esterne.
Quando il tempo ci sarà clemente cercheremo di offrire strumenti idonei ai nostri utenti (forum) per tornare ad essere una bella comunità anche se solo virtuale.
Tutti i contenuti del portale continueranno a essere disponibili (news comprese) come sempre lo sono state. In modo libero e gratuito.
Grazie di cuore a tutti voi
Massimo e Fabio Solopescara.com

Ammazzalorso a Pescara SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 11/10/2006

Maurizio Sarri dopo aver tenuto i tifosi e la società del Pescara sulla corda, alla fine, dice di no. Certamente alla base del no un Sarri memore dei trascorsi di giugno, quando dalle incomprensioni con il presidente Dante Paterna arrivo' il mancato rinnovo. Sulla decisione del tecnico toscano di non tornare a Pescara pesa pero' anche la probabilità di contatti con altre societa` (Arezzo e Crotone). Il Pescara, che, lunedi` aveva allontanato Davide Ballardini dopo la sconfitta di Modena, aveva subito preso la direzione dell'ex toscano, mentre la squadra si recava in ritiro a Norcia. Nella serata di martedi`, dopo una serie di richieste da parte di Sarri (garanzie e stipendio) non accolte da Bignone e Paterna, e` arrivato il no.
La società spiazzata dalla probabile vendetta dell'ex si è dunque subito dovuta adoperare per trovare un sostituto. In pole position per la panchina sembrava esserci Aldo Ammazzalorso (nato a Escobar, in argentina, il 27 ottobre del `51), ex tecnico dell`Ascoli, che ha gia` avuto modo di lavorare con alcuni dei pescaresi, come Massimo De Martis e Filippo Antonelli, quando fu chiamato a guidare l`Ascoli. Nomi alternativi era difficile trovarli e l`unica certezza era che il Pescara non aveva piu' tempo. Dunque nella notte sarebbe stato raggiunto l'accordo tra il tecnico italo-argentino e la società, di cui al momento non sono chiari i dettagli.
La squadra, intanto, lavora in ritiro e questa mattina sarà probabilmente raggiunta dal nuovo tecnico che dovrà subito cercare di risolvere una brutta situazione. Sabato affrontera` un avversario sulla carta abbordabile, il Frosinone dell'ex Iaconi.
Ecco chi è Aldo Luigi Ammazzalorso.
Nato in Argentina Escobar, 27 ottobre 1951, è un allenatore di calcio argentino di origini italiane che da anni risiede in provincia di Teramo. (parente di Luisito Monti, centromediano dell'Italia campione nel Mondo nel 1934)
In carriera Ammazzalorso ha conquistato 4 promozioni (1990 Vastese, promozione in CND, 1994 Teramo, promozione in C2, 2000 L'Aquila, promozione in C1, 2003 Treviso, promozione in B), e ha collezionato 3 esoneri (Sulmona 1990-91, Catania 2001-02, salernitana 2004-05).
Ha iniziato guidando le giovanili del Pineto, nel 1987 è passato ad allenare la prima squadra che giocava nel Campionato Interregionale Dilettanti. Nel 1989-90, al primo anno sulla panchina della Vastese, conquista la promozione in Serie C2. Non confermato, continua la sua carriera nei dilettanti allenando il Sulmona. Nel 1991-92 è inattivo, la stagione successiva allena la Santegidiese. Nel 1993-94 viene chiamato dal Teramo, con cui conquista la promozione in Serie C2. Nel 1994-95 gli abruzzesi arrivano al 7° posto, nel 1995-96 sono noni. Nel 1996-97 passa al Fano, con cui arriva ancora una volta al nono posto. Per uscire dall'anonimato, Ammazzalorso torna in D con la Sambenedettese, con cui però non conclude molto. Richiamato in C2 dall'L'Aquila, arriva la svolta: sesta nel 1998-99 nella successiva stagione 99-00 sale in Serie C1 dopo i play-off. L'anno successivo (2000-01) azzecca una stagione di assoluto rilievo con l'Avellino in C1 portando gli irpini alla partecipazione ai play-off per la Serie B. Ammazzalorso giunge quindi al Catania di Gaucci nella stagione 2001-02 in Sicilia, pero', l'argentino non ha fortuna. I risultati altalenanti lo portano all' esonero alla sedicesima giornata. Il Catania torna in B, e Ammazzalorso riparte dalla C1 con il Treviso: ancora una volta l'allenatore argentino conquista una promozione. In serie B però non esordisce con il Treviso ma sulla panchina dell'Ascoli (subentrato a Loris Dominissini). Nel 2004-05 passa alla Salernitana, che dirige per appena sette partite. Nel 2005-06 è rimasto senza panchina.
La carriera in sintesi:
2005-2006 inattivo
2004-2005 inattivo
2004-2005 Salernitana Serie B
2003-2004 Ascoli Serie B
2002-2003 Treviso Serie C1/A promozione in B
2001-2002 Catania Serie C1/B
2000-2001 Avellino Serie C1/B
1999-2000 L'aquila Serie C2/C promozione in C1
1998-1999 L'aquila Serie C2/C
1996-1997 Fano Serie C2/B
1995-1996 Teramo Serie C2/C
1994-1995 Teramo Serie C2/B
1993-1994 teramo Serie C2/B promozione C1
1992-1993 Santegidiese CND
1991-1992 inattivo
1990-1991 Sulmona CND
1989-1990 Vastese CND promozione in Serie C2.

Sarri non accetta SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 10/10/2006

Colpo di scena: Maurizio Sarri ha deciso di non accettare le condizioni offertegli dalla società.
Al momento non si conoscono le motivazioni, visto che ieri sera il presidente Paterna aveva dichiarato di aver trovato l'accordo con l'ex tecnico che oggi pomeriggio avrebbe dovuto guidare l'allenamento a Norcia.
Forse dietro il rifiuto dell'offerta da parte del tecnico toscano oltre alla mancanza di garanzie ci sarebbe l'opzione della panchina del Crotone o del l'Arezzo.
I vari tg hanno fatto una serie di nomi fra i possibili candidati: Sonetti, Oddo, Baldini, Cari, Gentile, Cuccureddu, De Canio, Mandorlini e Ammazzalorso, con quest'ultimo che potrebbe essere forse il favorito.
L'unica cosa certa, in questo momento, è che la squadra in ritiro si ritrova senza guida tecnica, senza valide prospettive per il futuro, senza le maglie ufficiali e con un pubblico che sta assistendo ad uno spettacolo indecoroso proprio nel 70° anniversario della Pescara Calcio.

In attesa! in stand by SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 10/10/2006

Dopo l'incontro di ieri mattina a Foligno e dopo la telefonata di Paterna a Sarri nella quale il presidente del Pescara avrebbe garantito a Sarri i mezzi necessari per lavorare, sembrava fatta.
Sarri doveva soltanto definire i termini dell'accordo, con i dirigenti pescaresi a foligno, ma il nuovo tecnico aveva tutte le intenzioni di cautelarsi in una situazione che resta comunque molto delicata sul piano tecnico.
Dunque le parti si sono lasciate un paio d’ore dopo senza accordo giustificando il ritardo con le difficoltà di comunicazione con l'argentina.
Nel frattempo in serata lo stesso Paterna, in diretta Tv su rai tre, in collegamento telefonico dall'Argentina, dichiarava che l'accordo con con l'ex tecnico Maurizio Sarri era stato raggiunto. Lo stesso Paterna aggiungeva di essersi anche ricreduto su Sarri e che è stato scelto lui perchè ha il vantaggio di conoscere già buona parte dell'organico, in primis la difesa.
Probabilmente lo stesso Paterna non sapeva, nel collegamento telefonico con rai tre, che forse vi era un complicazione nella trattativa. Evidentemente - aggiungiamo noi - non tutte le telefonate riescono ad arrivare in Argentina.
Sul limbo nel quale sembra essere caduto il Pescara e la vicenda tecnico, Bignone, ha preferito chiamarsi fuori dalla decisione ed ha preteso che il tecnico chiarisse nuovamente, fino in fondo, i vecchi dissapori con il presidente. Il nodo, in conclusione, sarebbe soprattutto nell' autonomia delle scelte tecniche ma anche dei rinforzi chiamati a salvare il salvabile.
Paterna ha promesso a Sarri tre acquisti importanti. Uno addirittura in tempi brevi. Potrebbe trattarsi di Fabio Vignaroli, ex Bologna e Modena, che Sarri potrebbe utilizzare dietro la punta centrale, nel ruolo che proprio lo scorso anno aveva creato tanti problemi. Vignaroli è attualmente svincolato.
Sarri, sui biancazzurri, neanche a dirlo, in questa nuova stagione, dichiara di non aver seguito il Pescara: «Ho visto in tv un tempo della partita col Bari, poi solo spezzoni.
Naturalmente conosco i giocatori che compongono l’organico. Questo sì. Rispetto alla scorsa stagione? E’ una formazione con caratteristiche un po’ diverse. Più tecnica e meno fisica, più fantasia e meno temperamento.
L’impressione è che ci si possa comunque lavorare.
Il tecnico toscano non ha poi espresso nessun commento specifico sulle difficoltà incontrate dalla squadra in questo inizio di stagione sorvolando e chiudendo con un «Non spetta a me valutare>>.
In attesa che sia ufficializzata la notizia anticipiamo che con Sarri ci sarà il preparatore atletico Francesco Bertini quasi certamente quest’anno non farà parte del suo staff il preparatore dei portieri Mirko Tinagli. Nel ruolo dovrebbe essere confermato Morini, unico superstite dello staff di Ballardini.
Intanto come già anticipato nel dopogara di Modena da ieri la squadra si trova in ritiro a Norcia con Marco Bignone, responsabile dell’area tecnica. In umbria gli abruzzesi preparano la difficilissima e delicatissima gara di sabato contro il Frosinone di dell'ex Ivo Iaconi.

Paterna: raggiunto accordo con Sarri SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 9/10/2006

In diretta Tv in collegamento telefonico dall'Argentina, Paterna ha dichiarato che oggi è stato raggiunto l'accordo con l'ex tecnico Maurizio Sarri:a meno di clamororse sorprese quindi, domani Sarri dovrebbe essere ufficialmente l'allenatore del Pescara.
Paterna ha detto di essersi anche ricreduto su Sarri e che è stato scelto lui perchè ha il vantaggio di conoscere già buona parte dell'organico, in primis la difesa; sono rimasti d'accordo che si vedranno ogni lunedì per gestire al meglio la situazione evitando così le incomprensioni dello scorso anno.
In bocca al lupo mister Sarri.

In cerca di un Mister SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 9/10/2006

Sul dopo Ballardini si scatena la giostra dei nomi per la guida tecnica del Pescara.
Tra i nomi inevitabilmente finiti nella bagarre delle notizie ci sarebbero Oddo, De Canio, Sonetti, Ammazzaloro, l'attuale allenatore in seconda Di Mascio o addirittura l'ex Sarri.
Vista la cronica mancanza di risorse del club di via mazzarino i nomi eccellenti circolati sarebbe da annoverare a voci di corridoio non attendibili per questioni oggettive.
Piu' probabili, perchè alla portate delle tasche pescaresi, sono Di Mascio, Ammazzalorso e Sarri. Pochi credono, pero', nel possibile clamoroso ritorno dell'allenatore della scorsa stagione, Maurizio Sarri, ma Bignone potrebbe comunque provarci. Il ritorno dell'ex tecnico toscano sarebbe certamente visto come un atto di riconcigliazione verso i tifosi.
Sul Pescara Sonetti, dice: "Il Pescara? Non ne so nulla".
Nedo Sonetti, navigato allenatore di Spezia, Cosenza, Sambenedettese, Atalanta, Udinese, Avellino, Ascoli, Bologna, Monza, Lecce, Torino, Cremonese, Brescia, Salernitana, Cagliari, Palermo, Ancona, Catania e ancora Cagliari nella scorsa stagione, per la sua ultima panchina e indicato come possibile successore di Ballardini, fresco esonerato dal Pescara.
Ma lo stesso Sonetti, interpellato, sul suo possibile arrivo a Pescara dopo l'esonero di Ballardini dice: “Io vi dico che sto sentendo adesso da voi per la prima volta questa possibilità che non avevo assolutamente sentito prima, quindi non so proprio nulla”.
Fino a questo momento non ho avuto nessun contatto con la società biancoceleste".

Esonerato Ballardini SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 9/10/2006

COMUNICATO STAMPA, esonerato Davide Ballardini.
La Pescara Calcio rende noto di aver sollevato dall’incarico di responsabile tecnico di prima squadra il sig. Davide Ballardini. Il Presidente Dante Paterna e tutta la società ringraziano il sig. Ballardini per la professionalità dimostrata e l’impegno profuso e gli augurano le migliori fortune calcistiche.
fonte: Pescaracalcio.com

E' CRISI SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 8/10/2006

Ancora una volta il Pescara perde e nonostante una prestazione anche stavolta poco fortunata, dopo 6 giornate i numeri sono inequivocabili:
appena 2 punti raccolti, 1 solo gol realizzato su azione e 0 gol segnati in casa, il tutto contro formazioni tutt'altro che irresistibili.
Anche oggi ennesima formazione cervellotica di Ballardini che lascia in panchina Antonelli (il migliore fino ad oggi) per Gautieri e l'ennesima prestazione priva di mordente e carattere, soprattutto nel secondo tempo.
In sintesi il male del Pescara è quello peggiore: non è una squadra!!!
L'unica cosa da fare in queste occasioni è l'esonero del mister (anche se non sono solo sue le colpe), ma in questo momento così delicato la società, che ha sempre detto di aver allestito una signora squadra, ha pensato bene di andare in Argentina per visionare nuove promesse (!!!!!), non potendo così neanche avere la possibilità di esonerare il tecnico: complimenti!!!
Probabilmente la squadra andrà in rirtiro già da domani con probabile silenzio stampa.

si parte per Modena! SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 7/10/2006

La partita Modena Pescara ha 9 precedenti con sei vittorie degli emiliani e tre pareggi. L'ultimo confronto in terra modenese il 24.09.2005 finì 2 a 0 per i padroni di casa. Dunque il Pescara a Modena non ha mai vinto.
Dopo la rifinitura mattutina mister Ballardini ha diramato l'elenco dei convocati e nel pomeriggio la squadra partirà per Modena. Questi i 19 biancazzurri:
Portieri: Spadavecchia e Tardioli;
Difensori: Zoppetti, Delli Carri, Demartis, Olivieri, Giménez e Gonnella;
Centrocampisti: Antonelli, De Falco, Rigoni, Gautieri, Carozza, Aquilanti, Luci e Felci; Attaccanti: Ferrante, Paponetti e Martini.
Indisponibili: Moscardi, Papini e Vicentini.
I convocati del Modena:
PORTIERI: FREZZOLINI GIORGIO,NARCISO ANTONIO;
DIFENSORI: ANTONAZZO ANGELO,CENTURIONI MATTEO,CHIECCHI TOMMASO,PERNA ARMANDO,TAMBURINI JURI,UNGARI LUCA;
CENTROCAMPISTI: BALDO LUCA,BENTIVOGLIO SIMONE,CAMPEDELLI NICOLa,LUISI CARLO,TISCI IVAN;
ATTACCANTI: ABATE IGNAZIO, COLACONE ROBERTO, GILIOLI CRIS, LAZZARI FLAVIO, PINARDI ALEX, SFORZINI FERDINANDO;
INDISPONIBILI: FREY NICOLAS SEBASTIEN, TROIANO MICHELE.
Ricordiamo a tutti i tifosi che i biglietti di settore ospiti, per la gara di domani, potranno essere acquistati entro e non oltre le ore 19:00 di questa sera soltanto presso la tabaccheria Camaioni di Pescara, in via Benedetto Croce, angolo via Mazzarino, al costo unitario di 10,00 euro.

Tv, lega e la spiaggia di Modena SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 6/10/2006

La trasferta Modenese per il Pescara di Ballardini non sarà soltanto l'ennesimo ultimo appello per risollevare squadra, classifica e morale ma anche e forse l'ultima chanche del tecnico ravennate in crisi di gioco e risultati.
Nonostante la sua presentazione a fine giugno fosse stata salutata da società e tifosi come la base della probabile svolta a distanza di quattro mesi e cinque gare ufficiali in campionato il rapporto tra Ballardini, società e tifoseria sarebbe ormai incrinato.
A minare la panchina del tecnico ravennate sarebbero i due punti nelle prime cinque gare con un gioco disastroso, impoverito oltretutto da continui e inconcludenti esperimenti, e un atteggiamento troppo servile con la società. Bisogna dire che Ballardini sui risultati della formazione della rosa, tecnicamente inferiore all'anno passato, ha sempre avuto difficoltà nel dichiarare il suo disappunto nei confronti della società. Il tifo organizzato gli rimprovera, quindi, l'eccessivo servilismo.
Ma intanto la squadra continua a prepararsi per la delicatissima trasferta emiliana passando per l'amichevole di Cologna Paese che i biancazzurri chiudono 11 a 2 con 4 reti di Paponetti. Anche in questa occasione Ballardini ha effettuato i soliti esperimenti inserendo anche i tre primavera Ciofani, Sembroni e Avvantaggiato.
Per quanto riguarda la gara di domenica prossima il Modena scenderà in campo con l'ex Carletto Luisi pronto a giocare la sua gara nel ruolo di vertice basso di un 4-3-3 che sta dando buoni risultati e nel quale trova spazio anche l'altro ex Tisci. Nei canarini probabili le assenze degli infortunati Troiano (distorsione tibiotarsica), Chiecchi (stiramento al quadricipite femorale) e Frey che continua l'attività di riabilitazione.
La partita, che si disputerà domenica 8 ottobre alle ore 15,00 allo Stadio "Alberto Braglia" di Modena, sarà arbitrata dal Sig. Gervasoni della sezione di Mantova (esordiente in B), coadiuvato dagli assistenti di linea Sig. Ricci e Sig. Musolino. IV Ufficiale, Sig. Cuscito.
Dalla lega arriva il calendario per gli anticipi e i posticipi per tutto ottobre (fino alla 9a giornata) ma il Pescara rimane ancora fuori da tale elenco.
Per quanto riguarda il calcio in TV bisogna segnalare che SportItalia si è tirarata fuori ed ha chiesto al risoluzione del contratto alla Lega. A questo punto appare probabile che l'unica che trasmetterà le gare sarà SKY (solo sul satellite) mentre per quanto riguarda il digitale terrestre restano in piedi le opzioni di Mediaset Premium (che trasmette le gare di Juventus, Napoli, Genoa e Bologna in casa e fuori) e di Rai Sport che detiene l'esclusiva degli highlights in chiaro.

Rangers, Ferrante, Diakitè e Luisi SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 5/10/2006

Mentre il direttore sportivo Andrea Iaconi è sbarcato in Argentina per perfezionare l’accordo con la Juventud Antoniana di Salta, si registra un nuovo importante sussulto di calcio mercato.
Nei giorni scorsi infatti è arrivata alla società biancazzurra una maxi offerta dell’Inter per il difensore franco senegalese Modibo Diakitè (prodotto del vivaio Cetteo Di Mascio) ceduto in estate in comproprietà alla Lazio.
L'Inter avrebbe offerto al Pescara un milione e duecentomila euro per la metà del cartellino che è ancora di proprietà del Pescara. Un’offerta che se accettata potrebbe cambiare notevolmente il cammino del Pescara in questo campionato (sempre che i soldi siano investiti sulla squadra nel mercato riparatore invernale).
Proprio nel tentativo di riparare e di portare su la squadra ieri pomeriggio i Rangers si sono presentati al campo Vestina di Montesilvano per l’allenamento dei biancazzurri.
Ci sarebbe stato un colloquio tra i tifosi e alcuni dirigenti della società presenti sul campo.
Sulla presenza dei tifosi all'allenamento e su quanto accaduto il club “Pescara Rangers” ha diramato un comunicato ufficiale.
«All’inizio dell’era Paterna i Pescara Rangers non hanno attuato contestazioni in quanto il presidente ha mantenuto la promessa di garantire la salvezza. Ora visto che non è stata data continuità, abbiamo deciso di dimostrare il nostro dissenso e la nostra rabbia. Abbiamo invitato il signor Ballardini ad alzare un po’ la voce nei confronti dell’inerzia della società sul mercato, preoccupato soprattutto dalle sue dichiarazioni alla stampa, in cui elogiava l’operato societario e affermava la sua soddisfazione per l’organico. Purtroppo tutti sappiamo come è andata: nessuna lamentela, nessun vero colpo di mercato ed è per questo che riteniamo mister Ballardini complice del presidente>>.
Lo stesso Ferrante prova a dare una scossa al Pescara:<>.
L'attaccante sta recuperando la forma migliore dopo un'estate passata alla ricerca di una squadra.
L'avvio di stagione del suo Pescara non è stato certamente dei migliori e la tifoseria del "Delfino" è preoccupata. Una preoccupazione che è stata manifestata dagli stessi sostenitori già nella giornata di ieri quando al campo di allenamento una delegazione ha voluto intrattenere un colloqui con il direttore sportivo Bignone e alcuni esponenti della squadra.
Accoglie le critiche il bomber della formazione adriatica, Marco Ferrante. "Un po’ tutti sappiamo che nel mondo del calcio a pagare è sempre l’allenatore. Non è giusto, si sa. I giocatori, a cominciare dal sottoscritto, possono e devono fare di più. Resto comunque fiducioso perché sono sicuro che presto invertiremo la tendenza, magari cominciando già a vincere a Modena.
Questa squadra deve puntare non a salvarsi, ma a disputare un campionato di assoluta tranquillità".
La tranquillità che Ferrante auspica e che i tifosi cercano passa pero' da Modena dove ad attendere la formazione Biancazzurra cè un ex di rilievo che molti a Pescara rimpiangono (compreso noi di solopescara.com)
«Volevo restare, non mi hanno voluto. Ma resto sempre un tifoso».
Queste le parole di Carlo Luisi centrocampista del Modena nato a Pescara. Luisi avrebbe voluto concludere la carriera a Pescara, e invece adesso si ritrova davanti i biancazzurri in una gara che domenica potrebbe essere decisiva per Ballardini.
l'Ex numero 10 biancazzurro racconta il suo dispiacere per la mancata riconferma della scorsa stagione e riferisce che non sarà ello per lui affrontare il Pescara proprio adesso che è in difficoltà ribadendo che fuori dal campo era e rimane il primo tifoso del Pescara. Sulla partenza mal digerita Luisi spiega: «Non mi hanno voluto. Forse perché quando il Modena mi ha richiesto, a Pescara non c'era ancora chiarezza sia per quel che riguarda la situazione che per i programmi. Perché altrimenti sarebbe bastato poco, bastava andare dal Piacenza e dire che mi volevano. Mi avrebbero avuto gratis, a condizione di caricarsi il contratto. Non è stato fatto e ne ho preso atto. Peccato perché a Pescara avrei voluto chiudere la carriera, magari come capitano».

Polemiche, Modena e Adiatico. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 4/10/2006

Il tecnico ravennate dopo l'inizio delle pesanti polemiche seguite al pareggio con il Verona, in conferenza stampa torna a fare chiarezza sul momento delicato e sulle cause che lo hanno generato.
Ballardini ribadisce di sentirsi sempre e giustamente sotto esame ma sulle scelte tattiche e sui continui cambiamenti sottolinea di avere una rosa ridotta e con le squalifiche e gli infortuni è una necessità cambiare gioco.
Sull'inizio della contestazione da parte del pubblico dell'Adriatico, così il tecnico: «Il pubblico non poteva fare diversamente. Con il Verona non abbiamo giocato bene. La delusione, alla fine, dei nostri tifosi, è del tutto comprensibile. Per questo comunque la colpa è mia. Sono arrabbiato con me stesso. I giocatori sono del tutto estranei perché si allenano sempre con impegno, serietà e dedizione da veri professionisti quali sono. Con il Verona però si è vista una squadra che non è nemmeno lontana parente di quella che avevo in mente. Ne ho parlato telefonicamente con i dirigenti a cominciare dal presidente Dante Paterna e dal ds Andrea Iaconi, comprensibilmente allarmati. Sono sicuro però che ne verremo presto fuori».
La squadra intanto si prepara alla trasferta di domenica prossima a Modena con la ripresa degli allenamenti.
Sul prato verde in fase di preparazione torna Olivieri e rientra anche l'allarme per L'ex juventino Luci che pare abbia superato i problemi al ginocchio. Nella lista degli indisponibili dell'allenatore ci sarà pero' Moscardi (squalificato) che si aggiunge ai due infortunati Papini e Vicentini. In forse per il "Braglia" anche Natale Gonnella per problemi alla caviglia.
Dunque il tecnico biancazzurro, proprio a causa delle importanti assenze, per Modena annuncia il ritorno al tradizionale schema con due centrocampisti centrali e due esterni. Con l'indisponibilità dei due mediani di ruolo, Moscardi e Papini dovrebbe risolvere il ruolo di esterno di destra con Felci o Gautieri e con Antonelli esterno sinistro.
Per domani (giovedi' 5 ottobre) pomeriggio, con inizio alle ore 15:00, è in programma l'amichevole infrasettimanale a Cologna Paese contro la locale formazione prima a punteggio pieno nel campionato d'Eccellenza.
Anche il Modena si ritrova alla ripresa degli allenamenti e anche nei gialloblu' si fa la conta degli indisponibili. Baldo ha ripreso a lavorare in gruppo mentre Chiecchi, alla prese con un problema muscolare, ha svolto un lavoro a parte. Frey ha iniziato la rieducazione sul campo e Troiano è rimasto fermo perchè accusa un dolore alla caviglia e domani si sottoporrà a risonanza magnetica.
Il Modena di Daniele Zoratto, reduce da un pari positivo a Rimini, sembra aver ingranato la marcia giusta verso un calcio discreto che frutta anche risultati. Quindi la gara contro il Pescara servirà non solo a superare quei 5 punti che permeterranno agli emigliani di iniziare a pensare alle zone alte della classifica ma anche di cementare un gruppo nuovo con ampi margini di crescita.
A tal riguardo lo stesso capitano dei gialloblù Campedelli ripete ai suoi compagni di non sottovalutare il Pescara richiamando tutti alla massima concentrazione.

Per finire segnaliamo che la gara Tiburfuoco Abruzzo Calcio-Chieti A.s.d., in programma domenica 8 ottobre 2006, valevole per la quinta giornata del campionato di Promozone girone B, si giocherà per motivi di ordine pubblico allo Stadio Adriatico di Pescara. La società Chieti A.s.d. ha richiesto 500 biglietti per i propri sostenitori a cui verrà riservata la curva sud.

Ballardini è fuori dal Centro SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 3/10/2006

Ballardini è fuori dal Centro
La stampa abruzzese (e nello specifico il quotidiano "Il Centro") avrebbe già sentenziato: via Ballardini, squadra ad uno tra Di Mascio, Malesani, Cavasin o De Canio. Lui, Davide Ballardini, non fa una piega e parla dei motivi del pareggio ad occhiali di sabato contro il Verona.
"Siamo nati solo da quattro settimane - ha dichiarato il tecnico al quotidiano Il Centro - quindi è comprensibile che accusiamo dei problemi di gioco. In ogni caso, non mi sembra che le squadre sin qui incontrate abbiano dimostrato una prolificità superiore alla nostra. Dispongo di un gruppo al quale piace lavorare e che, di conseguenza, non potrà che crescere.
I giocatori tenevano molto a vincere, hanno profuso tanto impegno. Il problema è che non sono riusciti a muoversi bene senza palla e, di conseguenza, sono entrati in difficoltà anche i portatori di palla. Non siamo stati brillanti, ma c’è da tener conto che abbiamo giocato la terza partita in una settimana".
fonte: goal.com

Nuova Normativa per la B
Nuova normativa: rinviate anche Frosinone-Lecce e Cesena-Triestina
Le partite si disputeranno il 1 Novembre. Le gare valide per la sesta giornata del campionato di serie B, Cesena-Triestina e Frosinone-Lecce sono state rinviate a mercoledì 1 novembre. Si tratta dei primi rinvii maturati nel rispetto di una nuova regola approvata oggi dall'Assemblea di Lega a Milano. La norma stabilisce che possono chiedere e ottenere automaticamente il rinvio le societa' di serie B che hanno in organico almeno due giocatori convocati nelle nazionali A, oppure le squadre che abbiano almeno due atleti convocati nelle rappresentative Under 21 a patto che, tali giocatori, abbiano disputato almeno il 50 per cento delle partite giocate nella stagione in corso dal proprio club.
fonte: goal.com

NUOVE DIVISE
Le divise del Pescara viste in campo in questo scorcio di campionato presto saranno messe in disparte e dimenticate per sempre. In rampa di lancio, infatti, ben quattro divise nuovissime che la Legea, lo sponsor tecnico biancazzurro, appronterà tra poche settimane. Prima di tutto tornerà quella classica a strisce bianche ed azzurre, la più amata dai tifosi adriatici. Sarà caratterizzata da dei particolari bordini dorati e un alloro, sempre dorato, attorno al simbolo del delfino: la motivazione sta tutta nel fatto che corre il settantesimo anno di fondazione del sodalizio di via Mazzarino.
La seconda, la più attesa, sarà utilizzata solamente due volte in tutto il campionato, e in particolare in occasione della partita contro la Juventus e nella "giornata biancazzurra": come verrà realizzata è una sorpresa, ma a quanto pare sarà simile a quella che nel 1936 segnò il debutto del Pescara in campionato, dunqua dovrebbe essere a strisce orizzontali bianche ed azzurre.
La terza, che in realtà sarà considerata da seconda maglia, sarà gialla, ma diversa rispetto a quella già vista nelle prime partite della stagione. L'ultima, ma anch'essa affascinante, ricorderà la maglia del Pescara a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta: blu con fascia laterale azzurra. In pratica, una chicca dopo l'altra. Le divise, ordinate in ritardo dalla società alla Legea, saranno prodotte in Cina e dovrebbero arrivare in Abruzzo entro metà del mese in corso.
fonte: tuttopescara.it

Ballardini e Paterna fiduciosi SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 2/10/2006

Dopo il deludente pareggio casalingo con il Verona Davide Ballardini esterna tranquillità e fiducia nella sua squadra. All'ambiente sportivo pescarese, per vedere all’opera il vero Pescara, chiede tempo aggiungendo che la squadra è nata solo da quattro settimane. Il tecnico ravennate ammette che contro il Verona sono emersi molti errori nella costruzione del gioco ma il tutto è da ricondurre alla condizione fisica e alla paura di non vincere.
Il Presidente Paterna ribadisce fiducia al tecnico e sorvola sull'inizio della contestazione dei tifosi.
Cosi' Paterna: «Innanzitutto preferisco guardare sempre il bicchiere mezzo-pieno perchè oggi per la prima volta non abbiamo preso gol. Sono contento di questo fatto perchè la stesso difesa era stata più volte messa sotto accusa dai giornalisti e dagli opinionisti. La squadra stà crescendo ed in ogni caso abbiamo conquistato il primo punto casalingo. Riguardo la contestazione dei tifosi non l'ho sentita essendo uscito in anticipo dallo stadio. Il tecnico non è in pericolo e non mi risulta che abbia sbagliato qualcosa, inoltre è stata la sfortuna che ci ha privati di diversi punti nelle precedenti giornate di campionato non gli errori tattici di mister Ballardini».
Dal sito ufficiale della Pescara Calcio si apprende che la società abruzzese sta lavorando per dar vita ad un gemellaggio con il settore giovanile della squadra argentina della Juventud Antoniana. L'accordo consentirebbe al Pescara di avvalersi dei migliori talenti del club argentino e per raggiungere l'obiettivo andranno in Argentina sia Iaconi che Paterna.

Vicenza: esonerato Camolese SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 1/10/2006

Il Vicenza calcio ha esonerato l'allenatore Giancarlo Camolese.
Lo rende noto la societa' berica che ha annunciato che la squadra sara' temporaneamente affidata all'allenatore in seconda Roberto Cevoli. Probabilmente gia' domani o martedi' verra' annunciato il nome del nuovo tecnico.

Deludente 0-0 con il Verona SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 30/9/2006

Una gara tanto attesa quanto deludente per i biancazzurri, che nella quinta e cruciale giornata di campionato non vanno oltre lo 0 a 0 contro il Verona.
Nonostante un punto riesca a muovere una pesante classifica per i biancazzurri non si puo' certo parlare di passo in avanti. Tra il Pescara e gli scaligeri dell' Hellas Verona, vince la voglia di non perdere e in campo si collezionano errori grossolani e nervosismo improduttivo.
Gara priva di emozioni se si esclude il palo colpito da Luci nella ripresa e l'espulsione al 79' di un nervoso Moscardi.
La classiica inizia già a preoccupare visti i soli due punti conquistati in 5 gare di cui tre giocate all'adriatico dove la squadra non ha ancora reallizato alcuna rete.
Contestato ancora Paterna (questa volta anche con uno striscione) e a fine gara cori anche contro Ballardini invitato a dimettersi.
La squadra ha palesato evidenti carenze di organico e di gioco, non riuscendo quasi mai a farsi pericolsa contro un avversario davvero modesto: se questa è la forza reale della squadra, preoccupa il solo pensiero di incontrare a breve gli squadroni della serie B.
Encomiabili i soliti pochi spettatori dell'adriatico che sono chiamati settimanalmente ad assistere a prestazioni incolore che la nostra città non merita: eppure la società è convinta di aver allestito un buon organico, al contrario di quanto pensano i tifosi che purtroppo, fino ad ora, stanno avendo palesemente ragione.
Per la cronaca Ballardini conferma il rombo a centrocampo con Ferrante unica punta appoggiato da Antonelli mentre Ficcandenti schiera il Verona con un 4-3-3.
Il primo tempo, nel complesso, si gioca su ritmi blandi e da annotare vi sono solo pochi scampoli.
Al 4' rimpallo in area, Iunco si avventa sul pallone, ma controlla male e favorisce l’intervento in uscita di Spadavecchia. Il Pescara risponde con Rigoni che conclude da fuori area, Pegolo si distende e devia in calcio d’angolo.
Al 25’ Cossu si accentra dalla sinistra, salta Zoppetti, e sfiora con un destro il montante esterno della porta biancazzurra. L'immediata replica del Pescara arriva con Rigoni che raccoglie al volo un cross di Zoppetti dalla destra e manda la palla alta sulla traversa.
La gara procede poi verso l’intervallo senza emozioni con predominio territoriale abbastanza sterile del Pescara con il Verona impreciso nella costruzione della manovra.
Al 42' pero' i gialloblù vanno vicini al vantaggio con un'azione che toglie il fiato a tutto lo stadio.
Buona palla per Iunco sull’esterno destro, cross rasoterra che attraversa la linea di porta pescarese senza che nessuno riesca ad arrivare sul pallone.
Il secondo tempo si apre con un'insidiosa punizione di Carozza, con la palla che lambisce il palo alla sinistra di Pegolo.
Al 14' Antonelli impegna severamente Pegolo con una potente conclusione dal limite, che l’estremo difensore scaligero blocca a terra in due tempi.
Al 16’ il Verona va a segno con Turati, sfuggito a delli carri, ma l’arbitro Iannone annulla per fuorigioco.
Sul ribaltamento di fronte il Pescara confeziona una bella manovra grazie al tandem Paponetti-Luci e quest'ultimo con un bel tiro da posizione centrale coglie il palo esterno.
Intorno al 30' il Pescara riprova a trovare il vantaggio con una mezza girata volante di Rigoni, con Pegolo bravo a bloccare a terra. Poco dopo al minuto 35 Moscardi, nervoso e impreciso, viene espulso per doppia ammonizione, dopo un fallo da dietro su Nieto al limite dell’area.
La partita vive, poi, di continui ribaltamenti di fronte, il Pescara nonostante l’inferiorità numerica non perde la voglia disperata di tentare qualche sortita offensiva.
Il match scivola oltre il novantesimo con un notevole dinamismo, ma senza offrire reali pericoli per le due difese. L’arbitro Iannone fischia dopo cinque minuti di recupero.
Sono on-line su solopescara.com le foto della gara.
Il tabellino
PESCARA CALCIO - HELLAS VERONA F.C. 0 - 0
PESCARA CALCIO
Spadavecchia; Zoppetti, Delli Carri, Gonnella, De Martis; Moscardi, Carozza, Luci, Antonelli (66’ Martini), Rigoni (83’ Aquilanti), Ferrante (60’ Paponetti). (Tardioli, Gimenez, De Falco, Gautieri). All. Ballardini
HELLAS VERONA F.C.
Pegolo; Turati, Comazzi (62’ Pedrelli), Sibilano, Teodorani; Pulzetti, Mazzola, Italiano; Cossu (77’ Foderaro), Da Silva (55’ Nieto), Iunco. (Loschi, Perticone, Di Giulio, Cutolo). All. Ficcadenti
Arbitro: Iannone di Napoli
Ammoniti: Iunco, Moscardi, Nieto
Espulso: 79’ Moscardi (doppia ammonizione)
Recupero: 0’ - 5’

A poche ore da Pescara - Verona SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 29/9/2006

Per l'atteso incontro Pescara Verona, Ballardini si trova a dover ridisegnare una squadra su cui pesano gli infortuni.
Olivieri, Papini e Vicentini sono fuori gioco mentre rientrano tra i disponibili Zoppetti e Gonnella. Per Demartis probabile conferma al posto dell’argentino Gimenez. Marco Ferrante, sul quale lo staff medico biancazzurro è ottimista, potrebbe giocare anche solo una frazione di gioco.
Contro il Verona, il tecnico ravennate, potrebbe riproporre lo schema tattico 4-4-2 utilizzato contro il Cesena con il centrocampo schierato a rombo rilanciando Antonelli come punta. Moscardi davanti alla difesa e Carozza trequartista dietro le due punte, Luci a destra e Rigoni a sinitra.
Dunque, vedremo probabilmente l'inedita coppia Ferrante-Antonelli in avanti.
Questi i 19 biancazzurri convocati:
Portieri: Spadavecchia e Tardioli;
Difensori: Zoppetti, Delli Carri, Demartis, Giménez e Gonnella;
Centrocampisti: Antonelli, De Falco, Rigoni, Moscardi, Gautieri, Carozza, Aquilanti, Luci e Felci;
Attaccanti: Ferrante, Paponetti e Martini.
Da Verona, invece, mister Ficcadenti per la trasferta allo stadio "Adriatico" dirama l'elenco dei convocati.
PORTIERI: 16 Loschi, 1 Pegolo;
DIFENSORI: 5 Comazzi, 27 Pedrelli, 2 Perticone, 20 Sibilano, 23 Teodorani, 6 Turati;
CENTROCAMPISTI: 8 Di Giulio, 29 Greco, 11 Italiano, 26 Mancinelli, 4 Mazzola, 7 Pulzetti;
ATTACCANTI: 36 Cossu, 10 Cutolo, 9 Da Silva, 32 Foderaro, 22 Iunco, 14 Nieto, 19 Rossetto.
Non prenderanno invece parte alla gara gli infortunati: Anaclerio e Guarente.
Per la trasferta di Pescara il Verona potrà contare sul rientro dell'attaccante Federico Nieto.

Verso Pescara-Verona SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 28/9/2006

In vista della delicata partita casalinga di sabato in casa biancazzurri l'attenzione è puntata sull'infermeria.
Vicentini è in via di guarigione e Olivieri potrebbe recuperare già dalla prossima settimana. Ferrante e Gonnella si sono allenati a parte, ma entranbi sono da considerare recuperati per sabato contro il Verona all'Adriatico. Romeo Papini ha una distorsione al ginocchio destro che lo terrà fuori gioco per almeno tre settimane. Dunue dovrebbe esserci per la metà di ottobre quando il Pescara giocherà due gare interne consecutive con Frosinone e Spezia.
A Verona intanto Vincenzo Italiano predica ottimismo e determinazione in previsione dell'impegno all' "Adriatico": "Non dobbiamo abbatterci, anzi, dobbiamo ripartire con la forza di chi vuole rialzarsi e riscattarsi dopo due sconfitte consecutive". La sconfitta di Brescia brucia, ma va analizzata e archiviata in fretta... L'avversario di sabato è il Pescara del suo amico Natale Gonnella: "Ci sentiamo spesso, mi ha raccontato che anche loro hanno delle difficoltà a raccogliere punti, ma hanno grande voglia di rivalsa, a maggior ragione giocando in casa. Sarà una bella partita, ne sono convinto".
Per gli amanti delle statistiche Pescara Verona ha 13 precedenti: Il Pescara in casa ha visto 5 gare ne ha perse 2 e pareggiate 6.
L'ultimo precedente risale allo scorso campionato quando il primo gennaio 2006 nell'8ava giornata di b il Pescara si impose in casa sul Verona per 1-0 con un gol di Cammarata.
L'ultima vittorie del Verona a Pescara risale invece al campionato 93/94 e i gli scaligeri si imposero sui biancazzurri per 2 a 0.
La partita sarà arbitrata dal 32enne napoletano Antonio Iannone.
Per finire, il Giudice Sportivo ha inflitto un'ammenda di € 2.000,00 all'Hellas Verona, "per avere i suoi sostenitori, al 10° del secondo tempo, fatto esplodere nel recinto di giuoco una bomba-carta".

Verona, Papini e il rombo del Balla SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 26/9/2006

Per la prossima gara valida per la 5a giornata di B, prevista per Sabato, il Pescara affronterà in casa il Verona di Ficcadenti. I biancazzurri attesi ad una reazione e alla prima vittoria stagionale si troveranno di fronte una formazione che quest'anno potrebbe esserle direttamente concorrente per la salvezza.
Il Verona, reduce da una cocente sconfitta interna rimediata contro la capolista Brescia, vive un momento difficile e delicato. Chiusa l`era Pastorello durata otto anni, l'Ellas Verona si appresta a vivere un nuovo capitolo della sua storia con il nuovo proprietario Arvedi salutato con entusiasmo dai tifosi. L'obiettivo degli scaligeri, guidati dal tecnico Massimo Ficcadenti, dopo il cambio di proprietà dello scorso 12 settembre, è arrivare al mercato di gennaio per riparare una squadra che dovrà puntare non certo solo alla salvezza. Nel mercato estivo veronese infatti il centravanti tanto atteso non è arrivato. Dedic e Cammarata non solo non sono arrivati ma la delicata situazione societaria dell'Hellas ha portato ad un "fuggi fuggi" generale. Sono partiti Gervasoni, Rantier, Biasi, Cassani, Munari, Sforzini e il fantasista Adailton. A questa situazione si aggiunge l'infortunio di Guarente al menisco ha accentuato i problemi di organico.
Nonostante tutto la strada del Verona sembra essere in discesa, per programmi e motivazioni, e a differenza del Pescara gli scaligeri vantano 4 punti in classifica. Per questo, sabato all'Adriatico si assisterà certamente ad una gara combattuta con due formazioni fortemente motivate a vincere.
Ballardini, ottimista, ribadisce che ormai la vittoria è dietro l’angolo perchè al Pescara manca solo un successo. Per il tecnico, dunque, i tempi sarebbero maturi per raccogliere i primi tre punti e dopo il modulo a rombo di Cesena cè attesa su come organizzerà i biancazzurri in campo.
Certo non potrà fare a meno del Pescarese DOC Andrea Carozza, nuovo beniamino della curva, che gode di un periodo di grande ispirazione per se e per i compagni.
A duolere pero' al tecnico saranno le possibili assenze per infortuni di altre pedine importanti e le assenze mentali della difesa che certo non ha brillato in questo avvio di campionato. La fragilità difensiva della squadra continua a essere un problema e sette gol al passivo in quattro gare sono un campanello di allarme.
Per quanto riguarda l'infermeria pescarese, dopo la ripresa degli allenamenti di ieri all'Adriatico, si contano 6 indisponibili. Si tratta di Gonnella, Zoppetti, Ferrante, Papini, Olivieri e Vicentini. Per i primi tre si tratta di piccole noie muscolari risolvibili, salvo complicazioni, i pochi giorni. Per gli altri, oltre a Vicentini, i problemi fisici potrebbero metterne in forse la partecipazione alle prossime gare. Olivieri ha un dolore caviglia destra e Papini ha rimediato una distorsione al ginocchio.
Il Pescara ha messo a disposizione dei tifosi gialloblù 500 biglietti del settore ospiti per la partita. Il prezzo per l’ingresso degli ospiti in curva sud è di € 10,00. Non sono inclusi i diritti di prevendita.

Dopo Cesena... SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 24/9/2006

Davide Ballardini dopo la gara di Cesena parla ottimista e dice che il Pescara ha disputato una grande partita e avrebbe meritato di vincere per come l'ha condotta. Il tecnico biancazzurro, tornando sulla questione fisica e di tenuta sottolinea che la squadra migliora di settimana in settimana. In sintesi il Balla recrimina ma applaude i suoi sottolineando la splendida prestazione offerta da Andrea Carozza, giovane pescarese cresciuto con Di Mascio.
Il presidente Dante Paterna, invece, non nasconde la delusione e ribadisce che quando la squadra comincerà a vincere non la fermeranno più. Ribadendo la massima fiducia nel tecnico ravennate aggiunge che non sarebbe stato in discussione neanche in caso di sconfitta.
La squadra riprenderà domani pomeriggio allo stadio "Adriatico" la preparazione in vista della gara di sabato prossimo col Verona. Papini che ha subito un colpo al ginocchio destro durante la gara di Cesena sarà sottoposto ad un controllo diagnostico.

