SOLOPESCARA.COM FA USO DI COOKIE TECNICI PER GARANTIRE UN MIGLIORE USO DEL SITO.

Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy estesa

 

le previsioni del tempo per i prossimi 4 giorni inserisce solopescara.com come pagina iniziale aggiungi solopescara.com ai preferiti email info@solopescara.com    -

Solopescara.com - Campionato Calcio

 

 

Dettagli Ricorrenza - Archivio Dati Solopescara.com


Ricorrenza del: 08/11/2014

.

2014: MANIERO SALVA BARONI

 

L'8 novembre 2014 il Pescara di Baroni vince 3 a 1 a Brescia ribaltando il risultato.

Il grande escluso salva Baroni. Due gol, il secondo da bomber vero, la corsa verso l’allenatore e l’abbraccio per fargli capire: “Io ci sono e sono dalla tua parte”. Riccardo Maniero ridà il sorriso al Pescara e a Marco Baroni che, vincendo a Brescia, dopo tre sconfitte e un pareggio, salva la panchina. L’attaccante biancazzurro è entrato nella ripresa e ha cambiato il volto alla partita. Fuori a sorpresa dalle scelte iniziali, il numero 19 con una doppietta ha steso il Brescia consegnando al Pescara una vittoria pesantissima. Lui e Melchiorri i migliori, con l’ex Padova che ha riacciuffato la partita con la rete del pareggio, conquistandosi anche il rigore, trasformato poi da Maniero, che ha permesso ai biancazzurri di rimettere il naso avanti. Baroni, dunque, con il rotondo 3-1, salva la panchina e scaccia via i fantasmi di Nicola e Calori, quest’ultimo ieri presente sugli spalti dello stadio Rigamonti.
Una gara dai due volti. Primo tempo imbarazzante, mentre nella ripresa si è visto, almeno per 35’, un Pescara coraggioso e gagliardo, che ha approfittato della stanchezza del Brescia punendolo al primo errore. Certo, non è una rondine che fa primavera, visto che sul piano della manovra il Delfino ha ancora tanto da lavorare, ma almeno arriva una boccata d’ossigeno importantissima calcolando la classifica e le pressioni.
Baroni cambia di nuovo formazione (la tredicesima) e anche modulo, ma stavolta sorprende tutti. Il tecnico fiorentino non adotta il 4-3-1-2 ma l’inedito 4-4-2, con Pasquato e Melchiorri in avanti. Maniero è il grande escluso. Il Pescara parte forte e, dopo tre minuti, sfiora il gol con Zuparic, che per un soffio non corregge a rete un calcio di punizione battuto da Pasquato. Attento anche in difesa dove cerca di chiudere tutti gli spazi.
Il tutto però dura una decina di minuti. Arriva il gol del Brescia con Benali, tenuto in gioco da un distratto Grillo, e comincia l’incubo biancazzurro. La squadra di Baroni perde coraggio e quelle poche certezze. L’anarchia tattica comincia a venir fuori, i due attaccanti sono soli e non c’è gioco. La difesa fa una fatica immane ogni qual volta il Brescia pigia il piede sull’acceleratore.
Il Pescara punta tutto sulle giocate individuali di Pasquato e Melchiorri, con quest’ultimo che sfiora il gol in un paio di occasioni. Sembra tutto perduto e il futuro di Baroni segnato. Sembra, ma non è.
Nell’intervallo, dentro Maniero al posto di un discreto Pasquato e soprattutto fuori il mediocre Bjarnason, avulso dal gioco. Entra Politano e si torna al 4-3-3- Il Pescara prende coraggio e comincia pian piano a studiare l’avversario che, con superficialità, gestisce il vantaggio. Ci pensa Melchiorri a far saltare i piani di Ivo Iaconi, che contro i biancazzurri in carriera non aveva mai perso. L’attaccante marchigiano sfrutta al meglio un cross di Grillo e trafigge Minelli, al 32’, confermando il buon feeling con l’erba del Rigamonti visto che anche nella passata stagione con il Padova aveva punito le Rondinelle.
Passano 7’ ed è lo stesso Melchiorri che di mestiere conquista un calcio di rigore. Sul dischetto va Maniero, che segna e va ad abbracciare l’allenatore. Il grande escluso, però, non si ferma qui e in pieno recupero realizza il terzo gol con un coraggioso “cucchiaio”. Baroni tira un sospiro di sollievo, che diventa ancor più profondo quando sente il fischio finale di Pezzutto. La sua panchina è salva. Domenica all’Adriatico arriva la capolista Frosinone. Esame terribile da superare, calcolando le assenze dei giocatori che andranno in nazionali.


 



Ricorrenza visualizzata: 263 volte  - Stampa - Visualizza pagina Ricorrenze

Torna alla Home Page

 



Powered by www.solopescara.com

SOLOPESCARA.COM NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA E NON E' IN ALCUN MODO COLLEGATO ALLA PESCARA CALCIO.
Loghi e marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta, tutto il resto è di www.solopescara.com
Contatti: info@solopescara.com, fabio@solopescara.com, max@solopescara.com 
E' assolutamente esclusa da questo sito, per le sue stesse finalità, qualsiasi forma di attività pubblicitaria diretta o indiretta.

Questo sito non offre alcun servizio commerciale e non effettua vendita di oggetti e/o prodotti direttamente o indirettamente. Il materiale esposto (biglietti, figurine, maglie etc etc) è a puro scopo illustrativo e non è in alcun modo in vendita!. Il loghi e i banner diversi da solopescara.com se presenti sono esclusivamente per scambio link e comunque senza alcun corrispettivo economico.

E' e rimane del tutto gratuita la lettura agli utenti ai soli fini culturali/cognitivi dell'intero contenuto del sito stesso, mentre è fatto espresso divieto di riproduzione per fini commerciali.

Prima di consultare il sito e utilizzare servizi è fatto obbligo a tutti di leggere le note legali e le condizioni di utilizzo di solopescara.com Questo portale è on line dal settembre 2001 - NU SEM NU E QUAND PASSEM NU LA GEND DIC:<< ESSE QUISS LI PISCARIS>>