Finisce 3 a 3 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 23/9/2006

Spettacolare pari fra Cesena e Pescara: la gara finisce 3-3, ma a fine gara saranno i biancazzurri a disperarsi per non aver portato neanche stavolta a casa i 3 punti, visto che nella ripresa si erano portati in vantaggio per 1-3.
Il Pescara si è schierato con un accorto 4-5-1 in cui viene tenuto in panchina capitan Delli Carri. Questo l’undici sceso in campo al Munuzzi: Spadavecchia, Olivieri, Gonnella, Gimenez, Demartis; Moscardi, Luci, Papini, Carozza, Antonelli e Martini.
Sui gol romagnoli non è apparsa impeccabile la difesa che si è fatta sorprendere impreparata in almeno due gol; da rivedere la prova del giovane Olivieri che ha sofferto molto gli attaccanti cesenati e anche del portiere Spadavecchia che sicuramente dovrà migliorare nelle (mancate) uscite per poter sfruttare al meglio la sua prestanza fisica.
Superlativa la prova di Carozza autore di una doppietta su due calci di punizione che ora si candida come regista inamovibile del centrocampo biancazzurro; la seconda rete è stata siglata su colpo di testa da Luci. Alla fine è pesata maggiormente l’assenza dell’ultimo momento di Zoppetti che quella in avanti di Ferrante.
Nonostante tutto, la squadra ha dato segnali di vitalità e sabato occorrerà battere un avversario alla nostra portata: il Verona di Ficcadenti

Pescara-Cesena SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 23/9/2006

Oggi Cesena - Pescara Si disputa oggi, con inizio alle ore 16,00 allo Stadio "Dino Manuzzi", la gara Cesena - Pescara, valida per la quarta giornata di andata del campionato di Serie B TIM 2006 - '07. Tra i bianconeri saranno assenti gli infortunati Ola e Mezavilla, mentre tra gli ospiti mancheranno per lo stesso motivo Ferrante e Vicentini. Ex di turno nelle file abruzzesi sarà Carmine Gautieri. L'ex torinista ha riportato una lieve contrattuta all'adduttore.
Questo l'elenco dei 20 convocati.
Portieri: Spadavecchia e Tardioli;
Difensori: Zoppetti, Delli Carri, Demartis, Giménez, Gonnella e Olivieri;
Centrocampisti: Antonelli, De Falco, Rigoni, Moscardi, Gautieri, Carozza, Aquilanti, Papini, Luci e Felci;
Attaccanti: Paponetti e Martini.

Ancora altri diffidati SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 23/9/2006

Sembra proprio che la tifoseria del Pescara sia presa di mira dalle forze dell'ordine: dopo i 3 anni di diffida per i lanciacori rei di aver incitato la curva a cori contro la polizia, ora arrivano altre due diffide.
Si tratta di due ultras accusati di ricettazione, danneggiamento e incendio; in pratica hanno bruciato la bandiera del Bologna!

Paterna, società e trasferta SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 21/9/2006

Dopo la pesante terza sconfitta per il Pescara Paterna si presenta ai giornalisti e rilancia programmi.
Il numero uno di via Mazzarino dichiara di non avere piu' intenzione di cedere la società rinnovando piena fiducia a Ballardini promettendo i tanto attesi rinforzi.
Cosi' Paterna: «Tolgo il Pescara dal mercato dopo mille aperture a chiunque fosse interessato a dar man forte alla società e dare le giuste garanzie di continuità, ora è giunto il momento di dire stop. Il Pescara non è più in vendita. Anzi, lo seguirò da solo e lo potenzierò. Ora ho più tempo a disposizione visto che ho chiuso una delle mie dodici società. Ma soprattutto il Pescara non è più in vendita perché a fronte di tante chiacchiere con me, formalmente non si è fatto vivo nessuno. Se qualcuno era interessato avrebbe dovuto chiamarmi e farmi una proposta. Quindi ora basta, si va avanti così con il mio progetto. Così non diranno più che piango per avere i soldi».
«Ho detto che mi sarei fatto sentire. Ma solo per mettere in risalto quello che è successo a chi di dovere. Per evitare che degli errori possano diventare una persecuzione. E allora visto che siamo anche in periodo di riscrittura delle regole, farò presente che venga inserito un criterio che tiene conto, dopo le prove televisive, di chi è stato oggettivamente penalizzato, e che magari in futuro, ma solo nei casi dubbi, si fischi in suo favore. Una specie di compensazione. Perché lo spirito delle competizioni sportive si basa sull'equità ed è proprio ad un senso di equità che farò riferimento».
«A Mantova con il gol di Martini avremmo vinto. E anche con il Bari avremmo segnato su rigore quando per gli avversari non c'era più tempo per recuperare. E con un po' di fortuna anche con il Bologna avremmo raccolto punti. No, non siamo fortunati, anche se lo scorso anno di questi tempi non è che avessimo tanti punti in più. Stiamo lavorando bene. Siamo solo all'inizio. Al tecnico Ballardini piena fiducia per il suo lavoro».
«Siamo ancora una squadra che può considerarsi poco più che in precampionato come livello di preparazione e adesso anche sul piano della condizione le cose stanno andando meglio, visto che i cali registrati con Bologna e Mantova nei rispettivi secondi tempi, non ci sono stati contro il Bari. Anzi, con i pugliesi siamo andati meglio nella ripresa».
«Con Ballardini non ci siamo ancora sentiti, abbiamo deciso insieme di aspettare i risultati dei posticipi. Finora mi ha sempre detto che vuole valutare bene la rosa per poi a gennaio, fare i ritocchi giusti. Ma se ci sarà da investire qualcosa subito, lo farò.
«Magari fossero sempre quelle di mercoledì. Devo fare un riconoscimento ai tifosi per la loro civiltà. Hanno fatto una forma civile di sciopero. Se mi hanno chiesto di tirare fuori i soldi con quel solito ritornello, io lo accetto. Ma la vera notizia è che hanno sostenuto la squadra dal primo all'ultimo minuto. Anche dopo la sconfitta. Dopo tre risultati negativi consecutivi, in pochi lo avrebbero fatto. Hanno dimostrato di essere un pubblico maturo che apprezza la qualità del nostro lavoro. Abbiamo un buon gruppo, un buon allenatore, buoni acquisti e dei giovani davvero interessanti, i risultati arriveranno».
Intanto ieri, prima dell'allenamento, all’Adriatico cè stato un summit tra Iaconi, Bignone e Ballardini nel quale si è tentato di individuare i problemi che attanagliano la squadra. Il ds Bignone riferisce che era utile capire i motivi di questi tre risultati negativi. Dopo aver parlato a lungo con i giocatori, scondo Bignone, sarebbero venuti fuori i motivi della falsa partenza. Condizione atletica e amalgamare i nuovi arrivati al gruppo.
In un secondo momento sarà la volta dell'incontro tra ballardini e Paterna per vagliare la possibilità di tornare sul mercato. Per quanto riguarda la squadra in preparazione della delicata trasferta di Cesena non ci sono squalificati ma si è presentato il problema Ferrante che lo metterà in forse. Unico indisponibile, certo, al momento resta Vicentini.
La partenza per Cesena è prevista per venerdì dopo l'allenamento mattutino.
Dal sito ufficiale del cesena si vengono resi noti i punti vendita dei biglietti Cesena - Pescara e relativi costi:
Questi i punti vendita ed i relativi orari per i biglietti della gara Cesena - Pescara, in programma sabato 23 settembre con inizio alle ore 16,00 allo Stadio "Dino Manuzzi" e valida per la quarta giornata di andata del campionato di Serie B TIM 2006 - '07: C.R.C. e Filiali : (da giovedì mattina e pomeriggio h. 8,50 - 13,25 - Pomeriggio h. 14,50 - 15,50)(sabato solo Sede Centrale dalle 09,30 alle 12,30); BAR FIORITA : (giovedì e venerdì h. 16,00 – 21,00, sabato h. 09,00 - 16,00); BIGLIETTI E BIGLIETTI Cesena presso "Marco Polo" - Le Terrazze (tel. 0547/646484): (giovedì, venerdì e sabato mattina h. 10,00 – 12,00 - pomeriggio h. 15,00 - 19,00); BIGLIETTI E BIGLIETTI Forlì presso "Marco Polo" Centro Commerciale "MEGA" (tel. 0543/36683)(giovedì e venerdì e sabato 09,00 - 16,00); OUTLET GERMANO ZAMA Faenza: (giovedì e venerdì h.17,00 – 19,00, sabato h. 12,00 - 15,00).
Questi i prezzi dei biglietti dell'incontro Cesena - Pescara in programma sabato 23 settembre con inizio alle ore 16,00 allo Stadio "Dino Manuzzi" e valido per la quarta giornata di andata del campionato di Serie B TIM 2006 - '07: TRIBUNA VIP 50 €/ TRIBUNA NUMERATA 30 € (Ridotti 25 €)/ DISTINTI 18 € (Ridotti 14 €)/ CURVE 9 € (Ridotti 8 € )/ SETTORE OSPITI 9 €. / JUNIOR (bambini da 0 a 11 anni)(in tutti i settori) (2 € )/ RIDOTTI (donne, ragazzi dai 12 ai 16 anni, militari e invalidi oltre il 50%).

Si blocca Ferrante SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 21/9/2006

Un problema muscolare rischia seriamente di vedere compromessa la presenza del bomber Ferrante sabato a Cesena.
Se così fosse, sarebbe veramente dura per la squadra biancazzurra, visto che di fatto è l'unica vera punta a disposizione del tecnico Ballardini, ma forse la società la penserà in maniera diversa vista l'enfasi data a questa campagna acquisti.

Micolucci: "sono dispiaciuto" SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 20/9/2006

Il difensore dei pugliesi commenta l'exploit esterno della sua squadra.
Bari - Un gol fondamentale, una vittoria esterna che serve per respirare e riportarsi a metà classifica. Il Bari espugna Pescara al termine della meno brillante delle tre gare finora disputate ma incassa i tre punti col sorriso sulle labbra.
"Il Pescara forse è stato un po' sfortunato - ha detto il difensore dei pugliesi Micolucci alla Gazzetta dello Sport - devo dire che dalle videocassette che avevano visto ci aspettavamo qualcosa in più. Noi abbiamogiocato molto bene soprattutto in fase difensiva. Loro, soprattutto nel primo tempo,hanno fatto troppe volte ricorso alle palle lunghe su Paponetti, sicuramente la stanchezza delle troppe partite in pochi giorni si è fatto sentire anche per loro.
Abbiamo rischiato un po' nella prima parte della gara e noi dovevamo essere più concreti. Complessivamente ritengo che la nostra prestazione sia stata buona, anche se siamo ancora poco cattivi sotto rete. Nella seconda parte della partita, anche se il Pescara ci ha pressato, non abbiamo mai corso seri rischi.
Mi dispiace per la sconfitta del Pescara, qui vengo sempre volentieri. Le scintille con Carrozza? È stato in occasione di quello scontro in area per il quale loro hanno chiesto il rigore, secondo me Carozza ha accentuato la caduta".
Fonte: goal.com

Pescara 0 Bari 1 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 20/9/2006

Il Pescara, al trentesimo anno in serie B, subisce in casa la terza sconfitta consecutiva in campionato che mette in luce le difficoltà di una squadra messa insieme all'ultimo minuto e regala al Bari di Matarrese la prima vittoria.
Il Bari seguito da circa 250 sostenitori agguanta la prima vittoria stagionale che scaccia una crisi alle porte mentre per il Pescara rimane difficile non parlare già da questo momento di lotta alla salvezza. Chi diceva che l'obiettivo stagionale biancazzurro era rimanere in B comincerà a essere soddisfatto.
L'Adriatico semivuoto ha visto inoltre in curva nord "Marco Mazza" gli striscioni dei supporters biancazzurri rovesciati con il centro della curva lasciato vuoto in segno di protesta contro la diffida di tre ultras biancazzurri dopo la gara di Coppa Italia contro l'Atalanta. La disfatta biancazzurra si consuma quindi in una partita che pochi ricorderanno se non pe il risultato (il bari non vinceva a Pescara da 10 anni).
Ballardini sceglie il 4-4-2 offensivo con Tandem offensivo Paponetti-Ferrante.
Nel Bari Maran sceglie il 4-2-3-1 con Tabbiani e Vantaggiato in supporto dell'unica punta Santoruvo.
Si rende, nel complesso, pressocchè inutile la cronaca di una partita caratterizzata da errori tecnici e dal direttore di gara che ha spezzettato continuamente il gioco mostrando ben 8 volte il giallo ad altrettanti giocatori.
Si deve pero' riportare che al 43" del 2t, Di Vicino, con un colpo di testa regala tre punti ad un Bari che certo avrebbe ringraziato anche per il pareggio. Lo stesso Di Vicino di cui tanto si era parlato nel calcio-mercato Pescarese come possibile ingaggio.
In sintesi il vantaggio pugliese matura da un calcio di punizione battuto da Scaglia dalla sinistra che mette un pallone in area che Di Vicino devia in rete anticipando Delli Carri, colpevolmente in ritardo nella marcatura.
Davide Ballardini a fine gara si dice deluso: `Abbiamo disputato una buona gara e il ko e` immeritato anche se siamo stati poco incisivi`. Il tecnico continua:` Il campionato e` lungo e la squadra ha il tempo per recuperare. Ho un gruppo che puo` superare il momento negativo` .
TABELLINO PESCARA-BARI 0-1 (primo tempo 0-0)
MARCATORE: al 43' st Di Vicino
PESCARA (4-4-2): Spadavecchia; Zoppetti, Gonnella, Delli Carri, Demartis; Antonelli, Carozza, Papini (44’ st Gautieri), Rigoni (15’ st Aquilanti); Paponetti (25’ st Martini ), Ferrante. In panchina: Tardioli, Gimenez, Moscardi, Olivieri. Allenatore: Ballardini.
BARI (4-2-3-1): Gillet; Milani, Gervasoni, Pianu, Micolucci; Bellavista (11’ st Rajcic), Gazzi; Tabbiani, Ganci (39’ st Scaglia), Vantaggiato (17’ st Di Vicino); Santoruvo. In panchina: Aldegani, La Vista, Fusani, Mora. Allenatore: Maran.
ARBITRO: Salati di Trento.
AMMONITI: Ganci, Gervasoni, Pianu, Antonelli, Santoruvo, Ferrante, Papini, Carozza.
NOTE: Spettatori 4.000
ANGOLI: 6-5 per il Pescara.

Aspettiamo maglie e risultati. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 19/9/2006

Un Pescara motivato e deciso a cancellare la sfortunata sconfitta di Mantova aspetta questa sera all'Adriatico il Bari di Matarrese. Il tecnico biancazzurro, alle prese con le evidenti difficoltà di preparazione e un calendario serrato, dovrebbe dare fiducia agli undici di Mantova avendo comunque a disposizione tutta la rosa ad eccezione di Vicentini.
Del resto con una squadra messa in piedi nelle battute conclusive del calcio mercato e con giocatori poco allenati non cè molto da scegliere.
La stessa formazione biancazzurra si trova a campionato iniziato senza la maglia ufficiale e a molti non è passato inosservato il dettaglio dello sponsor "DELVERDE" sventolante sulle maglie gialle pescaresi dell'ultima gara. Nell'attesa di salvare anche l'occhio i tifosi si attendono sostanza e risposte dai loro rappresentanti sportivi in campo in una gara accesa anche dalla rivalità che contrappone le due tifoserie.
I dubbi che il mister romagnolo ballardini aveva riguardano principalmente i ruoli di terzino sinistro e di centrocampista centrale. Ferrante scenderà in campo in attacco al fianco di Paponetti o Martini.
Nella difesa confermato Spadavecchia mentre è in dubbio l'impiego di Gimenez o al suo posto Demartis. Confermati anche Gonnella, Delli Carri e Zoppetti. A centrocampo la coppia di mediani Moscardi-Papini. Probabile in ripresa l'impiego di Luci o Carozza. sulle fascie Rigoni e Antonelli.
Questi i convocati dal tecnico ravennate:
Portieri: Spadavecchia e Tardioli;
Difensori: Zoppetti, Delli Carri, Demartis, Giménez, Gonnella e Olivieri;
Centrocampisti: Antonelli, De Falco, Rigoni, Moscardi, Gautieri, Carozza, Aquilanti, Papini, Luci e Felci;
Attaccanti: Ferrante, Paponetti e Martini.
Il bari di Maran, che lo scorso anno alla guida del Brescia fu devastante per il Pescara, deve fare i conti con alcune assenze importanti. Non giocheranno Esposito, Berardi e Carrus per problemi fisici.
Il tecnico barese convoca 22 giocatori e a causa dell'ampia rosa altri 4 andranno in tribuna.
Probabile per gli ospiti un 4-2-3-1, modificabile in un 4-5-1 in fase di possesso palla avversario. In avanti Gillet con difesa a quattro con Gervasoni, Pianu, Milani e Micolucci. In centrocampo Brambilla e Fusani. Gazzi, Tabbiani e Mora mezzepunte a supporto di Santoruvo.
Possibilità di utilizzo in corso d'opera di Ganci, Vantaggiato e Di Vicino che partono dalla panchina.
Tra gli ex di turno il molfettese Spadavecchia e l'ex biancazzurro Micolucci.
I pugliesi potranno contare in un discreto seguito di pubblico. Questa sera, dunque, tutti all'Adriatico per sostenere i nostri colori sperando che sia in ogni caso lo sport e il buon senso a trionfare.
FORZA PESCARA

Arriva il Bari SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 18/9/2006

I biancazzurri dopo la deludente trasferta di mantova si preparano al turno infrasettimanale casalingo che vede di scena all'Adriatico il bari di Maran.
Il Pescara di Ballardini è reduce da due sconfitte cocenti e il Bari a quota 1 in classifica cerca punti e soddisfazione per i propri tifosi.
Nella passata stagione la doppia sfida terminò con un pareggio e una sconfitta per il bari. Entrambe le gare furono però caratterizzate non dal bel gioco, ma da incidenti fuori e dentro il campo.
Il Pescara in allenamento, questa mattina, ha visto tutti i giocatori a disposizione del tecnico con l'unica eccezione di Axel Vicentini per stiramento. Ferrante e Gimenez si sono sottoposti ad attività di recupero. Ferrante, uscito tra il primo e secondo tempo a Mantova, è stato vittima di un piccolo risentimento alla coscia sinistra, mentre l'argentino Gimenez ha rimediato un colpo alla testa.
Nel caso in cui Ferrante non dovesse essere disponibile pronti al suo posto Carozza o Martini, quest'ultimo autore di un gol a Mantova annullato per fuorigioco.
Nel Bari, invece, alla ripresa degli allenamenti di ieri presenta anche Tabbiani. Gervasoni ha lavorato in disparte mentre Esposito ha effettuato una seduta di fisioterapia.
La partita, prevista per le ore 20.30 di domani, sarà diretta da Salati di Trento e trasmessa dalla tv satellitare SKY
Per gli amnati delle statistiche finora sono stati disputati 11 partite Pescara-Bari.
Dunque in casa il Pescara ha vinto contro il bari 6 partite con 4 pareggi e una sconfitta. L'ultima vittoria barese a Pescara risale al campionato '96-'97, allora terminò 1-2 con autorete di De Sanctis e gol vittoria di Ingesson (per il Pescara rete di Giampaolo).
Nella passata stagione, come detto, la doppia sfida terminò con un pareggio a Bari e una vittoria del Pescara in casa per 1 a 0 con gol di Matteini.

`Il nostro 2-0 era regolare` SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 17/9/2006

La sconfitta di Mantova non va giu` al tecnico biancazzurro Davide Ballardini: `Il gol di Martini, rivisto in tv, era davvero regolare`. In vantaggio di un gol a Mantova, gli adriatici avevano trovato anche il gol del raddoppio ma l`arbitro non lo ha convalidato. E il tecnico a fine partita si sfoga: `Doveva essere il gol del 2-0, invece e` arrivato il rigore che ha portato al pareggio.
E pensare che la squadra ha fatto una grande partita per tutti i 90` senza concedere agli avversari quasi nulla.
Il rimpianto di Ballardini e` soprattutto uno: `Abbiamo giocato una buonissima partita e quando e` cosi` e` giusto che arrivino dei punti.
Il risultato io lo accetto sempre, comunque, perche` come sbagliano gli allenatori e i giocatori, cosi` possono sbagliare anche gli arbitri. Oggi il Pescara ha subito un torto, ma siamo convinti e sereni che verremo poi ripagati in un altro momento.

Mantova 2 Pescara 1 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 16/9/2006

Il Pescara scende in campo con l'annunciato 4-4-2 con Spadavecchia, Zoppetti a destra, Delli Carri e Gonnella centrali e l'argentino Gimenez.
In mediana Moscardi e Papini mentre sulle fascie Antonelli e Rigoni. In avanti la coppia Ferrante-Paponetti.
Anche il Mantova sceglie il 4-4-2 con l'ex di turno Mezzanotti terzino sinistro. In attacco il tandem Bernacci-Noselli.
La partita si gioca sotto una pioggia incessante che si apre con un Pescara determinato che gode di un buon Antonelli che spesso penetra la difesa avversaria. Il Pescara, a sorpresa, passa in vantaggio grazie ad un'azione di Antonelli che, sulla estrema destra, salta l'avversario e mette in mezzo la palla che Ferrante gira abilmente in rete.
La reazione dei padroni di casa trova poi un Pescara attento e concreto che conservano il pareggio.
Nel secondo tempo il Pescara rientra in campo con Martini che sostituisce Ferrante. Subito la gara si fa accesa e al 10" Martini su taglio in avanti di Antonelli mette in rete. Il gol del raddoppio viene annullato ingiustamente per fuorigioco.
Il direttore di gara si ripete nelle errate valutazioni quando sul capovolgimento di fronte "inventa" un rigore in favore dei padroni di casa. Un contatto tra Delli Carri e Noselli che si butta in area costa al Pescara il pareggio immeritato del Mantova con Caridi dal dischetto.
Dopo il pareggio la partita si spegne ma all'85" Graziani, appena entrato, scavalca in area Zoppetti con un pallonetto e di prima manda la palla nell'angolo lontano battendo Spadavecchia.
Nei minuti successivi Ballardini mette dentro Carozza per Moscardi e si assiste a un vero e proprio arrembaggio Pescarese che non riesce pero' a concretizzarsi.
Alla seconda sconfitta stagionale dei biancazzurri, oltre agli arrivi dell'ultimo momento, alla mancata preparazione, all'assenza di una panchina adeguata, oggi si è aggiunta una buona dose di sfortuna.
Buona la prestazione di Ferrante, Rigoni, Papini e soprattutto di Antonelli. Gimenez in grossa difficoltà. Paponetti è risultato spesso impreciso e fuori dal gioco.
Da segnalare, per finire, che gli striscioni dei tifosi Pescaresi erano posizionati al contrario per protesta contro i tre ultras diffidati.
Tra questi striscioni l'esordiente ESSEQUISSE.

Ritiro Abbonamenti SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 16/9/2006

nota della Pescara Calcio
"La Pescara Calcio comunica che a partire da domani pomeriggio sarà possibile ritirare la propria tessera di abbonamento alla stagione sportiva 2006/2007. Il ritiro potrà essere effetutato presso il punto vendita dove è stata sottoscritta la tessera. Assieme all'abbonamento sarà consegnato il carnet di 8 coupon spendibili come assegni circolari negli esercizi convenzionati, del valore complessivo di 200,00 euro. Si ricorda a tutti gli abbonati che in occasione di Pescara-Bari di martedì 19 p.v. l'ingresso è consentito unicamente ai possessori di tessera. Per nessuna ragione sarà permesso l'accesso a chi si presenta in possesso della ricevuta di pagamento.


Inizia la trasferta di Mantova SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/9/2006

Davide Ballardini in conferenza stampa, dopo l'allenamento, conferma il modulo 4-4-2 per Mantova.
Il tecnico si dice fiducioso per il futuro. Alla base di questo ottimismo, secondo il tecnico, cè la condizione fisica generale in miglioramento e lo stato degli ultimi arrivati. Contro i lombardi biancorossi il Pescara potrà schierare in campo elementi di valore recuperati come Martini, Demartis e Paponetti Per il Modulo Ballardini conferma le due punte e quindi a Mantova proporrà un centrocampo a quattro con Paponetti ad affiancare Ferrante".
Per la trasferta in lombardia il Balla convoca 22 giocatori:
Portieri: Spadavecchia e Tardioli;
Difensori: Zoppetti, Delli Carri, Demartis, Giménez, Gonnella e Olivieri;
Centrocampisti: Antonelli, De Falco, Rigoni, Moscardi, Gautieri, Carozza, Aquilanti, Papini, Luci, Felci e Scappaticci;
Attaccanti: Ferrante, Paponetti e Martini.
Dall'altra parte i biancorossi del Mantova hanno svolto, questa mattina, la seduta di allenamento alla quale si è aggiunto Noselli, mentre Franchini, Di Cesare, Cristante e Brambilla hanno lavorato a parte.
La partita Mantova-Pescara prevista per sabato 16 settembre alle ore 16.0 allo stadio Martelli di Mantova verrà diretta dall'esordiente in serie B Massimiliano Velotto della sezione di Grosseto. Il direttore di gara sarà assistito dai sig.ri Griselli di Livorno e Dattrino di Torino. IV° ufficiale di gara il sig. Buonocore di Nichelino (TO).

Amichevoli esperimenti. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/9/2006

L'amichevole infrasettimanale di Notaresco (campionato di Eccellenza) finisce con sei reti per il Pescara.
A segno 2 volte Paponetti e Ferrante che nel primo tempo danno una buona prova di compatibilità.
In campo anche l'argentino Gimenez, come terzino sinistro, che al 29" del primo tempo sostituisce Vicentini (sospetto stiramento) e ben si comporta contribuendo alle trame del gioco.
Nel secondo tempo il tecnico biancazzurro manda in campo il Pescara 2 rivoluzionando la formazione per dare spazio al resto della rosa.
Nella seconda parte di gioco cala il ritmo e il risultato si blocca sullo 0-6 per i biancazzurri. Dunque oltre a Felci anche il terzino Alex Vicentini non prenderà parte alla trasferta di Mantova.
Anche il Mantova ha sostenuto un incontro infrasettimanale partecipando alla settima edizione del trofeo "Silvio Martelli". Con un gol di Bernacci al 33' della ripresa il Mantova si aggiudica il Trofeo vincendo contro la formazione locale di l'Este (PD) che milita nel campionato di serie D.
Come per il tecnico del Pescara anche il Mantova ha ruotato la rosa e si sono alternate in campo, tra il primo e il secondo tempo, due formazioni.

Giudice, multe e squalifiche. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 13/9/2006

Sono state rese note le decisioni del Giudice Sportivo per il campionato di serie B.
Nessun squalificato nelle file del Pescara che andrà dunque a Mantova in pieno organico. Proprio nel Mantova, invece, il giudice sportivo ha squalificato per una giornata il difensore 23enne Luca Franchini.
La partita verrà trasmessa dalla emittente televisiva digitale a pagamento SKY.
Sempre il giudice sportivo ha rimediato 7.500 euro di ammenda alla Juve per i cori che hanno disturbato il minuto di silenzio per la morte di Facchetti nella scorsa gara di rimini.
L'ammontare della multa tiene conto anche dei fumogeni e petardi lanciati nel corso della gara.

Il 50% under 21 del Pescara SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 13/9/2006

Dopo l'approvazione del tetto massimo di giocatori nelle rose e con l'obbligo dell'inserimento dei giovani dei vivai nelle liste ufficiali delle formazioni titolari ci si aspettava un boom di inserimenti in campo già dalla prima di campionato.
Risultano pero' impiegati nella prima giornata (fonte Gazzetta dello Sport) solo sei giovani under 21. Questi i nomi:
Andrea Costa del Bologna;
Stefano Pietribiasi del Vicenza;
Vittorio Triarico del Lecce;
Axel Vicentini, Marco Di Matteo e Andrea Luci del Pescara.
Su un totale di trenta under 21 solo sei sono stati impiegati in campo. Sei su un totale di 304 giocatori impiegati.
Di questi sei ben il 50% sono del Pescara di Ballardini. Dunque nella cadetteria prevale l'esperienza e i giovani sembrano avere vita dura.

Verso Mantova SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 12/9/2006

In vista della prima trasferta stagionale a Mantova, gli uomini di Ballardini sosterranno un'amichevole domani a Notaresco (ore 16).
Torneranno a disposizione sicuramente Demartis, Martini e Paponetti, mentre è ancora incerto il recupero di Felci.
Nel Mantova mancherà sicuramente lo squalificato Franchini, mentre sono da verificare le condizioni degli acciaccati Brambilla, Noselli e Caridi.
Intanto la società ha deciso di prorogare la campagna abbonamenti (decurtando il prezzo della gara col Bologna), ma visto l'operato della società, gli abbonati resteranno anche quest'anno pochi: si spera di arrivare a quota 1.500 che per la piazza di Pescara, se si operasse con una certa programmazione e entusiasmo, si farebbero in una sola giornata!

Felci, Martini e Demartis. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 11/9/2006

Sabato prossimo i biancazzurri andranno incontro alla difficile trasferta di Mantova che lo scorso anno si rivelo' autentica sorpresa del campionato cadetto.
Ballardini oltre a sperare di riuscire a ricavare dai suoi una migliore condizione fisica spera che i nuovi disponibili possano offrire alternative importanti agli undici titolari.
Contro i biancorossi del Mantova infatti, rientreranno il difensore Demartis e l’attaccante Martini che hanno scontato la squalifica. Sarà a disposizione del tecnico anche Simone Felci dopo l'infortunio di Popli alla caviglia destra. Da verificare invece le condizioni fisiche dell’attaccante Luca Paponetti.
Nelle file del Mantova mancherà il difensore Franchini, che sarà squalificato dopo l’espulsione di Arezzo.

Un occhio su gli ex pescaresi. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 11/9/2006

Tutti i campionati professionistici di calcio nazionale sono iniziati ed è interessante vedere come si sono comportati i giocatori che nella passata stagione vestivano la maglia biancazzurra pescarese nelle loro rispettive squadre d'approdo.
Matteini in serie A con L'empoli gioca bene e procura un rigore che permette alla sua squadra di battere fuori casa la Sampdoria di Novellino.
In serie B Jadid si è guadagnato una maglia da regista nel Brescia e ha inaugurato la stagione con un'ottima prestazione e un vittoria.
Nell'Arezzo Croce impressiona i toscani per spinta e generosità mentre Vigna gioca bene ma sbaglia il rigore che valeva tre punti.
Sfortunato Carlo Lusi che con il Modena perde in casa contro il Verona Cammarata, in C1, con uno splendido gol ha regalato tre punti al Taranto nella difficile trasferta di sanbenedetto.
L'unico che non brilla nell'esordio è forse lo sfortunato Avramov che in B con il TREVISO rimedia quattro gol dal Napoli che in campo ha un certo Calaio'.

"Non meritavamo di perdere" SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 11/9/2006

Cosi' Renzo Ulivieri: "Il Pescara ci ha messo in grossa difficoltà riuscendo a bloccare i nostri inventori di gioco grazie ad automatismi difensivi ed accorgimenti tattici efficaci ed abbiamo faticato. Il pari sarebbe stato il risultato più giusto..."
Davide Ballardini, per contro, e` rammaricato per la sconfitta e a fine gara dichiara: "Non meritavamo di perdere". Per il tecnico biancazzurro questo Pescara non meritava di perdere dicendosi molto dispiaciuto per aver giocato bene e non aver raccolto nulla sottolineando che il Bologna, nonostante una rosa da serie A, avrebbe impegnato poco "l'esordiente" Spadavecchia.
Anche il presidente Paterna nonostante la sconfitta si dice soddisfatto e aggiunge di aver ricevuto dall allenatore del Bologna i complimenti per l'ottimo primo tempo disputato dalla squadra. Lo stesso Paterna aggiunge di ritenere chiuso il mercato (almeno fino a gennaio) e come seconda punta ci sarà Paponetti sul quale sia il tecnico che la società intende puntare.
L'esordio stagionale all'Adriatico non è stato dunque positivo per il risultato ma il colpo d'ochhio della curva nord Marco Mazza rivitalizzata è stato il miglior risultato di questa prima giornata unita a un tempo giocato dignitosamente dalla squadra.
A questo punto bisogna dare fiducia al gruppo e al tecnico e sperare che di qui in avanti si possa crescere in tutti i sensi.
La campagna abbonamenti sarà prorogata fino alla gara interna contro il Bari.

Pescara-Bologna 0-1 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 9/9/2006

Il Pescara spende troppo nel primo tempo e nel secondo paga la stanchezza.
Ballardini presenta un Pescara a tridente con Ferrante Antonelli e Rigoni.
Ulivieri non rinuncia al 4-2-3-1 puntando sulla rapidità in attacco con Bellucci unica punta.
Nel primo tempo il 4-3-3 biancazzurro mette in difficoltà la difesa rossoblù con Costa che soffre la vivacità di Antonelli.
Al 12’ Ferrante impegna di testa Antonioli e tre minuti dopo Aquilanti manca, in un'analoga occasione, la deviazione aerea. Moscardi al 18’ ci prova con un destro da 25 metri che non trova la porta.
Nel Bologna si vede solo Bellucci con due punizioni (26’ e 39’) fiacche e imprecise. Al 34’ su gran punizione a parabola di Rigoni, Antonioli salva il Bologna togliendo la palla dall’angolino. Dopo un minuto Ferrante, da centro area, manda di destro la palla di poco fuori sfiorando il palo.
Nel finale si vede anche il Bologna con Bellucci che di testa manda di poco a lato su cross di Nervo.
Nella ripresa cambiano i toni e il Pescara appare stanco e gradualmente sparisce dalla partita.
Al 48’ su corner stacca Bellucci e la palla va alta di poco. Al 55’ Meghni con un diagonale da posizione ravvicinata sfiora il palo dei padroni di casa.
Ballardini prova a buttare dentro Gautieri per uno stanco Antonelli ma il cambio non da i risultati sperati.
Il Bologna spinge e all’80’ passa in vantaggio con Amoroso che raccoglie una palla di rimbalzo e sfodera un destro a dal limite che batte un'incolpevole spadavecchia.
Ballardini per risposta inserisce la punta Di Matteo per togliere il centrocampista Moscardi ma arriva solo una conclusione di Vicentini.
 

 

TORNA FINALMENTE IL CAMPIONATO Pubblicata in data 8/9/2006

Torna finalmente il nostro campionato di calcio di B o per meglio dire, e essere politicamente corretti, il campionato di chi ne detiene i diritti.
Questa Serie B targata Sky e di tanti altri patroni torna dopo un'estate di fuoco. Un'estate resa bollente da Calciopoli e da mille crisi societarie sul limite della bancarotta. Un campionato che sembrava essere condannato al rinvio dai mille ricorsi alla giustizia ordinaria e dai mancati accordi per i diritti TV.
Nonostante tutto si riparte (in zona cesarini) e sono poche le tracce del fuoco estivo di Calciopoli lasciate sul campionato. Si riparte dalle “vergognose sentenze” e della tanto invocata pulizia del “sistema” che ha portato qualche punto di penalità inflitto all’Arezzo, ed una Juve piazzata in cadetteria più come monito che per reale volontà di giustizia.
Stagione che si preannuncia importante e complessa per un Pescara rimaneggiato di cui ancora non sono chiare le potenzialità.
Il Pescara non si troverà di fronte solo avversarie temutissime come Juventus, Napoli, Bologna, Genoa, Lecce e Brescia ma anche una tifoseria da riscaldare, sempre più delusa (solo 1000 gli abbonamenti sottoscritti) dalla gestione del Presidente Paterna.
Il nuovo Presidente che al suo ingresso aveva promesso programmazione e forte investimento sui giovani del vivaio biancazzurro, per non smentirsi, ha scelto di rischiare rivoluzionando la squadra che bene si era comportata la scorsa stagione affidando il compito dell’ennesima salvezza ad un manipolo misto di giovani e di vecchi lupi di categoria.
La rivoluzione è partita dalla panchina con l’incredibile allontanamento di mister Sarri (autore di una sorprendente salvezza, giunta con largo anticipo).
La piazza pescarese, pero', ha gradito l’ingaggio di Ballardini, allenatore emergente che bene ha fatto a San Benedetto, per poi scottarsi con il Cagliari in serie A.
L'ingaggio di Ballardini, chiamato a tenere la barca biancazzurra lontano dalle acque minacciose della zona-salvezza, è stato pero' un lampo isoltao di fiducia della società in un’estate piuttosto grigia per i tifosi del delfino adriatico noi di solopescara.com compresi.
Infatti la lista delle pedine importanti che hanno lasciato Pescara durante l’estate è lunga.
Il reparto arretrato è stato smembrato essendo partiti il portiere Avramov ed i difensori Lorenzi e Pesaresi.
Attacco e centrocampo rivoluzionato con gli ambiti Vigna, Croce e Matteini ceduti per esigenze di cassa. Per analoghi motivi, hanno salutato il Pescara Calcio anche la bandiera pescarese Luisi, Baù e lo svincolato Cammarata.
Tra le altre importanti cessioni dei giovani su cui il Pescara avrebbe dovuto costruire una programmazione si ricorda quella del centrocampista Paolucci alla Fiorentina.
Dopo un'estate fatta di saluti, in perfetto stile pescarese, all'ultim'ora si è sbloccato il mercato con importanti arrivi.
La rosa del Pescara, dopo il rimaneggiamento, è ancora probabilmente incompleta, ma fanno comunque sperare, i rinforzi approdati per colmare le lacune lasciate da questa rivoluzione tecnica.
Nel capoluogo adriatico abruzzese sono giunti il difensore De Martis (proveniente dalla Torres), l’attaccante Ferrante ed il mediano Moscardi che portano in dote un notevole bagaglio d’esperienza, mentre l’impiego da titolari dei giovani Spadavecchia (portiere proveniente dal Bari), Rigoni e Luci saranno una scommessa di difficile valutazione.
I dubbi arrivano anche per la difesa, privata dal mercato di alcuni degli uomini più affidabili, e tuttora da amalgamare;
In porta, il giovane Spadavecchia (proveniente dal Bari) e l’esperto Tardioli, si contenderanno la maglia lasciata libera dall’ottimo Avramov.
Linea difensiva ancora imperniata sugli esperti Gonnella e Delli Carri al centro (almeno loro, una garanzia in serie cadetta), con Zoppetti (l’ex promessa della Cremonese) e De Martis presunti terzini titolari con Aquilani e Olivieri come prime alternative.
Decisamente più interessante la linea mediana, rinforzata sulle fasce da innesti di qualità come quelli di Antonelli, proveniente dal Chievo, e Rigoni che potrebbe essere l’arma in più nella stagione del Pescara. A questi si aggiunge il collaudato e riconfermato Carmine Gautieri autore di due gol nella passata stagione.
Valide anche le pedine centrali: Moscardi è un regista su cui hanno già messo gli occhi alcune formazioni di categoria superiore, mentre Papini o il giovane Luci sono i comprimari adatti al gioco di contenimento. Forse è l’unico reparto realmente di categoria.
Il reparto avanzato, infine, è completamente appoggiato sulle spalle del "vecchio" Ferrante.
L’ex granata, reduce da un buon campionato ad Ascoli, dovrebbe garantire i gol necessari per la serenità del Pescara, ma al suo fianco latitano le alternative.
Una scelta interessante porterebbe essere quella dell'impego dei giovani Ciofani e Paponetti.
A questo nuovo Pescara va comunque, per concludere, oltre ogni possibile analisi critica, il nostro incondizionato sostegno di tifosi.
Solopescara.com urlerà anche quest'anno Forza Pescara!

Arrivano soldi e campionato. Pubblicata in data 8/9/2006

Dopo gli allarmismi finanziari estivi e una campagna acquisti votata al sacrificio (di giocatori e tifosi) nelle casse della società di via Mazzarino arrivano importanti risorse finanziarie da Sky che si è aggiudicata i diritti Tv della serie B.
Dunque dopo prestiti, comproprietà, svincolati, diritto di riscatto non esercitati e promesse della primavera cedute tutti noi tifosi speriamo di poter assistere ad una programmazione seria per i prossimi anni.
Per la partita contro il Bologna prevista per domani pomeriggio alle 16.oo all'Adriatico Ballardini dovrà fare a meno del difensore De Martis e sull’attaccante Marini, entrambi squalificati. Anche Simone Felci contro il bologna probabilmente non ci sarà. L'esterno destro di centrocampo è ancora infortunato a causa di un colpo alla caviglia destra rimediato nell'amichevole di Popoli. Paponetti invece è in ripresa e potrebbe alternarsi a Gautieri.
Contro il Bologna di Ulivieri si preannuncia una partita combattuta e dall’esito imprevedibile, considerate le sorprese che spesso riserva la prima giornata di campionato.
Un Bologna probabilmente ancora incompleto, e reduce da risultati estivi poco incoraggianti, con fantini squalificato, dovrà dimostrare già da questo incontro la volontà di lottare per la serie A Previsti circa 300 sostenitori rossoblu'.
Da questo pomeriggio il Pescara Calcio si troverà all'hotel Promenade per il consueto ritiro prepartita.
 

Tessere, Bologna e statistiche Pubblicata in data 7/9/2006

La campagna abbonamenti si avvia a raggiungere e a superare, per fortuna, la fatidica quota mille sotto la quale si poterva parlare apertamente di crisi. Le tessere saranno disponibili fino a sabato ma potrebbe esserci una deroga dell'ultima ora per accontentare scettici e ritardatari. Per l'esordio casalingo stagionale, previsto per sabato, Ballardini non potrà contare sul difensore De Martis e sull’attaccante Marini, entrambi squalificati, mentre sarebbero buone le condizioni del neo acquisto Ferrante pronto all'esordio.
La partita Pescara-Bologna ha 6 precedenti che indicano 4 vittorie per i biancazzurri e due pareggi. Dunque il Bologna non ha mai vinto all’Adriatico ma nella scorsa stagione il Pescara di Sarri ha incassato un solo punto contro i rossoblu'. 2 a 1 a Bologna il 5 settembre 2005 e 0 a 0 il 14.01.2006 in casa.
Quelli con qualche anno in piu' ricorderanno il 5 a 0 casalingo inflitto al Bologna nel maggio del 1992 quando sulla panchina biancazzurra vi era un certo Giovanni Galeone e il Pescara si avviava a conquistare una storica promozione in serie A.
Nel Bologna di Ulivieri sarà disponibile anche il neo acquisto Manfredini, mentre il centrocampista Amoroso sulla prima dei suoi a Pescara cosi' dice:
"...bisogna partire subito bene, sin da sabato a Pescara”. ..."a Pescara sara’ una partita difficile, ma ce la metteremo tutta per portare a casa il risultato pieno: questo e` sicuro”.
La partita sarà diretta dal 32enne ternano Paolo Tagliavento.
 

La serie B sul digitale terrestre e Sky Pubblicata in data 7/9/2006

Chiuso l`accordo tra la Lega Calcio e Sportitalia per la trasmissione sul digitale terrestre di tutta la Serie B. Questo il comunicato sul sito dell'emittente: `Un investimento ingente che conferma la volonta` dell`editore Tarak Ben Ammar di crescere insieme al campionato cadetto che quest`anno, con la promozione di Genoa e Napoli, e la retrocessione della Juventus, coinvolgera` non meno di 16 milioni di tifosi`.
Ricordiamo che in precedenza Sky aveva acquisito i diritti per il satellitare. E sono state anche rese note le cifre del doppio accordo: alla Lega andranno in totale 40 milioni di euro per la serie B. I 40 milioni incassati saranno da dividere tra tutti i club della serie cadetta, tranne quelle societa` che hanno gia` venduto separatamente i loro diritti tv, cioe` Juventus, Napoli e Genoa.
 

Diritti tv della serie B SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 6/9/2006

Quest'anno la B è una vera e propria filiale della serie A. La presenza della Juve, per la prima volta nella sua storia tra i cadetti (partirà da –17 a meno di sconti all'arbitrato), ma anche quella di Napoli, Genoa, Bologna, Lecce, rende il torneo sicuramente più affascinante del passato.
La prima giornata parte venerdì, alle 20.45, con il primo anticipo della stagione: in campo Arezzo e Mantova, due delle squadre protagoniste un anno fa. Sabato pomeriggio, alle 16, c'è l'imbarazzo della scelta. La Juve gioca a Rimini, il Genoa a Vicenza, il Napoli ospita il Treviso, il Bologna arriva all'adriatico di Pescara.
Lunedì, sempre alle 20.45, il programma si completa con Spezia-Cesena.
Le uniche certezze al momento sono che Sky trasmetterà in diretta le gare casalinghe di Juventus e Genoa e che è vicina a chiudere l'accordo con Napoli, Bologna e Lecce. La Rai, che lo scorso anno trasmetteva in diretta su RaiSport una partita con finestre sugli altri match, non ha esercitato l'opzione prevista dal contratto e al momento dispone solo degli highlights per produrre il 90° del torneo cadetto. Anticipi e posticipi sono di SportItalia, che è visibile sia su Sky (satellite) sia sul digitale terrestre. Mediaset (digitale) ha i diritti della Juve e punta a chiudere anche con il Napoli.
Per venerdì se ne saprà sicuramente di più, in ballo ci sono 300 partite non ancora assegnate.
 

Pescara solo a quota 600 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 5/9/2006

A cinque giorni dall'inizio del campionato di serie B sono stati venduti solamente poco più di 600 abbonamenti.
Continuando con l'attuale ritmo pari a 100-150 tessere vendute al giorno, difficilmente si supereranno le 1500 della passata stagione. Un dato assolutamente deludente che "cozza" con le aspettative del presidente Dante Paterna che auspicava di raggiungere almeno quota 3000 abbonati.
La causa è individuabile in diversi fattori. Ai tifosi non sono andate giù alcune operazioni della società, su tutte la cessione di Daniele Croce ed il mancato ingaggio di una seconda punta capace di affiancare il bomber Ferrante. Per l'ennesimo anno la squadra è stata costruita negli ultimi giorni di mercato, peraltro abilmente da Andrea Iaconi, con le poche risorse messe a disposizione dalla dirigenza ai D.S..
Il mancato "boom" degli abbonamenti è sicuramente da imputare anche agli elevati prezzi degli stessi, lievitati di anno in anno. 150 euro è un importo già esoso per un semplice tifoso, figuriamoci per una famiglia di quattro persone che volesse sottoscrivere lo stesso abbonamento: 150 X 4 = 600 Euro, davvero troppo...
Fonte PrimadaNoi.it
 

Guerriglia in Roma-Juventus SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 5/9/2006

Il bilancio degli incidenti avvenuti prima e dopo l'amichevole Roma-Juventus e' di quattro contusi e di uno accoltellato ad un gluteo (si parla di 11 punti di sutura).
Il piu' grave dei feriti e' ricoverato con una prognosi di 25 giorni.
L'aggressione ai pescaresi, secondo fonti della Questura, e' avvenuta in un 'episodio isolato' gia' durante l'afflusso allo stadio, e non e' stato possibile identificare gli aggressori. Si presume comunque che siano romanisti, vista una vecchia ruggine che corre tra le due tifoserie.
I primi problemi sarebbero sorti già nel pre partita a causa dell'assembramento di tifosi romanisti causati dall'unico botteghino aperto per i posti a loro riservati. Detta coda avrebbe fatto da miccia all'innescarsi dei primi scontri. La voce poi dell'uso di un coltello e il ferimento di un tifoso pescarese avrebbe acceso la vendetta dei tifosi locali. Nel dopo gara gli incidenti si sono spostati verso la zona sud dello stadio e via via verso la zona dove erano parcheggiate le auto dei tifosi capitolini giunti a Pescara.
Grazie alle forze di Polizia si è evitato il peggio ma sono comunque numerosi e ingenti i danni. Tante le auto danneggiate con vetri in frantumi e gomme bucate tra cui una data alle fiamme.
Solo dopo l'una di notte, i romanisti hanno potuto lasciare PESCARA scortati da Polizia e Carabinieri dopo una guerrriglia urbana che ha coinvolto oltre duecento persone.
Una notte da dimenticare.


Pescara: controlli severi a stadio. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 4/9/2006

La polizia utilizzera' costantemente riprese video e fotografie per identificare ultras particolarmente 'attivi' allo stadio Adriatico.
La Questura annuncia che grazie a queste rilevazioni sono state segnalate in stato liberta' tre persone che avevano scandito e fomentato slogan oltraggiosi il 23 agosto durante l'incontro di Coppa Italia di calcio Pescara-Atalanta.
Questa ''attivita' di controllo sara' puntualmente assicurata nel corso dello intero campionato di calcio.

 

Dopo Ortona Ballardini è soddisfatto SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 4/9/2006

Ballardini dopo il test dell'amichevole di Ortona finita con sette gol del Pescara sembra essere soddisfatto e in sintesi il tecnico biancazzurro dice che la squadra ha le idee chiare su come giocare.
Per quanto riguarda il modulo pensa a Ferrante prima punta con alle spalle Rigoni o in alternativa un tridente con due seconde punte larghe e sempre Ferrante come unica punta avanzata.
Ballardini continua a parlare di una squadra dinamica senza un modulo fisso scegliendo di volta in volta la tattica migliore.
Ad una settimana dall'incontro inaugurale casalingo con il Bologna della stagione 2006-07, il tecnico sottolinea, che più della condizione fisica è importante quella mentale. E questo Pescara sembra avere le giuste motivazioni.
 

6 RETI A POPOLI SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 3/9/2006

L'ultima amichevole dei biancazzurri disputata a Popoli nel pomeriggio è terminata 0 a 6. Le reti sono state realizzate da Antonelli, Delli Carri e Rigoni nel 1° tempo, mentre nella ripresa il "baby" primavera Di Matteo ha realizzato una doppietta e la sesta rete è stata opera di Martini. Formazione del 1° tempo: (4-2-3-1): Spadavecchia; Zopetti, Gonnella, Delli Carri, Gimenez; Moscardi, Carozza; Felci (38' pt Luci), Rigoni, Antonelli; Ferrante. Formazione 2° tempo: (4-2-3-1): Tardioli; Serao, Demartis, Olivieri, Vicentini; Aquilanti, Papini; Luci, Di Matteo, De Falco; Martini.
 

Vignaroli, Di Biagio e Miceli. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 2/9/2006

Questa mattina è stata ufficialmente presentata la squadra del Pescara Calcio che affronterà il prossimo campionato di B presso la sala consiliare del Comune.
Ma la formazione non è ancora completa e con il mercato chiuso il Pescara continua a cercare un regista e la seconda punta tra i giocatori "fuori contratto".
Il candidato numero uno per l'attacco è Vignaroli, attualmente senza contratto, che ha caratteristiche utili a Ballardini. Gli altri nomi per completare il mosaio pescarese, a centrocampo, sono quelli di Miceli e l'ex Brescia e Roma Luigi Di Biagio.
Per la cronaca segnaliamo poi che l'amichevole Roma-Juventus, prevista all'Adriatico lunedì sera alle 20.30, in prevendita ha toccato quota diecimila biglietti. Si va verso il tutto esaurito (22.900 posti).

Il mercato chiude. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 1/9/2006

I colpi finali del Pescara con Iaconi-Bignone alla fine non sono arrivati. Sono pero' arrivate le cessioni di Vellucci e Triuzzi al Lanciano e quella di Tognozzi alla Reggina a titolo definitivo.
L’atalantino Andrea Soncin negli ultimi minuti del calciomercato milanese, ha preferito accodarsi con l’Ascoli per rimanere in serie A ma il contratto coi marchigiani depositato alle ore 19.02 potrebbe non essere ritenuto valido dalla Lega. Si ritorna a pensare quindi allo svincolato Fabio Vignaroli.
A questo punto, Ballardini, nonostante si ritrovi con una squadra in prestito per un anno, si dice soddisfatto della campagna acquisti, aggiungendo che manca solo qualche tassello per completare l’organico. Tassello che dovrà necessariamente passare per svincolati o per calciomercato di riparazione di gennaio.
E proprio parlando di calciomercato invernale si apprende che Eder Baù potrebbe tornare in biancazzurro proprio a metà stagione. Il Pescara avrebbe ratificato un accordo con la Triestina acquisendo la metà del cartellino del fantasista di Asiago.
Sempre in tema di ex segnaliamo che il Taranto ha acquistato il trentaduenne attaccante Fabrizio Cammarata mentre il portiere serbo Vlada Avramov va a Treviso.
 

Il mercato non è chiuso SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 30/8/2006

Dall'Ata Quark di milano arriva a sorpresa l'ultima notizia di mercato. Il Pescara avrebbe preso in prestito con diritto di riscatto il centrocampista Andrea Luci (classe 85) che lo scorso anno con la Torres in C1 ha collezionato 24 presenze.
In ogni caso dopo Antonelli e Luci il team manager pescarese dovrà mettersi alla ricerca dell'attaccante che farà da spalla a Marco ferrante.
Il giocatore perfetto per questo ruolo sarebbe Andrea Soncin che pero' si trova in un turbine di richieste e dovrà decidere tra Bari, Triestina, Treviso, Vicenza e Pescara naturalmente.
In alternativa all'atalantino ci sarebbe il bolognese Vignaroli che sarebbe già stato contattato.
Tulli, attaccante 24enne su cui si erano appoggiati gli occhi del pescara, è stato ceduto dalla Roma alla società salentina del Lecce a titolo definitivo.
Per il Pescara comunque ci sarebbe ancora spazio per altre operazioni di mercato e tra queste potrebbe rientrare Fabio gatti, classe 1982, tesserato con il Napoli. Niente da fare invece per il sampdoriano Colombo passato al Brescia e per lo sloveno Dedic che il Parma considera incedibile.
Per concludere, nel mercato in uscita sarebbe vicina la cessione di Tognozzi alla Reggina mentre alla Pro vasto, come già detto, è stato ceduto il giovane Rapino. Vellucci potrebbe finire al Lanciano in prestito mentre Triuzzi, dopo il club frentano, ha rifiutato anche la Torres.
 

 

Arriva Filippo Antonelli

Pubblicata in data 30/8/2006

Nella conferenza stampa di presentazione degli ultimi tre ingaggi Ferrante, Moscardi e Spadavecchia Il presidente Paterna annuncia, l'arrivo di Filippo Antonelli in prestito dal Chievo Verona con diritto di riscatto. Il centrocampista nato a Chieti (classe 1978) ha vestito le maglie di Messina, Pro Patria, L'aquila, Torino, Monza, Cosenza e Ascoli. Antonelli dal gennaio 2006 in prestito al Messina ha collezionato 11 presenze nello scorso campionato di serie A.
Lo stesso Paterna ha anche anticipato che Daniele Croce è ufficialmente un giocatore dell'Arezzo.
Intanto alla ripresa degli allenamenti allo stadio con lavoro atletico tutti i giocatori a disposizione del tecnico Ballardini appaiono in buone condizioni e anche gli ultimi arrivi hanno partecipato per intero alla seduta di allenamento.
Per sabato pomeriggio (ore 17:00) si terrà un'amichevole ad Ortona contro l'omonima formazione locale.

Il mercato milanese dell'Ata Quark

Pubblicata in data 29/8/2006

Soncin e Antonelli sono gli obiettivi dell'ultimo mercato biancazzurro.
In alternativa, il Pescara prova ad ottenere dal Parma l’attaccante sloveno Dedic e dal Modena Roberto Chiappara.
Tulli è destinato a non vestire il biancazzurro adriatico perchè dopo aver rifiutato la destinazione, il Pescara ha cambiato obiettivi nonostante il giovane attaccante avesse cambiato poi idea.
Cammarata, invece, rimane lontano dal Pescara dopo aver mancato l'accordo con l'Albinoleffe, con il Verona e con il Gallipoli.
Per colpletare la difesa si fatto poi il nome del terzino Quadrini e del marocchino Kharja, ex Ternana.
Per il mercato in uscita potrebbe esserci spazio, nelle ultime ore del mercato, per qualche cessione.
Tognozzi potrebbe finire in Calabria con la Reggina mentre Gianluca Triuzzi, che piace a Camplone, potrebbe approdare a Lanciano. Rapino, primavera classe 1987, va alla Pro Vasto in prestito secco.
 

 

La seire B resta al sabato

Pubblicata in data 28/8/2006

Al termine dell'incontro concluso da poco fra Matarrese e alcuni rappresentanti di club di seire A e B, è stata confermato (purtroppo per noi tifosi) che la serie B si giocherà di sabato e la seria A di domenica.


Mercato in volata. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 28/8/2006

Questa mattina dovrebbe arrivare la firma di Marco Ferrante per un contratto annuale. Ma dopo l'ingaggio dell'ex bomber del toro Ferrante e del portiere Vitangelo Spadavecchia arriva la notizia di una trattativa lampo, sempre con contratto annuale, con il centrocampista Damiano Moscardi (ex Vicenza).
Ancora da risolvere invece la questione Soncin, Antonelli e Tulli che sembrano non gradire la piazza biancazzurra.
Soncin (atalanta) dovrebbe firmare un'accordo con il Bari.
Sul fronte cessioni si deve purtroppo registrare la partenza di Daniele Croce che è ora ufficialmente un giocatore dell'Arezzo. Per circa 700mila euro la società toscana ha la comproprietà del rosetano che nel prossimo campionato si ritroverà in serie B mancando il salto di categoria che certamente meritava.
Sempre per il mercato in uscita si segnalano le cessioni in prestito per un anno al Celano (C2) dell'attaccante Daniel Ciofani ('85) e del difensore Alessio Spoltore ('86).
Mentre il portiere Vincenzo Aridità (21), finisce alla Pro Vasto.

FESTA RANGERS SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 25/8/2006

Dalle 17.30 di oggi e fino a domani sera, i Pescara Rangers festeggeranno il trentennale presso i locali dell'ex mercato ortofrutticolo al lungomare sud (a fianco al porto turistico). Nel corso della festa saranno proiettati video, foto e ci saranno gadget e materiale vario dedicato. E' prevista la presenza di altri club di ultras italiani. In ricordo di Bubù saranno rivissuti i 30 anni di uno dei gruppi che hanno fatto la storia del panorama ultras italiano: PESCARA RANGERS L'IMPERO CONTINUA...

 

Paterna calciomercato e tifosi. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 25/8/2006

Il presidente del Pescara Dante Paterna, sul sito ufficiale del club, chiarisce la situazione di calciomercato e alcune incomprensioni con la tifoseria.
" Non tutti gli obiettivi di mercato sono stati raggiunti. Gautieri, Rigoni e Papini rappresentano comunque la conferma dell'ottimo lavoro che stiamo portando avanti."
continua... "Domani (oggi 25) prefezioneremo l'ingaggio del portiere Spadavecchia del Bari, società con la quale abbiamo raggiunto l'accordo di massima. Le firme ci saranno appunto domani e il ragazzo si potrà aggregare anche subito al resto della squadra".
Sulle dichiarazioni fatte alla stampa sui tifosi, il presidente continua... "Evidentemente chi ha riportato le mie dichiarazioni è andato un oltre il loro reale significato. In realtà non ho mai detto che ce l'ho con la tifoseria. Ho semplicemente sottolineato che non ho gradito le contestazioni che mi sono state rivolte in precampionato farcite spesso da insulti anche ai miei cari.
Capisco, e anzi forse farei la stessa cosa, quelle che sono state le contestazioni di ieri sera da parte dei tifosi della curva nord che sono i veri tifosi. Invitare il presidente ad investire sulla squadra è perfettamente legittimo e comprenderei le preoccupazioni dei tifosi che interpretano questo momento di stasi come immobilismo.
Non è assolutamente così e la presenza di questi tre nuovi ragazzi ne è la testimonianza. Io sono tranquillo perchè conosco situazioni che non possono essere svelate anche nel rispetto dei diretti interessati, ma vi assicuro che ci stiamo muovendo e che nei prossimi giorni completeremo la squadra".
... "Ora dobbiamo concentrarci sui reparti che dovranno essere completati ovvero centrocampo e attacco".
fonte: sito Pescara Calcio del 24.08.2006
 

Arrivano 3 rinforzi SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 24/8/2006

Nella giornata di ieri coincisa col brutto 0 a 3 di Coppa Italia contro l'Atalanta, ma che è valsa come prima vera contestazione a Paterna, il Pescara ha ufficializzato gli acquisti di Rigoni e Papini dalla Ternana e di Gautieri. Sicuramente anche con questi 3 acquisti la squadra è ancora lontana dall'essere competitiva in serie B, quindi Paterna dovrà far arrivare ancora molti calciatori e soprattutto di categoria, altrimenti la retrocessione sarà inevitabile. Continuiamo a chiederci il perchè Paterna abbia acquistato il Pescara non avendo le risorse economiche per gestirlo.

 

Coppa Italia: Atalanta 3 Pescara 0 SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 24/8/2006

Il Pescara rimedia tre gol in casa dall'Atalanta abbandonando ogni speranza di approdare al terzo turno della Coppa Italia 2006.
La gara inizia lenta ma l'atalanta fa prevalere il maggior tasso tecnico e già al 13` arriva il gol del vantaggio degli ospiti. Defendi sulla sinistra gira per Bombardini che su cross serve Zampagna che di testa insacca.
Il Pescara manca e l`Atalanta raddoppia al 33’ per un grave errore difensivo di Delli Carri che si lascia superare da Defendi che gira ancora per Zampagna che deve solo girare in rete di destro.
Nella ripresa l`Atalanta mette a segno il terzo gol con Ventola al 69'.
Nella prima uscita casalinga ufficiale della stagione il Pescara rimedia tre gol e incassa anche la contestazioni dei tifosi contro la presidenza che a 20 giorni dall'inizio del campionato non riesce a dare risposte convincenti.
Bisogna dire che nel Pescara le uniche prestazioni positive sono state quelle di Martini e del solito Croce.

 

Ultime news SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 23/8/2006

A dirigere la gara di Coppa Italia Pescara-Atalanta a eliminazione diretta sarà Christian Zanzi di Lugo di Romagna, coadiuvato da Rossomando, Musolino e il IV° uomo Giancola.
Questi i 20 i convocati da Ballardini per la gara interna contro l'Atalanta.
Portieri: Aridità e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Delli Carri, Demartis, Gonnella, Olivieri, Vicentini e Zoppetti;
Centrocampisti: Cinelli, Croce, De Falco, Felci, Scappaticci, Tognozzi, e Vellucci;
Attaccanti: Ciofani, Martini, Paponetti e Triuzzi. Il Pescara dovrà fare a meno dello squalificato Carozza e di Daniel Ciofani lievemente infortunato.
Sarebbe stata conclusa la trattativa per portare in biancazzurro Papini mantre cè attesa per Rigoni.
Naturalmente si attende la conferma della notizia da un comunicato ufficiale della società. Romeo Papini (1,80mt 73kg classe 1983), è centrocampista centrale proveniente dalla Ternana con la quale ha collezionato 29 presenze e un gol nella passata stagione.
 

le solite novità... ma cè Gautieri. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 21/8/2006

Nessuna novità nel mercato del Pescara che comunque spera di concludere a breve trattative importanti.
Sarebbe imminente l'arrivo dei centrocampisti Rigoni e Papini dalla Ternana e l’attaccante Tulli, in prestito dalla Roma.
Per l’altra punta, che dovrebbe essere Marco Ferrante, si provvederà quando saranno magari disponobili le cifre realizzate dalle cessioni.
Continua invece la stenuante trattativa con il Bari per il portiere Spadavecchia mentre per Antonelli bisognerà aspettare gli ultimi giorni della settimana, dopo la gara di ritorno di Champions League tra Chievo e Levski Sofia. Il mediano Luca Tognozzi (destinato ad entrare nell'affare con la Ternana) potrebbe finire alla Reggina che ha offerto 300.000 euro ed il prestito di Leon.
Sempre attesa anche per il passaggio in comproprietà di Daniele Croce (24) all'Arezzo, la cifra pattuita è di 450.000 euro.
Cinelli sembrerebbe destinato al club pugliese del Gallipoli dove mancherebbe solo l'accordo economico.
L'unica vera "novità" è il buon Carmine Gautieri che si aggrega al gruppo in preparazione del secondo turno di Coppa Italia.
Per concludere riportiamo i prezzi e i dettagli della campagna abbonamenti 2006-07 comunicati dalla Pescara Calcio:
SETTORE Costo/Rateo
Poltronissime € 590,00 € 29,50
Poltronissime ridotto € 360,00 € 18,00
Tribuna Maiella € 380,00 € 19,00
Tribuna Maiella ridotto € 230,00 € 11,50
Tribuna Adriatica € 195,00 € 9,75
Tribuna Adriatica ridotto € 115,00 € 5,75
Curva Nord "Marco Mazza" € 150,00 € 7,50
Curva Nord "Marco Mazza" ridotto € 100,00 € 5,00
Curva Sud € 150,00 € 7,50
Curva Sud ridotto € 100,00 € 5,00
A questi costi occorre aggiungere il diritto di prevendita che è di 2,00 euro per curve e tribuna Adriatica e 4,00 euro per tribuna Maiella e Poltornissima.
- RIDUZIONI Le riduzioni sono previste per tutte le donne, i ragazzi nati dopo il 1° gennaio 1992 e gli invalidi appartenenti alle categorie UNMS, ENS, ANMIL, ANMIG, ANMIC. - DOVE ABBONARSI Come ogni anno abbonarsi è semplicissimo. E' infatti sufficiente recarsi esclusivamente presso uno dei punti vendita autorizzati: Tabaccheria Camaioni (Via B. Croce, 199), Tabaccheria Sborgia (C.so Umberto I, 115), Punti SNAI (Via Nicola Fabrizi, 35), Punto SNAI (Via Vittoria Colonna, 130), Punto SNAI (Via Nazionale Adriatica, 1 a Francavilla a Mare), Bar Brasile (Via Piero Gobetti, 198 - angolo Via Nicola Fabrizi), Caffè Time Out (C.so Umberto I, 391 a Montesilvano), presentandosi con un documento di identità valido ed il proprio codice fiscale.
- LIMITAZIONI L'abbonamento è valido per 20 gare del campionato nazionale serie B "TIM" 2006/07. Non consente l'accesso al titolare per eventuali gare di spareggio playoff e playout e Coppa Italia "TIM CUP".

 

In Coppa il Pescara che non ti aspetti SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 20/8/2006

Il Pavia crolla sotto i colpi di un buon Pescara
Nonostante la squadra sia ancora in costruzione i biancazzurri scesi in campo a Pavia per il primo turno di Coppa Italia offrono una buona prestazione portando a casa un risultato inaspettato.
Bisogna sottolineare che gli azzurri del Pavia sono apparsi deficetari in difesa e senza un adeguato filtro a centrocampo pagando le incertezze del secondo portiere Cantele che sustituiva l'infortunato Casazza.
Pescara in rete al 7' del primo tempo con Papponetti, raddoppio di Martini al 52' e terzo gol al 68'' ancora di Papponetti. L'ultima rete con Zoppetti al 76' su punizione da 25 metri. Il Pescara nel prossimo turno affronterà all'Adriatico, mercoledì 23 agosto, l'Atalanta reduce da un buon 3 a 0 al Sassuolo.
Questo il tabellino della partita:
PAVIA: Cantele, Di Fausto, De Stefano, Fattori (dal 28' st Lunardini), Camillini, Bandirali, De Martin, Bevo, Veronese, Valdifiori, Massaro. A disposizione: Mongeri, Acerbi, Giuliani, Rossi, Selleri, Chianese.
All. Marco Torresani
PESCARA: Tardioli, Zoppetti, Dellicarri (dal 24' st Vellucci), Croce, Carozza, Acquilanti, Martini, Gonnella, Demartis, Paponetti (dal 30' st De Falco), Felci (dal 16' st Vicentini).
A disposizione: Aridità, Gimenez, Olivieri, Scappaticci.
All. Davide Ballardini
Arbitro: Sig. Mazzoleni di Bergamo
Assistenti: Sigg.Giachero e Franzi
Quarto Uomo: Sig. Vivenzi
Marcatori: Paponetti (PE) al 7' pt, Martini (PE) 7' st, Paponetti (PE) al 23' st, Zoppetti (PE) al 31' st
Ammonizioni: Fattori (PV) al 12' pt, Dellicarri (PE) al 40' pt
Espulsioni: Carozza (PE) al 27' st, Bandirali (PV) al 33' st
Angoli: 6 a 4 per il Pescara
Questi i risultati del primo turno di "Coppa Italia Tim"

Atalanta - Sassuolo 3-0
Avellino - Albinoleffe 1-2 dts
Benevento - Sampdoria 0-2
Bologna - Cittadella 2-1 dts
Cavese - Lecce 2-1
Cervia - Ascoli 0-6
Cremonese - Vicenza 1-0
Cuneo - Cagliari 0-1
Fiorentina - Giarre 3-0
Gallipoli - Verona 0-1
Genoa - Spezia 3-2
Grosseto - Piacenza 3-4
Ivrea - Torino 0-3
Lucchese - Cesena 0-1 dts
Martina - Juventus 0-3
Melfi - Udinese 0-4
Modena - Teramo 3-0
Monza - Bari 1-0
Napoli - Frosinone 3-1
Novara - Mantova 1-2
Pavia - Pescara 0-4
Perugia - Arezzo 3-4 dcr
Reggina - Pro Vasto 3-1 dts
Rimini - Ternana 2-0
Salernitana - Brescia 2-3
Sangiovannese - Crotone 1-3
Sanremese - Triestina 0-1 dts
Sansovino - Messina 0-1
Taranto - Catania 2-0
Venezia - Treviso 1-0
Si giocano oggi:
Carpenedolo - Siena 20/08/2006
Lazio - Rende 20/08/2006

Pubblicata in data 19/8/2006

Il nuovo presidente della Lega Calcio, Antonio Matarrese, ha RIBADITO che il campionato di serie B si giocherà il sabato in quanto "economicamente conviene giocare di sabato".
Lo stesso Matarrese ha comunicato che presenterà i calendari di serie A e B mercoledì 30 agosto nella sala d'onore del Coni a Roma, Confermandone l’inizio al 9 e 10 settembre.
Per finire si segnala che la richiesta di 26 milioni di euro da parte della Lega per la diretta tv delle partite di di Coppa Italia è caduta nel vuoto, infatti non si è raggiunto l'accordo con le televisioni che ne offrivano "solo" 13.

 

Croce salverà il Pescara? SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 18/8/2006

Con il sacrificio di Luca Tognozzi e la cessione di Croce il Pescara potrebbe arrivare ai centrocampisti Rigoni e Papini della Ternana.
La cessione del rosetano Croce all'Arezzo rimane la base di ogni possibile progetto per un Pescara ai minimi storici delle proprie risorse. Se verrà ceduto l'intero cartellino (invece della comproprietà) con un ricavo di circa 900 mila euro al Pescara si aprirebbe la strada per arrivare all'esterno Antonelli, all'attaccante Tulli, il portiere Spadavecchia e a Marco Ferrante.
E' chiaro che i margini di manovra di questa società sono ormai ridottissimi e la formazione del prossimo anno resta piu' che mai incerta.

 

Al via la Coppa Italia SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 18/8/2006

Il Pescara affronterà il Pavia per il primo turno (ad eliminazione diretta) della Tim Cup 2006/2007. L'incontro avrà luogo domani a Pavia sul campo dello Stadio "P. Fortunati", alle ore 20.30.
L'arbitro dell'incontro sarà il Sig. Mazzoleni coadiuvato dai Sigg. Giachero e Franzi.
 


Croce all’Arezzo, manca solo la firma. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 17/8/2006

Il Pescara, bisognoso di risorse economiche, sacrifica l'insostituibile Daniele Croce per poter completare la squadra e tentare l'ennesimo campionato di rincorsa alla salvezza. La cessione dell’esterno Croce all’Arezzo darà via libera al Pescara per l’ingaggio di Tulli e Ferrante.
L’annuncio dell’operazione verrà probabilmente dato solo quando si sarà conclusa la vicenda sul processo di ”calciopoli II” nella quale è appunto immischiata la società toscana del presidente Mancini. Dopo la cessione del portabandiera Croce e quella probabile di Tognozzi alla Ternana il Pescara con qualche argomento economico tenta di ritornare sul mercato.
Come detto i primi obiettivi saranno costituire una coppia d’attacco formata da Tulli e Ferrante e arrivare finalmente a Filippo Antonelli, la cui firma è attesa da tempo. Croce potrebbe essere sostituito da Alfredo Cariello del Chievo o Rigoni della Ternana.

Cammarata torna a Verona SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 16/8/2006

Verona, trovato l'accordo con Cammarata
Si materializza il ritorno di Fabrizio Cammarata (31) al Verona. Dunque dopo una stagione da protagonista in riva all'Adriatico l'ormai ex numero 11 biancazzurro sarebbe vicinissimo al ritorno in veneto. L'attaccante, che ha atteso invano un'offerta dal Pescara e ha declinato le proposte di almeno altri tre club di serie B, torna così nella città dove ha vissuto intensi momenti professionali (cinque stagioni distribuite dal 1994 al 2000).

C1 C2 e il nuovo Chieti a.s.d. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 16/8/2006

Catanzaro, Gela e Sassari Torres ammesse in C2 mentre Pro Sesto, Ancona e Massese ripescate in C1.

Via libera al 'Lodo Petrucci' per Catanzaro, Gela e Sassari Torres che vengono cosi' ammesse in serie C2. Il commissario straordinario della Figc, Guido Rossi ha infatti accolto l'istanza dei tre club di assegnazione del titolo sportivo di serie C2 per la prossima stagione.
Per il campionato di C1 sono ripescate le societa' Pro Sesto, Ancona e Massese che completano l'organico della C1.
Il Chieti Calcio si rinnova e diventa ,grazie al gruppo guidato Giustino Angeloni, il Chieti A.S.D. La nuova Società calcistica neroverde con la nuova sede in Via della Liberazione ha presentato la richiesta di iscrizione ai campionati dilettantistici regionali, ed attualmente il Chieti A.S.D. risulta dunque iscritto al prossimo campionato dilettantistico (Terza Categoria).
Sono comunque state inoltrate due lettere indirizzate al Comitato Regionale per chiedere l'assegnazione della migliore categoria possibile, tenendo conto del bacino di utenza e della storia calcistica della Città di Chieti.

 

In attesa della coppa Italia SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/8/2006

Mercoledì i biancazzurri partiranno per il ritiro di Salice Terme dove la formazione di Ballardini preparerà il primo match ufficiale della stagione.
A meno di una settimana dall’inizio della Coppa Italia il Pescara è ancora da costruire e Ballardini comincia il pressing sui dirigenti per cercare di ottenere i rinforzi che gli sono stati garantiti. Le attese puntano soprattutto su centrocampisti ed attaccanti e gli ultimi nomi di mercato sono quelli del centrocampista del Bologna Giuseppe Colucci, quello del mediano del Catania Anastasi e quello dell'esterno del Pavia Massaro.
Per l'attacco i nomi sono sempre quelli di Soncin, Del Core del Catania e il centravanti della Pro Vasto Daniele Morante e per finire si torna anche a parlare di Marco Ferrante.

INCREDIBILE PATERNA !!! SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 12/8/2006

Non solo il calciomeracto del Pescara è ancora al palo (la Roma non vuol contribuire al pagamento dell'ingaggio di Tulli, per cui anche questa trattativa al momento è saltata), ma Paterna sembra proprio che stia facendo di tutto per inimicarsi la tifoseria biancazzurra. Dopo le vane promesse sbandierate al momento del suo inserimento in società (prestiti da Milan e Inter, serie A in 5 anni, programmazione seria, avvicinamento del pubblico allo stadio, etc) ora è l'unico, insieme al Treviso, che vuole che la serie B giochi il sabato e non la domenica come chiedono tutti i tifosi d'Italia, in primis quelli biancazzurri. Chissà quante altre performance ci dovremo aspettare da questo signore che è il presidente della nostra squadra!

Il Pescara chiede aiuto alla Roma SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 11/8/2006

Il calcio mercato pescarese è destinato ormai a concludersi solo all'ultimo momento, cosi' come si era chiuso lo scorso anno. Nessuna novità di rilievo se non le solite voci su tanti nomi, vecchi e nuovi, e di interessamenti, richieste e tentativi vari. Iaconi e Bignone provano a bussare alle porte della Roma nella speranza di recuperare giocatori che la società capitolina deve sistemare per valorizzare. I due manager biancazzurri sono infatti stati a Rieti dove ieri le riserve della Roma hanno giocato una gara amichevole. Al Pescara interessano gli attaccanti Tulli e Freddi, i centrocampisti Galasso e Galloppa e l’esterno Virga. A Sensi l'ultima parola.
Nel frattempo la provvisoria formazione biancazzurra di Ballardini fatica anche nelle amichevoli e rimedia uno 0-0 a Castel di Sangro contro la Valle del Giovenco, neopromossa in serie D. Per il tecnico biancazzurro il Pescara è in fase di costruzione e bisogna guardare oltre il risultato.

Il Pescara a Castel di Sangro SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 9/8/2006

Alla vigilia della partenza per Castel di Sangro e a tre settimane dalla chiusura delle operazioni Davide Ballardini continua a dire di essere convinto che di qui alla fine di agosto a Pescara ci saranno i giocatori che servono. Il tecnico biancazzurro si riferisce alla mancanza di attaccanti, di almeno un centrocampista, un esterno e il portiere.
Sui tanti giovani attualmente in ritiro anticipa diverse partenze spiegando che per il campionato di serie B ci vuole esperienza. Le trattative in questo senso porteranno quasi certamente il terzino Vitale e il portiere Aridità alla Pro Vasto, e Ciofani al Giulianova o al Celano.
Sempre sul fronte cessioni Bologna e Torino si litigano Croce.
Da oggi, dunque, il Pescara si allenerà a Castel di Sangro dove la squadra rimarrà fino alla vigilia della Coppa e per domani è prevista un'amichevole al Patini contro la Valle del Giovenco (ore 17,30).
 

Novità dall'Argentina SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 8/8/2006

Il Pescara torna ad allenarsi dopo l’amichevole vinta 1-0 a Celano.
Nel gruppo c’è anche il centrocampista Argentino Lucas Sebastian Nania (classe 1984) che ha giocato in patria nel San Lorenzo de Almagro, per poi essere ceduto in prestito alla formazione colombiana dell’Atletico Nacional Medellin e nella serie A cilena con la maglia del Palestino. Dopo Nania arriverà nei prossimi giorni, sempre dall’Argentina, anche l’attaccante Emanuel Rivas, ex nazionale Under 20 cresciuto nell’Independiente di Avellaneda e che, dopo aver militato nell’Arsenal Sarandi, ha giocato lo scorso anno in Portogallo con il Vitoria Guimaraes.
Per quanto riguarda il mercato Filippo Antonelli potrebbe diventare biancazzurro la prossima settimana dopo che il Chievo avrà disputato la gara di andata del turno preliminare di Champions League.
A giorni dovrebbe essere risolta anche la pratica relativa al portiere. Non è stata stretta la trattativa con Polito del Catania perché i dirigenti abruzzesi sperano ancora di poter trovare in extremis un accordo con il Bari per Spadavecchia. L’unica trattativa che potrebbe chiudersi a breve, è quella con Fabrizio Cammarata.

A volte ritornano... SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 7/8/2006

Continua il mercato improduttivo per Il Pescara che in sostanza non chiude trattative. Dopo le tante voci di mercato il portafoglio biancazzurro ridimensiona l'ambiente e a Pescara si torna a pensare al passato.
Il Pescara alla disperata ricerca di un attacco ha addirittura chiesto all’Empoli di riavere per un’altra stagione Davide Matteini ma al momento Fabrizio Cammarata, resta la soluzione migliore sotto tutti gli aspetti.
Cammarata pero' non è l'unico nome ripescato dalla vecchia stagione infatti torneranno a breve in biancazzurro Gautieri e Tardioli.
La ricerca dell'attaccante e di un trequartista di spessore sembra impresa ardua e dopo l'addio all'idea dell’atalantino Soncin si prova con l’albanese Florian Myrtaj. Per il ruolo di trequartista si prova sempre con il ternano Rigoni mentre per la mediana il nome è Amodio del Napoli.
Per finire il Pescara incassa 130 mila euro dalla cessione della propria metà del cartellino di Davide Caremi all'Albinoleffe.

Scialbo 1-0 al Celano SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 6/8/2006

Davanti a circa 500 spettatori, il Pescara con un guizzo di Martini espunga il campo della squadra locale neo promossa in C2. La squadra è apparsa molto affaticata e imballata, causa il duro lavoro di preparazione effettuato fino al mattino, tant'è che non ha affatto brillato contro un Celano motivatissimo. A fine gara finalmente la prima contestazione dei tifosi a Paterna accusato giustamente di portare con la sua gestione la gloriosa Pescara Calcio verso campionati sempre più miseri e incolori. PESCARA e i PESCARESI NON MERITANO QUESTO, SE NON SI E' ALL'ALTEZZA MEGLIO FARSI DA PARTE!

Per il Pescara spunta "il re del parquet" SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 4/8/2006

L’Amministrazione Comunale di Pescara chiamata in aiuto per trovare nuovi soci e soprattutto nuove risorse finanziare per la società Pescara Calcio, attraverso il Sindaco, ha incaricato il presidente dell’Unione Industriali e il direttore generale della Caripe, di trovare un gruppo di imprenditori disposti ad entrare nella società.
Tra i primi nomi trapelati cè quello di Luca Margaritelli attualmente amministratore delegato della Merker e definito il ”re del parquet”.
Intanto i direttori sportivi Iaconi e Bignone continuano a barcamenarsi in un mercato che sembra essere lontano dalle tasche della società biancazzurra.
Si fanno comunque tentativi e tra i nomi nuovi spunta quello del centrocampista Ivan Tisci. Per quanto riguarda l’attacco, si allontana l'ipotesi Soncin che l’Atalanta preferirebbe cedere al Padova disposto a pagare il cartellino con un buon contratto triennale per il giocatore.
Dunque in questo momento la soluzione più probabile sembra essere il ritorno di Cammarata, in ritiro in Trentino e senza contratto.

Mercato d'attesa. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 4/8/2006

L’obiettivo principale del Pescara sembra essere diventato il fantasista Rigoni (ex Ternana e Triestina). Il club umbro vorrebbe recuperare i 400.000 euro spesi oppure inserire nella trattativa il centrocampista Corrent. Le casse della Pescara Calcio pero' non permettono al club abruzzese di concludere in tempi brevi l'affare e come è consuetudine aspetta gli sviluppi del calciomercato.
I soliti sviluppi si attendono per Antonelli del Chievo, Soncin, Gasparetto dell'Empoli, Amodio del Napoli, Centi dell'Atalanta e Cammarata che si sta allenando in Trentino con una selezione di giocatori senza contratto.
Vlada Avramov attende le decisioni e il mercato della Fiorentina e il Pescara continua a sperare di ottenerlo in prestito per un anno. Contemporaneamente tenta di concludere un'accordo per Spadavecchia del Bari o per Polito del Catania.
Oggi Il Pescara affronterà in amichevole la formazione professionistica del Celano, neo promosso in C2. L’amichevole verrà disputata nello stadio di Celano con inizio alle 17.30.

Esordio a Pavia SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 2/8/2006

Il 19 agosto inizierà la Coppa Italia con la formula ad eliminazione diretta: il Pescara farà quindi il suo esordio a Pavia che milita in serie C1. Intanto ieri la società ha avuto l’ok del comune per installare i tornelli in curva nord, scongiurando così la riduzione della capienza dello stadio; i lavori saranno realizzati a spese del Comune, ma la somma sarà anticipata dalla Pescara Calcio che detrarrà tale somma dalla spese di affitto dello stadio.
 


Ipotesi Rossini e Rigoni SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 2/8/2006

Dopo i deludenti sviluppi su Antonelli e Spadavecchia a Pescara si parla dell'attaccante Fausto Rossini (28 anni) ex Atalanta, Bologna, Sampdoria e in partenza da Udine.
Naturalmente lo scoglio principale, anche per questa ipotesi, rimane il fattore economico.
Sembra, invece, definitivamente tramontata la pista che portava all'avellinese Biancolino che ha chiesto un contratto superiore alle possibilità del Pescara.
Per finire le ultime voci di mercato dicono che per il centrocampo biancazzurro spunta il nome di Rigoni mentre l'ex difensore Lorenzi potrebbe andare a Frosinone.

A PESCARA notti mondiali SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 1/8/2006

Questa sera a partire dalle 19.00 a Pescara partirà la “Notte mondiale” una serata organizzata dall'amministrazione comunale per festeggiare i campioni del mondo Fabio Grosso e Massimo Oddo.
Alle 21.30 in piazza a Pescara arrivarà, con una cerimonia solenne, la Coppa del mondo. Tra i protagonisti della serata, con palco e tre maxi schermo, ci saranno i giornalisti Rai Gianfranco Mazzoni e Antonio Monaco. Tra i tanti ospiti, oltre agli esponenti del mondo politico,citiamo il presidente della Fgci Daniele Ortolano, il presidente del Pescara calcio Dante Paterna, Giovanni Galeone, Cetteo Di Mascio, i piloti di Formula uno Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi.
Come intrattenitore il comico abruzzese N’Duccio.

Adraitico senza amichevoli tornelli SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 1/8/2006

Non si giocherà l’amichevole tra Pescara e Roma in programma il prossimo 5 agosto, con buone probabilità, non si giocherà.
L’Adriatico è indisponibile per il concerto di Ligabue e dall’amministrazione conunale di Chieti è arrivato il no per lo stadio Angelini.
Sempre a proposito dello stadio Adriatico però, la società biancazzurra attende entro domani l’autorizzazione del Comune di Pescara per l’installazione dei tornelli. Senza autorizzazione sarà impossibile completare i lavori in tempo per l’inizio del campionato e la capienza dell’impianto verrà decurtata dagli attuali 22.000 a 9.700 posti.

Pescara senza affari SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 1/8/2006

Si attendevano buone notizie dal fronte calciomercato ed invece la società biancazzurra è finita di fronte ad un muro invalicabile su trattative importanti.
Antonelli e Spadavecchia sembrano essere ormai lontani dal capoluogo adriatico.
Per Antonelli, nonostante la sua volontà di giocare nel Pescara, rimane la tentazione champion da provare col Chievo che lo gratificherebbe soprattutto economicamente. Per il portiere Spadavecchia rimarrà probabilmente a Bari dove la società è disposta a cederlo solo per un prestito annuo. Per la porta dunque, dopo il ritorno già stabilito di Tardioli, si punterà su Polito del Catania o, attendendo sviluppi da Firenze, sull'ex Avramov.
Daniele Croce si allontana da Bologna e Torino e per il momento resta a Pescara e questa per tutti i tifosi biancazzurri è una buona notizia.
 

 

 

 

 

 

 

 

 


Addio! Matteo Santucci. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 31/7/2006

Stroncato da un male incurabile, a 58 anni, si è spento Matteo Santucci, ex terzino sinistro del Pescara degli anni '70.
Santucci, nato a Salerno, viveva da tempo a Pescara dove era rimasto, al termine della carriera, vicino alla società biancazzurra collaborando con l'ex presidente Vincenzo Marinelli.
Con la maglia del Pescara ha giocato 7 stagioni (dal 74-75 al 80-81), collezzionando 122 presenze (di cui 10 in serie A) e 5 reti (tutte in B).
I funerali di Santucci si sono svolti il 28 luglio presso la chiesa Stella Maris di Pescara e solopescara.com si unisce al cordoglio di tutti; parenti, amici e tifosi.

Le Amichevoli del Pescara SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 28/7/2006

Queste sono le amichevoli che i biancazzurri disputeranno prossimamente: Domenica 30 luglio: a Caramanico ore 17:30 contro la Torre Alex di Cepagatti Sabato 5 agosto: a Celano ore 17:30 contro la formazione locale Giovedì 10 agosto: a Castel di Sangro ore 17:30 contro la Valle Del Giovenco

 


Punto sul calciomercato SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 27/7/2006

Il Pescara è ancora in cerca di un portiere: sembrava fatta per Spadavecchia del Bari, ma non c’è accordo fra le due società sulla tipologia di prestito (il Pescara vorrebbe anche il diritto di riscatto); Iaconi sembra quindi intenzionato a puntare su Polito del Catania, ma anche qui bisognerà convincere i siciliani a non inserire Croce nella trattativa. Una possibile alternativa sarebbe l’ex Cecere. Gonnella dopo la firma del contratto triennale (chiuderà la carriera a Pescara), raggiungerà Caramanico, dove in ritiro è in prova il centravanti Ciullo (reduce da infortunio, lo scorso anno ha giocato Trieste e due anni fa si mise in bella mostra a Pavia). Gautieri e Tardioli aspettano una chiamata della società per aggregarsi in ritiro con gli ex compagni, mentre Paponetti e Pomante dovrebbero essere mandati in prestito a Lanciano.

TORNA GONNELLA SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 23/7/2006

Nella giornata di ieri Iaconi è riuscito nell'impresa di trovare l'accordo con l'Atalanta per il ritorno in biancazzurro di Gonnella, ritorno voluto fortemente anche dallo stesso calciatore. Mercoledì ci saranno le firme dell'operazione e già da giovedì il forte centrale potrebbe essere a disposizione di Ballardini.

Vicino l'ingaggio di Spadavecchia SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 21/7/2006

Sembra ormai vicino l’ingaggio del giovane portiere Vitangelo Spadavecchia attualmente in forza al Bari; addirittura potrebbe essere aggregato ai suoi nuovi compagni già dalla prima amichevole che il Pescara disputerà domenica a Caramanico alle 17,30 contro la formazione locale che milita in terza categoria. Si continua a insistere con l’Atalanta per riavere Natale Gonnella, sicuramente uno degli artifici della salvezza della scorsa stagione.

Arriva Demartis SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 19/7/2006

Il difensore centrale Massimo Demartis ha raggiunto un accordo con Marco Bignone.
La prossima stagione il giocatore sardo giocherà a Pescara iniziando col raggiungere il ritiro di caramanico Terme.

Pescara: parte il ritiro. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 17/7/2006

Lo scorso anno Maurizio Sarri si trovo' in ritiro con una squadra che doveva ancora arrivare e la colpa fu data al ripescaggio in extremis in serie B.
Quest'anno, nonostante la categoria sia certa, Covisoc permettendo, Ballardini si ritrova, come l'ex Sarri, a fare i conti alla vigilia del ritiro con le voci di mercato e tanti giovani della primavera.
Per il ritiro di Caramanico Terme partiranno i pochi reduci della scorsa stagione, alcuni giovanissimi e i giocatori rientrati dai prestiti (Caremi, Paponetti, Vitale e Pomante). I volti "nuovi" sono Andrea De Falco e Simone Felci.
Dunque Ballardini a Caramanico potrà soprattutto valutare i giovani.
Tra i probabili arrivi in ritiro ci sono il portiere barese Spadavecchia e il difensore Olivieri dal Chievo. Per quanto riguarda le ultime di mercato proprio dal Chievo potrebbero arrivare in biancazzurro Davide Caremi e il giovane centrocampista della Primavera, Di matteo. Poi si parla dell’esterno Filippo Antonelli e dell’ex ascolano Alfredo Cariello.

Luisi al Modena SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/7/2006

Alla fine Carletto se ne va.
Il centrocampista, numero 10 biancazzurro, Carlo Luisi (29), dato in partenza verso Frosinone od eventualmente confermato dal Pescara, ha invece accettato il biennale offertogli dal Modena.
La Lazio ha rilevato in comproprietà dal Pescara il difensore francese Mobido Diakitè, classe 1987. Diakitè, inseguito anche dall'Udinese, ha già svolto con i biancocelesti l'ultimo torneo di Viareggio, disimpegnandosi con profitto.

 

Coavisoc, Chieti fuori. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 12/7/2006

Ieri sono arrivati in tempo alla Coavisoc (l'appello dei conti) i ricorsi contro le mancate iscrizioni ai campionati del Crotone (in B) più altre sei società di C1 e di C2 ( Avellino, Juve Stabia, Olbia, Paganese, Spoleto e Viterbese). Appuntamento tra 14 e 15 luglio per il verdetto finale a cura (esclusiva) del commissario Guido Rossi.
Non hanno presentato ricorso contro la loro mancata iscrizione le altre otto società sospese dalla Covisoc.
In serie C1 sono finite al tappeto per i conti sballati: Catanzaro, Gela e Torres. In C2 sono fuori: Acireale, Chieti, Fermana, Gualdo e Pro Sesto. Per loro non c'è più nulla da fare in ambito calcistico. Anche se non si possono escludere del tutto impossibili colpi di coda davanti alla Cca del Coni se non addirittura al Tar del Lazio. Così come no sono da escludere anche clamorose defezioni.
Dopo 77 anni di attività di cui anche 7 anni in serie A, il Catanzaro alza bandiera bianca. La società calabrese è fallita sommersa da una montagna di debiti. La Covisoc non ha fatto sconti, per altro inammissibili. Stessa sorte anche per la Torres. Nonostante il recupero in extremis di 90.000 euro più 207.000 di tassa d'iscrizione anche il Gela è crollato. Sotto il peso di oltre 900 mila euro di sbilancio.
Se per Catanzaro, Gela e Torres c'è una scappatoia, per Acireale, Chieti, Gualdo e Pro Sesto l'addio al calcio professionistico, almeno nei prossimi anni, è definitivo. Perché il lodo Petrucci può essere chiesto alla Figc solo da società che al minimo ambiscono al campionato di C1. Per non inquinare con i dissesti dei prof decaduti i tornei dilettantistici. Chi esce dalla C2, con un nuovo club, al massimo può sperare nei campionati regionali.
fonte Gazzetta dello sport


Croce verso Catania da Goal.com SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 12/7/2006

Daniele Croce vede Catania sempre più vicina. L'offerta che i siciliani si appresterebbero a formulare sembrerebbe di 1 milione in aggiunta alla comproprietà del portiere Ciro Polito, classe 1979, a lungo inseguito dai ds Iaconi e Bignone. Però non è ancora tutto scritto perchè pare che nelle ultime ore si sono aggiunte società di serie A come Torino e Siena. Il sostituto di Croce sarà Simone Felci, appena prelevato dal Giulianova.
Detto di Polito per il ruolo di portiere rimangono in lizza sia Campagnolo sia Santoni.
Sul fronte arrivi, per la difesa i nomi più gettonati sono quelli di Taccucci della Juve Stabia e di Monaco della Ternana, dato per scontato che Gonnella non tornerà.
Per la maglia di terzino destro le candidature più forti sono rappresentate da Federico Del Grosso del Giulianova e Christian Adami di proprietà del Catanzaro.
Sulla sinistra invece dovrebbe partire titolare Gimenez con un giovane (Vicentini o Vitale) come alternativa.
Sempre dal Catanzaro, che versa in condizioni economiche disastrose, potrebbero arrivare i centrocampisti Riccardo Gissi classe 1980 e Salvatore Miceli, 32enne ex mediano del Piacenza.
Per quanto concerne la fascia sinistra di centrocampo è ballottaggio a tre tra Antonelli, Sullo e Cariello. L'ormai ex giocatore del Messina percepisce però un ingaggio decisamente fuori dalla portata delle casse biancazzurre. Se "Sasà" abbasserà notevolmente le proprie richieste economiche, allora il suo acquisto sarebbe possibile.
Carmine Gautieri intanto starebbe per rinnovare il contratto con il club adriatico. In mezzo al campo serve un ragionatore, in grado di costruire il gioco e guidare il reparto con personalità.
C’è un contatto con il Parma per Cigarini, ma difficilmente il tecnico Pioli darà l’assenso alla sua cessione in prestito. Stesso discorso per l’uruguagio Amodio del Napoli.
Riguardo l'attacco oltre al nome del solito Ferrante, piace invece molto l’atalantino Soncin che però ha buone richieste in serie B e dunque potrebbe prendere tempo.
Nel frattempo dopo lo stop degli scorsi giorni, riparte la trattativa per il rinnovo di Cammarata. L' AlbinoLeffe in effetti, stanca di aspettare il numero 11 biancazzurro, avrebbe contattato il vicentino Fabbrini.
FONTE: GOAL.COM

Il mercato riparte da Iaconi SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 11/7/2006

Nell'agenda del mercato pescarese, con Iaconi a dirigere le operazioni, si trova per primo in lista l'affare Gonnella da strappare all’Atalanta.
Sempre con il club bergamasco si tratta per l'attaccante Soncin e il difensore Capelli.
Altri contatti sono stati presi con il Bologna per ottenere il prestito del centravanti Luigi Della Rocca.
Per la porta dopo la carambola di voci spunta Andrea Campagnolo del cagliari, molto gradito a Ballardini.
Con il Chievo si tratta per i due esterni cariello e Antonelli e l'ex mediano Garzon.
Contatti anche per l’attaccante Coralli del Lumezzane.
Gautieri, infine, aspetta un cenno dal Pescara. L'ex attaccante di Roma e Atalanta gradirebbe continuare l'esperienza con il Pescara e per questo è convinto che troverà un accordo con la società.

Il piatto piange. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 8/7/2006

Alla fine il fax della Covisoc è arrivato.
Quella della mancata risposta era stata vista come un lasciapassare all'iscrizione ma ieri, nella sede della società del Pescara, è giunto un fax dell'organo di controllo contabile con il quale si richiedeva il pagamento di settecentomola euro di Irpef.
Nella corsa a raccimolare la quota sarebbero quindi entrate a vario titolo la Caripe e l'amministrazione comunale di Pescara. Sta di fatto che in poche ore è stato assolto il pagamento della spettanza fiscale.
Dunque dopo questo ulteriore sforzo si riduco ancora i margini di manovra nel calciomercato e Marco Bignone, all'hotel Quark di Milano, puo' solo chiedere "prestiti".
Dal fronte mercato vi riproponiamo, comunque, le nuove e le vecchie voci:
C'è stato un contatto interessante con la Sampdoria per l'ex biancazzurro Thomas Job, lo scorso anno alla Cremonese e in scadenza di contratto.
Per i portieri il Livorno ha offerto Paolo Ginestra, classe 1979, e dal Genoa è arrivata la proposta di Massimo Gazzoli, classe 1975.
Sempre per la porta, oltre all'ipotesi Polito del catania, si pensa anche a Campagnolo (classe 1978, svincolato dal Cagliari) Spadavecchia (riserva nel bari) e Nicola Santoni.
Per il centrocampo, piace molto a Ballardini, Luca Cigarini lo scorso anno al parma al quale si richiede la formula del prestito.
Sempre con le stesse modalità dal Napoli potrebbe arrivare l’uruguagio Nicolas Amodio.
Per il ruolo d’attacco, al momento, si parla di Salvatore Monaco (Ternana), e Marco Taccucci (Juve Stabia).
Sfuma per il Pescara Ignazio Abate che il Modena ha rilevato dal Milan.
Il neopromosso Spezia si è aggiudicato l'ingaggio di eder Bau' dalla Triestina.
Natale Gonnella dovrebbe dirigersi al Mantova dove rimpiazzerà Cioffi, ufficializzato ieri dal Torino.
Il giovane centrocampista biancazzurro Pepe è stato ceduto in prestito con diritto di riscatto alla Cremonese.
Nella vicenda Croce, oltre Catania e Piacenza, si sono inseriti anche due club di serie A: Siena e Torino.

Arriva Polito, parte Bau' SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 7/7/2006

Tante le voci di mercato per un Pescara che sembra essersi sbloccato dopo la vicenda COVISOC. L'organo di controllo pero' pende ancora come una spada di damocle sulla società biancazzurra e per tirare un sospiro di sollievo i tifosi dovranno attendere l'ufficializzazione dell'iscrizione.
Queste in sintesi le ultime voci di mercato tra cui le certezze di Bau' e Pepe in partenza.
Questioni di ore ed il secondo portiere del Catania Ciro Polito, classe '79, sarà il nuovo portiere del Pescara;
Nell'affare che porterà il portiere in Abruzzo, potrebbe rientrare anche il centrocampista pescarese Croce;
Lo Spezia comunicato di aver riscattato dalla Triestina la comproprietà di Eder Baù, 23enne, che nell'ultima parte della scorsa stagione ha militato nelle fila del Pescara con 14 presenze;
Il Lanciano tenta di ingaggiare il difensore del Pescara Alessandro Mottola di 19 anni;
La Cremonese ufficializza l'arrivo di Vincenzo Pepe l'attaccante, classe '87 dal Pescara;
 

Sintesi di mercato. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 6/7/2006

Ieri si attendeva una comunicazione ufficiale da parte della Covisoc ma nella sede della società biancazzurra non è arrivato nulla.
L'organo di controllo, dunque, scieglie la via del silenzio-assenso che permette al Pescara di poter tirare un sospiro di sollievo e di potersi quindi iscrivere al prossimo campionato cadetto. Superato (per il momento) il problema iscrizione-contabile, il Pescara pensa al mercato.
Queste in sintesi le novità:
Rinnovo del contratto a Cetteo Di Mascio che guida da anni il settore giovanile con ottimi risultati;
Nella società biancazzurra Si parla di riportare Sullo in biancazzurro che con il Napoli è in scadenza di contratto. Il primo contatto lascerebbe buone speranze;
Rimane in piedi il progetto di riportare Natale Gonnella a Pescara ma i dirigenti biancazzurri dovranno vedersela con Atalanta e Mantova;
Dall'Ascoli potrebbe arrivare Alfredo Cariello, classe 1979, esterno molto gradito a Ballardini;
Oltre a Sullo si è parlato poi dell'attaccante ex biancazzurro Luigi Beghetto, classe 1973, in forza al Treviso in serie A;
Per l'attacco piace molto anche Davide Ciucci, classe 1981, reduce ravennate ma di proprietà del Chievo Verona;
Dal Giulianova si va in cerca del centrocampista Simone Felci con la contropartita dello scambio di Vellucci e Vicentini in prestito;
Potrebbero arrivare in biancazzurro due giovani provenienti dal vivaio del Milan, il laterale difensivo Marzoratti e l'esterno offensivo Abate;
Dal fronte partenze queste le novità:
La squadra bergamasca dell'Albinoleffe non ha ancora concluso la trattativa per Cammarata e pensa a Fabbrini per sostituirlo;
Croce potrebbe passare al Piacenza grazie ad un'offerta di circa 600 mila euro;
Il giovane Aquilanti, in comproprietà ancora fra Fiorentina e Pescara, piace al Frosinone;
 

Ballardini, Polito, Ferrante e Luisi SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 3/7/2006

Davide Ballardini, accompagnato dal suo staff tecnico (Roberto Beni all. in 2^, Stefano Melandri prep. atletico e Ermes Morini all. portieri) si è sottoposto alle domande dei giornalisti presenti alla presentazione ufficiale. Sui programmi e la rosa che comporrà la squadra per il prossimo anno, Ballardini risponde: "I programmi con il presidente sono stati chiari da subito. Per quanto riguarda i nomi vedremo con i direttori quale sarà la piega che prenderà il mercato, quindi ci organizzeremo".
Sul modulo di gioco "Non ho un modulo preferito. Lavoro e ho lavorato su più situazioni. Direi che il discorso da affrontare riguarda più i princìpi che devono essere chiari da subito sia per l'attacco che la difesa". ...Come allenatore mi sento più vicino al profilo di Osvaldo Bagnoli, una persona semplice, competente e sensibile. Per quanto riguarda il Pescara che verà, ritengo importante la presenza di un mediano dotato di qualità.
A tal proposito ho un costante e quotidiano confronto con Marco Bignone".
Il mercato del Pescara Calcio del neo "Balla" ad oggi registra solo voci tra cui quelle già riportate di Polito e Ferrante.
Per la porta come già detto su solopescara.com l’obiettivo primario dei dirigenti pescaresi è Ciro Polito, classe 1979, portiere del Catania.
Per l'attacco si riconferma la voce di Marco Ferrante che a detta della stampa Marchigiana di Ascoli sarebbe già praticamente in biancazzurro.
Per quanto riguarda il mercato in uscita a oggi si registrano richieste per LUISI e PAPPONETTI.
Pensa in grande il Frosinone, neopromosso in serie B il cui obiettivo primario per la squadra di Ivo Iaconi è Carlo Luisi, 29enne centrocampista tuttofare del Pescara, che nell'ultima stagione ha collezionato 33 presenze. La Sambenedettese tramite Pavone tramite contatti con il diesse del Pescara, Andrea Iaconi, chiede l'attaccante Luca Paponetti.

a Ferrante piace Pescara?! SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 2/7/2006

Ferrante scopre che ad Ascoli hanno dimenticato il suo numero: "Potrei andare al Pescara"
Il bomber è corteggiatissimo da diverse squadre di A e B.
Marco Ferrante è stato il bomber assoluto dell' Ascoli rivelazione della scorsa stagione, ma dalle Marche non ha ricevuto alcuna comunicazione per un eventuale rinnovo del contratto. Per questo sta valutando tutte le proposte che, piano piano, arrivano al suo procuratore Conti.
"Ci siamo sentiti più di una volta per telefono - ha detto Ferrante al quotidiano Il Centro - ma prima di sciogliere ogni dubbio ci voglio pensare bene. Da Ascoli non si è fatto vivo nessuno. Per cui, non sento più nessun obbligo morale coi marchigiani.
La proposta del Pescara è arrivata, pertanto, al momento giusto. Quella biancazzurra d’altronde è una piazza importante, focosa, proprio come piacciono a me. Per la passione e l’attaccamento mi ricorda molto quella del Torino.
Non è mia abitudine, però, fare certi proclami del tipo vengo domani e spacco tutto. Prima preferisco aspettare un po’ l’incontro decisivo. Ci può essere domani come tra una settimana. Ancora non lo so. L’importante è che siano chiari tutti i programmi. Da quanto mi è stato riferito, sembra che a Pescara si vogliano fare cose interessanti quest’anno, perciò, credo che ci siano tutti i presupposti per trovare un accordo senza problemi e in poco tempo. In questi casi tutto è più facile, come si dice: patti chiari e amicizia lunga"

Parte il mercato? SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 1/7/2006

Dopo l'arrivo di Ballardini la società biancazzurra deve iniziare a pensare al mercato e a risolvere i noti problemi economici che condizionano anche l'iscrizione al prossimo campionato.
Sono frequenti i contatti telefonici con i funzionari della Covisoc ma bisognerà attendere il 5 luglio per il primo responso. La cessione del marchio avrebbe risolto il problema degli ammortamenti dei diritti pluriennali del settore giovanile (previsto in cinque anni).
L’alternativa, al momento, sempre che la Covisoc dia il benestare, è quella di pagare solo la rata annuale corrispondente al 20% della cifra.
Per il mercato, tra i giocatori che Ballardini vorrebbe avere con sè in biancazzurro, c’è l’attaccante honduregno Julio Cesar Leon, attualmente senza squadra. Nell’ultima stagione ha giocato a Teramo, ma a San Benedetto del Tronto, proprio guidato dal tecnico romagnolo, si mise in luce in una stagione di grandissima qualità.
Si parla poi di un interessamento del Pescara per il 35enne, ex Torino, Marco Ferrante che potrebbe diventare la punta del Pescara per la prossima stagione andando a sostituire Cammarata.
Lo stesso Cammarata pero' non ha ancora concluso l'accordo con l'Albinoleffe e sembra voglia aspettare l'ultima parola di Iaconi.
Potrebbe invece sbloccarsi a breve le trattative per la cessione di Daniele Croce al Piacenza la cui offerta per il momento non soddisfa appieno il Pescara calcio. Con la cessione dell'esterno rosetano, la società biancazzurra, conta di dare una buona assestata al bilancio.
Per finire l'Udinese ha messo gli occhi su Mobido Diakite, 19enne difensore francese. La trattativa sembra essere a buon punto, restano da definire alcuni dettagli. E' possibile che i friulani decidano di lasciare il giocatore un'altra stagione in Abruzzo per permettergli di maturare ulteriore esperienza.

 

Ballardini è il nuovo tecnico SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 30/6/2006

La Pescara Calcio S.p.A. comunica l’avvenuto ingaggio del tecnico Davide Ballardini.
Il nuovo allenatore biancazzurro sarà presentato in conferenza stampa assieme al suo staff sabato mattina, alle ore 11:00 presso l’hotel Promenade, dal presidente Dante Paterna che illustrerà anche i termini dell’operazione.
La natura contrattuale dell'accordo si basa su un biennale da circa 80 mila euro a stagione.
Ballardini è nato a Ravenna il 6 gennaio 1964. Con Arrigo Sacchi, da giocatore, vinse il campionato italiano primavera. Poi il tecnico di Fusignano lo ha portato con sè, affidandogli la guida della Primavera, sia al Milan che al Parma. Nel 2004 ottiene, alla prima esperienza in una squadra senior, la promozione in C1 con la Sambenedettese, sfiorando poi il salto in B. Alla terza giornata del campionato 2005-2006 è ingaggiato dal Cagliari, ma viene esonerato dopo 8 partite.

 

 

in attesa di Ballardini SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 29/6/2006

Il budget ridotto all’osso e i timori per l’iscrizione al prossimo campionato di serie B rendono difficile qualsiasi tipo di programmazione.
Come già detto e ridetto sicuramente il Pescara dovrà bussare alle porte delle società con calciatori in sovrannumero raggranellando qua e la in economia i pezzi migliori a disposizione.
L’unica certezza sembra essere legata al ritiro precampionato che il Pescara inizierà il 18 Luglio a Caramanico Terme.
Nelle quasi certezze si deve aggiungere Davide Ballardini che sembra essere destinato a succedere a Sarri alla guida del Pescara.
Ballardini è nato a Ravenna il 6 gennaio 1964. Con Arrigo Sacchi, da giocatore, vinse il campionato italiano primavera. Poi il tecnico di Fusignano lo ha portato con sè, affidandogli la guida della Primavera, sia al Milan che al Parma. Nel 2004 ottiene, alla prima esperienza in una squadra senior, la promozione in C1 con la Sambenedettese, sfiorando poi il salto in B. Alla terza giornata del campionato 2005-2006 è ingaggiato dal Cagliari, ma viene esonerato dopo 8 partite.
In attesa di Ballardini rimangono comunque tanti altri posti/ruoli da ricoprire tra cui quello del portiere titolare.
Dopo la partenza di Avramov e la mancata conferma di Tardioli si parla, per il nuovo numero uno biancazzurro, di Ciro Polito del Catania.
Sul fronte calciomercato si deve infine registrate l'ingaggio dalla Fiorentina del giovane centrocampista Andrea De Falco. Si tratta di un regista (classe 1986) che si è messo in luce nell’Ancona dove Galeone lo fece debuttare giovanissimo in serie A. De Falco è arrivato in biancazzurro come parziale contropartita nell’operazione Paolucci.

Covisoc e Ballardini SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 27/6/2006

Al posto di Maurizio Sarri , a meno di sorprese, dovrebbe arrivare Davide Ballardini che avrebbe già un accordo di massima con la società biancazzurra. Ballardini ha già incontrato i dirigenti del Verona con i quali ha preso tempo in attesa di conoscere gli sviluppi della situazione in casa biancazzurra ma bisogna considerare che i Veneti, in questo momento, non potrebbero offrire garanzie economiche e tecniche superiori rispetto a quelle del Pescara.
Ieri intanto Paterna è stato ricevuto a Roma dai funzionari della Covisoc nel tentativo di trovare una soluzione al problema che si è aperto nel bilancio dopo la bocciatura della cessione del marchio.
I funzionari della Covisoc pare abbiano invitato la società biancazzurra a ripresentare la situazione al 31 marzo modificata e corretta alla luce della nuova situazione. Secondo Paterna non ci saranno sorprese per l'iscrizione.
Il Pescara in realtà, spera che il gran numero di club che si trovano nella stessa difficoltà, porti a una soluzione ”politica”.

 

Sarri saluta il Pescara SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 27/6/2006

Maurizio Sarri saluta il Pescara e annuncia l’addio.
Lo fa affidando il suo saluto ad una e.mail inviata agli organi di informazione. Nel la sua mail Sarri dice che non esistono più le condizioni per continuare il rapporto professionale.
I ringraziamenti sono per la curva nord, per i giocatori, per i collaboratori, per i diesse Iaconi e Bignone. Nel comunicato il tecnico ringrazi tutti, tranne il presidente Paterna.
L’assenza del presidente Paterna dall’elenco spiega a chiare lettere il motivo della separazione. Questo un estratto del messaggio:" Ringrazio la società nelle persone di Bignone e Iaconi per avermi concesso l'opportunità di allenare in una categoria così importante e per avermi messo nelle condizioni di svolgere al meglio il mio lavoro, ringrazio la città di Pescara in tutte le sue componenti, ma sarà sempre quello della curva Nord il ricordo che porterò sempre nel mio cuore. "all'incontro avuto con il ds Bignone, nella serata di domenica 25 giugno, ho preso atto che non ci sono più i presupposti per proseguire il mio rapporto professionale con la società Pescara Calcio. Ringrazio la società nelle persone di Bignone e Iaconi per avermi concesso l'opportunità di allenare in una categoria così importante e per avermi messo nelle condizioni di svolgere al meglio il mio lavoro, ringrazio la città di Pescara in tutte le sue componenti, ma sarà sempre quello della curva Nord il ricordo che porterò sempre nel mio cuore.

Una stagione d'emerganza SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 24/6/2006

Dopo la bocciatura della Covisoc per la cessione del marchio i relativi problemi di liquidità portano al buio il calciomercato biancazzurro alla voce acquisti e conferme.
Di conseguenza non sembra esserci rimedio allo smembramento della squadra con la partenza dei suoi pezzi migliori.
Per la panchina nell'infinita attesa di Sarri si parla, infine, del giugliese Francesco Giorgini già stato sulla panchina del Pescara nella stagione '98 -'99 e sostituito dopo due giornate da Gigi De Canio. Quella che ci aspetta sembra proprio essere una stagione d'emergenza.

La questione Sarri SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 23/6/2006

Dopo un mese di parla e riparla ci sarà, forse a fine settimana, l'incontro tra i dirigenti del Pescara e Maurizio Sarri.
Dunque Paterna e Sarri metteranno fine a questa telenovela nel giro di pochi giorni e si dovrebbe definire una volta per tutte il futuro della guida tecnica dei biancazzurri.
Nel caso il tecnico toscano rifiutasse l'accordo sarà l’ex cagliaritano Davide Ballardini il primo ad essere contattato.
Il problema pero' sta anche nell'offerta di una squadra che sulla carta ancora non esiste e anzi vede partire i suoi pezzi migliori giorno dopo giorno. I margini di manovra per la società sono limitatissimi. Il budget ridotto non lascia speranze. In piu' c’è anche da risolvere il problema della cessione del marchio. La Covisoc ha infatti stabilito che le società non potranno utilizzare questa operazione per fare cassa e alimentare il bilancio alla voce ”entrate”. Insomma, per il momento bisogna pensare soprattutto a coprire questo buco e garantirsi l’iscrizione.
La squadra sarà costruita come al solito all'ultimo minuto, quando per gli altri club il mercato è già chiuso. Solo quando gli altri avranno contratti in sovrannumero, Iaconi potrà agire per rimediare una rosa da mettere in campo.
 

In due dalla Fiorentina SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 21/6/2006

La Fiorentina ha ceduto a titolo definitivo Antonio Aquilanti e Andrea De Falco al Pescara.  Il difensore Aquilanti, prodotto del vivaio viola ed ex Under 20, era arrivato a Pescara in estate.
De Falco invece è un centrocampista e lo scorso anno ha giocato al Pisa.

 

Bignone e l'adriatico ristretto SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 20/6/2006

Questa mattina Marco Bignone ha rinnovato il suo accordo con il Pescara e sarà quindi al fianco di Andrea Iaconi anche il prossimo anno. Stando alle dichirazioni di Paterna dopo il primo nodo sciolto ci si puo' dedicare alla scelta della guida tecnica che magari arriverà prima della fine della settimana. Tra i nomi fatti e già fatti pero' l'unico che sembra essere alla portata di "tasca" del Pescara sembra essere l’ex cagliaritano Davide Ballardini considerando che Sarri accetterebbe volentieri un incarico alternativo. Il tecnico toscano potrebbe finire anche a Crotone dopo l'ipotesi sfumata del Perugia e dell'Albinoleffe.
Ma la vera notizia quotidiana non è riferita al calciomercato bensi' allo stadio Adriatico che potrebbe vedere sensibilmente ridotto il numero dei posti.
Dagli attuali 19.500 posti omologati dalla commissione di vigilanza, si potrebbe passare a 9.999. Il motivo di questo ridimensionamento sta nel fatto che l’impianto non è ancora perfettamente in regola con le normative emanate lo scorso anno e contenute nella cosiddetta Legge Pisanu.
L’Amministrazione Comunale infatti aveva effettuato lavori tempestivi e aveva messo lo stadio quasi interamente i regola. Mancavano (e mancano ancora) soltanto i tornelli ai cancelli per favorire l’afflusso ordinato e l’identificazione degli spettatori muniti di biglietto nominativo. A questo però, si era sopperito durante l’anno con un sistema di lettura ottica grazie al quale il Pescara aveva ottenuto una proroga dell’agibilità.
Questa agibilità però è scaduta e vi è incertezza sul rinnovo. Inizialmente era stata proprio la società a pensare di non chiedere il rinnovo. La Legge Pisanu infatti, non si applica agli stadi che hanno una capienza inferiore ai 10.000 posti. Dunque, essere omologati per meno di 10.000 avrebbe permesso di evitare tutti i fastidiosi e costosi adempimenti.
A Pescara, come si dice, invece di andare avanti...
 

Pescara: futuro tutto da decifrare SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 20/6/2006

Non si respira aria buona questi giorni a Pescara. E non per colpa del clima, quanto piuttosto per l'assordante silenzio che avvolge la società abruzzese.
Intanto i giocatori se ne vanno, uno dopo l'altro, come in una diaspora biblica: Cammarata, Avramov, Pesaresi e Matteini solo per fare qualche nome. Sul fronte rinnovo prestiti la situazione non è certo migliore: al momento non ci sono i margini per trattenere Lorenzi, Jadid e Baù, così come i vari Tardioli, Gautieri e Gonnella non hanno ancora ricevuto segnali per il contratto in scadenza tra pochi giorni.
Il futuro? Un'incognita assoluta, ai tifosi resta solo da sognare Silvio Baldini come nuovo allenatore, anche se appaiono più probabili il Sarri bis, o l'arrivo di uno tra Ballardini e Gasperini.
fonte: TUTTOMERCATOWEB.COM

Cammarata all'Albinoleffe SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 20/6/2006

Mancano ormai solo pochi dettagli per l'acquisto da parte dell'Albinoleffe dell'attaccante Fabrizio Cammarata. Il giocatore compirà 31 anni a fine agosto e nell'ultima stagione, nel Pescara, ha realizzato 7 reti in 34 presenze. Cammarata andrà via a titolo gratuito non avendo rinnovato il proprio contratto con il Pescara e porterà con sè un ottimo bagaglio di esperienza che potrebbe tornare utile alla squadra bergamasca. In bocca al lupo Fabrizio!

Si ricomincia da tre. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 19/6/2006

Nella prossima settimana dovrebbero arrivare le decisioni importanti riguardanti la prossima stagione del Pescara Calcio. Al momento a meno di clamorose sorprese, sono tre i candidati rimasti per la panchina biancazzurra; Sarri, Ballardini e Baldini.
La scelta tra loro verrà effettuata probabilmente subito dopo la risoluzione delle comproprietà che avrà luogo entro mercoledì 21 giugno.
Primo tra tutti rimane Maurizio Sarri e Iaconi e Bignone stanno lavorando per organizzare un incontro tra il tecnico toscano e il presidente Paterna. Sull'esito dell'incontro grava un rapporto logoro che sarà comunque difficile superare.
Se Sarri dovesse saltare resterebbero Davide Ballardini e Silvio Baldini.
Il primo, dopo una lunga esperienza nei settori giovanili (Ravenna, Milan, Parma), si è fatto conoscere con un grande campionatodi serie C1 alla guida della Sambenedettese, battuta solo dal Napoli nei playoff e lo scorso anno ha vissuto una breve parentesi in serie A sulla panchina del Cagliari.
Il secondo è Silvio Baldini, in cerca di riscatto dopo le recenti delusioni di Parma, Palermo e Lecce.
Sembrano invece definitivamente fuori gioco sia Giampiero Gasperini (che deve scegliere tra Lecce e Messina) che Massimiliano Allegri, il quale alla fine dovrebbe dire sì al Crotone dopo un iniziale rifiuto.
Per quanto riguarda i giocatori cè da segnalare solo che la trattativa tra l’Albinoleffe e il centravanti Cammarata.

Il marchio non si cede SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 18/6/2006

la COVISOC boccia chi cede il marchio. Da poco la Covisoc ha fatto sapere di ritenere questo procedimento una sorta di artificio contabile.
In pratica i club che si sono avvalsi della cessione del marchio rischiano addirittura di non essere iscritti al campionato. Ma basterà ricapitalizzare per una cifra uguale a quella ottenuta per sanare la situazione, Secondo anticipazioni di stampa delle ultime ore, il Pescara sarebbe tra i nove club sotto osservazione insieme ad Ascoli, Brescia, Chievo, Inter, Milan, Reggina, Samp, Modena, Roma e Cagliari.

Paterna dal Sindaco SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 17/6/2006

Paterna incontrerà il sindaco per tentare di allargare la base societaria.
A tenere banco nella società biancazzurra è ancora il problema delle risorse finanziarie. Si cerca di trovare nel minor tempo possibile uno sponsor importante cosi' che gli introiti della sponsorizzazione contribuiranno ad innalzare il tetto di spesa del club.
Un'altra strada porta verso il Comune dove Paterna incontrerà il sindaco Luciano D’Alfonso nel tentativo di sensibilizzare e coinvolgere altri operatori economici.
Poche sono invece le speranze di trovare imprenditori locali disposti a investine nel Pescara Calcio.
In ogni caso una volta stabilito il budget, che verrà ratificato dal Consiglio di Amministrazione, si provvederà alla risoluzione delle comproprietà.
Aquilanti resterà al Pescara mentre per Pepe si andrà alle buste con il Parma. Solo a quel punto (dopo il 21 giugno) si prenderà di petto il discorso - allenatore.
Per il momento calma piatta. Si sa solo che Marco Bignone si è assunto l’ingrato compito di convincere Sarri a far pace con il presidente Paterna.
Ieri mattina intanto, è continuata la processione dei giocatori biancazzurri in sede. La società ha pagato gli stipendi di febbraio e marzo e molti, prima di partire per le vacanze, si sono ritrovati in Via Mazzarino. Per qualcuno (Pesaresi) era già il momento dei saluti. Per qualcun altro (ad esempio Gonnella) l’occasione di fare un piccolo passo avanti verso il rinnovo del contratto.
Infine, il Taranto ha chiesto ufficialmente Andrea carozza ma la società biancazzurra ha risposto di no.


Campionati regolari. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 17/6/2006

Campionati regolari. «Non ci sarà slittamento dei campionati». Lo ha assicurato ieri il commissario straordinario della Federcalcio, Guido Rossi. Il quale ha premesso che «i tempi sono strettissimi ma velocizzare i tempi non significa rendere meno equa la giustizia», spiegando poi che «l'Ufficio Indagini avrà pronte le carte da trasmettere al procuratore federale tra il 18 e il 19 giugno.
Il procuratore federale si pronuncerà tra il 20 e il 21 giugno, mentre tra il 7 e il 9 luglio ci sarà la prima sentenza e entro il 20 luglio quella definitiva».

La giostra delle panchine SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 14/6/2006

Mentre il Pescara aspetta arrivano novità di mercato per quanto riguarda i tecnici di interesse alla società.
Ammazzalorso andrà ad Avellino e Maurizio Sarri non andrà al il Perugia. Dunque Sarri potrebbe ancora essere il prossimo tecnico biancazzurro.
Resta una pista che conduce a Ballardini, un tecnico che probabilmente non farebbe troppe questioni sui programmi, e Allegri che però è più vicino a Crotone e Arezzo.
Tra le tante voci di mercato ne arriva una confermata e che poco piacerà ai tifosi biancazzurri: Pesaresi andrà alla Triestina. La Triestina infatti ha ufficializzato l'ingaggio , a parametro zero, di Emanuele Pesaresi con la firma per un triennale.

 


Pescara a tasche vuote. SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 13/6/2006

La scorsa settimana si aspettavano decisioni importanti per i programmi futuri.
Invece, non solo manca ancora il nome dell'allenatore ma la situazione economica difficile mette in parte a rischio anche il futuro del club.
La cronica mancanza di risorse econimiche e le nuove regole stabilite per contenere le spese attraverso l’imposizione di un tetto salariale, stanno mettendo praticamente in ginocchio il Pescara Calcio.
In pratica nella prossima stagione, le società della serie B potranno spendere al massimo il 70% dei soldi incassati nella stagione precedente.
Il Pescara nel campionato appena terminato ha speso 6 milioni di euro lordi (4,5 per la prima squadra). Gli incassi ammontano a circa 5 milioni di euro (stadio, contributi di mutualità e sponsorizzazioni). Dunque, per costruire la nuova squadra e gestire la stagione, il Pescara potrà disporre di circa 3 milioni di euro lordi.
Ma non è tutto! Per poter far fronte agli stipendi e altri pagamenti il Pescara ha ricevuto un finanziamento dalla Caripe di circa 1,6 milioni di euro. Questi soldi dovranno essere restituiti alla banca con la prima trance di contributi del campionato 2006/2007.
A conti fatti per la prossima stagione il Pescara avrebbe circa un milione e mezzo di euro.
Con questi soldi in serie B non si arriva a finire neanche il girone di andata.
Sarà, in conclusione, un miracolo riuscire a imbastire una squadra, con un numero sufficiente di giocatori. A rendere ancor più critica la situazione del Pescara, c’è un altro aspetto del nuovo regolamento del ”salary cap”.
La società biancazzurra non potrà usare per questa campagna acquisti, il denaro introitato attraverso le cessioni di giocatori. Così ad esempio, la seconda rata che arriverà dalla Fiorentina per la cessione di Paolucci, potrà essere utilizzata solo per la stagione 2007/2008. E lo stesso accadrà per altre eventuali cessioni che dovessero arrivare nelle prossime settimane.
Dunque, la salvezza potrebbe arrivare dall'allargamento della base societaria, dall’arrivo di sponsorizzazioni o un'aiuto da parte delle istituzioni locali.

Torino promosso in serie A SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 12/6/2006

Il Torino conquista la promozione in serie A, grazie alla vittoria ai supplementari (3-1) nel ritorno della finale playoff con il Mantova.
Nei 90' regolamentari i granata sono riusciti a rimontare lo svantaggio (2-4) dell'andata grazie alle reti di Rosina, su rigore, e di Muzzi. Al 94', con le squadre gia' ai supplementari, Nicola firma il 3-0. Il Torino, in 10 per l'espulsione di Fantini al 97', riesce a mantenere il risultato anche dopo il rigore segnato da Poggi al 101': finisce 3-1.

Pescara, compleanno senza festa SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 11/6/2006

Il 10 giugno, il Pescara Calcio ha compiuto settant’anni.
La società guidata da Paterna pero' non ha sfruttato l'occasione. Una piccola celebrazione avrebbe potuto avvicinare tifosi alla società.
Il Pescara sembra avere cose piu' importanti da risolvere tra le quali reperire le risorse economiche.
Stando alle nuove norme sul ”tetto salariale”, il Pescara dovrebbe quasi dimezzare il budget dello scorso anno, che pure era (insieme all’Albinoleffe) il più basso della serie B. Dunque senza risorse sarà difficile mettere freno alle partenze e dare certezze.
Tra le mancate certezze cè al primo posto ancora la scelta dell’allenatore. La vicenda della guida tecnica comincia a essere logorante e il nome di Sarri viene ripetutamente allontanato e riavvicinato alla panchina pescarese in un gioco che comincia a stancare (il Perugia sembra aver abbandonato la pista sarri e sembra sul punto di accordarsi con l’ex giuliese Cuoghi).
I tanti nomi già fatti sono quelli di Gasperini e Allegri ai quali si aggiunge quello di Davide Ballardini, ex tecnico di Samb e Cagliari, e del buon Di Mascio.
Per quanto riguarda i movimenti di mercato, sono ancora le voci a farla da padrona. La Triestina vorrebbe non solo Bonfiglio ma anche, il 30enne terzino sinistro, WEmanuele Pesaresi (a parametro zero). Il Pescara, per contro, sarebbe intenzionato a riscattare il cartel lino di Eder Baù. Ma probabilmente l’operazione andrà in porto solo se sulla panchina del Pescara non ci sarà Maurizio Sarri.
Da valutare invece il futuro di Jadid, sul quale si esprimerà il nuovo tecnico. Confermato invece l’interessamento del club adriatico per il giovane Francesco Virdis, della Sampdoria, protagonista di un buon campionato di C1 lo scorso anno con la maglia del Chieti.
Sempre a partire sarebbero Croce al Piacenza o al Catania e il giovane difensore Diakite all’Udinese. Per Matteini sembra allontanarsi l'ipotesi Napoli e potrebbe finire a Rimini o a Modena, qualora il club emiliano dovesse cedere il suo bomber Cristian Bucchi.
 

Sondaggi e partenze, Croce a Napoli? SOLOPESCARA.COM
Pubblicata in data 9/6/2006

Il Pescara in cerca di allenatore trova l'Arezzo sulla stessa strada del mercato estivo. Tra le due società è in atto una sorta di duello per aggiudicarsi alcuni elementi. Si parte dalla questione allenatori: a Pescara è sempre più in bilico la posizione di Sarri, mentre gli aretini dovrebbero salutare Gustinetti.
Le due società hanno nel mirino Massimiliano Allegri e Gian Piero Gasperini, rispettivamente allenatori di Grosseto e Crotone.
Obiettivi comuni anche per attacco e centrocampo: occhi puntati su Marco Cellini e Adriano Mezavilla, in prestito dal Perugia ma di proprietà di Triestina (il bomber) e Catania (il brasiliano).
Sul fronte arrivi a Pescara si parla anche di sondaggi per Cariello e Antonelli, mentre per l'attacco si pensa al giovane Virdis, di proprietà della Sampdoria.
Si registra infine un interessamento del Napoli, tramite il direttore generale Pierpaolo Marino, per il centrocampista Daniele Croce. Croce si è imposto quest'anno con il Pescara, dove ha trovato, lui, prodotto del vivaio pescarese, la definitiva consacrazione e ha anche messo a segno sei reti, giocando il secondo campionato in Serie B consecutivo con gli abruzzesi dopo tre stagioni in Serie C fra Taranto e la stessa Pescara.

 

Allegri o Gasperini? Pubblicata in data 6/6/2006

In attesa del risolversi della situazione tra i dirigenti e le problematiche dell base societaria arrivano le solite indiscrezioni di mercato che riguardano soprattutto il nuovo allenatore.
Tra i nomi già circolati torna quello dell’ex centrocampista pescarese Massimiliano Allegri.
Attualmente Allegri sta guidando il Grosseto nella finale playoff di C1, e l’intenzione dei dirigenti pescaresi è quella di cercare un tecnico che abbia una credibilità da spendere nei confronti della piazza e che cerchi di coniugare la ricerca del risultato con la qualità del gioco.
Allegri si affianca comunque a altri nomi tra i quali Mario Somma e Marco Ballardini ma il candidato numero uno per la successione di Maurizio Sarri resta sempre Giampiero Gasperini.
Quanto a Maurizio Sarri, sembra decollare la sua trattativa con il Perugia. La sua candidatura sembra essere rimasta l’unica a contrastare quella di Ivo Iaconi, che darà una risposta ai dirigenti umbri solo la prossima settimana, dopo la conclusione dei playoff. Alcune voci provenienti dal capoluogo umbro, davano in arrivo a Perugia anche il direttore sportivo Marco Bignone. Ma al momento sembra ancora probabile una sua conferma da parte di Paterna.
Per quel che riguarda il mercato, da segnalare un interessamento della Triestina per il terzino Emanuele Pesaresi. Ma il giocatore ha pure un discorso aperto con il Pescara che lo confermerebbe volentieri se si trovasse un accordo economico soddisfacente per entrambi.
Destinata invece a risolversi all’ultio giorno di mercato la trattativa per riavere Carlo Luisi dal Piacenza. Il club emiliano vorrebbe cederlo a titolo oneroso, ma il Pescara non ha la minima intenzione di spendere un euro. E confida sul fatto che il 30 giugno 2007 il giocatore andrà in scadenza di contratto e sarà comunque libero a parametro zero.
Matteini finirà al Napoli anche se prima Empoli e Palermo andranno probabilmente alle buste per aggiudicarsi il suo cartellino.
 

Pescara calcio: voci e (in)certezze Pubblicata in data 5/6/2006

Il Pescara Calcio vive momenti intensi non certamente dovuti al campionato ormai finito per i biancazzurri.
L'ampliamento della base societaria e la dirigenza da riconfermare o rinnovare porta l'attenzione lontano dal calcio giocato.
La porta di via Mazzarino, in questi giorni, vede entrare e uscire voci, indiscrezioni, chiacchiere, ipotesi, dirigenti e calciatori come non mai.
A questo turbinio di correnti prova a mettere un freno Paterna che annuncia di risolvere in meno di una settimana, "ma senza fretta", il nodo cruciale. Infatti tutti sanno che solo quando sarà stato risolto il nodo "allenatore" si potrà parlare di mercato, quello vero.
Molti a Pescara vorrebbero la riconferma di Sarri ma il tecnico toscano sarebbe già la prima scelta del Perugia in caso di ripescaggio in serie B. Dunque, dalla porta spalancata della società, per il momento gli unici movimenti concreti sono quelli in uscita che vedrebbero a breve la partenza di Maurizio Sarri e il direttore marketing e comunicazione Cristiano Leonardi.
Sempre e solo in uscita troviamo Matteini che spera di andare a napoli e Il portiere serbo Avramov che va alla Fiorentina passando dalla serie B alla Champions League.
In arrivo per il momento ci sono solo i sondaggi. Sarebbero infatti iniziati una serie di sondaggi con società della massima serie che hanno giocatori in sovrannumero che potrebbero interessare il Pescara.
C’è stato un primo approccio con il Chievo, proprietario del cartellino dell’ex ascolano Alfredo Cariello e di Filippo Antonelli, quest’ultimo pescarese di nascita, ha giocato lo scorso anno a Messina. Sul secondo si può trattare mentre il primo, per adesso, dovrebbe iniziare la stagione con il club scaligero il quale, a sua volta, ha offerto il difensore Esposito (lo scorso anno a Bari). Come era già successo alcuni mesi orsono, sembrano ripresi i contatti con l’Ascoli, altra società che dispone di un buon numero di giocatori da rimettere sul mercato. Tra questi ci sono sicuramente i centrocampisti La Vista e Cristiano e il difensore Cudini. Con la Sampdoria invece, si è discusso del prestito del giovane attaccante Francesco Virdis, lo scorso anno in prestito al Chieti in C1.
Infine per quanto riguarda le conferme, sembrano esserci buone speranze per Gonnella e Pesaresi.
 

Paterna decidi? Pubblicata in data 5/6/2006

Il presidente Paterna ha dato per concluso il tempo delle riflessioni e dell’indecisione.
«Ancora un paio di giorni e poi comincieremo a lavorare. Ci sono molti nodi ancora da sciogliere ed è arrivato il momento di agire. In ordine cronologico, bisognerà risolvere il caso Leonardi, ridiscutere il contratto di Bignone, prendere una decisione sulla guida tecnica. Contiamo di fare tutto in settimana. Poi tutto andrà in modo più spedito. Credo che Andrea Iaconi abbia già un’idea abbastanza chiara della squadra da costruire. Almeno per quanto riguarda le conferme dei giocatori in scadenza di contratto. Per gli acquisti, naturalmente, ci virrà un po’ più di tempo, ma credo che quest’anno riusciremo ad arrivare al ritiro precampionato con la squadra già formata almeno a grandi linee».
Nulla è trapelato sul nome del nuovo allenatore ma in via informale si sa che Giampiero Gasperini è il primo della lista.

 

Pescara sondaggio per Fava Pubblicata in data 4/6/2006

Il Pescara, oramai rassegnato a perdere l'attaccante Jadid, appetito da molte squadre di vertice di serie B, ha fatto un sondaggio con il Treviso per l'attaccante Dino Fava Passaro.
Il giocatore sembra però restio ad accasarsi in serie B.
FONTE:TUTTOMERCATOWEB

 

Matteini aspetta Napoli Pubblicata in data 2/6/2006

Fonte: Tuttonapoli.net
L'attaccante del Pescara, Davide Matteini, è intervenuto a "Sottorete" newsmagazine sportivo a cura di Tuttonapoli.net e Napolisoccer.net su Radio Stereo 5: "L'ultimo contatto con il Napoli c'è stato a gennaio, in questo momento non so più nulla perchè è finito da poco il campionato e devo parlare con il mio procuratore su quali sono le offerte nei miei riguardi.
Cartellino? Sono a metà tra Palermo e Empoli, questa comproprietà si deciderà verso una squadra o un'altra e poi vedremo.
In ritiro con il Napoli? Mah, sarebbe un sogno. Sarebbe come approdare in una squadra di A, in una città di A perchè una piazza che porta 70mila spettatori in C può stare solo in A. Ruolo? Sono una seconda punta ma posso giocare anche più all'esterno. Quest'anno ho fatto 9 gol, ho sbagliato dei rigori, è stato un anno un pò così. Nel Napoli conosco già qualcuno come Cupi, Trotta, Giubilato, Calaiò.
Pressioni? E' un'arma a doppio taglio perchè se fai bene diventi un idolo mentre se fai male la situazione diventa difficile ma per un giocatore questo è il massimo perchè è uno stimolo a fare sempre meglio. Bucchi-Calaiò-Matteini? Sarebbe un sogno, ma io non mi sento come Bucchi e Calaiò perchè loro hanno già dimostrato il loro valore.
Ho ventiquattro anni e devo ancora dimostrare tutto".

 

Avramov a Firenze Pubblicata in data 2/6/2006

Avramov nella prossima stagione vestirà la maglia della fiorentina in serie A.
Dopo il riscatto di Frey e gli ingaggi di Liverani e di Santana, la Fiorentina ha perfezionato l’acquisto del portiere del Vicenza (in prestito questa stagione al Pescara) Vlada Avramov (classe ’79).
Avramov, già opzionato nel corso del mercato di gennaio, va a così ad allungare il pacchetto portieri a disposizione di Prandelli che comprende Frey, Lobont, Lupatelli e, appunto, il numero uno serbo.

 

I verdetti della B Pubblicata in data 29/5/2006

Avellino ai Playout, Torino ai playoff.
Catania promosso in Serie A, Torino ai playoff promozione, Avellino ai playout.
Questo il risultato dell’ultima giornata della Serie B.
Alla squadra siciliana e` infatti sufficiente il successo per 2-1 ottenuto contro l’Albinoleffe per assicurarsi il secondo posto in classifica che vale la salita matematica nella massima serie.
Il Torino puo` solo consolarsi con la vittoria inutile per 3-0 colta sull’ormai retrocessa Cremonese (doppietta di Vryzas).
Appassionante l’altalena di risultati che ha portato ai playoff anche Mantova, Modena e Cesena. Il Mantova, gia` sicuro di partecipare alla post-season, ha pareggiato 0-0 con il Pescara, il Modena ha superato l’Atalanta campione della B per 1-0 a Bergamo (rigore di Bucchi nel finale) e il Cesena, che ha la meglio 2-1 sul Verona. I romagnoli hanno la meglio sull’Arezzo, che vince 3-2 a Piacenza (due gol per Adeshina) ma viene condannato dalla differenza reti. Resta fuori dai playoff anche il Bologna, che batte 3-0 il Catanzaro.
Dall'altra parte della classifica Avellino e albinoleffe vanno ai playout per non retrocedere in C1. Partite di andata e ritorno il 3 giugno e il 7 giugno alle 20.45.
Per finire Ternana, Cremonese e Catanzaro sono retrocesse in C1.
 

 

Sarri: Clima difficile Pubblicata in data 29/5/2006

Maurizio Sarri contento dopo lo 0-0 ottenuto contro il Mantova: `Abbiamo disputato una gara piu` che dignitosa`. Il tecnico pescarese, dopo lo 0-0 contro gli uomini di Di Carlo, precisa: ` Considerando che avevamo dieci assenti, la gara e` stata buona.
E poi le condizioni climatiche hanno inciso parecchio: trovo assurdo che si giochi a gennaio a -6 e a giugno a +32`.
Infine una battuta sul Mantova: ` Merita i playoff, dopo una stagione molto positiva. E penso che avra` anche la possibilita` di giocarli al meglio, avendo potuto risparmiare energie e risorse mentali` .
fonte yahoo sport
 

Mantova 0 Pescara 0 Pubblicata in data 29/5/2006

Gara tranquilla al Martelli di Mantova rallentata dalla situazione di classifica delle protagoniste e dal gran caldo.
Al 4’ Il Pescara si rende pericoloso con Bonfiglio, che, sugli sviluppi di un corner, colpisce di testa e manda fuori di poco. Tre minuti dopo, al 7’, ci prova Bau' con un bel diagonale dal limite.
I padroni di casa provano quindi a reagire e, al 36’, Gasparetto fa partire un potente sinistro, che tuttavia non sorprende Tardioli tra i pali.
Nella ripresa, cala il ritmo. Tra i padroni di casa si mette in evidenza Gasparetto e tra i biancazzurri risponde, invece, Bau`.
Il Pescara conclude quindi il campionato di serie B al dignitoso 10mo posto in classifica a quota 54 punti in compagnia del Piacenza.
 

Prima di Mantova Pescara Pubblicata in data 26/5/2006

Sarà il signor Andrea Romeo della sezione di Verona dirigere il match Mantova-Pescara, ultima giornata di campionato. Romeo, classe 1970, vanta 5 presenze in A e 53 in B. La partita Mantova-Pescara in serie B non ha presedenti nella storia del calcio. Ricordiamo invece che il 21 21/12/2005 Pescara-Mantova fini' 2-1 con reti di jadid e Cammarata.

Quarto posto matematico per il mantova che pensa già agli spareggi-promozione. Nei lombardi tutti ok eccetto l’infortunato Mirko Conte.
Nel Pescara sono 19 i biancazzurri convocati con 4 giovani della Primavera.
Mancheranno Cinelli, Lorenzi, Speranza, Croce e Luisi (infortunati), Tognozzi e Pesaresi (squalificati), nonchè Delli Carri, Avramov e Jadid (indisponibili).
Questo l'elenco completo dei convocati.
Portieri: Aridità e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Diakite, Giménez, Gonnella, Mottola, Vicentini e Zoppetti;
Centrocampisti: Carozza, Pepe, Vellucci e Vigna;
Attaccanti: Baù, Bonfiglio, Cammarata, Ciofani, Gautieri e Matteini.
 

Sarri, Bignone, Iaconi e Gasperini    Pubblicata in data 24/5/2006

PESCARA Dopo un'intera stagione passata a tirare bilanci nel futuro del Pescara Calcio non cè chiarezza.
Qualcosa tra sarri e la dirigenza del Pescara non funziona, soprattutto con il presidente Paterna perchè è evidente che se la società avesse voluto rinnovare il contratto all’allenatore, probabilmente l’avrebbe già fatto da tempo.
Dopo il match con l’Atalanta, Paterna ha dichiarato «Deciderò valutando solo quello che è meglio per la società e non le pressioni dell’ambiente».
Se non verrà confermato Sarri si pensa probabilmente a Gasperini fermo restando che potrebbe anche quest'ultimo essere ingaggiato da altri club con meno problemi e piu' risorse.
Ma nel futuro della società ci sono anche altri due nodi da sciogliere. Il primo riguarda le risorse finanziarie e dunque i programmi per il prossimo campionato. Il secondo riguarda il rinnovo del contratto di Andrea Iaconi e di Marco Bignone.

 

Pescara 2 Atalanta 2 Pubblicata in data 21/5/2006
 

Le squadre sono praticamente scese in campo "per sport" come si dice e la testa in vacanza e un sole intenso hanno condizionato la gara.
Nel primo tempo non si registrano occasioni particolari da entrambe le parti mentre nel secondo al 5' Cammatata porta in vantaggio il Pescara, raccogliendo di testa un cross di Pesaresi dalla sinistra.
L'Atalanta risponde 2 minuti dopo e pareggia con Lazzari che verticalizza Soncin che solo trafigge Tardioli.
Il Pescara ci riprova e al 14' Bonfiglio raccoglie in piena area un pallone messo in mezzo da Pesaresi e buca la rete bergamasca. Al 38' quando la gara sembra volgere in favore dei biancazzurri, su corner, Osvaldo pareggia i conti di testa.
Dopo il pareggio la gara perde di tono ed intensità.
Il Pescara si congeda dal proprio pubblico con Un risultato che accontenta entrambe le squadre ormai prive di stimoli di classifica.
Tra il primo ed il secondo tempo, i 18 biancazzurri hanno indossato delle t-shirt con una lettera che formava la frase: "OBIETTIVO RAGGIUNTO".
Dopo l'esibizione, il lancio delle maglie agli ultrà e all'Adraitico si è sentito "Sarri resta".
 

Appello ai tifosi della squadra Pubblicata in data 21/5/2006

I giocatori inviatano a non invadere il terreno di gioco al termine della gara.
Questo è' un appello rivolto direttamente ai propri tifosi da parte dei giocatori. La richiesta dei biancazzurri è quella di non invadere il terreno di gioco al termine della gara. E' intenzione dei giocatori infatti restare alla fine dell'incontro con l'Atalanta, all'interno dello stadio per festeggiare con tutti gli spettatori presenti, la salvezza raggiunta anticipatamente con una piccola sorpresa organizzata da tutta la squadra e per questo si richiede di restare al proprio posto fino alla fine.
fonte: sito ufficiale Pescara Calcio

 

Prima di Pescara - Atalanta Pubblicata in data 20/5/2006

Sarri ha diramato l'elenco dei 20 giocatori convocati per la sfida contro l'Atalanta.
Tra i convocati tornano Carozza e Vellucci e c'è il rientro di Delli Carri, Avramov (assenti negli ultimi turni per infortunio) e Gonnella (che ha scontato un turno di squalifica).
Questi i nomi:
Portieri: Avramov e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Delli Carri, Giménez, Gonnella, Pesaresi e Zoppetti;
Centrocampisti: Carozza, Cinelli, Croce, Luisi, Tognozzi, Vellucci e Vigna;
Attaccanti: Baù, Bonfiglio, Cammarata, Ciofani e Gautieri.
Anche nell'Atalanta, Colantuono, ha convocato venti calciatori.
Portieri Calderoni e Ivan;
Difensori Adriano, Bellini, Bergamelli, Rivalta e Terra;
Centrocampisti Ariatti, Bernardini, Bombardini, D'Agostino, Lazzari, Marcolini, Manzoni, Migliaccio e Stucchi;
Attaccanti Osvaldo, Soncin, Ventola e Zampagna.
A Pescara saranno circa 600 i tifosi bergamaschi che verranno a festeggiare la serie A e il primato in classifica di B.
 

I 9 precedenti della sfida Pescara Atalanta portano ad un pareggio.
Infatti entrambe le squadre hanno vinto 2 partite, ne hanno pareggiate 5 e perse 2. L'ultima vittoria del Pescara in casa sull'Atalanta risale al campionato 1998/99 quando alla 3a giornata i biancazzurri si imposero per 1-0.
L'ultimo precedente, nel girone di andata dell'attuale campionato, risale al 17.12.2005 e il Pescara a Bergamo rimedio' una pesante sconfitta per 3-0.
La partita di domenica (ore 15) sarà diretta da Christian Brighi di Cesena. Assistenti: Alessandro Lulli di Roma e Walter Giachero di Pinerolo; IV uomo: Angelo Giancola di Vasto.
 

Moggi garantiva per Paterna? Pubblicata in data 18/5/2006

Dal Messaggero.it di Giovedì 18 Maggio 2006
Moggi garantiva per Paterna che smentisce: «Mai parlato con lui» «Il voto del Pescara? Ci penso io»
PESCARA «Il Pescara? Paterna lo convinco io, quindi non penso ci siano grossi problemi. le uniche società che non si possono convincere probabilmente sono l’Ascoli e il Piacenza...» Così si rivolgeva Luciano Moggi al vice presidente federale Mazzini. Il brano è tratto da una delle molte intercettazioni esaminate dai magistrati in questi giorni ed è la prima volta che, sia pur in modo incidentale, viene citato il Pescara. Nulla di compromettente, semmai è più la curiosità di vedere come veniva trattata la società biancazzurra. la conversazione risale alla vigilia dell’elezione del presidente di Lega, quando evidentemente Moggi e lo stesso Mazzini stavano cercando di blindare il voto delle società di serie B per garantire la rielezione del presidente milanista.
Moggi dunque garantiva il voto del Pescara. Inevitabile chiedere al presidente Dante Paterna come abbia fatto ”big Luciano” a convincerlo...
(L'articolo integrale si trova sul messaggero.it)

 

Nuovo CDA del Pescara Calcio Pubblicata in data 18/5/2006

Il Consiglio di Amministrazione della Pescara Calcio S.p.A. si rinnova con l’ampliamento dello stesso CDA da 3 a 5 membri.
I due nuovi componenti sono la D.ssa Nicla Corvacchiola ed il Dott. Marino Alessandrini, commercialisti di Pescara.

 

Il futuro di Sarri, Croce, Matteini e Bau'  Pubblicata in data 16/5/2006

Soltanto, tra qualche giorno, si parlerà del futuro del tecnico Maurizio Sarri. Prima di stilare i programmi tecnici, la società deve sistemare conti e previsioni.
C'è da considerazione che dalla prossima stagione ci sarà l'entrata in vigore della nuova normativa secondo la quale la cifra che le società di B possono spendere per i contratti, non dovrà essere superiore al 70% dei ricavi. (Tra i ricavi totali potranno essere conteggiate i diritti televisi, la mutualità proveniente dai club di serie A, gli incassi provenienti da biglietti e abbonamenti, ma non le cessioni di giocatori).
Con il Pescara alle prese a fare l'inventario delle proprie risorse, Arezzo, Catania, Livorno e Piacenza, bussano agli spogliatoi perchè interessate all'esterno biancazzurro Daniele Croce, autore quest'anno di sei reti e di prestazioni di alto livello. Queste società pero' dovranno fare i conti con una società affamata e poco disposta a regalare il gioiellino nato a Giulianova.
Davide Matteini, invece, rientrerà a fine stagione all'Empoli dove è scontata la partenza di Francesco Tavano. La soluzione più probabile per i Toscani è rimpiazzare il bomber in partenza con Matteini che ha segnato con la maglia degli abruzzesi nove gol in 33 presenze.
Infine Eder Bau', nella prossima stagione, dovrebbe rivestire l'alabardato. Il fantasista scuola Milan, ceduto a gennaio in prestito al Pescara, dovrebbe rientrare alla corte di Andrea Agostinelli, che ha ammesso al quotidiano locale Il Piccolo il suo gradimento per l'operazione. Il tecnico anconetano giudica Baù ideale per coprire la fascia sinistra di centrocampo.
 

Ancora delverde Pubblicata in data 16/5/2006

La società del Pescara Calcio sta concludendo il rinnovo del contratto di sponsorizazione con la Delverde che gli consentirebbe recuperare risorse per poter programmare il prossimo campionato.
Il pastificio abruzzese potrebbe addirittura estendere la sponsorizzazione anche all’intero settore giovanile del Pescara.
Si continua poi su un'altro fronte a discutere tra direttori sportivi e tecnici della società l’eventualità di realizzare nelle prossime settimane la cessione del marchio.
L'operazione porterebbe nelle casse della società quasi 5 milioni di euro.
La squadra invece, dopo due giorni di riposo, riprende la preparazione in vista del confronto casalingo di domenica contro l’Atalanta.

 

Sarri, Luisi e Diakitè   Pubblicata in data 14/5/2006

Il Pescara, senza mordente, regala tre punti al Catania senza neanche provarci e gli etnei si confermano "bestia nera" per gli abruzzesi se si pensa al risultato dell'andata e ai complessivi precedenti.
Spinesi, poi, già a segno all'andata ha rifilato ai biancazzurri altre due gol sottolineando la pessima prestazione del reparto difensivo abruzzese.
L'esordiente 18enne Diakite', sbaglia purtroppo da subito e su entrambi i gol di Spinesi ci mette del suo pagando l’inesperienza e l’emozione del Cibali.
Nel Pescara il solo numero dieci, Luisi, ha provato a mettere il pallone a terra e a ragionare senza andare in affanno sebbene davanti non ci fossero molti punti di riferimento (Cammarata unica punta). Lo stesso Cammarata e Gautieri hanno dato cenni di vita ma lo schieramento difensivo della squadra offriva loro poche possibilità. Al Pescara poi la sfortuna nega anche il gol della bandiera offrendo un palo a Bonfiglio che su punizione aveva battuto Pantarelli.
Nel complesso la squadra ha offerto una prestazione largamente insufficiente.
Lo stesso Sarri dopo la pesante sconfitta di Catania non concede alibi e non cerca giustificazioni spiegando che determinante è stata la differenza nelle motivazioni. Sui gol il tecnico del Pescara, commenta: `Noi abbiamo avuto un approccio alla gara troppo morbido, mentre il Catania e` partito a mille e ci ha messi subito in difficolta`. I rossoazzurri hanno meritato la vittoria`.
Noi tifosi sportivi aggiungiamo che la sconfitta è meritata ma che tre gol sono francamente troppi.

 

Catania 3 Pescara 0 Pubblicata in data 13/5/2006

Il Catania supera per 3-0 in casa il Pescara.
Etnei in avanti fin dai primi minuti e dopo una coclusione pericolosa di baiocco già al 4` il Catania si porta in vantaggio con Spinesi.
Una leggerezza difensiva permette a Spinesi di battere tardioli con un sinistro, da poco dentro l`area. Catania che schiaccia letteralmente il Pescara nella propria meta` campo e al 6` sfiora il raddoppio con Caserta che su punizione colpisce la parte alta della traversa.
Al 24` i padroni di casa, in lotta per la promozione trovano il raddoppio con De Zerbi che su cross di Spinesi con un leggero pallonetto scavalca l’estremo difensore. I biancazzurri si fanno vedere dalle parti di Pantanelli solamente al 39` con Cammarata ma il suo tiro termina fuori.
Il Catania nella ripresa mantiene il possesso palla rischiando poco in difesa ma non presentandosi mai dalle parti di Tardioli fino a quando al 70` i siciliani trovano il terzo gol con Spinesi.
I siciliani rimangono in corsa Play Off inseguiti dal torino vittorioso con il rimini; il Pescara fermo non solo a quota 52 ma anche in campo.

 

In 18 per Catania Pubblicata in data 12/5/2006

Questo l'elenco completo dei 18 giocatori convocati da Sarri:
Portieri: Aridità e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Diakite, Giménez, Pesaresi e Zoppetti;
Centrocampisti: Cinelli, Croce, Jadid, Luisi, Tognozzi e Vigna;
Attaccanti: Baù, Bonfiglio, Cammarata, Gautieri e Matteini.
Per quanto riguarda la situazione degli indisponibili non ci sono sostanziali novità rispetto a ieri. Avramov ha proseguito nel lavoro differenziato così come Delli Carri. Entrambi dovrebbero far rientro a tempo pieno nei ranghi la prossima settimana.
Gonnella non prenderà parte alla gara in quanto squalificato. Non ci saranno neppure Speranza e Lorenzi alle prese con le rispettive terapie. Triuzzi fuori per febbre. In compenso Sarri potrà contare su Jadid e Matteini (neo 24enne) assenti sabato scorso contro il Cesena.
Sono molte le possibilità di vedere in campo contro il Catania dieci/undicesimi della formazione che sabato scorso ha giocato conto il Cesena con il possibile l'esordio del difensore centrale francese della Primavera, Modibo Diakite (17 enne).
Per concludere sarà, l'internazionale, Pasquale Rodomonti a dirigere Catania-Pescara di sabato pomeriggio, coadiuvato da Angelo Carretta di Padova e Pierfranco Racanelli di Bari. IV° ufficiale Vincenzo Ballo di Trapani.
 

I precedenti a catania Pubblicata in data 11/5/2006

I Precedenti degli incontri ufficiali Catania - Pescara.
Il Pescara ha giocato a Catania 9 incontri; 5 pareggi, 3 sconfitte e 1 vittoria per 0-1 che risale alla 37a giornata del campionato di serie B 1980/81.
L'ultimo pareggio in terra etnea per il Pescara risale invece alla 35a giornata del campionato di serie b 1985/86.

Per completare ricordiamo che nel girone di andata di questo campionato il Catania si impose di misura all'adriatico, nella 19a giornata, per un gol a zero messo a segno da Spinesi nel primo tempo.
 

Ultime news Pubblicata in data 11/5/2006

I biancazzurri, già matematicamente salvi, scenderanno sabato prossimo alle falde dell’Etna, al “Massimino” comunque vogliosi di onorare fino in fondo l’impegno in campionato. La formazione rossazzurra del Catania, in piena corsa play off, potrebbe guadagnare proprio contro il Pescara la promozione in serie A.
La gara, in considerazione dei precedenti, non appare dunque scontata.
Nel catania mancheranno, da contrapporre al Pescara: Baiocco per cure mediche al dito fratturato della sua mano, Lucenti ancora alle prese con una distorsione alla caviglia e il solito Anastasi. Silvestri, in via di recupero, continua a seguire il suo programma di lavoro personalizzato e domani verrà sottoposto ad un ennesima ecografia di controllo.
Nel Pescara ancora assente Triuzzi per la febbre, c'è da registrare il rientro, seppur a ritmi ridotti, di Vlada Avramov. Delli Carri ha proseguito a bordo campo il lavoro presonalizzato mentre Speranza e Lorenzi continuano nella terapie.
Per quanto riguarda il Giudice Sportivo, nessun giocatore del Catania squalificato. Il Pescara, invece, dovrà fare a meno di Gonnella.
Per domani mattina è previsto l'ultimo allenamento del Pescara e a seguire la squadra partirà per Fiumicino da dove raggiungerà Catania.
 

 

Il nuovo Pescara costruito sui giovani Pubblicata in data 9/5/2006

A tre giornate dalla fine del campionato, la società sta già pensando alla prossima stagione.
In attesa del tecnico i programmi sono chiari: innesti di qualità e più spazio al vivaio.
Non si sa ancora chi guiderà il Pescara. Non si sa quali mezzi economici avrà a disposizione. ma una cosa, almeno quella, sembra essere già certa: il Pescara dell’anno prossimo darà molto spazio ai giovani provenienti dal proprio settore giovanile. Una scelta dettata in parte dalle nuove norme approvate dalla Lega, e un po’ dalla certezza acquisita in questi anni, che solo il vivaio potrà far sopravvivere ad alti livelli una società che non riesce ad allargare la sua base.
Questo vuol dire, in sintesi, che in organico ci saranno ben più dei 4 under 21 che le nuove norme impongono, che ci sarà un maggiore impegno nella loro valorizzazione e che l’allenatore, chiunque sarà, dovrà abbracciare questa filosofia. Partendo da questaconsapevolezza, la società biancazzurra si prepara a sciogliere le rime riserve già nei prossimi giorni. Dovrebbero arrivare le prime conferme e si comincerà a sondare le situazioni dei giocatori in prestito oppure a fine contratto.
I confermati . All’interno della rosa attuale non sono molti i giocatori che hanno contratti pluriennali con il club biancazzurri. Si tratta del capitano Delli Carri e di Zoppetti che saranno certamente confermati. Poi ci sono Tognozzi, Cinelli, Aquilanti, carozza e l’argentino Gimenez che in questo finale di stagione si sta mettendo in bella evidenza. C’è naturalmente anche Daniele Croce, anche se per determinare il suo futuro bisognerà valutarele richieste che arriveranno al Pescara. L’esterno rosetano potrebbe partire se arrivasse un’offerta economica importante. Al gruppo si uniranno naturalmente i giovani Vellucci e Ciofani mentre dai prestiti rientreranno il difensore centrale Pomante, il terzino sinistro Vitale che sta facendo molto bene con la Pro Vasto, e i due lancianesi Caremi e Paponetti.
Questo è il gruppo - base dal quale si ripartirà.
I prestiti . Lasceranno Pescara per fine prestito l’attaccante Matteini e il portiere Avramov. Quest’ultimo ha già un accordo con la Fiorentina. Per gli altri prestiti invece, bisognerà attendere gli sviluppi della situazione. Da valutare le situazioni legate a Lorenzi, Jadid e Luisi, anche se quest’ultimo si è già detto disposto a spalmarsi l’ingaggio pur di restare nella sua città. Ci sarebbe l’intenzione di riscattare Baù dalla Triestina ma l’impegno dei dirigenti è volto soprattutto ad ottenere dall’Atalanta il rinnovo del prestito del difensore Gonnella. Un vero plebiscito per lui, che è stato probabilmente il miglior biancazzurro stagionale come continuità di rendimento.
Gli svincolati . Ci sono poi i giocatori che il prossimo 30 giugno andranno in scadenza di contratto. Si tratta di Pesaresi, Cammarata, Tardioli, Gautieri e Bonfiglio. Riguardo a loro non sembrano esserci decisioni già prese o idee preconcette. Probabilmente la scelta verrà effettuata insieme al nuovo allenatore, subito dopo aver risolto il problema relativo alla guida tecnica. Forse la prossima settimana.
fonte "Il Messaggero.it del 09.05.2006"

 

Sarri: Onorare il campionato fino alla fine Pubblicata in data 6/5/2006

Al termine della gara con il Cesena, Maurizio Sarri si complimenta con i suoi ragazzi per la rimonta.
Il mister biancazzurro ha descritto un buon primo tempo in cui il Pescara ha subito due gol per demerito, ma nel secondo tempo la squadra ha reagito bene fino a raggiungere la vittoria`.
Sul nervosismo dei romagnoli, Sarri, si dice dispiaciuto ma i biancazzurri avevano il dovere di onorare il campionato fino alla fine`. Obiettivo salvezza raggiunto.

 

Pescara 3 Cesena 2 Pubblicata in data 6/5/2006

Il Pescara batte 3-2 il Cesena grazie ad una prodigiosa rimonta in zona Cesarini.
Una rimonta clamorosa, maturata nei minuti di recupero, regala al Pescara una vittoria che assicura la salvezza matematica in serie B.
Nel primo tempo giocato a ritmi bassi, gli ospiti si portano in vantaggio al 36’ in una mischia nell’area piccola Salvetti batte tardioli con una rovesciata.
In inizio di ripresa i romagnoli raddoppiano quando Ferreira Pinto sfrutta un liscio su rinvio di Zoppetti e dalla sinistra serve Bracaletti che mette facile in rete. La reazione del Pescara arriva tre minuti dopo quando, su corner di Pesaresi, Gonnella da centro area, di testa accorcia le distanze. Sul punteggio di 1-2 inizia la sequela dei cambi da parte dei due mister ma la partita torna a essere lenta.
Mazzoleni concede 4 minuti di recupero e proprio nelle battute finali il Pescara ribalta il risultato.
Prima, al 91’, sempre su azione da corner battuto da Pesaresi, Zoppetti taglia sul primo palo deviando col tacco alle spalle di Turci il pallone del pareggio. Al 94’Bau` salta due uomini sulla trequarti e serve in profondita` Cammarata che va a segno con un sinistro sul palo lontano. Prima del triplice fischio, che sancisce la salvezza biancoazzurra con tre turni di anticipo, Gonnella e Zaninelli vengono espulsi per reciproche scorrettezze.
Il Pescara, dopo due stagioni nere, guadagna la matematica certezza della B per il prossimo anno.
 

Non perdiamo la concentrazione Pubblicata in data 5/5/2006

In attesa di disputare la gara contro il Cesena in casa biancazzurra si pensa già alla prossima stagione.
Le dichiarazioni dei protagonisti biancazzurri, lette sui giornali e su internet, portano tutte a conclusioni e progetti per il futuro.
Dunque speriamo che qualcuno non abbia dimenticato che il campionato cadetto non è ancora finito e che domani all'Adriatico scenderà in campo una formazione di primo piano che punta dritta ai play off e disposta a tutto pur di fare risultato fuoricasa.
Bisogna in ogni caso rimanere concentrati e puntare al massimo risultato per il rispetto della maglia e dei tifosi.
Questi i nomi dei biancazzurri convocati da Sarri:
Portieri: Aridità e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Diakite, Giménez, Gonnella, Pesaresi e Zoppetti;
Centrocampisti: Cinelli, Croce, Luisi, Pepe, Tognozzi e Vigna;
Attaccanti: Baù, Bonfiglio, Cammarata, Gautieri e Triuzzi.
Mancheranno Delli Carri (accertamento diagnostico), Speranza (lavoraro a parte), Lorenzi (in fase di rieducazione terapeutica) e Avramov (non ancora in pereftta forma).
Presente per la seconda volta in prima squadra Modi Diakitè.
 

 

Sarri aspetta e spera Pubblicata in data 4/5/2006

di PAOLO SINIBALDI PESCARA
La conferenza stampa a cui si “sottopone” ogni settimana (scaramanticamente, solo e sempre di mercoledì) Maurizio Sarri, è stata incentrata molto sul futuro e molto poco sul presente. Era inevitabile, anche perché ormai il Pescara la salvezza l’ha raggiunta grazie al pareggio di Bari e perché i tempi sono maturi per programmare. O per provare a farlo. Così l’attuale tecnico dei biancazzurri è stato tempestato di domande sul contratto, il suo: “Sto aspettando che il presidente Paterna ritorni dall’Argentina, altrimenti si può fare poco o niente. E poi mi pare che non siano state ancora rinnovate le cariche direttive, una condizione essenziale affinché si possa parlare di un mio futuro a Pescara”. Tutto qui? “No, è chiaro che mi interessa anche conoscere i programmi per la prossima stagione egli obiettivi che la società si pone. Dopo una stagione soddisfacente, sarebbe bello poter fare qualcosa di meglio”. Se le proponessero un programma basato sui giovani? “Va bene tutto, a patto che si tratti di giocatori validi. Se parliamo di giovani oggi, dico che ci sono le finali-scudetto del campionato Primavera ed è bene che i ragazzi si concentrino su quelle”. Ma lei, dica la verità, vuole rimanere a Pescara? “Non sono un ingrato, devo ringraziare questa società per la possibilità che mi ha dato e, se ci saranno le condizioni giuste, non direi di no. Ma i matrimoni si fanno in due, non posso decidere da solo”. Se nel frattempo la chiamasse qualche altra società? “Finora non è accaduto, escludendo le telefonate di cortesia. Se mi cercheranno, bisognerà valutare allo stesso modo le prospettive. Anche se mi chiamasse Naomi Campbell tentennerei, pur essendo felicemente sposato…”. Messaggio ricevuto. Qualcuno ha vociferato di un interessamento del Messina nei suoi riguardi: “Non ne sono a conoscenza. Comunque anche a Pescara si può, in linea teorica, lavorare bene”.
Ha qualche rammarico per questa stagione che si sta per concludere? “Se un paio di partite ci fossero andate per il verso giusto, magari staremmo a parlare d’altro. Mi viene in mente la sconfitta di Cremona, ma è inutile rimuginare, forse il nostro reale valore è questo”.
Che pensa quando vede lo stadio “Adriatico” desolatamente vuoto? “Mi dispiace, ma non so se dipende solo dal gioco espresso dalla squadra. Secondo me il pubblico di Pescara ha bisogno di grandi risultati, speriamo di darglieli in futuro”. Il Pescara è salvo: che dobbiamo aspettarci contro il Cesena? “Non c’è da staccare la spina, il cesena è sempre un avversario molto grintoso, oltre che forte. sarà comunque una partita molto dispendiosa”.
fonte "IL TEMPO.IT" giovedì 4 maggio 2006
 

 

Arriva il Cesena Pubblicata in data 2/5/2006

Dopo l'avventura barese il Pescara aspetta il Cesena di Castori che dopo la pesante sconfitta 4-2 interna con il Modena dichiara di credere nei playoff.
Dunque nel prossimo turno i biancazzurri ospiteranno una squadara in corsa play off e in cerca di riscatto.
Nella ripresa degli allenamenti, dopo il primo maggio, mancano pero' Speranza e Lorenzi mentre Delli Carri, Aquilanti e Avramov hanno ricominciato a lavorare a parte.
Sarri, per la prossima partita con i romagnoli, potrà comunque contare su Tognozzi e Jadid che rientrano dalle squalifiche. Proprio in tema di squalifiche bisogna segnalare che tra i nominati del giudice sportivo non figurano nè giocatori del Pescara nè del Cesena.
Sempre il Giudice pero' ha comminato un'ammenda di 3.500 euro al Pescara per i disordini scaturiti a seguito delle numerose provocazioni dei tifosi del Bari.
 

 

Bari-Pescara altro arresto Pubblicata in data 2/5/2006

Un altro giovane, il nono, e' stato arrestato in relazione agli incidenti accaduti al 'San Nicola' prima e durante la partita Bari-Pescara.
Il giove tifoso, e' stato identificato fra coloro che lanciavano sassi. Gli scontri si sono verificati quando gruppi di tifosi baresi hanno ripetutamente cercato di entrare in contatto con la tifoseria avversaria.
Contro le forze dell'ordine sono stati lanciati sassi e altri oggetti ricavati danneggiando gli arredi dello stadio 'San Nicola'.
 

 

Arrestati 8 ultras Pubblicata in data 30/4/2006

Sostenitori indagati per violenza a pubblico ufficiale.
Otto ultras baresi sono stati arrestati dalla polizia perche' ritenuti responsabili degli incidenti avvenuti prima e durante Bari-Pescara. Gruppi di supporter pugliesi avevano cercato di entrare in contatto con la tifoseria avversaria ed erano stati respinti dalle forze dell'ordine.
Gli ultras sono indagati tra l'altro per turbativa dell'ordine pubblico nel corso di una manifestazione sportiva, violenza e resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento.

 

Sarri: giusto il pareggio Pubblicata in data 30/4/2006

Maurizio Sarri si dichiara soddisfatto del pareggio ottenuto a Bari.
Nel dopogara descrive un buon primo tempo e il tentativo di gestire il pareggio nella ripresa. Il finale di gara difficile, ma un pareggio giusto.
Sarri conclude: ` Forse incosciamente nei giocatori e` scattato il meccanismo di considerare un punto decisivo per il bilancio del lavoro annuale` .

 

Partita interrota per lacrimogeni Pubblicata in data 30/4/2006

La partita del San Nicola e` stata interrotta dal lancio di alcuni petardi sul terreno di gioco. Al momento della sosta forzata il Pescara era appena passato in vantaggio con una splendida punizione calciata da Vigna.
I tifosi biancorossi, pero`, non hanno gradito e hanno avviato una contestazione nei confronti della squadra. I pugliesi avevano scelto, in settimana, un ritiro anticipato lontano dalla citta` proprio per evitare di essere deconcentrati dal clima molto teso.

 

Bari-Pescara 2-2 Pubblicata in data 30/4/2006

Alla fine tra Bari e Pescara finisce in pareggio con un finale rocambolesco al San Nicola.
Nel primo tempo difficile da raccontare per il livello di gioco spicca il vantaggio biancazuuro con Vigna, che al 26’ con uno splendido interno destro su punizione dal limite batte Gillet.
Unica opportunita` di marca pugliese nella prima frazione e` un tiro al volo di Anaclerio, sugli sviluppi di un corner calciato da Pagano, terminato di poco a lato.
A far notizia, invece che i contenuti tecnici della gara, sono i disordini sugli spalti: al 31’ il signor Girardi sospende il match per due minuti, a causa di scontri tra la polizia e ultras di casa e conseguente uso di lacrimogeni.
Nel secondo tempo al 61’, i padroni di casa giungono al pari con Santoruvo che da destra cerca e trova sulla lunetta dell’area di rigore Carrus, che di prima intenzione supera Tardioli nell’angolo destro.
Il pareggio pero' non accontenta le due formazioni e nel finale la gara si accende. All’87’ Luisi mette giu` Romanelli all’interno dei sedici metri, dando la possibilita` a Carrus di realizzare su calcio di rigore il temporaneo vantaggio barese e la doppietta personale.
Sul ribaltamento di fronte, al 90’, accade l’incredibile: Matteini, trattenuto da Micolucci all’altezza del dischetto, fallisce il conseguente penalty centrando il palo e trovando, sugli sviluppi della ribattuta del legno, un semplice ma prezioso corner. Dalla battuta dalla bandierina si presenta Croce: Zoppetti e` puntuale nel taglio sul primo palo e preciso nel tuffo ad incornare il pallone per la rete del definitivo pareggio.

 

L'attesa di Bari-Pescara Pubblicata in data 29/4/2006

Il pescara scenderà in campo al San Nicola di Bari con una formazione rivista a causa di numerosi assenti per infortunio e per squalifica. Mancheranno dunque Avramov, Aquilanti, Lorenzi, Speranza e Delli Carri per infortunio. Jadid e Tognozzi per squalifica.
Il Pescara sarà quindi cosi' composto: Tardioli; Gimenez, Gonnella, Zoppetti, Pesaresi; Luisi, Cinelli; Vigna, Gautieri, Croce; Cammarata.
A Disp.: Aridità, Mottola, Diakitè, Carozza, Vellucci (Bonfiglio), Baù, Matteini (Ciofani).
Per il Bari: Gillet, Bellavista, Brioschi, Micolucci, Anaclerio M., Fusani, Carrus, Rajcic, Pagano, Santoruvo, Ganci.
A disp.: Spadavecchia, Sibilano, Belmonte, Goretti, Romanelli, Vantaggiato, Anaclerio L.
La partita sarà diretta dal 36enne Oscar Girardi di San Donà di Piave, coadiuvato dai sigg.ri Paolo Calcagno di Nichelino (TO) e Enrico Fittante di Cosenza; IV° ufficiale Espedito Musolino di Catania.
Bari-Pescara: curiosità
·Il Pescara gioca per la quindicesima volta in trasferta contro il Bari. Non ha mai vinto ed ha totalizzato 8 sconfitte (le prime 4 di seguito) e sei pareggi. La “prima” del Bari, a novembre 1941, in pieno conflitto bellico: fu un 2-1 firmato dai gol di Maestrelli e Mezzadri per il Bari e di Romagnoli su rigore per il Pescara.
·Maestrelli si ripeteva nella seconda sfida, nel torneo Centro-Sud, segnando il gol decisivo (1-0) contro un Pescara ribattezzato “strapaesana” perché formato da tutti giocatori del posto. Ed il Bari, proprio in quella occasione, acquistò dal Pescara Tontodonati e Giammarco.
·Dopo il gol del terzino Romagnoli su rigore nel 1941, ci sono voluti oltre 40 anni per far segnare al Pescara un altro gol a Bari. E’ stato ad aprile 1981 quando “il Bari dei baresi” di Catuzzi sconfisse il Pescara per 3-1 con Iorio e doppietta di Bagnato contro il gol di Mazzarri per gli abruzzesi.
·L’ultima vittoria del Bari con il Pescara risale a nove anni fa, in B, con Fascetti: un 2-1 con gol di Volpi ed Ingesson contro quello di Margitta. ·L’anno scorso si giocò ad Andria per la venuta del nuovo Pontefice a Bari. Finì 1-1 con gol di Verricchio prima e pari di Gazzi nella ripresa. Questi i precedenti BARI-PESCARA

02.11.1941 B BARI-PESCARA 2-1
23.12.1945 CS 1-0
01.02.1953 IV S 2-0
21.11.1965 C 2-0
29.10.1966 C 0-0
14.01.1979 B 0-0
24.05.1981 B 3-0
25.04.1982 B 3-1
16.06.1985 B 2-0
26.10.1986 B 1-1
22.05.1994 B 3-3
04.05.1997 B 2-1
18.11.2003 B 2-2
28.05.2005 B (ad Andria) 1-1
RIEPILOGO
PARTITE GIOCATE 14
VITTORIE DEL BARI 8
VITTORIE DEL PESCARA 0

PAREGGI 6
GOL SEGNATI DAL BARI 24
GOL SEGNATI DAL PESCARA 10
 

Comnfermta la squadra di domenica Pubblicata in data 28/4/2006

Causa infortuni (Delli Carri, Lorenzi, Aquilanti, Avramov) e squalifiche (Tognozzi, Jadidi), Sarri riproporrà per la trasferta di Bari gli stessi uomini che hanno battuto il Piacenza, con Luisi al posto dello squalificato Tognozzi. La probabile formazione sarà la seguente: Tardioli, Gimenez, Zoppetti, Gonnella, Pesaresi; Luisi, Speranza, Vigna, Croce; Gautieri, Cammarata.

 

Serie B nuove regole Pubblicata in data 26/4/2006

Tetto salariale, numero massimo di giocatori a 22 e indennita' economica per chi retrocede: queste le decisioni della Lega Calcio sulla B.
"Per la prossima stagione gli stipendi dei tesserati non dovranno superare il 70% dei ricavi complessivi, percentuale che scendera' al 65% nella stagione successiva e al 60% il terzo anno", ha spiegato Galliani. Le rose verranno ridotte: nel 2007 saranno formate da 22 giocatori.
Indennita' per chi retrocede 'sul campo': 500 mila euro all'anno per 3 anni.
 

Cammarata si gode la salvezza Pubblicata in data 26/4/2006

"Pescara è praticamente fatta!"
Il bomber dei biancoazzurri è contento per la vittoria sul Piacenza.
Pescara - Il gol di Croce evita il calvario, e a Pescara gli animi tornano tranquilli. La salvezza non è ancora matematica ma la quota è assolutamente di quelle da "sonni tranquilli". Lo sa bene anche Fabrizio Cammarata che commenta così il successo dell'Adriatico.
"La salvezza non è matematica ma manca davvero pochissimo - ha detto a fine match - Abbiamo dimostrato di avere grande carattere, per noi era essenziale tornare a far punti, è arrivata questa vittoria, siamo felici. Per quanto riguarda la gara, posso dire senza timore di essere smentito, che le uniche difficoltà le abbiamo trovate sui loro calci piazzati. Per quanto mi riguarda sono molto contento della mia prestazione, non avevo i novanta minuti nelle gambe ma, fin quando sono rimasto in campo ho cercato di dare tutto me stesso.
Fonte GOAL.COM

 

Sarri: Salvezza raggiunta Pubblicata in data 23/4/2006

Maurizio Sarri puo` sorridere: "non e` ancora matematico ma con questa vittoria la salvezza e` praticamente raggiunta".
Cosi' il tecnico biancazzurro a fine gara "Era una gara che volevamo vincere a tutti i costi e ci siamo riusciti giocando con carattere e cuore...
Abbiamo sofferto un po` il caldo. Il Piacenza nella prima mezz`ora ci ha creato difficolta` ma dopo il nostro gol ci siamo sbloccati meritando la vittoria".
 

Pescara 1-Piacenza 0 Pubblicata in data 23/4/2006

Il Pescara conquista tre punti contro il Piacenza e mette un tassello importantissimo nel puzle della salvezza.
La gara e` giocata a ritmi blandi e condita da pochissime azioni degne di nota. La prima occasione e` di marca ospite: al 18’ Padalino salta Pesaresi e serve al centro un pallone su cui Margiotta e Degano si disturbano a vicenda mancando la conclusione.
L’undici emiliano nei primi minuti e` leggermente piu` intraprendente e al 23’ Riccio cerca la botta dalla distanza, trovando la respinta di Zoppetti.
I biancazzurri faticano a costruire, ma al 31’ passano in vantaggio con Croce quando Cassano respinge il tiro di Cammarata da posizione centrale e ravvicinata, la palla torna a Croce che ribatte in rete. Gli emiliani tramortiti dal gol subito rischiano, due minuti dopo. Prima del riposo, al 40’, una punizione di Padalino pesca Olivi che di testa impegna Tardioli.
Nella ripresa subito grandi polemiche al 55’, quando, in seguito ad una torre di Campanaro per liberare l’ex di giornata Margiotta, Pesaresi intercetta con un braccio. Nonostante la continua pressione gli ospiti pero` non riescono a giungere il pari. Il match non cambia neanche con l’espulsione per doppia ammonizione di Tognozzi al 63’. Un paio di iniziative di Degano non impensieriscono Tardioli e al 90’ gli abruzzesi possono festeggiare la vittoria che avvicina alla salvezza.

 

Pubblicata in data 20/4/2006

La preparazione dei biancazzurri in ritiro prosegue in terra umbra e da Norscia arrivano brutte notizie su Aquilanti e Avramov. Il difensore è stato vittima di una distorsione alla caviglia mentre il portiere serbo lamenta alcuni fastidi muscolari.
Entrambi sono rientrati a Pescara per gli accertamenti diagnostici. Al loro posto, in Umbria, Mottola e Aridità della primavera. Buone, invece, le condizioni di Gonnella, Cammarata e Zoppetti.
Nel Piacenza, reduce da un 3 a 1 in amichevole con il Fiorenzuola, il centrocampista Rigoni e Avogadri sono alle prese con piccoli problemi fisici. Il nuovo modulo di Iachini prevede il 4-3-1-2 con Stamilla dietro alla coppia d'attacco Margiotta-Degano.
Proprio Iachini è in questi giorni al centro di voci di mercato che lo vorrebbero alla Samp.
 

DELVERDE FINO A GIUGNO Pubblicata in data 20/4/2006

Il pastificio Delverde di Fara San Martino, di proprietà dell'ing. Pierluigi Zappacosta, è il nuovo sponsor del Pescara fino al termine della stagione in corso.
Nella conferenza stampa è stata resentata la maglia che esordirà domenica prossima contro il Piacenza.
Questo il comunicato stampa del Pescara Calcio:
L’accordo di sponsorizzazione tra DELVERDE e PESCARA CALCIO è un evento importante e significativo del fatto che il sodalizio biancazzurro sta raccogliendo nuovi consensi nell’imprenditoria abruzzese. Certamente è un dato positivo quello di vedere sulle maglie del Pescara il marchio di un’azienda non direttamente collegata alla proprietà della squadra.
Se si esclude la breve parentesi delle due stagioni 2002-03 e 2003-04 che ha visto l’avvicinamento della SAQUELLA, di fatto ininterrottamente dal 1991-92 fino ai giorni nostri gli sponsor che hanno campeggiato sulle maglie biancazzurre sono sempre stati legati ai rispettivi titolari del pacchetto di maggioranza: prima GIS e poi EUROVISION.
La possibilità di avere come main sponsor un’industria importante in campo nazionale ed internazionale come DELVERDE, rappresenta l’ennesimo successo del Presidente Dante Paterna e soprattutto del new deal incarnato nella celebre massima “anno zero” che proprio il numero uno del sodalizio pescarese ha voluto fortissimamente rilanciando, tra lo scetticismo generale, l’immagine di un club che negli ultimi anni troppo spesso è stato penalizzato dai risultati del campo.
Senza ombra di dubbio, questo accordo rappresenta il primo e decisivo passo per restituire al Pescara quel ruolo originario di portabandiera dell’immagine della regione Abruzzo in Italia, e quindi delle aziende che operano sul territorio, essendo quella biancazzurra la massima espressione sportiva regionale.
Anche per questo la Pescara Calcio dà il benvenuto alla DELVERDE ed auspica per entrambe una sinergia che conduca ad un futuro ricco di successi e reciproche soddisfazioni.
 

Sponsor e ritiro Pubblicata in data 19/4/2006

Al thomas bar di Pescara, nella tarda mattinata, verrà presentato il nuovo sponsor del Pescara calcio.
Il nuovo sponsor comparirà sulle maglie a partire da domenica, quando i biancazzurri scenderanno in campo all'adriatico contro gli emiliani del Piacenza. L'incontro decisivo per l'accordo commerciale è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri.
Intanto la squadra è giunta a Norscia con 24 calciatori.
Tra i biancazzurri che Maurizio Sarri ha deciso di portare al ritiro umbro ci sono anche Zoppetti, Cammarata, Pesaresi e Gonnella. Nel gruppo, nonostante il turno di squalifica c'è anche Carlo Luisi, mentre manca Jadid. Questi sono i calciatori;
Portieri: Avramov e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Delli Carri, Di Berardino, Giménez, Gonnella, Lorenzi, Pesaresi e Zoppetti;
Centrocampisti: Cinelli, Croce, Luisi, Speranza, Tognozzi, Vellucci e Vigna; Attaccanti: Baù, Bonfiglio, Cammarata, Ciofani, Gautieri, Matteini e Triuzzi.
 

Pubblicata in data 18/4/2006

Il Pescara, che potrebbe avere un nuovo sponsor sulla maglia nelle ultime gare di questo campionato, si ritrova oggi a Norcia per il ritiro previsto fino alla vigilia della gara con il Piacenza.
Rientra nel gruppo biancazzurro Emanuele Pesaresi mentre nel Piacenza migliorano le condizioni di Sardo ma Iachini dovrà preparare la partita in terra abruzzese senza poter contare sul bomber Cacia che è stato squalificato.
 

13/4/2006 "Uniti per la salvezza"

A Pescara regna la fiducia, Sarri rimane fino a giugno: ""Uniti per la salvezza""
Il tecnico confermatissimo dopo il vertice societario di ieri.
Allenamento saltato per un incontro coi tifosi, vertice societario per discutere della posizione dell'allenatore.
Questo il mercoledi del Pescara che ha visto confermato in blocco lo staff tecnico di Maurizio Sarri. ""D'ora in avanti bisogna pensare solo alla squadra - ha detto il mister del Pescara al quotidiano Il Centro - perchè ritrovi lo spirito giusto per conquistare la salvezza il più presto possibile.
Non ho mai pensato di presentare le dimissioni, non sono un tipo che getta la spugna facilmente. Non si può negare l'esistenza di una profonda delusione all'interno della realtà biancazzurra.
Per quanto mi riguarda, però, posso solo ricompattare la squadra. Non ho la capacità di ricostruire l'ambiente e il clima che c'è intorno e all'interno dello stadio. Forse bisognerà tornare a vincere e riportare tutti dalla nostra parte. Spero che la squadra abbia una giusta reazione. In questo modo potremo fare risultati con tutti e la salvezza, così, arriverà presto"".
Rirpendono intanto gli allenamenti all'ultimo dei quali pero' non hanno preso parte Bonfiglio e Pesaresi, fermi a scopo precuazionale per piccoli problemi.
Cammarata e Zoppetti hanno lavorato a parte per rientrare col Piacenza. Fermo invece Gonnella che ha dovuto ripetere la risonanza magnetica.
Oggi altra doppia seduta di lavoro sempre allo stadio.

 

140 12/4/2006 Maurizio Sarri riconfermato.

Maurizio Sarri resterà alla guida del Pescara calcio sino al termine stagione.
Paterna dopo l'incontro con l'allenatore, i dirigenti e i giocatori chiarisce che Maurizio Sarri, non è stato mai messo in discussione e gode della piena legittimazione.
Secondo il Presidente l'attuale situazione puo' essere sanata e l'obiettivo della salvezza centrato ricompattando l'ambiente.

11/4/2006 Allenamenti e Giudice Sportivo

Il Giudice Sportivo, in merito all`ultima giornata del campionato di Serie B, ha inflitto due giornate a Jadid e una giornata a Luisi.
Squalificato per un turno anche Cacia del Piacenza.
I biancazzurri, in attesa di decisioni sul futuro del Mister, hanno ripreso gli allenamenti.
La prossima gara vedrà il Pescara impegnato in casa con il Piacenza il prossimo 23 aprile dopo la sosta pasquale.
Contro i piacentini ci saranno a disposizione Zoppetti, che ha scontato il suo turno di squalifica, e sono da vagliare nei prossimi giorni le condizioni fisiche di Cammarata e Gonnella, fermi per infortunio.
 

10/4/2006 Esonero? parliamone!

Dopo circa due ore di riunione tra il presidente Paterna, Iaconi e Bignone non sono arrivate le novità attese (o largamente annunciate da tanti). Sembra piuttosto che i drastici sacrifici annunciati per recuperare la squadra siano per il momento rimandati.
Si torna quindi nella dirigenza a richiamare tutti alla calma e alla concentrazione.
Domani il Presidente incontrerà il tecnico Maurizio Sarri e i giocatori, che si dicono dalla parte del mister uniti e compatti.
Rimane da considerare che al di là della possibile volontà di riconfermare la fiducia a al tecnico toscano potrebbe essere proprio quest'ultimo a volersi prendere una vacanza anticipata.
Nessuna ipotesi puo'essere esclusa.
 

10/4/2006 Samb: Paterna cerca rimedio
SAN BENEDETTO DEL TRONTO - Il presidente del Pescara si sta muovendo per evitare che il club rossoblu fallisca affidandone la gestione ad alcuni imprenditori locali fino a Giugno.
Sono ore convulse in casa Samb, Dante Paterna (azionista di maggioranza del club fino a pochi mesi fa) potrebbe ricorrere ad alcune mosse strategiche che evitarebbero di fatto il fallimento del club rossoblu. Nella giornata di ieri il presidente del Pescara avrebbe contattato alcuni imprenditori sambenedettesi per affidargli la gestione del club rivierasco fino a Giugno prossimo mentre la vecchia dirigenza manterrebbe tutte le pendenza finanziarie ancora in atto nel club rossoblu.
Ma perchè Paterna sta facendo tutto questo? A quanto pare dalle ultime indiscrezioni è emerso che Alberto Soldini non sia altro che un ""prescelto"" da coloro che gestivano la Sambenedettese fino a Dicembre e il suo compito era solamente quello di gestire il sodalizio rossoblu fino al termine della stagione.
Purtroppo Soldini non è stato all'altezza di gestire una società calcistica così importante ed ora Dante Paterna sembrerebbe ritrovarsi impegnato nel porre rimedio ad una situazione alquanto disastrosa. Purtroppo il poco tempo a disposizione e l'imponente massa debitoria accumulata dalla Samb in queste due stagioni sembrerebbero scoraggiare tutti coloro che Paterna sta contattando per affidargli la gestione della società. Vedremo se questa vicenda riuscirà ad avere sviluppi positivi nei prossimi giorni.
FONTE IL QUOTIDIANO.IT" 62

 

10/4/2006 Bignone e Sarri: probabile l'esonero

La sconfitta interna contro l'Avellino potrebbe causare il provvedimento di esonero del tecnico Sarri.
Squadra senza identità, squadra che rischia, ora, di essere risucchiata. E con un allenatore in bilico che a questo punto è veramente ad un passo dall'esonero.
"Sarri? Le sensazioni sono brutte - ha detto il ds abruzzese Bignone al quotidiano Il Mattino - perchè non vediamo lo spirito di una squadra che deve salvarsi e vanno trovate le prestazioni giuste"".
Il tecnico commenta così la sconfitta, quasi a condividere la sensazione della dirigenza.
""Non so cosa è successo al mio Pescara. Una prestazione sconcertanti dal punto di vista caratteriale. Con l'Avellino mi aspettavo una reazione. Siamo passati da quello che eravamo, una squadra aggressiva, ad una squadra apatica.
Si tratta di un'involuzione della quale mi devo assumere le responsabilità primarie. Difficile capire cosa sia successo.
Comunque, non mi sembra un problema solo tecnico o solo mentale. Mi sembra una squadra che si è completamente persa. La sosta arriva nel momento più opportuno anche perchè vedo i miei calciatori impauriti e questo mi preoccupa"".
fonte goal.com"

 

10/4/2006 Ammazzalorso al posto di Sarri?
Nella giornata potrebbe concludersi l'avventura biancazzurra di Maurizio Sarri. I 45 punti guadagnati in campionato, che centrano quasi gli obiettivi societari, non bastano a colmare la delusione per la terza sconfitta casalinga del Pescara. Il tecnico toscano, secondo il quotidiano ""Il Centro"" dovrebbe lasciare la panchina all' Italo-Argentino Aldo Luigi Ammazzalorso.
Ammazzalorso, da sempre capace di valorizzare i giovani, ha esordito in serie B nel 2004 con L'Ascoli. Tra le tante ha allenato la Sambenedettese, l'Avellino, il Catania, l'Ascoli e la Salernitana. Nel suo palmares ci sono quatrro promozioni di cui l'ultima in serie B con il Treviso nella stagione 2002-03.
 

9/4/2006 Purtet Rispet

Il titolo del nostro articolo riporta uno storico slogan che ha contraddistinto il tifo pescarese. Questo slogan torna piu' che mai utile in questo momento delicato in cui non sembrano esserci piu' certezze.
Le polemiche sulla squadra, sui singoli calciatori e sui vari tecnici hanno sempre fatto parte del Calcio.
La piazza Pescarese da sempre definita ""calda"" non è mai stata immune da queste polemiche che in alcuni momenti hanno toccato punti critici.
Quello che accade oggi a Pescara, nel mondo del calcio, è senza ombra di dubbio uno dei momenti piu' bassi della storia calcistica biancazzurra.
I risultati e le performace della squadra ci hanno abituati a basse classifiche e alle umiliazioni dei ripescaggi ma mai si erano viste polemiche cosi' accese tra tifosi.
Su internet se ne leggono sempre di tutti i colori ma questa volta si assiste sui vari muri dedicati ai tifosi del Pescara a una vera e propria guerra fratricida tra tifosi.
Non è nostra intenzione alimentare polemiche sul tifo organizzato ma quello che si va delineando con delle semplici accuse su tastiera è un concreto segnale da non sottovalutare.
I post sui muri e i così detti tifosi da tastiera sono la punta dell'iceberg che cova sotto il mare delle delusioni sportive.
Sottovalutare le dicerie e i pettegolezzi via internet significa sottovalutare una realtà; una pericolosa realtà.
Noi di solopescara.com che assistiamo, anche sul nostro muro, a questo principio di attacco fatto in modo subdolo attraverso la rete ci sentiamo di dover dire la nostra.
Il gruppo Pescara Rangers (con il quale si condivide solo la passione sportiva) è oggi al centro di polemiche per mancate contestazioni.
Bisogna chiedersi pero' se insinuare voci calugnatorie su chi dal 1976 canta e ha cantato il Pescara in tutti gli stadi d'Italia sia giusto.
Noi crediamo che le pessime voci di ""dipendenza"" e altro sui Pescara Rangers debba essere messa a tacere perchè mettersi gli uni contro gli altri anche se solo sulla tastiera di un pc non è accettabile.
Cosi' come non è accettabile pensare che il rispetto e la considerazione passi attraverso la violenza e gli scontri.
I Tifosi, ormai in via di estinzione a causa di questo mondo fatto di euro e sempre meno ideali, cercano di sopravvivere e danno il loro fondamentale contributo ad ogni giornata.
I Pescara Rangers (come tutti gli altri gruppi organizzati) che nel tempo, attraverso mille difficoltà, continuano a portare e a cantare i nostri colori sono degni solo e sempre di RISPETTO.
Questo calcio malato fatto di business, pay per view, calciatori senza bandiere e altro ancora non ha certo bisogno dell'ennesimo colpo basso. Solo uniti e con reciproco rispetto si vince.
SEMPRE E SOLO FORZA PESCARA.
 

132 8/4/2006 A fine gara Sarri e Colomba.
Franco Colomba, tecnico dell'Avellino a fine gara: ""risultato importante anche perchè gli altri continuano a fare punti. Ci abbiamo creduto sin dall'inizio e abbiamo sempre cercato la vittoria. questa volta ci è andata bene.""
Maurizio Sarri, ivece, non ha alibi per l'ennesima sconfitta interna: `Pescara irriconoscibile che ha meritato di perdere`. `In queste ultime settimane abbiamo perso la nostra identita` e il nostro carattere - ha detto - C’e` stata una certa involuzione, anche tecnica.
Io mi assumo tutte le responsabilita` e mi metto in discussione da solo. Oggi mi riesce difficile capire cosa e` successo, la settimana di sosta dovra` servire proprio a questo e a trovare i rimedi`
Sarri poi negli spogliatoi ha trovato i tifosi che hanno scelto la via più diretta per dimostrare il prorpio dissenso.
Una gruppo di tifosi della Nord si è presentato negli spogliatoi per un faccia a faccia con Sarri e i giocatori.
La salvezza non è piu' scontata e alla luce del calendario di fine stagione e dai risultati delle dirette concorrenti si fa addirittura difficile.
La società? vedremo e sentiremo in settimana.
 

8/4/2006 Pescara 0 Avellino 2

L'Avellino riesce ad espugnare l'Adriatico con un secco 0-2 grazie a determinazione e cattiveria agonistica seguito da circa 300 tifosi irpini.
Il Pescara parte bene e cerca di creare occasioni con un'Avellino attendista ma il primo quarto di gioco va via tra noia e errori in campo.
Emozioni arrivano al 20' Pt con Vigna che controlla dai 25 metri e di collo pieno calcia a spiovere, Cecere con un colpo di reni devia in angolo con la punta delle dita.
Al 24' Pt ci prova Bau' su calcio piazzato ma la conclusione centrale è facile per il portiere irpino.
Al 28' Pt è la volta dell'Avellino che ci prova con Rastelli che dalla destra mette in mezzo per Danilevicius che conclude male e Avramov blocca.
Al 36' Pt l'Avellino passa in vantaggio. Albino serve Boudianski che al volo di collo pieno batte Avramov.
Il pescara pratricamente nullo sul campo, spento ed impacciato non arriva con determinazione dalle parti di Cecere.
Nel secondo tempo le squadre tornano in campo con le stesse formazioni. L'Avellino determinato al 10' st riesce a pervenire al raddoppio grazie ad un tocco sottomisura di danilevicius su assist di Albino.
Il contestatissimo Sarri tenta la doppia carta Matteini-Gautieri per Bau'- Aquilanti. Poi al 25' st ancora Sarri prova a mettere Jadid per Croce.
Al 27' st proprio Gautieri serve jadid che sforbicia al volo ma viene ostacolato da Minieri.
Al 37' st Jadid si fa espellere per doppia ammonizione dimostrando di essere veramente lontano dal campo, dalla squadra e dai tifosi.
La tribuna dell' Adriatico comincia a svuotarsi mentre si fanno sempre piu' forti i cori di contestazione della nord.
Velleitarie le speranze del Pescara di riuscire a rimettere in sesto la gara.
L'espulsione di Jadid, le giuste contestazioni e soprattutto la mancanza di determinazione segnano il risultato.
la gara si chiede con l'ennesima azione offensiva degli irpini con Albino che offre una palla d'oro a Boudianski il cui piattone viene bloccato a terra da Avramov.
Pescara in piena crisi. Qualcuno, ora che si parla di obiettivo salvezza a buon ragione, sarà contento. Uscire dalla crisi, magari all'ultima giornata, sarà come vincere un campionato.
 

6/4/2006 Ultime notizie sulla squadra

Mario Mazzoleni della sezione di Bergamo è stato designato a dirigere Pescara-Avellino di sabato alle 16:00.
Sarà assistito dai sigg.ri Enrico Ceniccola di Roma 2 e da Riccardo Di Fiore di Aosta. IV° ufficiale Gaetano Zonno di Bari.
Proprio in occasione della partita di sabato, la squadra biancazzurra scenderà in campo con apposta la scritta Mai +’. Con questo messaggio la Pescara Calcio intende promuovere il proprio progetto sociale finalizzato al sostegno delle associazioni di volontariato ONLUS, operanti sul territorio nazionale. Per questa circostanza il Pescara sosterrà Telefono Azzurro e il contenuto del messaggio sociale sarà Mai +’ violenze sui bambini.
Le maglie utilizzate dai calciatori del Pescara in questa partita saranno autografate dai protagonisti e messe all’asta su internet. Parte del ricavato di questa asta sarà devoluto a Telefono Azzurro che ha deciso di sostenere Mai +’. Inoltre all'ingresso della Tribuna Maiella sarà presente un banchetto di Telefono Azzurro attraverso il quale si potrà reperire materiale informativo e contribuire all'attività della ONLUS.
Infine nelle file biancazzurre nell'ultima seduta di preoparazione non si sono allenati Gonnella e Zoppetti. Cammarata ha lavorato a parte.
Nessuna lesione muscolare per l'ex atalantino Gonnella. Zoppetti invece ha una microlesione all'inserzione dell'inguine che lo costringerà a qualche giorno di stop.
Il rientro probabilmente avverrà contro il Piacenza (Zoopetti era comunque squalificato).
Sarri intanto, in attesa dello sblocco della situazione sul rinnovo contrattuale, si dice poco interessato alle polemiche e sul suo futuro a Pescara risponde che è'una domanda da rivolgere al direttore sportivo o al presidente della società.
 

5/4/2006 Pescara - Avellino: scontro verità.

Nel Pescara rientrato da Trieste cè aria pesante e lo stesso Sarri non trova giustificazioni per le prestazioni dei biancazzurri.
La situazione è delicata e bisogna iniziare a tirare i bilanci della stagione in vista dei rinnovi contrattuali.
Settimana intensa per tutti a partire da Sarri che dovrà tentare di ricostruire una squadra che si è sgretolata sul piu' bello tenendo presente che in via Mazzarino non hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali ma se per raggiungere la salvezza dovranno sacrificare qualcuno, lo faranno.
La gara interna di sabato contro l'Avellino appare fondamentale e chiuderebbe definitivamente il discorso salvezza.
La preparazione settimanale alla gara contro l'Avellino inizia con il giudice sportivo che squalifica per un turno Zoppetti e Biancolino.
Preoccupano poi le condizioni di Natale Gonnella, uscito nell'intervallo della gara di Trieste, per un risentimento muscolare. Al momento non vi sono certezze sulla sua partecipazione alla gara di Sabato.
Faranno, invece, il loro rientro nel gruppo biancazzurro Croce, Baù, l'ex Daniele Cinelli e Pesaresi che ha smaltito l'influenza.
Fabrizio Cammarata, invece, sta lavorando per recuperare dall'infortunio al flessore della gamba destra.
Nella squadra irpina invece salteranno la gara di Pescara (oltre a biancolino squalificato) Monticciolo infortunato e Fusco, alle prese con problemi ai flessori.
Le tifoserie di Avellino intanto si preparano alla trasferta in terra d'Abruzzo e sembra che la società sia disposta a mettere a disposizione del Centro Coodinamento club, dei pullman per Pescara.
Quindi sabato all'Adriatico il lupi irpini potranno sicuramente contare su un cospicuo seguito di supporters.

 

5/4/2006 "Danilevicius: ""A Pescara x la salvezza"

Il lituano chiama a raccolta i tifosi: l'Avellino non può più sbagliare.
Pescara crocevia della stagione. Vincere vorrebbe dire continuare a respirare, non farlo vorrebbe dire salutare ogni sogno di gloria (o salvezza). Tomas Danilevicius ne è consapevole e parla del prossimo impegno dei lupi come un ""dentro-fuori"".
"I tifosi devono continuare a crederci - ha detto il bomber al quotidiano Il Mattino - come stiamo facendo anche noi, credetemi. Peccato che non lo si riesca sempre a vedere in campo; peccato che i nostri mali antichi: ansie, paure, insicurezze, a volte riemergono. Peccato che anche se riusciamo a superare dopo un pò il gap e a rimontare, non riusciamo però a concretizzare nel finale.
Sabato a Pescara, dove ci giochiamo una fetta di salvezza, per noi inizia l’ennesimo mini nuovo campionato. Dovremo fare sempre risultato e soprattutto iniziare a vincere anche fuori casa"".
 

4/4/2006 Pescara: Sarri `Una partita scadente`

Maurizio Sarri non e` contento, dopo la sconfitta per 2-0 patita con la Triestina: `E` stata una partita scadente`. Al termine della gara, il tecnico degli abruzzesi ha precisato: `Abbiamo fatto una brutta partita, questo e` quanto.
Per 65` minuti non siamo stati in grado di tenere il solito atteggiamento, siamo stai piu` bassi del solito e in difficolta` nel rialzarci verso l`area avversaria. E paradossalmente abbiamo subito gol con la difesa alta`.
Sarri conclude: `Sapevamo che nell`arco della stagione dovevamo pagare qualcosa, e lo stiamo facendo adesso; comunque oggi abbiamo perso contro una squadra che ha fatto una partita normalissima`.

 

4/4/2006 Triestina 2 Pescara 0

Il posticipo della 35ª di serie B sorride alla Triestina, che supera 2-0 il Pescara. Decide una doppietta di Eliakwu al 65' e all'82'.
Circa 30 i tifosi biancazzurri presenti al Nereo Rocco.
Il Pescara scende in campo con Matteini unica punta supportato da Jadid e Bonfiglio.
La Triestina in emergenza per infortuni e squalifiche gioca senza i difensori titolari.
La partita si apre su un campo appesantito dalla pioggia ma la Triestina sembra avere una marcia in piu' e lo si vede fin dall'inizio.
Al 6 pt Marchini dalla destra, in dribbling, crossa in mezzo dove trova il nigeriano Eliakwu che manca la conclusione di poco nella confusione della difesa pescarese.
Al 13 pt Delli Carri anticipa Borgovello, servito da Eliakwu, che in area era pronto alla battuta vincente su Avramov.
Al 15 Borgovello mette in mezzo un campanile per Eliakwu che solo di fronte a Avramov manca clamorosamente la conclusione.
Al 21 pt ancora la Triestina in avanti con un cross in profondità di Mammarella per Marchini che in scivolata manca di poco la deviazione vincente.
Al 25 Marchini con l'ennesima incursione sulla fascia destra salta Aquilanti e tira in porta. Il tiro teso e violento centra Gonnella che salva il Pescara.
La Triestina costruisce azioni e tenta di finalizzare e il Pescara mai pericoloso tenta timide reazioni.
Delli Carri supplisce le mancanze di Aquilanti e Lorenzi.
Intorno alla mezzora di gioco si fa Vivo il Pescara che batte il primo corner e accenna una reazione con una buona combinazione tra Bonfiglio e Jadid.
Sul finire della prima frazione di gioco la partita si fa vivace con numerosi capovolgimenti di fronte ma il Pescara non si rende mai veramente pericoloso e appare macchinoso.
Matteini spaesato non sembra in grado di dialogare bene con il resto della squadra.
Nel secondo tempo Gonnella esce per infortunio e al suo posto entra Lorenzi.
In campo la musica non cambia; Triestina in avanti e Pescara in contenimento.
Marchini dalla destra produce cross in quantità industriale senza curarsi di Aquilanti che fa quello che puo'.
Galloppa, Mammarella e Eliakwu intanto iniziano a fare il tiro al bersaglio su Avramov centrando qua e la qualche difensore pescarese.
Il solo delli Carri sembra ricordarsi di come si gioca in difesa e fa praticamente tutto da solo.
Al 65 da un'errore di lorenzi nasce il gol della Triestina.
Eliakwu lanciato in profondità sul limite del fuorigioco dal nr. 48 Triestino si trova completamente solo di fronte a Avramov e lo batte con Freddezza con un rasoterra.
La partita cambia con il Pescara sbilanciato in avanti alla ricerca del pareggio. Al 67 st bisogna annotare una buona conclusione di Bonfiglio dalla distanza.
Al 70 st Sarri mette dentro Gautieri per Vigna.
Al 74 inizia la lunga serie di contropiede della Triestina che sfrutta l'arrembaggio Pescarese.
Da un corner pescarese ribattuto Lima e Eliakwu si lanciano in corsa contro Avramov ma non riescono a batterlo.
All'80 un bel sinistro in girata di Jadid viene messo fuori da Rossi che finalmente si impegna e sporca i guanti.
Al 81 Sarri butta dentro anche Ciofani per Bonfiglio.
Al 82 st ancora Eliakwu punisce il Pescara. Lanciato in contropiede di fronte a due difensori biancazzurri sorprende tutti con un tiro di controbalzo dai 25 metri che finisce in rete senza neanche la reazione di Avramov.
Al 83 il Pescara che continua a provarci colpisce un palo con Delli Carri di Testa.
La Triestina continua a provarci e prima Galloppa e poi Eliakwu sfiorano il terzo gol.
Prestazione mediocre del Pescara nel quale si puo' salvare a pieni voti il solo Delli Carri.
In classifica i giuliani si portano a 45 punti, agganciando proprio gli abruzzesi.
 

 

31/3/2006 Presente e futuro passando per Trieste

In attesa di notizie certe sulla riconferma di Sarri sulla panchina del Pescara lo stesso tecnico si dice vicino alla società (e viceversa) e stempera le polemiche nate con parte della tifoseria.
A macchiare il rappporto con i tifosi ci sarebbe un gesto poco simpatico che il Mister Toscano avrebbe rivolto a un tifoso che lo aveva preso di mira.
Nella prossima settimana è atteso per Sarri l'eventuale rinnovo contrattuale ma si continua insistentemente a parlare di Ascoli e dell'ex Gasperini.
Proprio l'ex biancazzurro Gasperini sulla possibilità di un avvicendamento, la prossima stagione, proprio con Sarri sulla panchina biancazzurra, non nasconde che la cosa non gli dispiacerebbe affatto, aggiungendo di sentirsi a casa a Pescara.
L'amicizia con il direttore sportivo Iaconi, un passato da protagonista nella storia del club biancazzurro, la scadenza del controtta con il Crotone a giugno avvicinano Gasperini al Pescara. Vedremo.
Rinnovo, invece, non possibile per il portiere Serbo rivelazione del campionato di B Avramov.
Vlada Avramov, in prestito al Pescara e con un contratto con il Vicenza ancora per un anno, spera per la prossima stagione di calcare i campi di serie A.
L'opzione della Fiorentina per la prossima stagione gli lascia ben sperare e a fine campionato deciderà sul futuro con i dirigenti biancorossi del Vicenza.
Carlo Luisi, in prestito dal Piacenza, spera di poter restare a Pescara (la sua città) ma non puo' decidere autonomamente e il suo futuro si deciderà a fine stagione. Potrebbe essere, per la gioia dei tifosi, il Pescarese in campo bandiera del Pescara.
Tornando al campionato, nella formazione biancazzurra in preparazione per la gara di Lunedi' a Trieste migliorano le condizioni di Cammarata fermo per lo stiramento al flessore destro. Infortunio che gli impedirà di essere presente nel posticipo.
Spicca invece per la buona condizione Jadid che nell'amichevole disputata ad Ortona segna uno dei tre gol con cui il Pescara vince per 3 a 0. Oltre la buona prestazione dei biancazzurri la notizia è che ritorna al gol Davide Matteini che realizza, in torsione, un bel gol di testa.
Oggi (venerdi') la squadra effettuerà l'ultimo allenamento al vestina prima della partenza per Trieste prevista per sabato mattina.
Intanto proprio da Trieste le decisioni sul futuro della società sono state rinviate al 10 aprile.
L' assemblea dei soci, riunita a Trieste nello studio del notaio Camillo Giordano, ha rinviato al 10 aprile prossimo ogni decisione per quanto riguarda la possibilità di evitare il fallimento della società.
Entro quella data dovranno essere reperiti i 900.000 euro che, aggiunti all'offerta di 3,3 milioni già presentata dal gruppo Fantinel e ai 500-600 mila euro messi sulla bilancia dall'AcegasAps, dovrebbero permettere il salvataggio della squadra.
 

29/3/2006 BEN 3 SQUALIFICATI PER TS

Nel posticipo di lunedì sera a Trieste, Sarri dovrà rinunciare a ben 3 giocatori fermati per un turno dal giudice sportivo per somma di ammonizioni: mancheranno infatti l’ex Baù (tra i più in forma nel grigiore generale), Croce e Cinelli. Vedremo che tipo di formazione manderà in campo il mister per far risultato al Nereo Rocco, considerando che mancherà ancora l’infortunato Cammarata.

 

28/3/2006 La Triestina lunedi' sera.

 "La prossima gara di campionato per i biancazzurri è prevista per lunedi' sera alle 20.30 allo stadio N.Rocco di Trieste contro la Triestina.
In Friuli i biancazzurri dovranno fare ancora a meno di Fabrizio Cammarata (la Risonanza Magnetica ha evidenziato una lesione di circa 1 cm al flessore della coscia destra) che resterà fermo una decina di giorni.
Oltre a lui dovranno saltare Trieste Cinelli, Croce e l'ex di turno Eder Baù, per squalifica. Torna disponibile Jadid dopo la doppia sosta forzata.
La Triestina, dopo un netto 0-2 al Verona, si trova a quota 42 punti in classifica e cercherà con la vittoria di agganciare proprio i biancazzurri in classifica e di portarsi fuori dalla zona retrocessione. Dunque Sarri, per l'ennesima partita cruciale, dovrà cambiare la squadra per le dovute sostituzioni e dovrà tentare di cambiare anche la testa e la mentalità ad una squadra che sembra aver smarrito la propria identità."

 

28/3/2006 Lecce Milan in Puglia

 "La CAF accoglie il ricorso del Lecce e dunque Lecce-Milan si giocherà in Puglia e non a Pescara il prossimo sabato 1 Aprile.
E' questa la conseguenza del dispositivo della CAF che annulla la squalifica di un turno al campo del Lecce riabilitando così lo stadio di ""Via del Mare"" dove Lecce-Milan si terrà regolarmente.

 

25/3/2006 Pescara 1 Crotone 2 "
Pesantissima battuta d'arresto interna del Pescara che butta via tre punti che avrebbero additittura consentito di sognare.
Il primo tempo combattuto e giocato soprattutto dai calabresi si chiude sullo 0-0 con il Pescara in crescita.
Nella ripresa si rivede il Crotone in avanti determinato al risultato positivo ma è il Pescara ad andare in vantaggio al 7° 2t con Vigna che butta la palla in rete raccogliendo un cross teso in area spedito da Bau'.
Il vantaggio motiva i biancazzurri che crescono in gioco e occasioni con Bau' e Matteini.
Inizia quindi la ruota delle sostituzioni aperta da Gasperini che inserisce Zeytulaev e Galardo per Sedivec e Piocelle.
Risponde Sarri che manda dentro Cinelli per Baù e Gautieri per Vigna. Ancora Gasperini prova Ferrari per Angelo.
In due parole Pescara arretra e difende Crotone Attacca con difesa a tre.
Al 36°2t Avramov respinge su Pelle' e sulla palla giunge Konko che butta in rete senza problemi.
Pescara in confusione con Matteini impreciso e Crotone che prova a portare a casa tre punti.
Al 48’ la disfatta Pescarese passa attraverso Pellè che vince Avramov e il morale dello stadio Adriatico.
Nel dopopartita Maurizio Sarri non manda giu' la batosta Crotone e commenta amaramente il risultato definito ""oltre misura"".
Il tecnico del Pescara spiega che è stata una sconfitta che brucia soprattutto in chiave salvezza e il calo dei biancazzurri e` stato soprattutto psicologico.
Il gol del pareggio ha tagliato le gambe alla squadra e negli ultimi minuti il Pescara è rimasto in balia degli avversari subendo una dura punizione.
 

28/3/2006 Lecce Milan in Puglia.
"La CAF accoglie il ricorso del Lecce e dunque Lecce-Milan si giocherà in Puglia e non a Pescara il prossimo sabato 1 Aprile.
E' questa la conseguenza del dispositivo della CAF che annulla la squalifica di un turno al campo del Lecce riabilitando così lo stadio di ""Via del Mare"" dove Lecce-Milan si terrà regolarmente.
" 15
28/3/2006 La Triestina lunedi' sera.
"La prossima gara di campionato per i biancazzurri è prevista per lunedi' sera alle 20.30 allo stadio N.Rocco di Trieste contro la Triestina.
In Friuli i biancazzurri dovranno fare ancora a meno di Fabrizio Cammarata (la Risonanza Magnetica ha evidenziato una lesione di circa 1 cm al flessore della coscia destra) che resterà fermo una decina di giorni.
Oltre a lui dovranno saltare Trieste Cinelli, Croce e l'ex di turno Eder Baù, per squalifica. Torna disponibile Jadid dopo la doppia sosta forzata.
La Triestina, dopo un netto 0-2 al Verona, si trova a quota 42 punti in classifica e cercherà con la vittoria di agganciare proprio i biancazzurri in classifica e di portarsi fuori dalla zona retrocessione. Dunque Sarri, per l'ennesima partita cruciale, dovrà cambiare la squadra per le dovute sostituzioni e dovrà tentare di cambiare anche la testa e la mentalità ad una squadra che sembra aver smarrito la propria identità."
 

25/3/2006 Pescara 1 Crotone 2
Pesantissima battuta d'arresto interna del Pescara che butta via tre punti che avrebbero additittura consentito di sognare.
Il primo tempo combattuto e giocato soprattutto dai calabresi si chiude sullo 0-0 con il Pescara in crescita.
Nella ripresa si rivede il Crotone in avanti determinato al risultato positivo ma è il Pescara ad andare in vantaggio al 7° 2t con Vigna che butta la palla in rete raccogliendo un cross teso in area spedito da Bau'.
Il vantaggio motiva i biancazzurri che crescono in gioco e occasioni con Bau' e Matteini.
Inizia quindi la ruota delle sostituzioni aperta da Gasperini che inserisce Zeytulaev e Galardo per Sedivec e Piocelle.
Risponde Sarri che manda dentro Cinelli per Baù e Gautieri per Vigna. Ancora Gasperini prova Ferrari per Angelo.
In due parole Pescara arretra e difende Crotone Attacca con difesa a tre.
Al 36°2t Avramov respinge su Pelle' e sulla palla giunge Konko che butta in rete senza problemi.
Pescara in confusione con Matteini impreciso e Crotone che prova a portare a casa tre punti.
Al 48’ la disfatta Pescarese passa attraverso Pellè che vince Avramov e il morale dello stadio Adriatico.
Nel dopopartita Maurizio Sarri non manda giu' la batosta Crotone e commenta amaramente il risultato definito ""oltre misura"".
Il tecnico del Pescara spiega che è stata una sconfitta che brucia soprattutto in chiave salvezza e il calo dei biancazzurri e` stato soprattutto psicologico.
Il gol del pareggio ha tagliato le gambe alla squadra e negli ultimi minuti il Pescara è rimasto in balia degli avversari subendo una dura punizione.
<br>" 58

 

24/3/2006 Lecce Milan a PE
Sabato 1 aprile ore 18,15, l’Adriatico ospiterà la partita di campionato di seria A Lecce – Milan a causa della squalifica di un turno al campo dei salentini dovuto alle intemperanze dei sui tifosi. 67

24/3/2006 Cantanti vs Zelig a PE
"Domenica 2 aprile, l’Adriatico ospiterà la Partita del Cuore fra la nazionale Cantanti e la squadra dei comici di Zelig, il cui incasso sarà devoluto in beneficenza.
I prezzi sono i seguenti: curve € 5, distinti € 10 e tribune € 15." 38

 

23/3/2006 Arbitra Herberg
La gara di Sabato prossimo 25 Marzo valida per la 34a giornata di ritorno del campionato di B TIM tra Pescara e Crotone sarà diretta dal siciliano Roland Herberg.
<br>
Herberg sarà coadiuvato da Francesco Milardi di Reggio Calabria e Maurizio Viazzi di Imperia.
IV° uomo Carlo Marrocco di Pisa.
<br>
" 19

 

23/3/2006 Ultime notizie
"Nel Pescara iniziano ad arrivare scadenze importanti come quelle contrattuali.
Dopo la vicenda degli stipendi non pagati Dante Paterna è chiamato a dare serietà all'ambiente e la coppia Sarri-Bignone (in scadenza di contratto) potrebbe essere la garanzia che i tifosi cercano.
Nella prossima settimana il Presidente dovrà trovare un accordo non facile con la coppia che è riuscita a portare il Pescara alla salvezza attraverso un campionato dignitoso dopo due retrocessioni consecutive.
Maurizio Sarri corteggiato da altri club potrebbe facilmente trovare alternative alla piazza pescarese per la prossima stagione salendo addirittura di categoria.
Quindi il rinnovo di Mister Sarri appare tutt'altro che scontato. Vedremo se il progetto Pescara Calcio esiste e se andrà avanti con chi.
Intanto dal ritiro Umbro arrivano buone notizie soprattutto per il morale.
Bonfiglio si è allenato a parte per un piccolo risentimento muscolare che non dovrebbe comunque pregiudicare il suo impiego nella gara di sabato.
L'ecografia esclude lesioni importanti per Cammarata rimasto vittima di infortunio sabato scorso a Rimini.
Il numero 11 salterà certamente la gara interna con il Crotone come pura Jadid che sconterà la seconda pesante giornata di squalifica rimediata contro l'Albinoleffe.
Proprio in tema di giustizia sportiva dopo la trascorsa giornata di campionato sono state rese note le decisioni del Giudice Sportivo che ha diffidato Luca Tognozzi per il giallo rimediato sabato scorso a Rimini.
Con lui sale a 8 il numero dei diffidati in casa biancazzurra.
Sono diffidati a rischio squalifica anche Aquilanti, Cinelli, Croce, Matteini, Zoppetti, Baù e Luisi.
Nessuno squalificato neppure per il Crotone ma il giudice ha confermato le ammonizioni di Rossi, Cardinale e Juric.
Questi ultimi due vanno così ad arricchire il lungo elenco dei diffidati rossoblu che annovera inoltre Konko, Maietta, Piocelle e Sedivec.
Per finire segnaliamo che il Crotone ha reso noto che la sede del ritiro (Francavilla al Mare) verrà raggiunta il giorno prima della gara e il rientro avverrà in pullman subito dopo la partita.

 

21/3/2006 Giocatori in ritiro
"La notizia del giorno e` che nonostante la splendida prova di sabato a Rimini, la squadra tornera` ancora in ritiro.
Questa e` la decisione, come si legge sul sito della societa` adriatica, scaturita all`interno dello spogliatoio dopo un incontro tra i giocatori e la societa`.
Contrariamente alla scorsa settimana, dunque, in cui il ritiro e` servito soprattutto per riordinare le idee e le intenzioni, in questa circostanza sono stati gli stessi giocatori a chiedere alla proprieta` di poter effettuare un ritrovo piu` breve per continuare a beneficiare del clima positivo e dell`ottima organizzazione del lavoro che e` stata constata a Norcia.
Intanto la squadra ha ripreso il lavoro in vista della gara di sabato contro il Crotone. All`appello mancavano solamente Cammarata e Matteini. Il primo e` fermo in attesa del responso dell`ecografia a cui si sottoporra` domattina. Il secondo ha beneficiato di un permesso per fare ritorno nella sua Livorno.
Il presidente Paterna: ""Il ritiro è una libera scelta della squadra. Va apprezzata"


21/3/2006 Giovanni Galeone torna in A.
"Giovanni Galeone e` il nuovo tecnico dell`Udinese: il 65enne tecnico prende il posto di Sensini e Dominissini.
Il duo, alla guida tecnica dei friulani per 6 partite dopo aver sostituito Serse Cosmi, ha gettato la spugna dopo aver raccolto solo due pareggi. L`argentino ha rassegnato le proprie dimissioni, mentre l`ex allenatore del Como e` stato sollevato dall`incarico come conseguenza.
Galeone e` il terzo tecnico quest`anno a sedere sulla panchina friulana.
`Ho visto la squadra giocare - dice Galeone ai microfoni di Sportsera su Rai Due - il problema e` che il gruppo non e` abituato a lottare per la salvezza. Se pensiamo che sino all`anno scorso si lottava per un posto nell`elite europea, possiamo capire come la situazione attuale sia difficile da gestire`.
`I diretteri sportivi dicevano che la mia bravura era nello spiegare con semplicita`. Il neo allenatore dell`Udinese, intervienuto ai microfoni di RadioIncontro, ha precisato: `Vivo a Udine da tanti anni, mi sono sposato a Udine, ho giocato nell`Udinese, e ora devo cercare di mantenere in serie A la squadra.
<br>
Ancora non conosco bene la situazione, ma ho visto i ragazzi e posso dire che non erano allegri. La squadra e` passata, in pochi mesi, dalla possibilita` di entrare tra le prime 16 d`Europa al quartultimo posto, con un organico che puntava piu` in alto. L`Udinese non e` sta formata per raggiungere la salvezza, ma ha delle qualita` tecniche che dovrebbe far valere di piu`. E` mancato questo rispetto allo scorso anno.
I giocatori sono gli stessi della scorsa stagione, a parte Pizarro e Jankulovski.`
Galeone spiega i suoi primi obiettivi: `Sensini ha provato a lavorare sull`aspetto psicologico della squadra, ma non e` facile. E` la situazione che e` assurda, e i giocatori non se ne rendono conto. Far tornare il sorriso ai giocatori puo` essere facile se arrivano subito buoni risultati.
La proprieta` penso che sia del parere di lasciare la Coppa Italia. Non conosco ancora le condizioni fisiche dei giocatori, devo parlare anche con loro. Non sono sicuro sia il caso di snobbare questa competizione. Se i calciatori migliori che abbiamo devono rischiare degli infortuni, preferisco risparmiarli.`

 

18/3/2006 "Sarri ""vittoria insperata"
Maurizio Sarri nel dopopartita racconta la gara e si complimenta con la squadra.
<br>
Il tecnico biancazzurro definisce la vittoria a Rimini insperata e descrive una gara di contenimento volta a limitare i danni.
<br>
La classifica vede ora il Pescara a quota 45 a un passo dalla salvezza matematica.
 

18/3/2006 Rimini 0 Pescara 2
"Prima frazione di gioco comunque molto noiosa e priva di spunti interessanti.
<br>
Al 6’ da calcio d’angolo Pesaresi serve Delli Carri che viene pero' anticipato.
<br>
Al 10’ Cammarata si scontra con Baccin e dopo una rovinosa caduta l'attaccante biancazzurro deve lasciare il posto a Matteini.
Al 16’ il Rimini si fa vedere con una triangolazione con tiro finale di Moscardelli parato da Avramov.
<br>
Al 26’ i padroni di casa sfiorano il vantaggio con Motta che sorprende Avramov ma salva Delli Carri che Moscardelli.
<br>
Gli uomini di Acori provano ripetutamente il tiro anche dalla distanza ma Avramov fa buona guardia.
<br>
Il secondo tempo si apre con i padroni di casa determinati a non lasciarsi sfuggire l'occasione di raccogliere tre punti fondamentali e
Acori mette dentro Di Loreto per Valiani.
<br>
Risponde Sarri con mossa difensiva che vede Cinelli per Baù.
Nella ripresa cresce agonisticamente il Pescara e Acori butta dentro Rapito per Motta per tentare di avere la meglio sui biancazzurri.
<br>
A sette minuti dalla fine Sarri mette Gautieri per Vigna. Al 37’ la svolta della gara. Cinelli lancia Matteini che in area serve Croce in corsa che batte Dei con un tiro calibrato.
Il Rimini accusa il colpo e dopo quattro minuti il Pescara raddoppia ancora con Croce che sfrutta una palla a campanile in area avversaria e insacca di sinistro.
<br>
Il recupero di quattro minuti non cambia il risultato e il Pescara raccoglie tre punti scacciacrisi che danno respiro a tutto l'ambiente dopo cinque giornate in cui era riuscita a racimolare solo due punti.
<br>
" 152

 

18/3/2006 Pronti per il Rimini.
"A Rimini, allo stadio ""Neri"", saranno circa 400 i sostenitori biancazzurri.
Con Aquilanti e Pesaresi, Sarri ha a disposizione tutti gli uomini della rosa, tranne lo squalificato Jadid (seguirà comunque la squadra in Romagna).
Il tecnico biancazzurro potrebbe optare per un'inedito 4-5-1 da opporre al Rimini lasciando a riposo il numero 10 Luisi.
Questa la lista dei 22 convocati per il Pescara Calcio di Sarri:
Portieri: Avramov e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Delli Carri, Lorenzi, Gimenèz, Gonnella, Pesaresi e Zoppetti;
Centrocampisti: Cinelli, Croce, Jadid, Luisi, Pepe, Speranza, Tognozzi e Vigna;
Attaccanti: Bonfiglio, Cammarata, Ciofani, Gautieri e Matteini.
La RIMINI CALCIO Football Club rende noto l'elenco dei giocatori convocati dall'allenatore Leonardo ACORI per la partita di Campionato Rimini vs Pescara:
Portieri: DEI, PUGLIESI.
Difensori: BACCIN, BRAVO, D'ANGELO, DI FIORDO, DIGAO, MANFREDINI, MASTRONICOLA.
Centrocampisti: CARACCIOLO, DI GIULIO, DI LORETO, RICCHIUTI, TASSO, VALIANI.
Attaccanti: AMBROSINI, MOSCARDELLI, MOTTA, RABITO.
 

16/3/2006 Il punto della situazione .
"Il calabrese Francesco Squillace, 35enne geometra, dirigerà Rimini-Pescara.
Per la gara, valida per la 32° giornata di ritorno del campionato di serie B tim, sarà coadiuvato dai sigg.ri Walter Giachero di Pinerolo (TO) e Luca Ciancaleoni di Foligno (PG).
IV° ufficiale Giordano Bruno D'Alesio di Forlì.
Nel Pescara impegnato a smentire presunte crisi di spogliatoio in vista della gara in trasferta spicca la squalifica di Jadid per due giornate.
Aquilanti reintra dopo la febbre e Matteini sembra in buone condizioni dopo i problemi famigliari che lo hanno tenuto quasi due settimane fermo.
Sarri per nulla intimorito dalle critiche dei tifosi parla di calcio crudele e irriconoscente e sulle critiche mette una pietra sopra: ""chiacchiere da bar"".
Nel Rimini non ci sono squalificati ma mancherà CASCIONE, infortunatosi sabato scorso durante la gara Rimini - Avellino.
La rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro lo porterà ad almeno quattro mesi di stop.
L'ultima vittoria del Rimini in questo campionato risale al 7 gennaio scorso in casa contro l'albinoleffe. Da allora 7 pareggi e tre sconfitte.
Gli uomini di ACORI a quota 39 in classifica sembrano molto motivati e la vittoria interna consentirebbe ai romagnoli di agganciare proprio il Pescara a quota 42.

 

15/3/2006 2 TURNI A JADID
Il giudice sportivo a inflitto 2 giornate di squalifica a Jadid a seguito del cartellino rosso rimediato al 90' contro l'Albinoleffe. Un altra brutta tegola per Sarri. 39

 

13/3/2006 Tutti in ritiro senza punizione.
"Da oggi la squadra andrà in ritiro a Norcia per preparare al meglio al trasferta di sabato a Rimini.
Paterna ha tenuto a sottolineare questo aspetto, dichiarando che non si tratta di un ritiro punitivo; il presidente ha inoltre aggiunto che non c’è alcuna spaccatura fra squadra e allenatore.
Ci piacerebbe invece che si chiedesse se c’è qualche frizione fra società e squadra/tecnico" 53

 

12/3/2006 VERGOGNA PESCARA
"VERGOGNATEVI, così sono usciti i calciatori del Pescara dal campo, dopo aver perso in poco più di un mese per la terza volta contro l'ultima in classifica. Superfluo il commento tecnico, ormai la squadra è oltre un mese che ha smesso di giocare e non sappiamo per quale motivo: sicuramente si sarà rotto qualcosa all'interno dello spogliatoio e fra la squadra-tecnico e società.
Noi tifosi non meritiamo questa scempio, a noi non frega nulla di questi PICCOLI UOMINI (calciatori, staff tecnico, allenatore e società) noi AMIAMO IL PESCARA E DOBBIAMO ESSERE RISPETTATI: da oggi in poi non si guarderà in faccia più a nessuno e alla fine si faranno i conti che TUTTI DOVRANNO SALDARE!" 111
 

12/3/2006 Pescara-Albinoleffe 0-1
"Pescara sottotono e confusionario, apparso spento e poco propositivo.
Prima frazione di gioco nettamente a favore dell'Albinoleffe, pericolosi all’8’ con Testini, che ci prova da fuori area e Avramov respinge in corner.
L’attaccante si ripropone poco dopo, al 10’, ma non riesce a sfruttare al meglio un assist dalla sinistra di Regonesi.
Al 20’, altra occasione per la squadra ospite, questa volta con Russo, fermato dal portiere avversario.
Al 40’ si registra la prima vera azione offensiva da parte dei padroni di casa, con Vigna, che lascia partire un bordata, ma poco precisa.
L’Albinoleffe passa in vantaggio allo scadere del 45’, grazie a Iacopino, il quale segna su passaggio di Belingheri.
La ripresa vede una certa superiorita` da parte degli uomini di Sarri, che pero` non concretizzano.
Al 21’ Jadid sfiora il palo con un tiro dall’area; seguono una serie di occasioni per il Pescara, che tuttavia non si propone mai con la giusta determinazione.
Parecchio nervosismo nel finale di gara. Da segnalare due espulsioni, una per parte: al 43’ rosso diretto per Colombo, tra le file dell’Albinoleffe; lo segue negli spogliatoi Jadid, del Pescara, al 46’, allontanato dal campo per proteste.
L’Albinoleffe guadagna tre punti e sale a quota 28, comunque al terz’ultimo posto in classifica, in piena zona retrocessione. Il Pescara resta, invece, fermo a 42.
Dopo la pessima prestazione fornita contro l'Albinoleffe la società ha deciso di inviare la squadra in ritiro.
" 46

 

10/3/2006 I convocati per l'albinoleffe.
"Sarri convoca 20 giocatori:
Portieri: Avramov e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Delli Carri, Lorenzi, Gimenèz, Gonnella e Zoppetti;
Centrocampisti: Cinelli, Croce, Jadid, Luisi, Pepe, Speranza, Tognozzi e Vigna;
Attaccanti: Bonfiglio, Cammarata, Ciofani e Gautieri.
Per la gara di domani nei biancazzurri mancherà Pesaresi (fastidio muscolare), Baù (febbre), Triuzzi (febbre).
Recupero per Tardioli e Gonnella. Possibile 'impiego del giovane Vincenzo Pepe per l'esordio in serie B.

 

9/3/2006 Ultime news
Luca Marelli dirigerà Pescara-Albinoleffe come la gara di andata del 22 ottobre 2005.
<br>
Marelli, della sezione di Como, sarà assistito da Emilio Ferraro di Crotone e Alessandro Lulli di Roma 2.
<br>
IV° uomo Riccardo Tozzi di Ostia Lido (RM).
<br>
Intanto è utile sapere che i biglietti per la partita Rimini-Pescara di sabato 18 marzo 2006 (ore 16:00) saranno in vendita da lunedì al costo di 9,00 euro più il diritto di prevendita nei punti TicketOn.
<br>
A Pescara è possibile acquistare i tagliandi presso la tabaccheria Camaioni. La vendita verrà cessata sul circuito alle ore 19:00 di venerdì 17 marzo.
Il Rimini F.C. rende noto che, essendo la capienza dello stadio ""Neri"" inferiore ai 10.000 posti, non è necessaria la nominalità dei biglietti.
Per finire l’Area Marketing e Comunicazione della Pescara Calcio S.p.A. rende noto domenica prossima, 12 marzo 2006, dalle ore 10:00 alle 16:00 avverrà la terza ed ultima consegna degli omaggi riservati agli abbonati e ai mini-abbonati.
Per l’occasione saranno consegnate ai titolari di abbonamento intero le maglie da gioco ufficiali del Pescara, i cellulari e le schede telefoniche TIM.
Per ritirare il proprio omaggio è necessario presentarsi muniti del titolo di accesso unitamente ad un documento di identità valido. Come per i due precedenti incontri, anche in questa circostanza la distribuzione avverrà nei locali dello stadio “Adriatico”.
<br>
E’ possibile delegare per iscritto un parente o un amico a ritirare l’omaggio, semplicemente con un documento sottoscritto dal titolare dell’abbonamento o del mini-abbonamento indicando il nome della persona autorizzata che dovrà a richiesta esibire oltre al proprio documento di identità, anche il titolo di accesso.

 

8/3/2006 Il punto sulla B
"Stabilite le date per gli spareggi.
<br>
La Lega Calcio ha stabilito le date in cui verranno disputati playoff e playout per la attuale stagione del campionato di serie B. Le semifinali dei playoff avranno luogo giovedì 1 e domenica 4 giugno, mentre le finali giovedì 8 e domenica 11 giugno.
I playout, per evitare la retrocesione, invece si giocheranno sabato 3 e mercoledì 7 giugno.
PESCARA: Matteini a casa.
Matteini ancora a casa in permesso per motivi familiari e tornerà a Pescara solo il prossimo lunedi'.
Piccoli problemi per Gonnella (torcicollo) e Pesaresi (dolori al ginocchio), mentre per Tardioli e Bau' cè la febbre.
Intanto il giudice sportivo ha reso noti i provvedimenti nei confronti dei giocatori e società e il Pescara risulta senza squalificati.
Entra in diffida (10^ sanzione) Carlo Luisi che va a fare così compagnia a Matteini, Cinelli, Baù, Zoppetti e Croce. Nessuno squalificato tra le fila dell'Albinoleffe.
CESENA: Inibito Lugaresi.
Inibito fino al 20 marzo il presidente del Cesena, Giorgio Lugaresi, per offese alla terna arbitrale al termine della gara col Piacenza.
TRIESTINA: nominato nuovo presidente.
Toto' De Falco e' il nuovo presidente della Triestina Calcio. Lo ha deciso a Trieste, in via ufficiale, il cda della societa'.
Nel corso della riunione - a quanto si e' appreso - e' stata deliberata, con l'astensione di De Falco, la revoca del contratto di consulente sportivo che l' ex presidente, Flaviano Tonellotto, aveva strappato alla moglie Jeannine Koevoest.
Nei confronti di Tonellotto e' stata anche emessa una diffida ad avvicinarsi alla squadra.
MODENA: Baraldi Presidente.
Il presidente Amadei ha di fatto passato la mano affidando la carica di presidente al manager Baraldi.
Dopo essere uscito dal Parma lo scorso giugno, Baraldi torna quindi nel calcio con la carica di presidente del club della sua citta', che gli verra' conferita a fine mese dal cda della societa'.
TORINO: ritiro e contestazioni.
Clima relativamente calmo all’allenamento mattutino dopo la contestazione a De Biasi. Posticipata la partenza per il ritiro.
La partenza per il ritiro di Salice Terme avverra` mercoledi`, al termine dell’amichevole a Cumiana contro i locali.
Con la squadra partira` anche il presidente Cairo. Intanto, tutti a disposizione tranne Stellone, che restera` fuori almeno tre settimane per un risentimento muscolare.
I tifosi del Torino hanno esposto uno striscione allo stadio di Orbassano con la scritta `De Biasi vattene`. Oramai i tifosi non sembrano sopportare piu` l`ex tecnico del Brescia.
Ad Orbassano, come riporta il sito toronews.net, il clima e` stato caldo: alla ripresa degli allenamenti una quindicina di ultras, venuti in rappresentanza di tutti i gruppi organizzati della Maratona, hanno contestato il tecnico granata, con uno striscione dal titolo inequivocabile.
BRESCIA: Comunicato stampa della squadra.
La rosa del Brescia ha diramato un comunicato stampa pubblicato sul sito internet ufficiale della società.
La nota recita: ""Desideriamo esprimere a Rolando Maran e ai suoi collaboratori il nostro ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla guida della squadra e per il grande rapporto umano instaurato con tutti.
Desideriamo inoltre augurare loro le migliori fortune professionali per il futuro, mentre portiamo il benvenuto al signor Zeman al quale assicuriamo tutta la nostra professionalità"", firmato La squadra.
 

8/3/2006 PESCARA: Paterna paga stipendi.
Dante Paterna di ritorno dall'Argentina rilascia dichiarazioni riguardanti il momento di crisi che imperversa tra i biancazzurri.
Dette dichiarazioni sono riportate sul quotidiano ""il centro"".
<br>
Paterna in sintesi dice: ""Mi assumo la responsabilità dell'accaduto. Sono pronto a pagare due stipendi ai tesserati, quelli di dicembre e gennaio... mi assumo le responsabilità degli equivoci che sono sorti.""

 

6/3/2006 Sarri: tre a zero pesante
"Maurizio Sarri, allenatore strappato
alla banca per votarsi al calcio che
conta. Probabilmente sarà stato un
bancario modello, ma certo come trainer
sembra avere carte in regola, sia dal
punto di vista umano, sia come
intelligenza calcistica, con quel tanto di
senso dell’ironia che non guasta mai,
meno che meno nel mondo dei piedi.
<br>
Sarri in tuta nera, parlata spiccia,
toscanamente toscana, è sereno.
<br>
Eccessivi i tre gol per quello che ha fatto
vedere il Pescara? «Sì, eccessivi -
conferma - perchè abbiamo giocato.
Nel primo tempo non abbiamo concesso
quasi nulla e non abbiamo messo dentro
una palla buona. Poi è venuto il gol di
Del Nero che è apparso abbastanza
frutto della casualità. Abbiamo avuto
altre due palle gol, ma Cammarata non
ne ha approfittato. Il 3-0 è pesante, ma
certo ha contato la differenza tecnica tra
noi e il Brescia. Quattro palle-gol per
il Brescia e tre gol. Quattro per noi e
nessun gol. Poi il 2-0 ci ha messo
decisamente nei guai. Anche qui, Milani
ha tenuto in campo una palla
impossibile, ha avuto tutto il tempo di
metterla a terra, di guardare in area e
crossare. Il tutto in nove o dieci secondi,
La nostra difesa aveva ancora la testa
all’attacco, l’attenzione in questo caso è
calata in maniera vistosa».
<br>
Perché i suoi giocatori hanno
protestato a lungo sul primo gol?
«Perché l’arbitro aveva alzato la mano
per la punizione a due. Poi lo stesso
arbitro ha spiegato, invece, che aveva
alzato il fischietto per dire che avrebbe
fischiato lui. È pur vero che quando è
partita la punizione di Del Nero non
aveva più la mano alzata. Però, poteva
tenerla anche un po’ più bassa».
Come mai i giocatori sono in silenzio
stampa? «Hanno pensato di starsene
tranquilli per quattro o cinque giorni la
scorsa settimana. Una scelta loro».
<br>
Tre a zero all’andata, altrettanto oggi,
una differenza eccessiva? «Alla fine la
qualità tecnica è stata decisiva, però mi
sembra che quella di oggi sia stata una
vittoria più casuale che all’andata». Il
portiere, allora come oggi, è stato quasi
determinante... «Sì, evitare il gol in un
momento cruciale è decisivo. Poi, come
ho detto, su otto occasioni da gol,
quattro per parte, il Brescia ne ha messe
a segno tre, noi nemmeno una».
<br>
Come vede il campionato?
«Lunghissimo, nessuna squadra è sicura
di niente. È devastante dal punto di
vista psico-fisico». Credete ancora nei
play off? «Noi pensiamo ai 50 punti e poi
si vedrà». Il Pescara ne ha già 42.
Complimenti, comunque: «Si va bene,
ma se ci fosse stato anche un
punticino...».
<br>

<br>Egidio Bonomi ""giornale di Brescia - sport""" 61

 

4/3/2006 Brescia 3 Pescara 0
"Il Brescia nonostante le assenze riesce a vincere una partita importante agguantando il quarto posto in classifica contro un Pescara veramente brutto che si è fatto colpire due volte nel secondo tempo in contropiede mentre tentava di recuperare il risultato.
Dunque Brescia in emergenza senza cortellini milanetto, Alberti, Santoni e stanchevicius squalificato nel Pescara rientra Cammarata dopo tre settimane di stop.
La partita arbitrata da Gava di Conegliano Veneto si apre con un infortunio al 4' del 1° t per il centrocampista del Brescia Strada che in uno scontro del tutto fortuito con Bau' riceve un colpo al ginocchio destro.
Bau' sbilanciato da Mannini rovina su strada e Il centrocampista nr. 40 bresciano sarà costretto ad uscire al suo posto entra Del Nero.
Gara all'inizio senza emozioni e molto equilibrata ed è Zoppetti con una punizione dalla distanza che finisce alta sulla traversa a chiamare la sveglia per le due formazioni.
Al 24' Tognozzi commette fallo sulla tre quarti su Possanzini.
Si incarica della battuta Del Nero che manda la palla direttamente in rete battendo clamorosamente Avramov con un tiro-cross senza pretese.
A nulla servono le proteste del Pescara per il mancato secondo tocco su battuta da punizione. Gava non aveva alzato il braccio, punizione di prima, Avramov sorpreso e Brescia in vantaggio.
Il Pescara ha pero' poi l'occasione di pareggiare i conti con bau' che si trova smarcato e lanciato a rete ma il tiro raso terra viene ribattuto di piede da Arcari.
Al 42' Del Nero da calcio d'angolo manda in area un pallone insidioso che tra le deviazioni della mischia si indirizza a rete e grazie al riflesso di Avramov e Zoppetti il Pescara scampa al raddoppio.
<br>
Nella Ripresa Jadid apre le ostilità con un superbo calcio dai 25 metri indirizzato all'incrocio dei pali che impegna in tuffo Arcari.
Al 27' 2° t Milani entrato al posto di Del Nero recupera un pallone che sembrava destinato fuori sulla fascia destra.
Palla in mezzo con traversone teso e basso a centro area che supera i difensori pescaresi ma al centro area arriva per Piangiarelli che in corsa trafigge Avramov con un tiro al volo che non lasciava scampo.
Doppio cambio subito nel Pescara fuori Croce e Cammarata per Gautieri e Bonfiglio ma la partita inizia a farsi nervosa e Gautieri e piangiarelli si scambiano manate in faccia sotto l'occhio del direttore di gara che ammonisce entrambi.
Dunque Pescara sotto di due gol e costretto a rincorrere ma anche a proteggersi dai contropiede.
Al 37' Mannini, lanciato in contropiede sulla fascia sinistra, serve con un cross Bruno che dal centro area in corsa scarica un tiro al volo che buca la rete.
Brescia tre Pescara zero.
Al 45' 2° t Gava concede un rigore al Pescara per un fallo di mani di Piangerelli che ferma la palla sulla quale Gautieri era lanciato a rete.
Sul dischetto va Gautieri che manda fuori mancando il gol della bandiera.
Qualcosa non funziona nella formazione di Sarri e squadra in silenzio stampa.
 

3/3/2006 Arbitra Gava di Conegliano.
"Gabriele Gava di Conegliano Veneto (TV) dirigerà Brescia-Pescara.
Per la gara sarà assistito da Elenito Di Liberatore di Teramo e Massimo D'Aguanno di Marsala (TP).
IV° ufficiale il sig. Luca Andolfatto di Bassano del Grappa (VI).
Per Gava è la seconda direzione in carriera con i biancazzurri dopo Vicenza-Pescara del 17 gennaio scorso." 33

3/3/2006 I convocati di mister Sarri.
"A Brescia senza Matteini.
Prima della partenza per la Lombardia, Davide Matteini, ha ottenuto un permesso per motivi famigliari.
In compenso torna in campo Cammarata (reduce da un infortunio 20 gg fa) e Lorenzi che ha scontato il turno di squalifica.
Mister Sarri ha diramato la lista dei 20 convocati per la trasferta di Brescia.
Portieri: Avramov e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Delli Carri, Lorenzi, Gonnella, Pesaresi e Zoppetti;
Centrocampisti: Cinelli, Croce, Jadid, Luisi, Speranza, Tognozzi e Vigna;
<br>
Attaccanti: Baù, Bonfiglio, Cammarata, Ciofani, Gautieri.
<br>" 52

 

28/2/2006 Sarri diffidato e multato.
"L' espulsione rimediata sabato scorso da Maurizio Sarri costerà solo una diffida e una multa di 1.000 euro.
<br>
Sempre in riferimento alla trascorsa gara l'espulsione al giocatore dell'Arezzo Raimondi costerà un turno di squalifica e 1.000 euro di multa.
<br>
Per quanto di interesse in casa biancazzurra si segnala la squalifica per un turno del bresciano Stankevicius che non sarà in campo, quindi contro il Pescara
Nel Pescara sono inoltre diffidati Baù, Zoppetti e Croce.
Inoltre è stato reso noto il calendario che prevede gli anticipi e i posticipi della 12/a giornata di ritorno della serie b.
<br>
Venerdì 17 marzo: Cremonese-Modena (ore 20.45);
<br>
Lunedì 20 marzo: Bologna-Atalanta (ore 20.45).
<br>" 36

28/2/2006 Vellucci parla a TMW.
"Il giovane centrocampista del Pescara Ivan Vellucci (classe '86), promettente esterno di fascia, in un'intervista a TMW parla della sue esperienza e del suo esordio in prima squadra.
In sintesi... ""Sono un prodotto del vivaio del Pescara.
<br> In quattro anni ho fatto tutta la trafila del settore giovanile abruzzese, fino a raggiungere con immenso piacere la prima squadra"".
mi fa molto piacere essere con i 'grandi'... quest'estate in ritiro non mi sarei mai immaginato di poter figurare nella rosa della prima squadra, collezionando oltretutto ben cinque presenze tra campionato e Coppa Italia"".
L'obiettivo è arrivare un giorno a calcare il palcoscenico della serie A"".
intervista completa su http://www.tuttomercatoweb.com" 99
 

27/2/2006 Sarri a fine gara.
"Maurizio Sarri non nasconde la delusione: `Costruite almeno tre palle gol, l`Arezzo ha segnato alla prima occasione`. In sala stampa il tecnico parla distesamente del match casalingo: `Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, ma contro una squadra rocciosa come quella toscana non era facile rimontare`. Ancora: `Abbiamo avuto una buona reazione, forse la vittoria, in superiorita` numerica, poteva starci.
Per quanto mi riguarda, sono stato espulso ingustamente`." 58
 

25/2/2006 Pescara-Arezzo 1-1
"La partita si apre con grande vivacità del Pescara che offre controllo di palla e un buon gioco dimostrando soliditò e sicurezza.
Al 7' Matteini lanciato da Baù perde il tempo per il tiro e Bressan interviene e blocca la palla.
Al 15'Bau'con uno splendido lancio dalla tre quarti scavalca Carrozzieri e Galeoto e serve il pallone a Matteini che solo e di corsa manda a lato.
Al 20' Luisi mette in mezzo un pallone in verticale toccato da Vigna che finisce sempre su Matteini che in scivolata manda fuori.
Al 32' Confalone di testa manda verso Avramov raccogliendo un pallone verticale che taglia la difesa del Pescara.
Al 38' ammonito Bau'.
Al 45’ azione di contropiede dell'Arezzo costruito dalla destra da Floro Flores che riesce a servire in piena area Martinetti il quale non arriva alla deviazione a rete di testa per il provvidenziale intervento di Zoppetti.
Nel secondo tempo nessuna sostituzione da entrambe le formazioni.
Al 7' Martinetti segna il gol del vantaggio ospite con un piattone di destro raccogliendo con tranquillità un cross al centro di Barbagli. Martinetti senza pressione difesa colpevole.
Il Pescara accusa il colpo; gioco confusionario.
Al 13' L'arezzo sfiora il raddoppio su punizione di Floro Flores a tagliare in area sbuca Martinetti all destra di Avramov e rimette al centro un palla insidiosa che non trova pero' la deviazione.
Al 15' Avramov salva il risultato opponendosi alla grande su Floro Flores che arriva al tiro da nettissimo fuorigioco.
L'arezzo sembra avere in mano la partita con un Pescara inconcludente.
Al 20' entrano Jadid e Bonfiglio per Vigna e Matteini.
Proprio Jadid un minuto piu' tardi impegna da oltre 20 metri Bressan che in volo si salva deviando in angolo.
Al 22' Zoppetti sbaglia per la seconda volta una rimessa laterale e si fa ammonire per proteste.
Al 28' Ciofani subentra a Bau'.
Al 31' incredibile espulsione di Sarri per Proteste.
Al 32' Raimondi manda a quel paese l'arbitro per un'ammonizione e il direttore di gara risponde con un rosso che cambia le sorti della gara.
Arezzo dunque in 10 uomini e Pescara in crescita.
Al 37' occasione per Bonfiglio che scoordinato spreca di fronte a Bressan.
Al 39' un fuorigioco ferma Ciofani di fronte al gol del pareggio.
Al 41' Bonfiglio in area da buona posizione non trova il tempo per la battuta vincente.
Un minuto piu' tardi arriva pero' il tanto sospirato gol del pareggio. Ciofani raccoglie un cross di Pesaresi dalla sinistra che taglia l'area avversaria e da buona posizione mette in rete.
Al 43' croce si fa ammonire per proteste.
4 minuti di recupero concessi dall'arbitro sono tutti del Pescara che prova in ogni modo e con il cuore a fare proprio il risultato ma la partita finisce in parità.
Maurizio Sarri festeggia la 100a partita da professionista con un rosso e due punti mancati." 104

 

25/2/2006 I 20 Convocati.
"Sarri ha reso noto l'elenco dei 20 convocati per la partita contro l'Arezzo. Presenti Aquilanti e Delli Carri, in non perfette condizioni, in forse per la gara.
Portieri: Avramov e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Delli Carri, Gimenèz, Gonnella, Pesaresi e Zoppetti;
Centrocampisti: Cinelli, Croce, Jadid, Luisi, Speranza, Tognozzi e Vigna;
Attaccanti: Baù, Bonfiglio, Ciofani, Gautieri e Matteini.
" 44
 

24/2/2006 Probabili formazioni.
"Sarri per la gara con l'Arezzo è alle prese con il problema difesa.
Lorenzi squalificato, Aquilanti in rientro dall'under 21 e Delli Carri appiedato dall'influenza lasciano spazio all'esordio a destra dell'argentino Jimenez.
Dunque questa la probabile formazione con il consueto 4-3-2-1;
Aramov, Jimenez, Zoppetti, Gonnella, Pesaresi, Luisi, Tognozzi, Croce, Bau', Vigna e Matteini.
Nell'Arezzo invece sono tutti disponibili, rientrano Carrozzieri e Confalone. Poco piu' di 100 i tifosi toscani al seguito della squadra per la trasferta a Pescara.
Questa la probabile formazione di Giustinetti con il modulo 4-4-2; Bressan, Galeoto, Carrozzieri, Conte, Di Donato, Antonini, Floro Flores e Martinetti." 40
 

23/2/2006 L'ex Antonini sul Pescara.
"Il centrocampista dell'Arezzo Luca Antonini ex biancazzurro nella fallimentare stagione 04-05 intervistato da Arezzo Channel parla della gara di Sabato prossimo contro il Pescara.
In sintesi il nr.77 aretino dice:
""loro vengono da una sconfitta ma da tanti risultati ultili consecutivi, sono dietro di tre punti ma finora hanno fatto molto bene.
Dello scorso anno credo sia rimasto solo Croce e mi sembra una squadra molto competitiva...
Da quello che mi raccontava Croce all'adriatico vengono in tanti allo stadio, ci credono tantissimo e ci aspetterà una trasferta difficile
Sabato spero di vedere un'Arezzo piu' fortunato e con un po' piu' di cattiveria...
All'andata ho segnato e non ho esultato per rispetto verso la società con la quale l'anno prima ero retrocesso in C1, pero' prima della partita ho sentito qualche fischio di troppo e se dovessi segnare magari una piccola esultanza questa volta all'adriatico la farò""." 72
 

23/2/2006 Pescara, assenti e infortunati.
"Con l'Arezzo torna Luisi dopo aver scontato il turno di squalifica.
Mancheranno pero' Cammarata, Lorenzi, Carozza, Aquilanti e forse Delli Carri.
Cammarata dopo l'ecografia a cui è stato sottoposto (esito negativo) tornerà ad allenarsi con le dovute cautele.
Certa la sua mancanza contro l'Arezzo e possibile uno scampolo di partita a Brescia.
Delli Carri tenta il recupero dopo l'influenza.
Assenti anche Carozza e Aquilanti convocati in Under 21 di serie B." 33
 

23/2/2006 Arbitra Stefanini di Prato.
"Designati gli arbitri a dirigere gli incontri della 30/a giornata del campionato di Serie B in programma sabato alle 16.
Pescara-Arezzo toccherà al Sig. Nicola Stefanini della sezione AIA di Prato (Sacco-Masotti/Mannella). In questa stagione ha diretto la gara tra il Pescara ed il Rimini finita 1-0 per i biancazzurri." 26
 

22/2/2006 Il pericolo Arezzo.
"L'Arezzo a differenza del Pescara ha usufruito del turno di sosta previsto per la serie B di sabato scorso.
L'Arezzo, sotto la guida di Gustinetti, arriva in Abruzzo forte di un ambiente compatto. Presidente, Direttore Sportivo, stampa locale e tifoseria amaranto fanno quadrato attorno al mister e alla squadra. I play off non sono piu' un sogno.
Il calciomercato di gennaio che ha privato la squadra del suo capitano, Elvis Abbruscato e di altri giocatori, non ha sconvolto il rendimento e la compattezza del gruppo.
Dunque anche senza Abbruscato gli aretini scarseggiano con i gol ma continuano a offrire un buon gioco e fanno risultato! non a caso hanno la miglior difesa della serie B.
Le speranze per l'Arezzo ora passano per Martinetti, Vieri, Sinigaglia e Adesinha.
Antonio Floro Flores negli ultimi tempi ha avuto un calo di rendimento, dovuto alla parteza di Abbruscato e alla stagione stressante, ma ci si aspetta il suo ritorno al gol e si spera che non avvenga proprio contro il Pescara.
Nel club toscano si trova invece in grande forma è l'ala Antonini.
Giocatore duttile, dotato di velocità, impiegato in diversi ruoli (terzino sinistro, destro, ala sinistra, tornante destro e seconda punta).
Altro personaggio da tenere d'occhio per l'11 di Sarri è il centrocampista destro Raimond, perno del centrocampo amaranto è quasi un secondo allenatore in campo.
La difesa degli ospiti contro cui andranno a combattere Matteini, Bau' e compagni, come già detto è la piu' in forma del campionato di B e vede protagonista il centrale ""gigante"" Carrozzieri (ex Genova).
Dunque al Pescara questa volta tocca combattere non contro un disperato fanalino di coda ma contro una squadra in forma che punta dritto ai play off e come già successo in passato chissà se gli uomini da Sarri dopo le deludenti prestazioni passate e le batoste rimediate non diano a noi tifosi una prova d'orgoglio." 52
 

21/2/2006 Stefano Lorenzi squalificato.
In merito ai due recuperi di serie B disputati sabato il giudice sportivo ha squalificato per un turno Ceccarelli (Catanzaro), Iunco (Verona) e Lorenzi (Pescara). Ammenda di 2.000 euro al Catanzaro. 40
 

21/2/2006 Giustinetti sul Pescara.
L'allenatore dell'Arezzo Elio Giustinetti intervistato da Arezzo Channel parla della trasferta di Sabato a Pescara...
i sintesi il tecnico dice: ""Quella di sabato a Pescara è una partita difficile come tutte le partite di questo campionato.
le sorprese non mancano e la vittoria della Cremonese sul Pescara ne è la testimonianza...
Noi siamo in una posizione di classifica dalla quale possiamo sperare di aggangiare qualcosa di insperato.
Per Pescara cerchero' le soluzioni migliori. Se riusciremo giocheremo con due punte (probabilmente Floro Flores con Martinetti) e con gli esterni offensivi cercando di trovare il modulo giusto magari un 4 4 2 come piace a me""." 78
 

20/2/2006 Sarri lo sa, se sbagli...paghi!
"Il tecnico del Pescara, Maurizio Sarri, non cerca giustificazioni per la sconfitta di Cremona.
Non recrimina, non è nel suo stile e commenta la battuta d'arresto contro la Cremonese elogiando i suoi ragazzi per l'avvio di gara al quale pero' non è seguito alcun gol.
""Per 20’ abbiamo fatto bene poi... Fuori casa non si possono concedere dieci contropiede agli avversari: resta il rammarico di aver fallito quattro palle gol sullo 0-0 e di non aver infilato la palla dell’1-1.
Abbiamo avuto l’ennesima dimostrazione che questa squadra non può sbilanciarsi e quando siamo ‘costretti’ a vincere diventiamo vulnerabili. Mi sarei aspettato un avvio di secondo tempo più cattivo e determinato, ho cercato di aumentare il peso in avanti inserendo Ciofani per dar battaglia""" 66
 

19/2/2006 Arezzo, Brescia e Albinol.
"Da sabato inizia per il Pescara una serie di incontri cruciali (Arezzo, Brescia e Albinoleffe) che potrebbero cambiare completamente l'attuale situazione punti e morale dell'ambiente biancazzurro.
All'Adriatico sabato prossimo arriverà un Arezzo che ambisce all'alta classifica, reduce da tre risultati positivi con due pareggi e una vittoria.
La formazione Toscana si trova a quota 44 punti e proverà in tutti i modi di non farsi agganciare in classifica dagli abruzzesi.
Il sabato successivo (3 marzo) la squadra di Sarri sarà poi di scena a Brescia che si trova impegnata a pieno regime nella corsa play off.
Per finire in casa i biancazzurri giocheranno con l'Albinoleffe (11 marzo) un'altra squadra che naviga nella bassa classifica e che proprio per la situazione cercherà i tre punti salvezza.
Dunque dopo la grande delusione di risultati e gioco il club biancazzurro si ritrova impegnato non solo al tanto e ostentato obiettivo salvezza ma anche a salvare la faccia con il gioco.
Noi tifosi chiediamo massimo impegno e massimo ottimismo. " 59
 

19/2/2006 Crem.- Pescara: dichiarazioni.
"Contento l'allenatore dei grigio-rossi Della Casa: ""Tre punti importantissimi sia per la classifica che per il morale. I miei ragazzi hanno vinto proprio per la maggior voglia di vincere rispetto agli avversari"".
Piuttosto deluso il tecnico dei biancoazzurri Sarri: ""Abbiamo sottovalutato l'avversario. Siamo entrati in campo credendo che la vittoria ci fosse dovuta e alla fine abbiamo perso"".
Avramov ammette le sue colpe e aggiunge:""Il tecnico dice che siamo stati condizionati dall'ambiente? Io no. Ho sempre pensato e continuerò sempre a pensare alla salvezza"". " 43
 

18/2/2006 Cremonese 2 Pescara 0.
"Il Pescara scende in campo senza delli Carri e con Jadid che parte dalla panchina.
La squadra di casa prova a condurre la partita ma è il Pescara a rendersi pericoloso con fulminei contropiede.
Due buone occasioni per i Biancazzurri nei primi 20 minuti di gioco. La prima vede Gautieri mettere la palla al centro, filtra bau', e tira Croce.
La seconda buona occasione vede Bau' lanciare Gautieri ma la palla finisce a lato.
Al 23 1° t Pesaresi dalla tre quarti serve zoppetti. Zoppetti dal fondo mette la palla in mezzo e Matteini di testa sfiora il gol.
La partita si fa viva e ricca di emozioni. Occasione da rete al 25° 1°t per la Cremonese con Garzon, lanciato da Dedic, che ha alzato di poco sulla traversa.
Al 30 1° t Carparelli batte un insidioso calcio di punizione e Avramov arriva, sul palo alla sua destra, con la punta delle dita a deviare in angolo.
Al 31 1° t Bau' profondo serve in area per Matteini che viene anticipato pero' da Bianchi e nel capovolgimanto di fronte dedic lanciato a rete sul filo del fuorigioco ha mette il pallone in rete ma il guardialinee salva il Pescara sventolando il Fuorigioco.
inutili le proteste dei padroni di casa.
Cremonese in crescita.
Al 41° Vantaggio della cremonese con Furiani. Dalla fascia destra Dedic mette al centro, Avramov manca la palla, Furiani mette in rete.
Il primo tempo si conclude con il Pescara in svantaggio dopo due minuti di recupero.

Nel secondo tempo l'11 biancazzurro torna in campo con la stessa formazione del primo tempo.
Dunque Avramov, Zoppetti e Pesaresi esterni e la coppia centrale Lorenzi e Gonnella.
A centrocampo Tognozzi e Speranza, esterni Croce a sinistra e Gautieri a destra.
In avanti Matteini con Bau'.
La gara si apre con il Pescara in avanti e Cremonese sulla difensiva.
Dunque ruoli invertiti è il Pescara che alza il baricentro.
All'8 2° t Bau' dai 16 metri va al tiro. Sugli sviluppi della ribattuta in contropiede ancora Dedic impegna Avramov.
Pescara in avanti e Cremonese pungente in contropiede.
Lorenzi al 15 2° t atterra sul limite dell'area Pescarese Dedic e rimedia il cartellino giallo.
Pescara risponde alla punizione con barriera a tre che ferma il tiro.
Al 19 2° t Sarri mette dentro jadid per l'ottimo Guatieri.
Al 23 2° t Carparelli dalla tre quarti mette al centro profondo per Dedic ma Pesaresi intercetta.
Diffioltà nelle ripartenze per il Pescara che denuncia la mancanza di concretezza in area avversaria.
Al 26° 2 t una punizione di Pesaresi manda la sfera sulla testa di Matteini che sfiora il contatto; Bianchi pronto interviene sul pallone.
Al 31 dedic si libera di due avversari e in solitaria impegna avramov alla sua destra.
al 34 2° t clamorosa palla gol per Matteini che servito da jadid tira debolmente di prima intenzione di piatto destro verso la porta.
La palla facile viene agguantata da Bianchi.
Al 35 2° t entra Cinelli per Speranza.
Dedic al 39 2° t raddoppia per la cremonese. Di sinistro, con un gran tiro, Batte Avramov che tocca leggermente la palla alla sua destra.
Di fatto l'attaccante grigiorosso chiude la partita. Colpevole la difesa pescarese scavalcata da un lancio che ha servito Dedic.

Il Pescara torna sconfitto da Cremona con due gol dall'ultima in classifica.
Sconfitta bruciante e deludente maturata non solo a causa delle occasioni mancate da Matteini.
Il Pescara ha sofferto soprattutto a sinistra e non è riuscito a contenere l'agonismo dei padroni di casa.
Nella prima parte della gara il Pescara va per tre volte vicinissima al gol e in tutte le circostanze bianchi protagonista salva la Cremonese.
Nella seconda parte del primo tempo la Cremonese cresce, alza il baricentro, e arriva con piu' facilità in area biancazzurra.
Al 41 1° t i grigiorossi passano in vantaggio.
Nel secondo tempo le due formazioni giocano a viso aperto ma nonostante i ruoli in campo si invertono con i biancazzurri in avanti e i cremonesi in copertura il risultato non cambia.
Anzi dopo le occasioni sciupate dagli attaccanti abruzzesi è la Cremonese che raddoppia e chiude la partita.
i 4 minuti di recupero concessi da banti non servono a nulla. Pescara incassa due gol e torna a casa.
Gatti, Pesaresi, Donadoni e Lorenzi ammoniti." 59

17/2/2006 Dirige Banti di Livorno.
"L'arbitro Luca Banti dirigerà Cremonese Pescara
Il recupero di domani pomeriggio tra Cremonese e Pescara verrà diretto dall'Arbitro Luca Banti di Livorno.
Questa per Banti sarà la prima volta in assoluto che arbitra la Cremonese mentre numerosi sono i precedenti con il Pescara.
Gli assitenti, come il direttore di gara, saranno gli stessi designati originariamente, ovvero il sig. Andrea Padovan di Conegliano Veneto (TV) e il sig. Giannantonio Pugiotto di Chioggia (VE), quarto ufficiale il signor Mauro Vivenzi di Brescia." 34

16/2/2006 La Probabile formazione.
Per la trasferta di Cremona sarà confermato Lorenzi al centro della difesa a far coppia con Gonnella, visti i problemi di Delli Carri. Sulla fascia sinistra rientrerà Pesaresi che ha scontato il turno di squalifica, così come Tognozzi giocherà a centrocampo con Speranza, causa la squalifica di Luisi; Jadid dovrebbe essere preferito a Vigna. La probabile formazione dovrebbe quindi esser la seguente: Avramov, Zappetti, Gonnella, Lorenzi, Pesaresi; Jadid, Tognozzi, Speranza, Croce, Baù, Matteini 59
 

15/2/2006 Continua il NO al sabato.
"Il campionato di B va verso la fine, ma la battaglia dei sindaci delle città che non volevano le partite al sabato pomeriggio è ancora in vita.
Il consiglio di stato ha deciso che dovrà essere la seconda sezione del TAR del Lazio a pronunciarsi in merito.
I Comuni che si oppongono alla Lega Calcio sono Piacenza, Bergamo, Bologna, Brescia, Cesena; Cremona; Terni, Verona e Vicenza." 61
 

15/2/2006 "Luisi ""ROSSO"" per Verona".
"Il capitano dei biancoazzurri Carlo Luisi non ha mandato giu' il rosso per doppia ammonizione di Dondarini a Verona.
Un'espulsione che in parte mitiga la soddisfazione per il risultato utile del Bentegodi.
Intervistato parla della vicenda e del Verona: ""Tocca a me pagare l’infelice sabato dell’arbitro. Due ammonizioni e la relativa espulsione rappresentano un’ingiustizia e gliel’ho detto.
A 30 secondi dalla fine, non si può tirare fuori un cartellino come se niente fosse. Se guardiamo gli episodi, come la mancata espulsione di Comazzi allo scadere del primo tempo, abbiamo certo da recriminare.
Il Verona ci ha messo in difficoltà ricordandomi il Cesena. Aver rimontato uno svantaggio maturato a sorpresa, ci fa onore.
Certo, avremmo dovuto approfittare della superiorità numerica, ma non siamo ancora pronti mentalmente.
Ricordiamoci che Baù ha avuto una gigantesca occasione da gol. Una maledetta zolla gli ha spostato il pallone proprio mentre stava calciando.
Quel che conta è aver fatto un altro passo avanti. Anzi, un passo doppio: in classifica e dal punto di vista del gioco"".
intanto sono stati Resi noti i nominativi dei giocatori squalificati dopo l`ultimo turno della Serie B e tra le fila biancazzurre come era previsto appare il nome del numero 10, squalificato per un turno." 40
 

13/2/2006 Cremona precipita.
"Sabato il Pescara Calcio recupera la 26° giornata di B con la trasferta di Cremona.
La squadra di casa, ultma in classifica, è reduce da due pesanti sconfitte una interna contro l'Arezzo e l'altra in trasferta contro il Cesena.
I tifosi grigiorossi, speravano di vedere un altro spirito nella squadra dopo la vittoria di Trieste ma la Cremonese delude e si ferma a quota 17 punti in classifica in dirittura retrocessione.
La sconfitta con l'Arezzo riapre una profonda crisi che vede Dedic incapace di concludere a rete, e la sconfitta a Cesena fa ardere l'ambiente Cremonese per una partita giocata fino in fondo.
In casa con l'Arezzo la sconfitta era maturata con un gioco inefficace (basta rimarcare il fatto che il portiere Bressan dell'Arezzo non ha dovuto compiere nemmeno un intervento passando una serata assolutamente tranquilla, da spettatore non pagante).
La sconfitta di Cesena invece lascia l'amaro in bocca ai lombardi che hanno dato il tutto per tutto in campo, dominando tutto il primo tempo e parte del secondo.
Al 79° passa infatti in vantaggio la squadra ospite con Carparelli che sembra finalmente portare punti in casa Cremona.
La risposta/batosta arriva solo un minuto piu' tardi. Il Cesena ristabilisce la parità con Salvetti che non contento beffa ancora la Cremonese all' 85° consegnando tre punti al Cesena.
Dunque una Cremonese in piena crisi ma capace di mettere in grande difficoltà il Cesena. Il Pescara non avrà vita facile a Cremona.
I grigiorossi non sembrano esseresi rassegnati a fare da fanalino di coda della B e promettono battaglia ai delfini biancazzurri.
Dalla parte del Pescara oltre alla posizione in classifica e a un gruppo senza pressione potrebbero esserci le squalifiche del giudice sportivo ai danni dei titolari della Cremonese." 82
 

13/2/2006 Cammarata infortunato.
"Il numero 11 biancazzurro ne avrà almeno per due settimane.
L'attaccante pescarese che venerdi'scorso ha riportato una stiratura non ci sarà contro la Cremonese.
Le indagini mediche hanno scongiurato lesioni gravi ma il siciliano abbisogna di riposo e cure mediche per almeno due o tre settimane." 43
 

MAURIZIO SARRI ALL'ASCOLI?

Pubblicata in data 11/2/2006
Il Messaggero di oggi riportava un articolo (non firmato) su Maurizio Sarri il cui contratto con il Pescara attualmente ha la scadanza del 30 giugno 2006. Nel detto articolo si legge che l’attuale allenatore del Pescara, potrebbe sedere il prossimo anno sulla panchina dell’Ascoli. I dirigenti marchigiani a fine stagione perderanno forse Marco Giampaolo verso l’Udinese. Sempre all’Ascoli, insieme a Maurizio Sarri, potrebbe finire anche il direttore sportivo Marco Bignone che andrebbea colmare, nell’organigramma marchigiano, il vuoto lasciato da Fabio Lupo. Al momento l’unico reale ostacolo tra sarri e l’Ascoli sembra essere Mario Somma, l’ex tecnico dell’Empoli. L’altro (unico) candidato a raccogliere l’eredità di Giampaolo. fonte Il Messagero/Abruzzo Sport del 11.02.2006

 

VERONA 1 PESCARA 1

Pubblicata in data 11/2/2006

Il Pescara pareggia al bentegodi grazie a Daniele Croce. La partita intensa e ricca di episodi vede il Verona passare in vantaggio al 15° del primo tempo con il centrocampista Munari che raccoglie un cross di Cassani e di testa supera avramov in sospetto fuorigioco. I biancazzurri si portano in parità con Croce al 23° che, servito da Speranza, brillantemente supera Pegolo con un potente destro dal centro dell'area. Nel secondo tempo Il Pescara in superiorità numerica, va vicino al vantaggio con Baù e Matteini ma l'undici biancazzurro non riesce a imporsi sul Verona. In pieno recupero l'arbitro ristabilisce la parità mandando negli spogliatoi con il cartellino rosso Luisi che salterà quindi la prossima trasferta di Cremona. Resta il rammarico del gol mancato di Bau' che avrebbe potuto incorniciare un'ottima prestazione. Maurizio Sarri, a fine gara, commenta l`1-1 del `Bentegodi` descrivendo un momento di difficolta` nel primo tempo, dove per 10-20 minuti il Pescara ha subito il Verona. Dopo il gol del pareggio il Pescara non ha corso rischi e ha avuto anche qualche buona occasione. Sarri conclude dicendo che forse un punto per parte, alla fine, e` il risultato giusto`.

 

I CONVOCATI PER VERONA

Pubblicata in data 9/2/2006

Questi i 20 convocati per la trasferta veronese del Pescara Calcio: Portieri: Avramov e Tardioli; Difensori: Aquilanti, Delli Carri, Gimenèz, Gonnella, Lorenzi e Zoppetti; Centrocampisti: Cinelli, Croce, Jadid, Luisi, Speranza, Tognozzi e Vigna; Attaccanti: Baù, Bonfiglio, Cammarata, Gautieri e Matteini. Pesaresi squalificato.

 

LA TRASFERTA DI VERONA

Pubblicata in data 8/2/2006

Il fitto calendario del torneo di Serie B non concede tregua: la squadra di Maurizio Sarri, reduce dalla vittoria interna contro il Modena si ritrova a doversi preparare al meglio per la delicata trasferta di Verona. Al bentegodi i gialloblù, che sono a -4 punti dal Pescara, cercheranno di riscattare gli ultimi deludenti risultati, tornando alla vittoria davanti al proprio pubblico. Nelle fila Veronesi mancherà per certo Teodorani (espulso contro il Brescia) mentre nel Pescara mancherà certamente Pesaresi che sarà appiedato dal giudice sportivo. Tornano pero' a disposizione di Sarri Tognozzi e Cammarata dopo aver scontato un turno di squalifica. Anche Tardioli sarà nuovamente disponibile dopo aver smaltito lo stato influenzale.

 

 

VISCIDI ESONERATO

Pubblicata in data 8/2/2006

Nuovo cambio sulla panchina del Modena. Dopo tre sconfitte consecutive e' stato esonerato Maurizio Viscidi e richiamato sulla panchina della societa' emiliana Stefano Pioli. A Mister Viscidi è stato fatale l'errore difensivo che ha permesso al Pescara di agguantare i tre punti. La Societa' Modena F.C. comunica di aver richiamato il Sig. Stefano Pioli per svolgere l'incarico di Allenatore Responsabile della Prima Squadra.

 

PESCARA 1 MODENA 0

Pubblicata in data 7/2/2006

Importante vittoria interna del Pescara contro il Modena che permette ai biancazzurri di superare la crisi e di riaffacciarsi nelle zone alte della classifica. Il Pescara scende in campo, in una fredda serata invernale, con Speranza al posto di Bonfiglio, sulle fascie Vigna a destra e Croce a sinistra e in attacco Baù dietro Matteini. In inizio di gara Modena in avanti con Tamburini che di testa manda fuori su suggerimento di Amerini. Risponde Bau' che su punizione da fuori manda a lato su deviazione della barriera. Al 21’ il Modena va vicino al vantaggio con Colacone che manda sopra la traversa. Al 33’ Eder Bau' si libera in area modenese e guadagna un rigore per fallo di Centurioni. Al dischetto va Matteini ma per la seconda volta in questa stagione sbaglia l'esecuzione. Nonostante il colpo mancato i biancazzurri tengono bene il campo e impegnano Frezzolini con tentativi dalla distanza di Matteini e Vigna. Nella ripresa il ritmo si abbassa progressivamente e Sarri al 25' sostituisce Croce per Jadid e poi Bau' per Gautieri. La partita sembra destinata al pareggio ma è il Pescara che soffre a tenere il gioco e il campo. Sul finire di gara cè da segnalare un assist di jadid che serve Matteini. L'azione sfuma per l'intervento di Pivotto. Quattro minuti di recupero e tutti segnano ormai un X in schedina. Accade pero' che Tamburini passa la palla a Frezzolini in prossimità dell'area di rigore. Il retropassaggio corto permette a Gautieri l'inserimento tra i due difensori Modenesi e di battere a rete. Gautieri fa esplodere l'Adraitico consegnando al Pescara tre punti insperati. Il Pescara raggiunge quota 40 punti, con una partita da recuperare, e segna un'importante passo in avanti mentale in chiave salvezza. Quello che va detto è che la squadra senza Jadid, Bonfiglio e Croce non in condizione ha sofferto piu' del dovuto. Matteini ha sprecato un'importante occasione, speriamo che questo ennesimo errore dal dischetto non pregiudichi il suo futuro impiego.

 

PESCARA 0 CATANZARO 1

Pubblicata in data 4/2/2006

Sarri, dopo il mercato di gennaio, ha perfino problemi d’abbondanza e per gli ultimi arrivati non c’è spazio contro il rinnovato Catanzaro di Giordano. Sarri propone il solito 4-2-3-1 il Catanzaro gioca con il 4-4-2. Nel Pescara in campo Luisi e Tognozzi con Speranza in panchina. Sulle fasce Jadid e Croce con Cammarata punta coadiuvato da Bonfiglio. La gara inizia con un buon Pescara ma il Catanzaro all'Adriatico è giunto con il giusto carattere e sfiora in piu' di un'occasione la rete. Si inizia con un errore di Delli Carri che su retro passaggio favorisce Corona nel battere a rete e Gonnella salva sulla linea. Al 12’ Avramov salva il Pescara, mandando sopra la traversa, un colpo di testa a rete del nove calabrese. Al 13' Greco scaglia dai venti metri una palla sulla traversa sopra la testa di Avramov. Il Pescara soffre di gioco e di idee e al 32’ arriva il vantaggio Calabrese: un traversone in area respinto a malomodo manda la palla sui piedi di Gissi che di prima batte pesantemente Avramov. Il Pescara accusa il colpo e non riesce a reagire. Nella ripresa il Pescara torna in campo con la stessa formazione ma con una testa diversa e già al 5’ un duetto Cammarata-Bonfiglio scuote lo stadio. Il Catanzaro ci crede e si chiude in difesa pronto al contropiede. Jadid e Luisi provano dalla distanza ma senza risultati. Sarri dunque butta dentro Matteini per Bonfiglio e Gautieri per Jadid. Giordano tira fuori Greco per De Sousa. Il Pescara ci prova ma manca di lucidità. Al 29’ Matteini duetta con Luisi e arriva a calciare in area Calabrese debolmente su Belardi. Al 33' esordisce Eder Baù che sostiyuisce il sempre grande Croce. Il risultato non cambia. Il Pescara prova con insistenza a sbloccare il risultato ma ne Cammarata ne Matteini riescono a impensierire seriamente l'attento Belardi. Nel finale Cammarata va fuori con un rosso per fallo di reazione. Maurizio Sarri, dopo il pesante ko interno con il Catanzaro, spiega che i biancazzurri hanno sbagliato l’approccio alla gara. La determinazione degli avversari e` stata superiore e i giocatori del Pescara hanno avuto un inspiegabile calo mentale. Conclude sottolineando che l'obiettivo primario del Pescara rimane comunque la salvezza.

 

Pepe, Baù, Gimenez e Cinelli

Pubblicata in data 2/2/2006

Ieri al termine dell'allenamento mattutino della squadra al Vestina di Montesilvano breve conferenza stampa con la presentazione dei quattro acquisti. Quattro elementi utili a completare un organico comunque valido; Pepe, Baù, Gimenez e Cinelli. Bau' racconta del clima pesante di Trieste e del difficile rapporto della squadra con Tonellotto aggiungendo che la piazza Pescarese è stata quasi una liberazione. Sul suo ruolo in campo chiarisce che le sue caratteristiche sono quelle di un laterale di attacco e non un fantasista vero e proprio ma per lui l’importante è essere a Pescara... Conclude Baù, «un bel gruppo e con un grande allenatore». Cinelli invece lo conosciamo bene, proveniente da cinque anni ad Avellino, è un grandissimo uomo di "rottura", polmone e cuore, sradica la palla agli avversari, e non si ferma mai. Si sostituisce a Minopoli ma pare avere caratteristiche ben diverse. In conferenza stampa dice di essere contento di giungere in una piazza importante senza dimenticare e sottolineare l'importanza del Club dal quale arriva con i dovuti ringraziamenti. Ben disposto a inserirsi nel gruppo si dice disponibile a modificare le sue caratteristiche di gioco rendendole piu' verticali cosi' come chiede mister Sarri. Gimenez, definito da Sarri un ottimo giocatore in prospettiva, dopo quasi un mese e mezzo diventa Pescarese effettivo e in conferenza racconta di essere contento dell'arrivo del transfer e della firma del contratto. Il Calcio Italiano e quello Argentino sono molto diversi e mi sto adattando ha dichiarato. Il giovanissimo Vincenzo Pepe, cresciuto nel parma e con 13 presenze in c1 con la Sambenedettese, giunge a Pescara per crescere e migliorare come persona. Racconta di essere nato trequartista ma ha giocato tanto come esterno nella Samb. Baù e Cinelli hanno preso poi parte alla seduta del pomeriggio con mister Sarri dove è' tornato ad allenarsi Daniele Speranza dopo un leggero attacco influenzale. Triuzzi prosegue il programma di recupero personalizzato. Oggi la squadra si ritroverà nel pomeriggio nuovamente al "Vestina" per un altro allenamento.

 

ARRIVA EDER BAU'

Pubblicata in data 31/1/2006

E' Eder Baù, scuola Milan, proveniente dalla Triestina di Tonellotto il roccambolesco colpo di mercato del Pescara. Baù, nato ad Asiago (VI) il 16/08/1982 è un giocatore offensivo che può giocare indifferentemente da esterno o seconda punta. Assieme a lui giungono in biancazzurro Daniele Cinelli, centrocampista centrale, dall'Avellino che si scambia con Luca Minopoli che va dunque in Irpinia. Vestirà la maglia del Pescara anche il giovane Vincenzo Pepe (1987) dalla Sambenedettese. In partenza si registra purtroppo il nome dell'esterno destro difensivo Nicola Diliso, che va al Martina dell'ex tecnico Gianni Simonelli.

 

Pubblicata in data 31/1/2006

Ufficiale: concluso il mercato della Fiorentina Nell’ultimo giorno della campagna trasferimento invernale la Fiorentina comunica che alle 13:00 di oggi il Direttore Sportivo Pantaleo Corvino e l’Amministratore Delegato Sandro Mencucci hanno lasciato Milano alla volta di Firenze. Come ultimo atto - si legge dal sito ufficiale viola - esercitando un diritto di opzione, sono state acquisite a titolo definitivo le prestazioni sportive del centrocampista Andrea Paolucci (classe 1986) dal Pescara Calcio. fonte www.fiorentina.it

 

Pubblicata in data 30/1/2006

Dall’Atha Quark di Miliano non arrivano notizie di acquisizioni dai due Ds IAconi e Bignone. I nomi circolati di SAerafini e Di Vicino sembrano, da quanto riferito, allontanarsi. In ogni caso non è escluso un colpo di scena da comunicare in zona cesarini. Se cosi' non fosse il Pescara rimarrebbe così sino alla fine della stagione mancando l'appuntamento della campagna acquisti invernale senza centrare l'obiettivo principe; il fantasista. Intanto è comparsa la notizia sul sito Ufficiale del Pescara calcio la notizia sul trasferimento definitivo di Damian Gimenez al club biancazzurro. Damian Joel Gimenez è ufficialmente un elemento del Pescara. L'ultimo tassello burocratico (il transfer) per ottenere il tesseramento del giocatore è giunto quest'oggi dalla Federazione Argentina. Gimenez, che è aggregato alla prima squadra da oltre un mese, potrà quindi giocare con la maglia del Pescara. Gimenez, nato a Lomas de Zamora (Arg) il 26/02/82, alto 180 cm e pesa 79 kg, è un terzino sinistro dotato di buona tecnica e grandi qualità fisiche. Proviene dal Banfield (società nella quale è cresciuto) e con la quale ha esordito nella Liga Argentina anche se nell'ultimo torneo di apertura ha militato nelle fila del Newell's Old Boys (di Rosario) assieme a giocatori del calibro del "burrito" Ariel Ortega (ex Samp e Parma). Con il Banfield ha totalizzato 45 presenze ed un goal in campionato e 7 presenze nella Copa Libertadores sudamericana (l'equivalente della Champions League europea).

 

28/1/2006 Arriva Matteo Serafini dall'Empoli

Matteo Serafini (nato a Brescia classe 78) è dato per certo al Pescara.
L'empolese, alto 1,89 mt per 80 kg di peso, con buona propensione al goal è un centrocampista/seconda punta. Nella stagione 2003/04 con l'Arezzo promosso poi in B ha collezionato 14 reti in 31 gare. L'anno seguente esordisce in A con il Siena con 7 presenze ma finisce poi a gennaio al Catania dove segna 6 reti in 20 presenze.
Approda poi per questa stagione 2005/06 ad Empoli dove non trova spazio e risultati ma realizza comunque 4 reti per 15 presenze.
In partenza cè invece il difensore Marco Pomante che va al Chieti in C1 a titolo temporaneo, fino al termine dell'attuale stagione.
Inoltre l'altro acquisto, l'attaccante Nico De Lucia dalla Sambenedettese, è stato girato dal Pescara in prestito fino al prossimo 30 Giugno, al Manfredonia.
 

28/1/2006 partita rinviata al 18/02

La partita contro la cremonese dovrebbe essere stata rinviata a sabato 18 febbraio, data in cui era prevista la sosta.
 

27/1/2006 Partita Rinviata dal Prefetto!

Le previsioni su Cremona per sabato pomeriggio danno coperto con pioggia e una probabilità di precipitazione del 50% min -1° max 4°.
Per l'emergenza neve ouesta mattina a Cremona, a seguito della riunione del Comitato Provinciale di Protezione Civile che si è tenuta in Prefettura sull'emergenza determinata dal cattivo tempo, il Prefetto Giuseppe Badalamenti ha decretato la sospensione delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado sabato 28 gennaio e lunedì 30 gennaio.
L'Amministrazione Comunale ha deciso poi di sospendere il mercato cittadino in programma nella giornata di sabato 28 gennaio.
Sulla scorta dei rilievi fatti dalla Questura e dal Comando dei Vigili del Fuoco, il Comune ha deciso infine di inibire l'utilizzo dello stadio Zini.
Pertanto la partita Cremonese-Pescara già prevista per domani alle ore 16 è sospesa.
Infatti, a causa della copiosa nevicata che ha interessato e sta interessando la città e considerato che le previsioni meteorologiche non sono favorevoli per le prossime ore, è stato verificato che gli spalti dello stadio non potranno essere agibili in tempo utile per gli spettatori, i quali incontrerebbero anche serie difficoltà per raggiungere lo stadio ed i parcheggi circostanti. Da qui la decisione di sospendere ogni attività sportiva allo Zini per garantire la sicurezza e l'incolumità pubblica dei cittadini. Attendiamo ora la presa d'atto della lega calcio e successive comunicazioni ufficiali per il recupero della gara.
 

26/1/2006 20 convocati da Sarri

Contro la Cremonese non ci sarà Tardioli per fastidi alla schiena al suo posto andrà Vincenzo Aridità.
Fermo anche Ivan Vellucci, Carozza e Triuzzi che stanno recuperando dai rispettivi infortuni.
Gonnella, neo papa', si è regolarmente aggregato alla squadra.
Questo l'elenco dei 20 convocati da Maurizio Sarro:
Portieri: Aridità e Avramov;
Difensori: Aquilanti, Diliso, Delli Carri, Gonnella, Lorenzi, Pesaresi e Zoppetti;
Centrocampisti: Croce, Gautieri, Jadid, Luisi, Minopoli, Speranza, Tognozzi e Vigna;
Attaccanti: Bonfiglio, Cammarata e Matteini.
 

25/1/2006 OMAGGIO ABBONATI

La Pescara Calcio contattata per conoscere la data in cui verranno consegnati i premi agli abbonati ha riferito che il giorno previsto è sabato 11 febbraio 2006 presso lo stadio Adriatico di Pescara. Operazione che si svolgerà nella mattina e nel pomeriggio. Per ogni eventuale informazione e conferma consigliamo di contattare la società.
 

24/1/2006 B decisioni del Giudice Sportivo

Sono stati resi noti i nominativi dei giocatori squalificati riguardo all`ultimo turno della Serie B.
Nessun giocatore Pescarese risulta in elenco ma figura pero' con un turno di squalifica il difensore Giovanni Dall'Igna della Cremonese.
 

24/1/2006 dalla Samb arriva Pepe

 "Il giovanissimo Vincenzo Pepe, nato a Napoli (classe 1987), arriva a Pescara dalla Sambenedettese, forse oggi il tesseramento.
Il Pescara dovrebbe acquistare il calciatore come stabilito nel contratto di vendita della Samb da Paterna (presidente del club abruzzese) a Soldini.
Vincenzo Pepe, mezzapunta di scuola Parma (primavera), era destinato a lasciare la Samb per approdare in biancazzurro dopo l'uscita di Paterna dal club marchigiano.
 

23/1/2006 Brescia cerca punta.

Matteini? Per quello che riguarda il calciomercato in casa ""rondinelle"" continua la corsa alla punta: oltre ai ""soliti"" nomi di Matteini del Pescara e di Corona del Catanzaro, sembra che i lombardi abbiano fatto un sondaggio per Marco Ferrante dell'Ascoli.
 

23/1/2006 Marco Pomante al Chieti.

A otto giorni alla chiusura del calciomercato l'ultima notizia arriva per una partenza e non per un arrivo come ci si aspettava.
Marco Pomante (classe 1983) atriese, va al Chieti che milita in C1 in prestito sino a giungo.
Per il tecnico neroverde Morganti, Pomante non è una novità, dopo l'esperienza fatta a Fano nella stagione 2003/04.
I colpi di mercato per il Pescara arriveranno in chiusura di contrattazioni? Staremo a vedere.

23/1/2006 Pescara su Di Vicino Calciomercato
Il Pescara con l'attuale buona posizione in classifica può sperare in qualcosa di piu' della salvezza ma
serve il rinforzo per far fare il salto di qualità a tutta la squadra.
Dopo il mancato arrivo di Zanini rimane la questione trequarti che potrebbe essere chiusa con l'ingaggio di Lodi o di Di Vicino dalla Salernitana.
Il nome insistente nell'ambiente è di Di vicino che sarebbe stato visionato da osservatori del club biancazzurro nell'ultima di campionato della Salernitana.

Vediamo la scheda di Giorgio Di Vicino

ruolo: centrocampista
nazionalità: Italiana
posizione: centrale sinistra
propensione: offensiva
piede di calcio: sinistro
nato il: 16/07/1980
a: Napoli
altezza: 170 cm
peso forma: 72 Kg
società di app: Ternana
scadenza contratto: 2008
in prestito a: Salernitana

 

22/1/2006 Croce migliore in campo

Croce: Il migliore in campo.
Contro la Ternana Daniele Croce inizia sottotono e con lui cresce anche il Pescara.
Bono della Ternana si ricorderà di lui per lo straordinario. Sulla Sinistra è devastante.
Secondo noi per costanza e continuità merita un 8. Bravo Daniele!

 

22/1/2006 Sarri a fine Gara

Maurizio Sarri, tecnico del Pescara, si ritiene naturalmente soddisfatto il successo ottenuto contro una Ternana chiusa in difesa.
Per Sarri l’obiettivo rimane la salvezza a quota 50 punti.

 

21/1/2006 Pescara Ternana 1-0 
"Il Pescara scende in campo con la formazione vittoriosa di Vicenza ma con il recuperato Gonnella in difesa e Tognozzi per lo squalificato Luisi.
La partita si anima Al 11’ quando Speranza serve Cammarata che manda la palla fuori sopra la traversa.
Al 23’ il Pescara prova la conclusione con Bonfiglio che dai venti metri manda alla destra di Berni.
Poco dopo è Croce, servito da Tognozzi, a girarsi e tentare la conclusione da fuori.
Al 36’ si fanno avanti gli ospiti con Frick che in contropiede impegna dal limite Avramov.

Nel 2' tempo il Pescara sembra piu' deciso e già Al’ 3’ Jadid serve Cammarata che non arriva per poco alla deviazione vincente.
Il Pescara spinge e la Ternana inizia a difendersi pensando ad un punto guadagnato.
Al 10’ Jadid recupera una corta respinta di Troise e conclude impegnando Berni.
Al 13’ ancora il Pescara va a un soffio dal vantaggio con Cammarata che, a pochi passi da Berni, manca la deviazione a rete.
Al 17’ la Ternana di contropiede tenta il colpaccio con un pallone a messo a centro area che Avramov non blocca in uscita, Rigoni pronto indirizza la palla a rete, ma questa sbatte sulla parte inferiore della traversa e torna in campo.
Gol mancato gol da fare! Sarri chiama Matteini per Bonfiglio.
Al 24’ il Pescara reclama un rigore per uno stop di braccio di Troise.
Il Pescara continua a spingere e al 32’ jadid fa esplodere l’Adriatico con una punizione dai 25 metri deviata a rete da Tognozzi.
Sarri al 42’ mette al sicuro il risultato con Lorenzi al posto di Cammarata.
Il fischio della fine arriva dopo 5 minuti di recupero.
Tra i migliori in campo Croce in azione sulla corsia di sinistra e Jadid a destra."

 

PESCARA -  TERNANA covocati e calciomercato

Domani il Pescara affronterà la Ternana senza Luisi, squalificato, Triuzzi e Carrozza ma recupera Gonnella eJadid dato per infortunato dopo il pestone rimediato a Vicenza.

La partita inizierà alle ore 16.00 e sarà arbitrata da Stefano cassarà di Palermo.

Ciofani e Pomante con la primavera e questi i nomi convocati da Sarri per la Ternana.

Portieri: Avramov e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Diliso, Delli Carri, Gonnella, Lorenzi, Pesaresi e Zoppetti;
Centrocampisti: Croce, Gautieri, Jadid, Minopoli, Paolucci, Speranza, Tognozzi, Vellucci e Vigna;
Attaccanti: Bonfiglio, Cammarata e Matteini.
 

Intanto sul fronte calciomercato dopo il mancato arrivo di Zanini e le insistenti voci su Matteini si parla di Avramov che la Fiorentina avrebbe voluto per sostituire l'infortunato Frey.

Alla fine pero' si è scoperto che Avramov ha giocato con il Vicenza la gara di coppa Italia a Pavia l’8 agosto scorso, cioè prima di essere trasferito in prestito a fine mese al Pescara.

La norma Figc sui trasferimenti dice che nel corso della stessa stagione un giocatore può tesserarsi per tre società ma disputare gare ufficiali in prima squadra solo in due di queste società.

Dunque Avramov, avendo già giocato in questa stagione nel Vicenza e nel Pescara non può giocare in una terza formazione.

A difendere la porta della fiorentina andrà Lobont rumeno dell'Ajax. Vlada Avramov andrà via da Pescara comunque a fine campionato.
Per la cronaca GUZMAN è stato ingaggiato dal Siena.

 

Vicenza-Pescara 0-1           17.01.2006
Il Pescara scende in campo al "Menti" di Vicenza sotto la neve e gioca su un terreno ghiacciato e insidioso. Numerosi gli striscioni presenti in ricordo di Marco Mazza Bubu'.
La partita arbitrata dal fischietto Gabriele Gava vede un Pescara proporsi con un 4-2-3-1 con il solo Cammarata a fare da punta.
Le emozioni iniziano al 4’ con Cammarata che va via in velocita` a Fissore e prova il sinistro senza pero` riuscire ad inquadrare la porta.
Al 10’ la risposta dei padroni di casa: Schwoch controlla un lancio dalla trequarti e insacca con un diagonale destro, ma la bandierina alzata del gurdialinee vanifica il gesto tecnico.
Al 13’ numero di Fabbrini che salta Zoppetti e Luisi, penetra in area e appoggia per Sgrigna la cui conclusione di prima intenzione e` troppo centrale per impensierire Avramov.
Al 18’ Speranza, riceve da Bonfiglio, ma non riesce ad angolare.
Nel finale del primo tempo Padoin, centrocampista biancorosso, servito da Fabbrini, non riesce a concludere grazie a un recupero di Pesaresi.
Il Vicenza inizia a spingere e a produrre gioco e occasioni ma il Pescara tiene bene.Ammoniti Luisi e Bonfiglio per il Pescara.

Nel 2° tempo esordisce nel Vicenza Bicola Zanini ma è il Pescara a partire bene che si guadagna due corner e sugli sviluppi del secondo si fa vedere di testa Cammarata. Il tiro viene ribattuto in area.
Attivissimo Croce sulla sinistra che appare incontenibile. Zanini si fa notare in campo per qualche giocata da primo della classe.
Al 16 2T’ da un corner di Pesaresi Speranza porta in vantaggio il Pescara con un collo piede sinistro che manda la palla alla destra del portiere Vicentino che rimane immobile.
Gol da cineteca. Al 19' 2T in contropiede Cammarata e Croce chiamano Sterchele all'intervento.
Al 23' 2t Sarri sostituisce Cammarata e butta dentro Matteini.
Al 24' 2T è la volta Gautieri che entra al posto di Jadid che esce con i postumi di un pestone al piede sinistro.
Il pescara ancora al 37' sostituisce Bonfiglio per Paolucci e la squadra passa al 4-3-3.
Le formazioni si equivalgono in campo e il Vicenza non riesce ad agguantare il pareggio.
Al 33’2T Cherubini si invola sulla fascia sinistra, supera Zoppetti e serve un pallone invitante a Fabbrini che al volo tenta la deviazione mancina, alzando troppo la mira.
Lo stesso attaccante all’43’2t prova l’iniziativa personale, ma viene atterrato al limite da Lorenzi.
La punizione che ne segue viene deviata in angolo dalla barriera.
Tre minuti di recupero e la partita finisce con la vittoria meritata di un Pescara compatto e lucido nel gioco.
 

Dopo la partita è arrivata purtroppo la triste notizia

relativa all'attaccante del Vicenza, Julio Gonzalez, che ha subito l'amputazione del braccio sinistro.

Il 22 dicembre il paraguaiano era rimasto coinvolto in un incidente d'auto lungo l'autostrada A4. Grazie ad una lunga operazione era stato possibile riattaccare l'arto a Gonzalez, ma a causa di una infezione si e' dovuti procedere all'amputazione. La conferma e' arrivata dal presidente Cassingena e dal tecnico Camolese. "Avremmo voluto dedicargli una vittoria", ha detto l'allenatore visibilmente provato.

 

ZANINI AL VICENZA, MATTEINI AL BRESCIA?

 

Nicola Zanini è un giocatore del Vicenza.
L'ex centrocampista dell'Ascoli arriva a titolo definitivo al club biancorosso, che è riuscito a battere la concorrenza del Pescara.
Davide Matteini, invece, potrebbe partire con destinazione Brescia.

Al suo posto dovrebbe arrivare Gasparetto.

Il passaggio di Zanini al Vicenza ha ristretto la rosa delle mezzepunte da ingaggiare. Restano buoni i nomi di Di Vicino, Guzman e Lodi.

Tra i possibili partenti ci sono Diliso, Minopoli, Triuzzi, Pomante e Carozza.
 

Aggiornamenti                  15.01.2006

 

Pubblicate le foto dell'incontro casalingo del Pescara con il Bologna e aggiunte nuove immagini nella pagina commemorativa dedicata a Marco mazza

 

PESCARA-BOLOGNA 0-0        14.01.2006

Prima del calcio d’inizio i giocatori del Pescara, scesi in campo con il lutto al braccio, rendono onore alla memoria di Marco Mazza,
uno dei capi storici della tifoseria biancazzurra prematuramente scomparso in settimana, depositando dei fiori sotto la curva nord.

Momento eccezionale di grande commozione.
 

Primo pareggio interno per il Pescara in questa stagione che non riesce a piegare il bologna. La gara che nel complesso si puo' definire noiosa si apre con una buona occasione per il Pescara con Cammarata sfiora la traversa dopo una girata a centro area al 14’.
Al 28’ il Bologna risponde con una punizione di Bellucci deviata in angolo da Avramov.
Ci provano ancora gli ospiti con una conclusione sul fondo di Zauli dal limite dell’area al 39’.

 

Nella ripresa il Pescara sfiora il bersaglio al 57’ con un gran tiro da fuori area di Tisci.
I rossoblu` rispondono al 66’ con un diagonale di poco a lato di Bellucci.
Al 90’ Pagliuca compie il miracolo volando a deviare in angolo una punizione di Speranza e consegnando un punto prezioso al Bologna.

 

Sarri a fine gara descrive il Bologna come una grande squadra con la quale il pareggio è sicuramente da considerare un buon risultato.

Per noi tifosi? il pareggio non è un buon risultato.

Il Pescara, soprattutto in casa, deve solo e sempre vincere.

 

 

Pescara - Bologna e Calciomercato    14.01.2006

 

Per onorare la scomparsa del "condottiero" il Pescara Calcio nella sfida di domani contro il Bologna scenderà in campo con il lutto al braccio.

Un riconoscimento da parte della squadra e dalla società a tutti i tifosi che Marco Mazza rappresentava.

Il Comune di Pescara, su iniziativa dell'Assessore allo sport Rudy D'Amico, propone l'intitolazione della curva nord a Marco Mazza. Dopo la delibera la curva Nord, si chiamerà curva "Mazza".

 

Il tecnico del Pescara Maurizio Sarri ha diramato l'elenco dei 21 convocati per la sfida di domani pomeriggio, con inizio alle ore 16:00.
Portieri: Avramov e Tardioli;
Difensori: Aquilanti, Diliso, Delli Carri, Gonnella, Lorenzi, Pesaresi, Pomante e Zoppetti;
Centrocampisti: Croce, Gautieri, Luisi, Minopoli, Speranza, Tognozzi, Vellucci e Vigna;
Attaccanti: Bonfiglio, Cammarata e Matteini.

A dirigere Pescara-Bologna sarà il fischietto messinese Roland Herberg e saranno circa 170 i tifoni del Bologna che giungeranno a Pescara per assistere all'incontro.

 

Capitolo mercato: è sempre Nicola Zanini a tenere banco per quello che riguarda i probabili arrivi. La risposta dell'esterno-trequartista potrebbe arrivare dopo la partita con il Vicenza (altra squadra interessata alle prestazioni del giocatore). Da segnalare che la Fiorentina avrebbe fatto un sondaggio per Avramov per ovviare al grave infortunio di Frey.
 

dal sito goal.com 13/01/2006            


Croce (Pescara): "Un gol per Marco Bubù"
L'esterno pescarese ha già bene in mente il destinatario della dedica-gol.

Pescara - Mentre tutta la città piange il supertifoso Marco Mazza detto "Bubù" (commovente la cerimonia funebre che ha avuto luogo anche allo stadio Adriatico), il Pescara sta continuando la marcia verso il prossimo impegno di campionato previsto per sabato contro il Bologna. A tal proposito Marco Croce, uno dei punti di forza della squadra abruzzese, si propone come protagonista del match.

"Mi piacerebbe dare un altro dispiacere ai rossoblù - ha detto al quotidiano Il Centro alludendo alla rete nel match di andata - Certo, sarà un'altra partita. Quella della prima di campionato vedeva un Pescara più dimesso, poco sicuro dei propri mezzi. D'altronde venivamo da un avvio difficile: pochi allenamenti e una squadra costruita in fretta.

Adesso invece, c'è un Pescara profondamente cambiato e con caratteristiche ben delineate. Però abbiamo ancora tanto da fare e di fronte poi, troviamo una delle squadre più forti del campionato. Se segno? Il gol lo dedico alla mia ragazza Giovanna e a mia nonna Anna, che mi sono state vicine durante l'infortunio, ma soprattutto a Marco, il nostro grande tifoso che non c'è più".

 

 

 

CIAO MARCO         11.01.2006

 

Al termine di una lunga malattia si è spento ieri "Il condottiero" Marco Mazza.

Solopescara.com si unisce al cordoglio dei parenti degli amici e di tutti i tifosi del Pescara.

Il funerale si terrà domani alle 15:30 presso la Chiesa "Santa Caterina" nella Marina Sud di Pescara.     >>>>>>   omaggio a Marco

 

 

Parliamo di calciomercato...    09.01.2006

 

Iaconi dichiara che la questione Zanini sarà risolta tra oggi e domani, Il fantasista sta valutando l'offerta del Pescara.
Restano intanto in forse Lodi, Guzman e Di Vicino che andrebbero forse a colmare il ruolo di mezzapunta al posto di ZANINI.
Su Gimenez rimane ancora un punto interrogativo.
Dopo le dichiarazioni d'amore al Napoli, rilasciate ad una radio partenopea, arriva la smentita di Matteini che definisce il Pescara la squadra giusta per il suo rilancio.
Nella smentita c'è naturalmente tutta la voglia di riconquistare il pubblico pescarese.
Viene da pensare pero' che ormai abbia la testa altrove e forse non solo quella.
Non bisogna meravigliarsi. Il calcio è questo! l'attaccamento alla maglia è solo uno sporadico virus che colpisce raramente i calciatori professionisti.
Sarà... ma ve lo ricordate Gaudenzi in curva nord?
Bei ricordi. Ora possiamo solo parlare di professionisti.

 

Torino-Pescara 1-1 07.01.2005    

Il Pescara pareggia al Delle Alpi contro un Torino in cerca punti per lanciarsi nella rincorsa alla vetta della classifica di b
Il Pescara affronta la partita forte di una posizione di centroclassifica che stride con il ripescaggio di quest’estate.
La partita inizia con una buona occasione al 4’ minuto sui piedi del neo acquisto granata Vryzas che subisce il recupero di Delli Carri.
Nelle fasi iniziali il Torino fatica a costruire mentre gli abruzzesi chiudono senza affanni ogni varco.
All’11’ tocca ancora a Delli Carri interrompere un pericoloso schema su punizione del Toro.
E' il Pescara al 18’ a sbloccare la partita, su punizione.
Jadid calcia rasoterra dal limite un pallone che supera la barriera e finisce in rete alla sinistra di un Taibi fermo e incredulo.

Dopo il gol il Torino disorientato stenta ad organizzare una reazione.
Il pareggio dei padroni di casa pero` arriva con Melara al 27’, sugli sviluppi di un calcio di punizione di Gallo.
Melara insacca in rete dopo un batti e ribatti in area superando Avramov sul primo palo.
Reagisce il Pescara con una bella azione personale di Cammarata al 42’ che parte da centrocampo e si conclude con un un tiro a lato.

Nel secondo tempo. I granata provano al 49’ con Gallo a passare in vantaggio ma il tiro va di poco alto sulla traversa.
Tre minuti dopo De Souza servito da Vryzas,è impreciso nella conclusione.
Poco dopo, dopo gli sviluppi di un calcio d'angolo e un batti e ribatti proprio Vryzas ad un metro dalla porta devia erratamente il pallone e mette fuori.
La partita dopo il pareggio del Torino è stata priva di spunti tecnici importanti per il Torino.
Il Pescara ha mostrato un ottimo primo tempo e un carattere, nel complesso, che lascia ben sperare.
il Pescara rimane nella sua tranquilla posizione di centroclassifica, a quota 30 punti, in compagnia del Crotone ma questo gruppo sembra essere destinato a ben altri lidi.

A fine gara Sarri si dice soddisfatto per la prestazione ma si rammarica per il risultato.
Secondo il tecnico il Pescara ha disputato un ottimo primo tempo per ritmo, ma poteva fare meglio in fase di rifinitra.
Il gruppo cresce e ci sta permettendo di ottenere ottimi risultati. Quattro punti con le prime in classifica.

Intanto sul fronte acquisti il Pescara Calcio ha comunicato ufficialmente l'aquisto del il difensore centrale Stefano Lorenzi.
Il giocatore che proviene dal Treviso classe 1977, ha trovato proprio ieri l`accordo con la dirigenza pescarese.
Lorenzi giunge in riva all`Adriatico con la formula del prestito con diritto di riscatto a favore dei biancazzuri.
Il suo esordio in serie A risale al 1 Novembre del 2000 nella partita Atalanta-Verona (3-0).
Lunedi` si sottoporra` alle consuete visite mediche e martedi` 10 gennaio sara` presentato alla stampa.

 

 

Aggiornamenti Calciomercato e ultime notizie 06.01.2006

 

A pochi giorni dall'incontro esterno con il Torino il Pescara in partenza per il Piemonte segna nella lavagna degli assenti Luisi e Triuzzi e c'è preoccupazione per le condizioni di Cammarata che lamenta qualche decimo di febbre.

Marco Pomante, invece, è rientrato in gruppo ed ha lavorato regolarmente e prenderà parte alla trasferta.

L'incontro con il Torino valido per la 22° giornata di andata del campionato di serie B si terrà alle ore 16.00 presso lo stadio "delle Alpi" e sarà diretto da Marco Gabriele della sezione di Frosinone.

Questi i convocati a Torino:

Portieri: Avramov e Tardioli;
Difensori: Diliso, Delli Carri, Gonnella, Aquilanti, Pesaresi, Pomante e Zoppetti;
Centrocampisti: Carozza, Croce, Jadid, Paolucci, Speranza, Tognozzi, Vellucci e Vigna;
Attaccanti: Bonfiglio, Cammarata e Matteini.
 

Intanto gli appassionati tifosi pescaresi si trovano

nel vortice di notizie del calciomercato.

Maurizio Sarri ha chiesto come rinforzi per questo mercato di Gennaio un terzino sinistro, un centrocampista centrale ed un fantasista.
Per accontentare il tecnico i dirigenti starebbero guardando soprattutto in casa Ascoli ed i prescelti potrebbero essere Tosto, Cordova o Cariello e Zanini. Probabile solo l'arrivo di Zanini.

 

Si dà ,invece, praticamente per fatto l'accordo tra Pescara e Treviso per l'ingaggio del difensore centrale Stefano Lorenzi. Il calciatore passerà al club biancazzuro in prestito, ma con la formula del diritto di riscatto della comproprietà.
Il Pescara prenderà la metà del Treviso e diventerà comproprietario insieme all'Atalanta.
 

Si parla, poi, di Matteini al Brescia e di Mirco Gasparetto a Pescara. L' operazione che porterebbe liquidità nelle casse della società di dante Paterna, sembra piu' una delle solite voci che una realtà.

 

Infine riportiamo da (fonte tuttomercatoweb.com)

quanto si dice sul possibile scambio Crotone-Pescara.


...Guzman in Abruzzo, Jadid in rossoblù
E' il parco attaccanti il reparto sul quale si sta concentrando maggiormente la dirigenza del Crotone.
La società calabrese, infatti, dopo la partenza di Nello Russo (destinazione Albinoleffe) è alla ricerca di rinforzi per la prima linea. Per il ruolo di prima punta resta valida (anche se tutt'altro che semplice) la pista che porta a Simone Cavalli (27) della Reggina.
Per il ruolo di seconda punta, invece, si starebbe intavolando una trattativa con il Pescara che vedrebbe il passaggio in riva all'Adriatico del paraguiano Tomas Andres Guzman (23) e il conseguente approdo in maglia pitagorica del fantasista marocchino Abderrazzak Jadid (22).

 

Al via il calciomercato 02.01.2006

 

E' partito il 02 gennaio il calciomercato invernale per la stagione in corso.

Tutti i contratti dovranno essere chiusi entro le 19 di martedì 31 gennaio 2006 e durante l'ultima settimana gli incontri si svolgeranno presso l'Atahotel Quark di Milano.

A Pescara intanto si inizia proprio a parlare di calciomercato e in particolare di Giorgio Di Vicino.

Di Vicino, napoletano 25enne, mezzapunta della Salernitana, sarebbe stato contattato tramite il suo procuratore dai dirigenti del Pescara.

Si aspetta poi la decisione sul terzino sinistro argentino (piu' utile di una mezzapunta) Gimenez, in prova da settimane al Pescara.

Altri nomi in circolazione sono Guzman dal Crotone, Zanini e Serafino.
Sono, intanto, ripresi gli allenamenti dopo la pausa nataliza. Migliora Luisi, Assente Triuzzi. Recuperato Pesaresi.

La partenza per Torino è prevista per il pomeriggio di giovedì.
 

Solopescara.com cresce!      

 

In prossimità dell'arrivo del 2006 Solopescara.com raggiunge e supera il traguardo delle 205000 visite in due anni e mezzo di vita e continua il lavoro con grande entusiasmo. 

Il portale Solopescara.com continua a raccogliere e a documentare la realtà pescarese mettendola a completa e gratuita disposizione di tutti.

Ampliate e incrementate le sezioni dedicate alle foto della città, le foto storiche e la parte riguardante i servizi con tutti i link utili per navigare all'interno della nostra "city".

La sezione dedicata al Pescara Calcio continua poi ad aggiornarsi e a crescere con la nuovissima e ricca sezione dedicata alle figurine panini dal 1971, le schede dei giocatori, le immagini dei tifosi nelle partite ufficiali, la raccolta di materiale di interesse calcistico dedicate al tifoso pescarese, i salvaschermo, i sfondi desktop e molto altro ancora, senza dimenticare le ultime notizie!

Naturalmente tutto questo materiale è stato raccolto e continua a esserlo grazie alle tante fonti/utenti/navigatori che nei tanti modi contribuiscono a questo portale.

SOLOPESCARA.COM ringrazia tutti o tutte le sue fonti invitando chiunque avesse materiale a contribuire alla nostra raccolta.

In cambio? soldi non ne vediamo neanche noi!

...orgoglio e soddisfazione. NU SEM NU.

 

 AUGURI DA SOLOPESCARA.COM

solopescara.com augura buone vacanze e uno splendido 2006 a tutti i pescaresi vicini e lontani!

A-U-G-U-R-I

 

Visualizzato: 7640 volte

ID: 115

Stampa questa Pagina

Torna alla Home Page

Indietro - Pagina Precedente



Contenuti Correlati

Knowledge Base - Chi Siamo [vedi]
Nell'ormai lontana estate del 2001 navigando qua e la nella grande rete, ci accorgemmo che erano poc
Knowledge Base - Ringraziamenti [vedi]
Solopescara.com ringrazia tutti quelli che in qualsiasi modo hanno contribuito e continuano a farlo
Knowledge Base - Note Legali - Condizioni Generali di Utilizzo del Portale [vedi]
Uso del sito - Norme Generali di Utilizzo Solopescara.com è un sito amatoriale, non può pertanto co
Nuova pagina 1

               


Powered by www.solopescara.com

SOLOPESCARA.COM NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA E NON E' IN ALCUN MODO COLLEGATO ALLA PESCARA CALCIO.
Loghi e marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta, tutto il resto è di www.solopescara.com
Contatti: info@solopescara.com, fabio@solopescara.com, max@solopescara.com 
E' assolutamente esclusa da questo sito, per le sue stesse finalità, qualsiasi forma di attività pubblicitaria diretta o indiretta.

Questo sito non offre alcun servizio commerciale e non effettua vendita di oggetti e/o prodotti direttamente o indirettamente. Il materiale esposto (biglietti, figurine, maglie etc etc) è a puro scopo illustrativo e non è in alcun modo in vendita!. Il loghi e i banner diversi da solopescara.com se presenti sono esclusivamente per scambio link e comunque senza alcun corrispettivo economico.

E' e rimane del tutto gratuita la lettura agli utenti ai soli fini culturali/cognitivi dell'intero contenuto del sito stesso, mentre è fatto espresso divieto di riproduzione per fini commerciali.

Prima di consultare il sito e utilizzare servizi è fatto obbligo a tutti di leggere le note legali e le condizioni di utilizzo di solopescara.com Questo portale è on line dal settembre 2001 - NU SEM NU E QUAND PASSEM NU LA GEND DIC:<< ESSE QUISS LI PISCARIS>>